Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Citazione spirituale

Citazione di spiritualità del giorno

Della grandezza di chi viene a mancare, spesso non possiamo far altro che accorgercene in corso d'opera. Anche grazie alle mancanze degli altri che rimangono vicino a noi [...] è una reale occasione di legame con i nostri morti ma che non può diventare una colpa per chi rimane che ha già la sua bella battaglia quotidiana.

Arianna Prevedello

Ricevila anche tu

Inserisci qui sotto la tua mail per ricevere ogni giorno una citazione di spiritualità:


Hai un sito o un blog? Vuoi far vedere ogni giorno ai tuoi utenti una frase di spiritualità diversa dando loro motivo di tornare quotidianamente a farti visita? Scopri come! CLICCA QUI.

O preferisci fare vedere loro ogni giorno una frase diversa presa dagli ultimi discorsi ed omelie di Papa Francesco? Un servizio super aggiornato, unico in tutta le rete! CLICCA QUI.

Frasi di Papa Francesco


Citazioni di Papa Benedetto XVI


lunedì 17 aprile 2017

(sant'Elia beato Arcangelo di Gubbio)


L'uomo non viene dal caso, non è il risultato di una pura lotta per l'esistenza che farebbe trionfare ciò che è adatto allo scopo, ciò che riesce a imporsi: l'essere umano è frutto dell'amore creativo dell'Onnipotente.

-  Benedetto XVI -



sabato 15 aprile 2017

(san Telmo)


Il Crocifisso non ha tolto dal mondo la sofferenza, ma con la sua croce ha trasformato gli uomini, ha rivolto il loro cuore verso i fratelli e le sorelle che soffrono e così li ha rinvigoriti e purificati. E' da lui che deriva quel "rispetto per chi sta più in basso di noi" che manca nei popoli pagani e che si estingue quando viene meno la fede nel Risorto.

-  Benedetto XVI -



giovedì 13 aprile 2017

(san Martino I)


Lo sguardo al passato non permette predizioni del futuro, ma limita l'illusione di ciò che si presenta come completamente unico e mostra come anche nei tempi addietro ci sia stato qualcosa che non è uguale, ma che può essere paragonato a qualcosa di precedente.

-  Benedetto XVI -



venerdì 31 marzo 2017

(san Stephen, sant'Amos)


La forza morale non è cresciuta assieme allo sviluppo della scienza, anzi, piuttosto è diminuita, perché la mentalità tecnica confina la morale nell'ambito soggettivo, mentre noi abbiamo bisogno proprio di una morale pubblica, una morale che sappia rispondere alle minacce che gravano sull'esistenza di tutti noi.

-  Benedetto XVI -



sabato 25 marzo 2017

(Annunciazione del Signore)


Se un qualche uso indebito della religione nella storia è incontestabile, non è tuttavia vero che il "no" a Dio ristabilirebbe la pace. Se la luce di Dio si spegne, si spegne anche la dignità divina dell'uomo.

-  Benedetto XVI -



venerdì 24 marzo 2017

(santa Caterina di Svezia)


Il cammino della Via Crucis, è un invito per tutti noi, e specialmente per le famiglie, a contemplare Cristo crocifisso per avere la forza di andare oltre le difficoltà.

-  Benedetto XVI -



lunedì 20 marzo 2017

(sant'Alessandra di Amiso, santa Claudia e compagne (martiri))


Ogni bambino che nasce ci reca il sorriso di Dio e ci invita a riconoscere che la vita è dono suo, dono da accogliere con amore e da custodire con cura, sempre e in ogni momento.

-  Benedetto XVI -



sabato 10 dicembre 2016

(Beata Vergine Maria di Loreto)


L'unione con Dio non allontana dal mondo, ma ci dà la forza di rimanere realmente nel mondo, di fare quanto si deve fare nel mondo.

-  Benedetto XVI dall'Udienza Generale di mercoledì 13 giugno2012 -



martedì 14 aprile 2015

(santa Liduina, san Raoul)


Tacendo si permette all'altra persona di parlare, di esprimere se stessa, e a noi di non rimanere legati, senza opportuno confronto, soltanto alle nostre parole o alle nostre idee.

-  Benedetto XVI 8 digiuni per vivere meglio...e salvare il pianeta -



martedì 19 febbraio 2013

(san Corrado Confalonieri)


L’amore, l’amicizia di Dio, ci è stata data perché arrivi anche agli altri. E dobbiamo portare un frutto che rimanga. Tutti gli uomini vogliono lasciare una traccia che rimanga. Ma che cosa rimane? Il denaro no. Anche gli edifici non rimangono; i libri nemmeno.
L’unica cosa, che rimane in eterno, è l’anima umana, l’uomo creato da Dio per l’eternità. Il frutto che rimane è perciò quanto abbiamo seminato nelle anime umane – l’amore, la conoscenza; il gesto capace di toccare il cuore; la parola che apre l’anima alla gioia del Signore. Allora andiamo e preghiamo il Signore, perché ci aiuti a portare frutto, un frutto che rimane. Solo così la terra viene cambiata da valle di lacrime in giardino di Dio”.

- Papa Benedetto XVI -