E-book - LibreriadelSanto.ithttps://www.libreriadelsanto.it/it-itArchivum Franciscanum HistoricumINDEX

Franciscani et natura: historicae disquisitiones

Bernard Forthomme. – Perspectives franciscaines sur notre environnement

et notre partenaire naturel

aleksander horowski, oFmCap. – Francesco novello adamo e la creazione

nella predicazione francescana del duecento e dell’inizio del

trecento

laure solignaC. – nature et technique selon Bonaventure et roger Bacon

lorenzo CaPPelletti. – dalla “Pietas per le creature” alla “Predica agli

uccelli”. le rappresentazioni della “Predica agli uccelli” nella Basilica

di s. Francesco ad assisi

luCiano Bertazzo, oFmConv. – tra scientia e mirabilia. relazioni di

viaggio francescane tra Xiii e XiV secolo

marzia CesChia, Fdt. – il codice del creato. un’esegesi dell’esperienza

spirituale in alcune mistiche francescane

manuel lázaro Pulido. – el pensamiento franciscano ibérico-castellano

entre la edad media y la edad moderna: variaciones sobre el tema de

la naturaleza .

saVerio CamPanini. – experimental science and kabbalah in the works of

Francesco giorgio (1466-1540)

asunCión laVrin. – Franciscan missionaries as witnesses of nature in Colonial

mexico

Benedikt mertens, oFm - mauro PaPalini. – la spezieria francescana.

notizie storiche (sec. XVi-XViii) .

Pierre moraCChini. – « Ces horreurs changées en délices ». le sainteynard

vu par le récollet archange de Clairmont

antonio CiCeri. – agostino mandirola e il Manuale di (de’) Giardinieri o

Giardino de’ fiori

Benedikt mertens, oFm. – lerchen am Barockhimmel. Fortunat huebers

Ornithologia moralis (1678)

martin elBel. – the great Comet of 1680. amandus hermann between

theory and experience

Jordan kellman. – a recollect among the dakota sioux: louis hennepin

and the Plains Bison

FaBienne henryot. – Pierre Étienne et le Bonheur rural (1788) : la nature

au coeur de la sécularisation de l’Écriture chez les frères mineurs français

au XViiie siècle

simone BorChi. – i Francescani a la Verna ospiti e affittuari del bosco

(1810-1814 e 1866-1934): dalla prassi alla regolamentazione

Miscellanea

alessandra Bartolomei romagnoli. – il libro di agnese Blannbekin.

mistica e profezia nella Vienna di fine duecento . . . . . . . . . . . . . . . .

Summaria

Recensiones

messa, Pietro [oFm]. – Breviarium Sancti Francisci. un manoscritto tra

liturgia e santità. – (william J. short)

Pirone, Bartolomeo. – al-malik al-kmil e i cristiani d’egitto. – (Jason

welle)

riCCi, adelaide – Apparuit effigies. dentro il racconto delle stigmate. –

(solanus Benfatti)

dalarun, JaCques. – Corpus franciscanum. François d’assise, corps et

textes. – (Bernardo molina)

sChumaCher, lydia - ByChkoV, oleg (eds. and transl.). – a reader in early

Franciscan theology. the Summa Halensis. – (riccardo saccenti)

iohannis de ruPella [omin.] quaestiones disputatae de legibus. – (Claus

a. andersen)

BoBillier, stèVe - thornton, ryan [oFm] (eds.). – Peter of John olivi:

Construction of the human Person. anthropology, ethics, and society.

– (Peter nickl)

Piron, sylVain. – Pietro di giovanni olivi e i francescani spirituali. –

(Paolo Vian)

raimundi lulli opera latina 64, ars ad faciendum et solvendum quaestiones.

– (rafael ramis Barceló)

Pellegrini, letizia. – Bernardo aquilano e la sua Cronaca dell’Osservanza

con nuova edizione e traduzione a fronte. – (antal molnár)

augustin Von alVeldt, oFm. – erklärung und Verteidigung der klarissen-

regel Papst urbans iV. – (alexander sembdner)

Cohen, thomas m. - harrison, Jay t. - reX galindo, daVid (eds.). – the

Franciscans in Colonial mexico. – (Éric roulet)

griPPaudo, ilaria. – musica e devozione nella «Città felicissima». ordini

religiosi e pratiche sonore a Palermo tra Cinque e seicento. – (maria

Paola Borsetta)

moCCiaro, Pietro. – Francesco d’assisi nel settecento riformatore. l’indagine

storico-critica dei gesuiti Bollandisti negli Acta Sanctorum

(1768). – (mícheál mac Craith)

Notae bibliographicae

libri ad nos missi ..

index alphabeticus

tabula materiarum.

index auctorum anni 2022

 

 

EDITORIAL NOTE

Earlier this year, we lost Fr. Carlo Paolazzi,

oFM (1938-2022), to Sister Death. He was a

member of the Frati Editori di Quaracchi from 1999

to 2008 and an eminent scholar of Dante alighieri

and of the writings of Francis of assisi. To his

memory, we dedicate this themed aFH volume on

“Franciscans and Nature – Historical investiga -

tions”. in a 2019 lectio magistralis at the Pontifical

University antonianum on Francis’s Canticle of

Brother Sun, the late Fr. Carlo wrote:

Uno dei tratti piu caratteristici della spiritualita evangelica di Francesco

consiste nella rinuncia radicale al possesso delle cose materiali, ma questo

non gli ha impedito di contemplare con occhio stupito tutte le creature,

riscoperte e amate all’interno del disegno provvidente del santissimo

Padre nostro […]. infatti non c’e dubbio che le espressioni frate Sole,

sora luna e frate Vento possono nascere solo da un sentimento

vivissimo della paternita divina, che in forme diverse ha fatto buone, simili

a se e sorelle tra loro tutte le cose.1

This theological intuition of a fraternal interconnectedness of all

creatures and its practical consequences for a respectful human

cohabitation with whatever sora nostra matre Terra (Canticle 20)

produces and hosts did not really develop into an identity marker of

Franciscan thought and Franciscan communities throughout later

centuries. However, to lament this fact would mean to anachronistically

apply current ecological concerns to past times very different from ours.

The theological and intellectual climate at large has not always been

receptive to an engaging view on nature. For example, Friar Candide

Chalippe, in his 1728 Life of St Francis, deplores that heretics and critics

of his time ridiculed the vision of the fraternisation of all creatures and

of a tender-hearted approach to animals, as it springs from Francis’s

biography and Bonaventure’s theological interpretation. For his part, he apologetically claims that Francis’s stance and the resulting teachings for

his followers were not merely sentimental but in line with what can be

read in Scripture and in the lives of the saints.2

The topic of Francis’s close relationship with the natural

environment will resurface strongly only in the Romantic literature of

the 19th century and is echoed today in his being saintly patron of

ecologists (1979) and a driving force behind Pope Francis’s encyclic

Laudato sì (2015).3 The current volume of aFH humbly attempts to help

fill the gap between Francis and today’s theological and pastoralpractical

contribution to a widening ecological awareness. indeed, we

would like to address many questions to the brothers and sisters of the

Franciscan family between the 13th and 19th centuries: How did they

perceive and interpret nature, and how did they actively shape it? Did

they show concern for natural resources? How did they relate to animals?

Did Francis’s ‘passion for Creation’ also shape the image that later

centuries had of him? The seventeen studies in this volume do not

precisely answer these questions, and, as i said, it would be anachronistic

to expect such answers. Nevertheless, the case studies reveal a wide

variety of historical approaches to nature to be found among Franciscans,

brothers and sisters: philosophical, theological, scientific, experiential,

homiletic, mystical, symbolic, aesthetic, utilitarian, and protective.

it is our wish that these essays may trigger more studies on the

historical (Franciscan) echoes of our current understanding of nature and

our ecological concern.

FR. BENEDikT MERTENS, oFM

General Editor AFH

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026539/archivum-franciscanum-historicum.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026539/archivum-franciscanum-historicum.htmlTue, 17 Jan 2023 16:54:53 +0100
Asprenas n. 3/2022PRESENTAZIONE

1. Accogliendo la sfida della interdisciplinarità e della transdisciplinarità

(cf. Veritatis gaudium 4), il fascicolo monografico del 2022 è dedicato

da Asprenas ai temi della creazione, della persona e dell’intelligenza

artificiale, non solo a motivo della loro attualità, ma anche in ragione della

singolare opportunità che essi offrono di mostrare la fecondità e la

complessità del rapporto tra scienza, filosofia e teologia. L’incontro tra

saperi diversi è un’istanza assolutamente prioritaria in un tempo nel quale

appare quanto mai forte il rischio della frammentazione delle scienze.

Tale istanza risulta ancor più urgente quando si ha a che fare con questioni

che toccano direttamente, e con sempre maggiori aspettative, le

possibilità di intervento umano sulla natura in generale e sull’uomo in

particolare.

Come papa Francesco diceva ai partecipanti alla Plenaria del Pontificio

Consiglio della Cultura il 18 novembre 2017, ricordando Paolo VI,

«rimane sempre valido il principio che non tutto ciò che è tecnicamente

possibile o fattibile è perciò stesso eticamente accettabile. La scienza, come

qualsiasi altra attività umana, sa di avere dei limiti da rispettare per

il bene dell’umanità stessa, e necessita di un senso di responsabilità etica.

La vera misura del progresso è quello che mira al bene di ogni uomo

e di tutto l’uomo [cf. Populorum progressio 14]». E così, la ripresa

di un dialogo tra scienziati, filosofi e teologi – dopo secoli di diffidenza,

di indifferenza o, perfino, di dichiarata ostilità – sembra quanto mai

indispensabile sulla base della comune attenzione alla costruzione dell’umano

e di un mondo più umano, oltre che nella condivisa ricerca del

bene comune, per quanto, anche in questo senso, la strada da percorrere

risulti ancora lunga, data la difficoltà di individuare paradigmi antropologici

ed etici che siano ritenuti validi dai diversi attori del dialogo.

2. Posto che la scienza e la tecnologia hanno consentito di allargare

i confini della conoscenza che l’uomo ha della natura – e questo è senza

dubbio un dato al quale guardare in maniera positiva e grata –, occorre

chiedersi se esse siano di per sé chiamate a permettere all’uomo

un costante superamento dei limiti che gli sono imposti dalla natura oppure

se sia l’uomo a dover stabilire i limiti entro i quali esse devono

muoversi e, nel caso in cui a essere accolta sia la seconda ipotesi, in cosa

tali limiti consistano. E diversi sono ancora gli interrogativi da porsi:

cosa significa “persona”? Cosa si intende per promozione umana? Che

cosa rende il bene veramente “comune”? Evidentemente le risposte a

tali domande sono molteplici e tutt’altro che univoche: eppure la complessità

del confronto non può in alcun modo costituire, soprattutto per

il credente, un alibi per sottrarsi alla fatica del dialogo.

Entro questo quadro generale, si colloca il presente volume, che raccoglie

sei contributi di tenore molto diverso tra loro e che vanno dalla

scienza alla teologia, dalla filosofia all’etica e al diritto: esso risulta idealmente

strutturato in due parti, delle quali la prima è incentrata su questioni

relative prevalentemente alla cosmologia, mentre la seconda è dedicata

alle questioni del potenziamento umano e dell’intelligenza artificiale.

Ciascuna delle due parti si apre con un contributo di carattere generale

e introduttivo, che intende aiutare il lettore, anche quello meno

esperto, a entrare nel vivo delle questioni dibattute (quelle di ordine cosmologico

e quelle relative all’intelligenza artificiale, appunto), cercando

di coglierne i nodi essenziali all’interno del dibattito tra scienza, filosofia

e teologia.

3. Il contributo di EDOARDO CIBELLI funge da introduzione generale

al volume: l’autore individua nella creazione/evoluzione, nelle neuroscienze

e nel potenziamento umano alcuni dei temi di maggiore attualità

nel dialogo tra saperi e riconosce nella Teologia fondamentale la

branca del sapere teologico che, prima e più di ogni altra, è in grado di

dialogare con le scienze umane e naturali, in ragione del suo ruolo di

fondamento e di frontiera.

Accogliendo la sfida del dialogo tra saperi, IVO COELHO si propone

di mostrare che creazione ed evoluzione non si escludono a vicenda

– come peraltro anche il magistero più recente ha più volte ricordato –,

nella misura in cui la prima si propone come risposta alla domanda sull’origine

di tutto ciò che è, mentre la seconda va intesa soprattutto come un’ipotesi

attraverso la quale tentare una spiegazione dell’intelligibilità

immanente all’universo, il cui sviluppo può essere colto, secondo quanto

suggerito da Bernard Lonergan, come una successione di realizzazioni

probabili di possibilità.

Sulla creazione si sofferma anche ROBERTO GALLINARO, il quale, nel

suo ampio studio si propone di verificare la “tenuta” di alcune acquisizioni

della metafisica classica (particolarmente di quella tomista) di

fronte alla variabilità che caratterizza le più recenti teorie astrofisiche.

4. Il contributo di LUCIO ROMANO segna il passaggio alla seconda

parte del volume, offrendo alcune chiarificazioni sull’intelligenza artificiale

e sulle possibili definizioni che di essa vengono proposte: le diverse

questioni che l’intelligenza artificiale pone alla riflessione etica e al

modo di intendere l’umano – ivi incluse le questioni riguardanti le tecnologie

digitali – richiedono che dignità della persona, giustizia, sussidiarietà

e solidarietà non vengano smarrite come paradigmi di riferimento

mediante i quali le tecnologie possono mettersi realmente al servizio

di ogni persona nella sua integralità.

Il rapporto tra intelligenza artificiale e intelligenza è ancora al centro

del saggio di CLOE TADDEI FERRETTI, il quale, ponendosi in continuità

con il precedente, affronta la questione dal punto di vista filosofico,

a partire da una chiarificazione dei termini in esame e insistendo –

grazie anche al richiamo agli studi di Lonergan – sulla capacità di autotrascendimento

propria dell’uomo.

Chiude la rassegna ANTONIO FODERARO, il quale si occupa delle implicazioni

etico-giuridiche delle nuove tecnologie, particolarmente di

quelle legate alla robotica e all’intelligenza artificiale, collocandole all’interno

della più ampia questione del rapporto tra l’uomo e la tecnica,

alla quale Martin Heidegger ha dedicato pagine che, per la profondità

delle intuizioni, risultano ancora profondamente efficaci.

Ci auguriamo che il presente fascicolo, denso e complesso – soprattutto

per i non addetti ai lavori –, possa risultare per i nostri lettori

un utile contributo a quella riflessione sull’uomo che, nella sua perenne

attualità, si trova oggi ad affrontare nuove sfide, che mettono a rischio

l’integrità e la dignità della persona umana.

GIANPIERO TAVOLARO

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026522/asprenas-n-32022.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026522/asprenas-n-32022.htmlTue, 17 Jan 2023 16:15:46 +0100
Studia Patavina 2022/3INDICE

Editoriale 

Historical processes and synodal paths. Processi storici e cammini sinodali 

Stefano Didonè

FOCUS Le fonti del pensiero di papa Francesco e la sua pedagogia implicita 

Introduzione – “Armonizzare gli opposti”. Fonti e prospettive pedagogiche del pensiero di papa Francesco 

Andrea Pozzobon 

Alle fonti del pensiero di papa Francesco. L’influenza di Gaston Fessard e di Romano Guardini 

Massimo Borghesi 

«Uno spazio per farti incontrare la verità». Il “pensiero aperto” di Guardini e Francesco 

Elena Piatto-Laura Vedelago 

L’impronta ignaziana in papa Francesco 

Giuseppe Riggio 

Intorno al “pensiero pedagogico” di papa Francesco 

Loris Benvenuti-Andrea Conficoni 

Agorà 

L’identità sessuale fra etica del gender e politica del simbolico 

Susy Zanardo 

L’identità di genere dal punto di vista della psicologia dello sviluppo 

Giancarlo Pavan 

Ricerche 

La fede cristiana e l’istituzione ecclesiale alla prova delle famiglie - parte 1 

Paolo Carrara-Francesco Pesce 

Temi e discussioni 

Vita da seminaristi 

Paola Bignardi

Notiziario 

Vita della Facoltà (a.a. 2021-2022) 

Paola Zampieri 

Recensioni 

Martin A., Sinodalità. Il fondamento biblico del camminare insieme (S. Didonè) 

Brancozzi E., Rifare i preti. Come ripensare i seminari (G. Pivato) 

Caputo J.D., La follia di Dio. Una teologia dell’incondizionale (G. Zambon) 

Albini C., Responsabili dell’umano. Antropologia inclusiva in chiave etico-politica (F. De Carolis) 

Vogt M., Christliche Umweltethik. Grundlagenund zentrale Herausforderungen (M. Krienke) 

Trentin G., Il principio Gesú. Nuove prospettive dai colloqui con Wilhelm Klein (G. Zambon) 

Autiero A.-Perroni M. (curr.), Maschilità in questione. Sguardi sulla figura di san Giuseppe (M. Ceschia) 

Rupertus Tuitiensis, Anulus seu Dialogus de Sacramentis Fidei (R. Battocchio) 

Riparelli E., Memoria, creazione, dialogo. Percorsi dell’arte ebraica (G. Zambon) 

Ciola N., Al centro il sacerdozio di Cristo. La spiritualità della venerabile Maria Bordoni e i suoi riflessi nella teologia di Marcello Bordoni (V. Battaglia) 

 

Segnalazioni 

1. FILOSOFIA 

583 Maglio G., Libertà e giustizia nel pensiero di Tommaso d’Aquino. Un modello di umanesimo cristiano (F. Magro) 

2. STORIA DEL CRISTIANESIMO 

2.1 Biblico 

584 Wénin A. (éd.), La contribution du discours à la caractérisation des personnages bibli­ques (C. Broccardo) 

3. TEOLOGIA 

586 Ferrario F.-Vogel L., Rileggere la Riforma. Studi sulla teologia di Lutero (G. Osto) 

Ibáñez Á.G., Conversione e riconciliazione. Trattato storico-teologico sulla penitenza post-battesimale (L. Della Pietra) 

Bianchi L.-Di Muro R. (curr.), In dialogo. Metodo scientifico e stile di vita (A. Ramina) 

Di Muro R., Temi di vita spirituale. Dinamiche e componenti della santità (A. Ramina) 

Ruggeri G., Prete in clergyphone. Discernimento e formazione sacerdotale nelle rela­zioni digitali (L. Voltolin) 

Libri ricevuti 

Indice generale

 

EDITORIALE 

Historical processes and synodal paths 

Processi storici e cammini sinodali«Il cammino della sinodalità è il cammino che Dio si aspetta dalla chiesa del terzo millennio»1. Non è una novità che l’orizzonte nel quale si muove la chiesa sia molto ampio e superi le contingenze storiche. L’impegno pro­grammatico proposto da papa Francesco alle conferenze episcopali di tutto il mondo traccia una direzione chiara per il futuro. Si tratta, come viene spesso ripetuto, di avviare processi, prima che vedere nell’immediato dei cambiamenti concreti. Tuttavia, lo scarto tra questa prospettiva processuale cosí ampia e l’attuale congiuntura storica può dare origine a fenomeni pa­radossali. Osservando l’attuale situazione europea nel suo insieme emerge – non senza una certa evidenza – un elemento su cui riflettere: mentre è ritornata l’esperienza della guerra nel suolo europeo e si affermano le forze cosiddette sovraniste, le chiese storiche sono chiamate a una svolta mis­sionaria del cammino sinodale, come prospetta il documento preparatorio della terza tappa, quella continentale (Allarga lo spazio della tua tenda) che dedica un lungo capitolo alla missionarietà, al rapporto con il territorio e si fa riferimento ai conflitti e alle guerre. La terza guerra mondiale «com­battuta a pezzi» si allarga pericolosamente, ma questo non sembra mettere in subbuglio gli ordini del giorno dei vari cammini sinodali delle chiese storiche, talvolta persino in affanno nel gestire le ripercussioni interne degli “inciampi” lungo il percorso.La terza guerra mondiale «combattuta a pezzi»si allarga pericolosamente, ma questo non sembra metterein subbuglio gli ordini del giorno dei vari cammini sinodalidelle chiese storiche, talvolta persino in affanno nel gestirele ripercussioni interne degli “inciampi” lungo il percorso.

L’osservazione forse non coglie di sorpresa lo storico, che guarda con un certo distacco alle vicende bimillenarie del cristianesimo, ma appare degna di una certa attenzione nel momento in cui i processi sinodali cessano di essere espressione di una certa autoreferenzialità ecclesiale e si incrociano con i cambiamenti di equilibri che coinvolgono la concretezza della vita di ampia parte della popolazione mondiale. Cambiamenti storici che sono espressione della libertà degli uomini e della stessa creazione, quella casa comune il cui equilibrio viene continuamente messo alla prova dalle attività dell’uomo (civili e militari). Ed è evidente a tutti che gli effetti del cambia­mento climatico pesano sui paesi piú poveri e meno sviluppati del mondo.Processi sinodali e comunione gerarchica: un paradosso?Un esempio concreto dei possibili “inciampi” del camminare insieme arriva – ancora una volta – dalla Germania. I recenti sviluppi del cammino sinodale della chiesa tedesca (Der Synodale Weg), che ha visto l’inizio della IV Assemblea generale colorarsi di delusione dopo la mancata approvazione del testo base del quarto Forum “Vivere in rapporti riusciti – Vivere l’a­more nella sessualità e nella coppia”, pongono diverse questioni. La prima riguarda gli equilibri istituzionali che reggono il cammino sinodale stesso, in cui il voto dei vescovi ha un’importanza determinante. Una certa reto­rica che enfatizza la sinodalità in astratto viene di fatto smentita dall’eserci­zio concreto dei processi sinodali, che non possono essere, per loro natura, né esclusivamente democratici (con una maggioranza che si impone sulla minoranza a colpi di votazioni), né esclusivamente in termini autocratici e autoreferenziali. Questo è un nodo strategico, come ben evidenzia il docu­mento della Commissione teologica internazionale sulla sinodalità al n. 69: «Un sinodo, un’assemblea, un consiglio non può prendere decisioni senza i legittimi pastori. Il processo sinodale deve realizzarsi in seno a una comunità [...]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026515/studia-patavina-20223.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026515/studia-patavina-20223.htmlFri, 13 Jan 2023 16:49:58 +0100
Concilium - 2022/5Indice

Carlos Schickendantz – Gusztáv Kovács

Stan Chu Ilo, Editoriale .     .     .     .     .     .     .     . _13

Abstracts . . . . . . . . . . . . 25

I. Ospitalità e amicizia 31

1. Fondamenti filosofici e teologici

1.1 William O’Neill, Ospitalità ed ermeneutica

dei diritti dei rifugiati .     .     .     .     .     .     .     .     . _33

I/ Retoriche rivali

II/ Un approccio ermeneutico

III/ Il plusvalore del significato religioso

1.2 Claudio Monge, Ospitare Dio.

La concettualizzazione dell’incontro

divino-umano nelle narrazioni religiose . . . . 47

I/ Un Dio che si rivela creando uno spazio ospitale

II/ Alterità come appello alla responsabilità

III/ Ospitalità e tradizione ebraica

IV/ Ospitalità e tradizione islamica

V/ Ospitalità e tradizione neotestamentaria

VI/ Ospitalità: l’altro come porta sul divino

1.3 D aniel Innerarity, In difesa della compassione .     . _58

I/ La compassione proibita

II/ La dignità del palliativo

[777

1.4 M ichelle A. Gonzalez, Sei mio amico?

Amicizia interculturale ed éthos della differenza .     . _68

I/ L’amicizia oggi

II/ Spunti di riflessione dalla formazione gesuitica

III/ Antropologia teologica

IV/ L’amicizia nell’istruzione universitaria

V/ Osservazioni conclusive

2. Prassi di ospitalità e amicizia

2.1 L uiz Carlos Susin, Una Chiesa aperta a tutti.

L’ospitalità come anima della comunità

che si origina in Gesù .     .     .     .     .     .     .     .     . _79

I/ L’eredità di Gesù: il Regno messianico dell’ospitalità

II/ L’ospitalità come segno del regno di Dio nella storia

e “prima etica”

III/ Ospitalità oltre la chiesa stessa: Fratelli tutti

2.2 Sharon A. Bong, Donne che aprono

spazi di appartenenza per le donne nella Chiesa . . 86

I/ Il genio femminista in linea di principio

II/ Il genio femminista nella pratica

2.3 B radford E. Hinze, Aprire spazi di appartenenza

per i laici nella Chiesa .     .     .     .     .     .     .     .     . _98

I/ Le convinzioni che motivano comunità di appartenenza

per i laici

II/ Le pratiche che motivano l’appartenenza dei laici

nelle comunità

2.4 R oman Globokar, L’etica della cura e dell’amicizia

con la Terra, nostra casa comune .     .     .     .     .     . _110

I/ Caratteristiche dell’amicizia

II/ Amicizia con il pianeta Terra secondo Laudato si’

III/ Interconnessione, vulnerabilità, cura e responsabilità

IV/ Conclusione

3. Sguardi e prospettive globali

3.1 Jojo M. Fung, Topunan:

una spiritualità indigena asiatica .     .     .     .     .     . _117

I/ Etimologia di topunan

II/ La spiritualità del topunan e le influenze della intersezionalità

III/ Spiritualità del topunan, condivisione della mensa

e «spazio resiliente»

IV/ La spiritualità del topunan che alimenta lo «spazio sapienziale»

V/ Conclusione

3.2 N éstor Medina, Ripensare l’ospitalità

in relazione alle migrazioni . . . . . . . 130

I/ Ospitalità: una nozione inadeguata

II/ Intreccio tra ospitalità e colonizzazione

III/ Riformulare il dibattito sull’ospitalità

IV/ Ripensare con l’ausilio dell’etica i termini dell’ospitalità

3.3 Pascale Renaud-Grosbras, Ospiti

e padroni di casa inadeguati. Violenza e rischi

nell’amicizia interculturale e nella missione . . . 145

I/ Cos’è l’ospitalità: un approccio biblico

II/ Come Gesù interpreta l’ospitalità e l’amicizia

III/ Una storia di ospitalità e amicizia

IV/ Una lettura teologica della vicenda

V/ C’è ancora posto

II. Forum teologico 157

1. Juan Carlos La Puente Tapia, Ospitalità e amicizia,

scorci di vocazione collettiva . . . . . . . 159

I/ Gratitudine

II/ Sussurri

III/ Verso l’amicizia religiosa

IV/ Voci e grida

V/ Perdono offerto

VI/ Accompagnamento reciproco, lavoro teologico

2. Jodi Mikalachki, Perché ringrazio di esser qui?

Riflessioni su ospitalità e amicizia in Burundi . . 167

I/ Celebrazione

II/ Perdita

III/ Compassione

3. E li S. McCarthy, Ospitalità e amicizia:

interrompere la violenza e costruire

una pace sostenibile in Ucraina . . . . . . 176

I/ Ospitalità

II/ Amicizia

III/ Conclusione

III. Rassegna bibliografica internazionale 185

IV. Indice dell’annata 2022 191

 

Editoriale

Ospitalità e amicizia

È ancora possibile la nascita di un mondo inclusivo, dove dimorare insieme e sperimentare una prosperosa crescita umana e cosmica? È questo l’interrogativo affiorato in modo sempre più pressante all’inizio del 2022, dopo lo scoppio in Ucraina della devastante guerra che ha infranto il mito di un’Europa post-1989 libera da scontri e ostilità tra Paesi. Oggi in tanti si chiedono come si possa creare un mondo nuovo sulle fondamenta di un’umanità comune, sul rispetto dei diritti e delle libertà, oltre che dell’autonomia individuale e di gruppo. Come liberare il mondo dalle ideologie distruttive che alimentano il conflitto anziché l’amicizia tra i popoli, le nazioni e i diversi gruppi presenti nella società contemporanea? Quale ruolo possono assumere la fede e la teologia per contrastare questo fenomeno attraverso l’etica dell’inclusione e della comunità, riuscendo a sanare i legami spezzati dell’amore e delle relazioni nel nostro mondo? In altre parole, possiamo essere tutti amici in questo comune viaggio sulla Terra e accoglierci a vicenda per il fatto che, nell’altro, vediamo ciò che vediamo in noi stessi? La nostra epoca esige una rivoluzione etica, che spinga i cuori verso nuovi modelli di comportamento, di vita e appartenenza, in grado di realizzare un mondo giusto e pacifico. Ciò presuppone, tuttavia, la capacità di affrontare alcuni idoli quali nazione, denaro, potere, religione e affrontare le forze dell’imperialismo che oggi infiammano il mondo causando tanta sofferenza agli innocenti, ai poveri e a coloro che vivono nelle periferie esistenziali della vita. Questi idoli sono spesso il frutto di parecchi anni di moralità distorta, politiche globali distruttive e logiche di sfruttamento pensate dalle cosiddette nazioni sviluppate, a volte tristemente coinvolte nell’iniziare, legittimare e armare i conflitti moderni. Noi pensiamo che sia possibile sognare e generare un mondo di giustizia e di pace. Occorre però fare ancora molto lavoro se si vogliono far trionfare le idee e gli ideali di amore, amicizia, ospitalità, comprensione, compassione, solidarietà globale ed etica della fraternità fondata su una spiritualità di inclusione, riconoscimento e comunità. Si tratta di un lavoro da svolgere su più piani: analisi della visione del mondo, cambiamento di mentalità e conversione, costruzione di conoscenze, istruzione, formazione e pratiche quotidiane di inversione che offrano un luogo e una visione alternativi per ripensare un mondo in cui tutti possiamo dimorare come un’unica famiglia. Un lavoro che richiederà la collaborazione e l’amicizia tra tutti gli uomini e le donne, come un’unica famiglia all’opera per una crescita rigogliosa, sia umana che cosmica. Il tema dell’ospitalità e dell’amicizia è stato scelto per questo fascicolo come un buon punto di partenza per sviluppare un tipo di etica in grado di trasformare culture, ideologie, teologie ed etica sociale, con l’intenzione di esplorare in una prospettiva teologica la complessità del discorso che si articola attorno alle questioni dell’amicizia e dell’ospitalità. Pur non potendo esaminare la tematica da un punto di vista esclusivamente teologico, riteniamo che essa tocchi molti aspetti delle sfide e delle opportunità presenti nella nostra vita moderna, che possono trarre beneficio da considerazioni di carattere teologico. Questa tematica apre anche un vasto orizzonte di riflessione teologica e pastorale su come affrontare le sfide, le paure, il cinismo, lo scetticismo e l’ansia del nostro tempo, attingendo a una nuova immaginazione etica che papa Francesco chiama «cultura dell’incontro». Pertanto è possibile approfondire la teologia, l’etica, la spiritualità, la politica e la prassi dell’intersoggettività, per costruire relazioni sane e generatrici di vita tra i popoli. Quali ruoli può svolgere la teologia, per esempio, nel nostro mondo infranto e ferito che sta ancora cercando di emergere dalla pandemia? Come possono le comunità cristiane trasmettere una capacità generativa e l’annuncio del vangelo, mostrandosi in grado di potenziare quelle azioni che affermano la vita e l’altro da noi? Sono tutte azioni che le persone possono cogliere come segni dell’amicizia e dell’ospitalità al cuore pulsante della vita interiore e della presenza creativa del Dio uno e trino nella storia. Le comunità cristiane di tutto il mondo possono accompagnare l’umanità di oggi nella ricerca collettiva della guarigione dei legami d’amore che si sfilacciano, al di là dell’ansia del momento presente. La ricerca di un’umanità comune è anche il cuore pulsante di tutte le religioni e le culture. Tutti noi desideriamo dimorare nella pace e fare spazio agli altri nella nostra casa comune, in particolare ai più fragili e a coloro che sono abbandonati, incompresi e trascurati. Tuttavia, mentre il mondo sta uscendo dalla pandemia, emerge con lampante chiarezza che alcune delle misure di contenimento, come il distanziamento sociale e la quarantena, potrebbero essere diventate la normalità oppure possono diventare misure razionali che legittimano e rafforzano le gerarchie sociali e l’emarginazione oggi esistenti. In molti contesti tali misure hanno irrigidito altre strutture sociali creando dolore, alienazione e pratiche di esclusione in diversi ambienti: ecclesiali e religiosi, nazionali e globali. Il tema dell’ospitalità e dell’amicizia può quindi concorrere a sviluppare nuovi linguaggi, immagini e modelli teologici, missiologici, etici e pastorali per affrontare alcuni dei crescenti divari presenti nel nostro mondo tra popoli, culture, religioni, razze e nazioni. Questo fascicolo di Concilium assume il compito teologico di approfondire e tracciare un profilo del messaggio evangelico dell’ospitalità e dell’amicizia come via per essere persone, oltre che cristiani, e come via per essere chiesa. I vari contributi affrontano la tematica da molteplici prospettive. Nella prima parte viene approfondita la possibilità di teologie fondamentali dell’ospitalità e dell’amicizia sviluppate grazie a molteplici immagini teologiche tratte dalle Scritture, dalle culture e dalle tradizioni. Particolarmente significativo, […]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026508/concilium---20225.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026508/concilium---20225.htmlTue, 20 Dec 2022 17:22:09 +0100
Parole di VitaEditoriale 2

Annalisa Guida

RACCONTARE LO SCANDALO

DELLA CROCE 4

Mirko Montaguti

SGUARDI SULLA MORTE:

I PERSONAGGI DELLA PASSIONE 12

Giacomo Violi

L’ISTITUZIONE DELL’EUCARISTIA 18

Donatella Scaiola

IL RACCONTO DELLA PASSIONE

E L’ANTICO TESTAMENTO 24

Roberto Pasolini

UNA FINALE “IMPERTINENTE”

(MC 16,1-8) 29

Maurizio Compiani

LA FINALE LUNGA DI MARCO 34

Marco Cassuto Morselli

«COLUI CHE MI CONSEGNA

STA ARRIVANDO» 39

Duilio Albarello

«ITE, MISSA EST!».

EUCARISTIA E TESTIMONIANZA 43

BIBBIA E SCUOLA

Marco Tibaldi

«È risorto: non è qui!» (Mc 16,6) 48

PER SAPERNE DI PIÙ

Paolo Mascilongo

Rassegna bibliografica su Marco 51

APOSTOLATO BIBLICO

Paolo De Martino

Ci vuole immaginazione 55

INDICE 2022 56

ARTE

Marcello Panzanini

«Devo andare!». La guarigione del paralitico

 

EDITORIALE

Un autore può decidere quale tipo di conclusione adottare per la sua opera, consapevole che proprio l’ultima scena e le ultime parole resteranno impresse nella mente del lettore. Per Marco la scelta pare scontata: la conclusione di una biografia coincide con la fine dell’esistenza del protagonista. Ma tanto è originale l’incipit (con il protagonista già adulto) tanto è sbalorditivo l’explicit: agli ultimi giorni di Gesù Marco dedica un quinto della sua opera, rallentando enormemente il ritmo narrativo per finire con una chiusura “sfuggente”. Egli considera quei giorni conclusivi non semplicemente la fine dell’esistenza terrena del Nazareno, ma soprattutto il fine e il senso della persona di Gesù, il momento in cui trovano una risposta i diversi interrogativi sollevati di fronte al suo dire e agire. Il presente fascicolo, perciò, si apre con un ampio contributo di Annalisa Guida sui tre capitoli finali in cui Marco narrativizza, cioè mette in racconto, il nocciolo del primitivo e sconcertante annuncio cristiano: Gesù ha sofferto, è morto ed è risorto. L’analisi procede secondo quel metodo narrativo che ha guidato l’approccio di questa annata. Si esaminano le istanze intradiegetiche (attori, intreccio, trasformazioni spaziali e temporali) e quelle extradiegetiche (autore implicito e lettore) del testo, mantenendo sempre aperto il dialogo con il macro-racconto, con le sue costanti e le sue strategie (dirette o indirette). Sul Calvario si scioglie il quesito di fondo: chi è Gesù? La confessione risolutiva «Davvero quest’uomo era Figlio di Dio!» non proviene da una voce dal cielo né è proclamata dal suo portavoce. Essa è affidata a un personaggio più che minore, ma in grado di lanciare il fascio di luce pasquale sull’evento ignominioso eppur salvifico della croce. Proprio il ruolo decisivo del centurione romano obbliga a considerare gli sguardi degli altri personaggi del racconto della passione e morte (Mirko Montaguti), anche perché negli ultimi tre capitoli di Marco Gesù diventa sempre più inerme: passa di mano in mano fino ad essere depositato nel sepolcro. E queste mani non sono neutre: possono esprimere com passione o cospirazione, affidamento o tradimento, amorevolezza o prepotenza. Marco padroneggia il racconto dello scandalo e fa muovere con sapienza tutti i personaggi sulla scena (protagonista, deuteragonisti e antagonisti, maggiori e minori) lasciandosi ispirare dalle Scritture: citazioni, allusioni e rimandi non ostacolano la narrazione, la sostanziano, le danno spessore e soprattutto permettono al lettore/ ascoltatore di tenere costantemente agganciato lo sviluppo dell’azione (umana e crudele) al progetto di Dio (Donatella Scaiola). Insieme ad articoli di inquadramento di Mc 14– 16 si trovano contributi focalizzati su singole parti, come l’istituzione dell’eucaristia (Giacomo Violi) e la duplice finale del racconto. In quella breve dominano opacità e incapacità, sorprendono impertinenza narrativa e bizzarria grammaticale (Roberto Pasolini); nell’altra prevalgono efficacia ed efficienza, rifulgono potenza e signoria (Maurizio Compiani). Con la figura di Giuda, infine, si conclude la serie di commenti da parte di Marco Cassuto Morselli che quest’anno ha arricchito la comprensione del secondo vangelo offrendo chiavi di lettura ebraica del testo. E proprio grazie al suo diverso punto prospettico, gli è possibile proporre un’interpretazione assai diversa da quella tradizionale: l’apostolo consegna (vero significato del verbo greco abitualmente tradotto con «tradire») Gesù ai sacerdoti perché lo ungano re messia; ma la paura di provocare una repressione dei Romani induce i sacerdoti a consegnare il rabbi di Nàzaret a Pilato. La “Vita” stesa da Marco, al pari di quelle degli altri evangelisti, prosegue oltre la vicenda terrena del suo protagonista nella vita di quanti hanno creduto nel Crocifisso risorto. Essi, facendo memoria della sua cena pasquale, ri-presentano con il dono di sé agli altri la medesima pro-esistenza di Gesù, in forza dello Spirito (Duilio Albarello). E tra loro – ci auguriamo – ci saranno anche i lettori di questa annata dedicata a Marco che volge al termine.

Marco Zappella

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026492/parole-di-vita.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026492/parole-di-vita.htmlTue, 20 Dec 2022 17:03:19 +0100
Rivista di Pastorale LiturgicaEditoriale

2 F. Feliziani Kannheiser

Scene da un matrimonio

Studi

5 M. Belli

Scienze umane e teologia liturgica

10 V. Conti

In opere e in parole

16 G. Pavan

L’attaccamento e la fede

21 L . Paris

Neuroteologia?

26 E . Parolari

Liturgia e compensazione

32 M. Gallo

La riconciliazione:

psicologo low-cost o liturgia?

37 D. Wlderk

La catechesi e i suoi contenuti

42 G. Zanchi

Un’educazione sentimentale

Formazione

47 L . Palazzi – L. Balugani

Ars celebrandi: celebrare con cordialità

6. Presiedere

52 N . Toschi

Una Chiesa, molti doni e ministeri

6. Ministeri istituiti e forma Ecclesiae

58 D. Locatelli

I mestieri della liturgia

6. Il liturgista

63 A . Join-Lambert

La Liturgia delle Ore: preghiera

della Chiesa

6. Dove? Ovunque vivano dei cristiani

Asterischi

68 D. Piazzi

Il Lezionario

6. «Non soltanto in un solo modo…»

71 M. Gallo – G. Tornambé

Sulle spalle dei giganti

Movimento liturgico e psicologia

 

 

EDITORIALE

Franca Feliziani Kannheiser

Scene da un matrimonio

Rapporti tra psicologia e teologia

Ho scelto di titolare l’editoriale di questo numero, composto da contributi diversi sul rapporto psicologia, teologia e liturgia, con un’immagine che evoca un’unione, una connessione che può riuscire o non riuscire, ma che rappresenta una realtà del nostro vissuto, quella che muove due persone, con personalità e storie diverse, a condividere il loro cammino e a generare vita. Di matrimonio si parla, in senso figurato, anche per indicare il vincolo tra istituzioni o ambiti di ricerca, ai fini di realizzare una collaborazione proficua per entrambi i componenti. Si può allora parlare di matrimonio tra scienze psicologiche e scienze teologiche? O l’immagine è troppo ardita? Tra le tante psicologie e psicoterapie di cui si potrebbe parlare, sceglierò la psicoanalisi e la terapia che ne scaturisce perché è la strada che meglio conosco, percorrendola ormai da quasi 50 anni. Lo studio si è intrecciato con l’analisi personale pluriennale che mi ha fatto sperimentare l’efficacia di un metodo che cura attraverso la parola, ma soprattutto attraverso l’incontro di due menti che, con responsabilità e ruoli diversi, si lasciano coinvolgere in un percorso originale e unico da cui si può uscire con un nuovo modo di concepire la propria storia, il rapporto con se stessi e con gli altri, il senso della vita.

1. Questo matrimonio non s’ha da fare! I rapporti tra psicoanalisi e Chiesa cattolica non sono iniziati, tuttavia, come è noto, nel migliore dei modi. Lo psicoanalista Leonardo Ancona (2006) ricorda nel suo saggio Il debito della Chiesa alla Psicoanalisi la durissima posizione assunta da rappresentanti e organi della Chiesa cattolica nei confronti della psicoanalisi che si andava diffondendo in Itala. Cosicché Padre Agostino Gemelli ne denunciava il pericolo per la coscienza cristiana e un grave Monitum del Santo Uffizio (15 luglio 1961) proibiva a sacerdoti e religiosi di sottoporsi a un trattamento psicoanalitico. Queste posizioni così rigide si andarono nel tempo attenuando fino alla raccomandazione del concilio Vaticano II di servirsi della psicoanalisi per aiutare preti e religiosi in difficoltà Freud e i suoi allievi, dal canto loro, non espressero giudizi meno rigidi nei confronti della religione e del cristianesimo in generale. Alla base di questo conflitto ci sono posizioni obiettivamente diverse, ma anche disinformazioni e pregiudizi che in parte continuano e da cui è necessario sgombrare il campo, per scoprire con gioia alcuni elementi comuni che vitalizzano l’uno e l’altro ambito di ricerca.

2. Un matrimonio possibile, anzi necessario L’incontro tra scienze psicologiche e teologiche s’impone oggi per una rinnovata consapevolezza della centralità della persona, della sua complessità e dinamica e del suo bisogno di orientamento e di cura nella realizzazione di sé, in un mondo sempre più frammentato e complesso. La presa di coscienza che noi siamo un colloquio, dentro e fuori di noi, come già esprimeva il poeta tedesco Hölderlin e come riafferma la psichiatria fenomenologica, impegna scienze teologiche e scienze umane a ricercare insieme le vie di comprensione e di realizzazione di questa realtà. Essa impegna le scienze umane tra cui la psicologia a comprendere modi e tempi in cui ciascuno di noi cresce nella relazione con se stesso e con gli altri, riconoscendo anche quegli aneliti e quelle esigenze che cercano oltre e che sporgono la persona verso una dimensione trascendente. Già Theilard de Chardin raccomandava: Rivolgendomi ai professionisti della psicoanalisi direi questo: fino ad oggi, e per buonissime ragioni, la vostra scienza si è occupata di far percepire all’individuo, nel profondo di se stesso, impressioni dimenticate, complessi che una volta smascherati ed accettati, svaniscono alla luce del Sole. Tutto ciò va benissimo. Ma una volta compiuto questo lavoro di pulizia e di liquidazione, non è che ce ne sia da fare un altro più costruttivo e quindi più importante? Voglio dire, aiutare il soggetto a decodificare nelle zone ancora poco esplorate e chiarite di se stesso quelle grandi aspirazioni che sono: il senso di irreversibilità, di Cosmicità, il senso della Terra, il senso dell’Umanità. Operazione inversa alla precedente. Psicoanalizzare non per liberare ma per impegnare. Permettere l’introspezione non per dissipare i fantasmi, ma per dare consistenza, direzione e soddisfazione a certi grandi bisogni o chiamate che soffocano dentro di noi (e per le quali noi soffochiamo) se non tradotte e capite. In verità si tratta di una delicata e complicata opera di scoperta poiché in questo campo professore e studente, colui che dirige e chi è diretto, avanzano entrambi a tentoni: lavoro però molto fecondo poiché impegnato a discernere non più ciò che ci lega e ci appesantisce ma le molle più segrete e più generose del dinamismo psichico che ci anima1.

3. Le esperienze umane come preambolo antropologico a un discorso di fede È importante riflettere sul tipo di rapporto che si realizza tra esperienza umana ed esperienza di fede: esse non s’identificano, né si giustappongono. Se l’esperienza umana non può essere né ignorata, né by-passata, ma deve essere riconosciuta e ospitata in tutte le sue componenti nei percorsi di educazione alla fede, allo stesso modo, va riconosciuto che la fede è il dono gratuito di Dio da accogliere e a cui corrispondere in modo sempre più consapevole. Solo in questo movimento di accoglienza- risposta, essa potrà diventare, per il singolo e per la comunità, fermento di vita nuova ed offrire senso pieno e pieno sviluppo, proprio come il lievito che trasforma la massa in qualcosa di nuovo che è il pane. La Chiesa esercita nei confronti di ogni battezzato la sua funzione materna/ paterna quando, riconoscendone i bisogni fondamentali, rispettandoli e rispondendo ad essi, li apre alla dimensione del desiderio, della scoperta e dell’accoglienza del Mistero. Così la catechesi – diventata kairotica – fa risuonare parole di vita sulla vita di ciascuno e l’azione liturgica, attraverso i riti, fa partecipare pienamente – corpo, spirito e mente – al Mistero di Cristo, nel segno del dono, dell’esuberanza, della bellezza.

4. L’accompagnatore sapiente Rintracciare le scritture della vita in cui il mistero di Dio si manifesta, richiede accompagnatori che sappiano percorrere, con consapevolezza e umiltà, i sentieri dell’umano e nutrano un’autentica passione per la vita. A loro si possono indirizzare le raccomandazioni che Rainer Maria Rilke (1910) fa al poeta, quando gli ricorda che per scrivere un solo verso: Bisognerebbe aspettare e raccogliere senso e dolcezza per tutta una vita e meglio una lunga vita, e poi, proprio alla fine, forse si riuscirebbe poi a scrivere dieci righe che fossero buone [...]. Per un solo verso si devono vedere molte città, uomini e cose, si devono conoscere gli animali, si deve sentire come gli uccelli volano, e sapere i gesti con cui i fiori si schiudono al mattino. Si deve poter ripensare a sentieri in regioni sconosciute, a incontri inaspettati e a separazioni che si videro venire da lungi, a giorni d’infanzia che sono ancora inesplicati, […] a mattine sul mare, al mare, a mari, a notti di viaggio che passavano alte rumoreggianti e volavano con tutte le stelle [...]. Si devono avere ricordi di molte notti d’amore […]. Ma anche presso i moribondi si deve essere stati […]. E anche avere ricordi non basta […]. Solo quando divengono in noi sangue, sguardo e gesto, senza nome e non più scindibili da noi, solo allora può darsi che in una rarissima ora sorga nel loro centro e ne esca la prima parola di un verso2. Perché essere appassionati dell’umano è, in modo misterioso e profondo, accogliere e condividere la passione di Dio per ciascuno di noi.

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026485/rivista-di-pastorale-liturgica.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026485/rivista-di-pastorale-liturgica.htmlTue, 20 Dec 2022 16:50:19 +0100
Servizio della Parola - n. 544INDICE

Sguardi in pastorale

10. La chiesa tra esilio e solitudine

(A. Carrara)

I nostri modi di dire

40. Cadere in tentazione 9

1. Esibire, imitare. La grande tentazione (A. Carrara) 10

2. Non abbandonarci alla tentazione (A. Gennari) 16

3. La difficoltà di restare credenti, oggi (S. Segoloni Ruta) 20

Un mese per la pace

(R. Laurita) 25

Dal battesimo di Gesù

alla 7a domenica ordinaria

8 gennaio/19 febbraio 39

Battesimo del Signore (G. Violi, G. Bezze) 41

2ª domenica ordinaria (A. Busia, P. Bignardi, E. Massimi) 59

3ª domenica ordinaria (A. Busia, C. Cremonesi, E. Massimi) 78

4ª domenica ordinaria (A. Busia, P. Rota Scalabrini, E. Massimi) 98

5ª domenica ordinaria (A. Busia, L. Alici, M. Orizio) 120

6ª domenica ordinaria (A. Busia, I. Siviglia, M. Orizio) 140

7ª domenica ordinaria (A. Busia, I. Lensi, M. Orizio)

 

La chiesa tra esilio e solitudine

di Alberto Carrara 

1. La chiesa «sul pero, sulla pianta». (S)variazioni ecclesiali su Il Barone rampante di Italo Calvino La letteratura offre il campo a tutte le possibili – e talvolta impossibili – variazioni. Tanto più quella letteratura che, già di suo, si presenta come parabola dell’umano, dei suoi desideri, delle sue avventure e sventure e della sua morte. Con il Visconte dimezzato (1952) Calvino dà inizio a una serie di tre romanzi (al “Visconte dimezzato” faranno seguito “Il Barone rampante”, pubblicato nel 1957 e “Il Cavaliere inesistente” del 1959), indicati come una riedizione moderna del “conte philosophique” settecentesco. Di quella tradizione letteraria, i romanzi di Calvino intendono suggerire non solo moderne parabole sulle “eterne” verità dell’uomo, ma anche denunciare in maniera ironica la realtà contemporanea. Il Barone rampante è una storia ambientata nel Settecento ed è narrata da Biagio, fratello minore del protagonista, Cosimo Piovasco di Rondò. Il giovane, di una nobile famiglia ligure di Ombrosa, all’età di dodici anni, in seguito a un litigio con i genitori per un piatto di lumache, si arrampica su un albero del giardino di casa dichiarando di non volerne più discendere per il resto della vita. Cosimo dimostra ben presto che il suo non è solo un capriccio, spostandosi solo attraverso boschi e foreste, costruendosi a poco a poco una dimensione quotidiana sugli alberi. Il protagonista conosce Viola, una ragazzina di cui si innamora, anche lei figlia di nobili; trova un fedele amico nel cane Ottimo Massimo e diventa popolare presso gli abitanti delle terre dei Rondò. Lo stile di vita di Cosimo si trasforma in un percorso di formazione e maturazione: egli conosce i ragazzini popolani, fa amicizia col bandito Gian de’ Brughi (che morirà impiccato), studia la filosofia, arrivando a conoscere Voltaire per lettera, guida un attacco contro i pirati turchi, aiuta dei nobili spagnoli, i quali vivono anch’essi sugli alberi in una città chiamata Olivabassa, e forma una squadra di vigili del fuoco per prevenire gli incendi boschivi. Il ritorno di Viola dal collegio reca a Cosimo una gioia immensa ma temporanea, a causa delle gelosie tra il protagonista e l’amata, che alla fine sposerà un nobile inglese e abbandonerà Cosimo. Nel frattempo, anche a Ombrosa si sente parlare della Rivoluzione francese e dell’esperienza travolgente di Napoleone Bonaparte. Cosimo, dopo tentativi di sollevare la popolazione locale, incontra il generale, rimanendone però deluso. Anziano e provato dagli anni sugli alberi, Cosimo non si arrende e non scende a terra, rispettando fino all’ultimo la propria promessa. Al passaggio di una mongolfiera, si aggrappa all’ancora e scompare all’orizzonte, gettandosi infine in mare1.

2. Epoca di passaggio dagli incerti riferimenti

Pizzichiamo, qua e là, alcuni passaggi e rischiamo – è proprio il caso di dirlo – alcuni ripensamenti non solo “moderni” ma anche “ecclesiastici”. Dunque, doppiamente rischiosi. Il Barone nostro padre era un uomo noioso, questo è certo, anche se non cattivo: noioso perché la sua vita era dominata da pensieri stonati, come spesso succede nelle epoche di trapasso. L’agitazione dei tempi a molti comunica un bisogno d’agitarsi anche loro, ma tutto all’incontrario, fuori strada: così nostro padre, con quello che bolliva in pentola, vantava pretese al titolo di Duca d’Ombrosa, e non pensava ad altro che a genealogie e successione e rivalità e alleanze con i potentati vicini e lontani2. Di «pensieri stonati» è piena la nostra epoca, perché è intensamente epoca di passaggio. E di pensieri stonati è piena la chiesa perché più di tutte le istituzioni sente la fatica del passaggio. E anche nella chiesa si trascorre molto tempo in accese discussioni su genealogie e formalismi di ogni tipo, mentre il mondo se ne va per conto suo. Anche molta teologia è vuota come le genealogie del Barone Armino Piovasco di Rondò e sono spesso vuote anche le piroette attorno alla parola di Dio. Quante parole rivelano la scarnificazione della Parola! Ho la sensazione, anzi, che l’intensità del molto contendere e l’abbondanza delle parole è inversamente proporzionale all’importanza dell’oggetto su cui si contende e della Parola di cui si parla. Perché le epoche di passaggio hanno lasciato il punto di partenza e non sono ancora arrivate al punto di arrivo. Sono girovaghe. E quindi o mancano del tutto di agganci o scambiano per agganci gli incerti punti di passaggio intravisti nei loro lunghi attraversamenti.

3. Scrutando un lontano, ancora invisibile futuro

A un certo punto del racconto Cosimo viene a sapere che, nel paese di Olivabassa, vive una colonia di esuli spagnoli. Questi, banditi dal re Carlos III per via di privilegi feudali contrastati, non potevano “toccare terra” a causa degli accordi fra i cittadini di Olivabassa e il re spagnolo. Quindi, anche loro come Cosimo vivono avventurosamente sugli alberi. Tra gli esuli spagnoli vive, su un olmo, un vecchio, chiamato El Conde. Un suo figlio è detenuto nelle carceri spagnole e torturato. El Conde […]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026478/servizio-della-parola---n-544.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026478/servizio-della-parola---n-544.htmlMon, 19 Dec 2022 17:44:52 +0100
Servizio della Parola - n. 543Indice

Sguardi in pastorale

9. La chiesa tra eccesso e carenza di potere.

Ritorno alle “incertezze” delle origini

(A. Carrara)

I nostri modi di dire

39. Dio ti è sempre presente

1. Dio ti è sempre presente (A. Carrara)

2. «Signore, tu mi conosci!».

Variazioni sul Salmo 139 (L. Monti)

3. Dio si fa presente nella nostra vita (P. Bignardi)

Preghiera in famiglia verso il Natale

(R. Laurita)

Tempo di Avvento e tempo di Natale

27 novembre 2022

6 gennaio 2023

1ª domenica di Avvento (G. Violi, G. Bezze)

2ª domenica di Avvento (G. Violi, G. Bezze)

Immacolata Concezione (G. Violi, G. Bezze)

3ª domenica di Avvento (G. Violi, G. Bezze)

4ª domenica di Avvento (G. Violi, G. Bezze)

Natale del Signore (G. Violi, G. Bezze)

Maria Madre di Dio (G. Violi, G. Bezze)

Epifania del Signore (G. Violi, G. Bezze)

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026461/servizio-della-parola---n-543.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026461/servizio-della-parola---n-543.htmlThu, 24 Nov 2022 16:40:55 +0100
Concilium - 2022/4Susan Abraham – Geraldo Luiz De Mori –

Stefanie Knauss, Editoriale

Abstracts

I. Animali e teologie

1. Considerazioni filosofiche ed etiche

1.1 Roberto Marchesini, La soggettività animale

I/ Premessa

II/ I piani della soggettività

III/ Soggettività e teleologia intrinseca

IV/ In conclusione

1.2 Simone Horstmann, Il significato della vita animale. Tra accessi oggettivanti e accessi soggettivanti nella filosofia e nell’etica degli animali

I/ Introduzione: quando gli animali diventano insignificanti

II/ Che cosa significano le vite degli animali? Accessi oggettivanti

III/ Che cosa significano le vite degli animali? Approcci soggettivanti

IV/ Il nuovo animismo: al di là degli approcci soggettivanti e oggettivanti?

V/ Conclusione: significato vincolato 1.3 Carlos Naconecy, L’etica dell’intrattenimento animale. Zoo, circhi, sport e pets

I/ Introduzione

II/ I rischi dell’uso non devono superare i suoi benefici (etica utilitaristica)

III/ Gli animali hanno il diritto di non essere usati (etica deontologica)

IV/ Due accezioni di libertà

V/ Il nostro uso degli animali va anche a loro vantaggio (etica contrattualistica)

VI/ Dobbiamo promuovere il rispetto per gli animali (etica delle virtù)

2. Riflessioni bibliche e teologiche

2.1 Silvia Schroer, Il mondo animale nella tradizione anticotestamentaria

I/ Introduzione: il variegato mondo animale nell’Antico Testamento

II/ La relazione sociale fra essere umano e animale (Gen 2,18-25)

III/ Essere umano e animale sono imparentati fra loro

al massimo grado (Gen 1,24-31)

IV/ L’essere umano: simile a Dio e incaricato di regnare

sugli animali (Gen 1,28; Sal 8,5-9)

V/ Rispetto per gli animali

VI/ Dio come Signore degli animali della foresta

VII/ La capacità degli animali di conoscere Dio

VIII/ Conclusione

2.2 Eric D. Meyer, Hoc est corpus meum. Ecologie teologiche della salute delle creature nel contesto di una pandemia globale

I/ Introduzione: due concezioni di salute

II/ Paletti teologici

III/ L’illusione e distruzione del modello della fortezza

IV/ La promessa del modello ecologico-integrale

V/ La festa di tutto il creato

2.3 Margaret B. Adam, La fine del consumo.

Una speranza escatologica per gli animali umani e quelli d’allevamento

I/ Introduzione

II/ Escatologia speculativa: animali umani e non-umani risorti

III/ Corpi mercificati

IV/ L’unicità degli animali umani

V/ L’amore ininterrotto di Dio

VI/ Il fine degli animali umani e non-umani

VII/ Relazioni problematiche con gli animali d’allevamento

VIII/ Speranza per la vita oltre il consumo

IX/ Conclusione

2.4 Luiz Carlos Susin, Francesco d’Assisi e frate lupo I/ Introduzione

II/ La “non appropriazione” e l’alterità delle creature

III/ La singolarità di ogni creatura

IV/ Reciprocità e obbedienza fraterna

con ogni creatura vivente

V/ La specificità umana: la missione di mediazione

insieme alle altre creature

VI/ L’eredità spirituale di Francesco: una sensibilità

2.5 Jeania Ree Moore, Considerare i “denti”.

L’intersezione fra teologia, razza e animali in relazione alle persone di colore  

I/ Introduzione

II/ Seguire i “denti” attraverso l’archivio

III/ “Plasticizzazione”, non disumanizzazione

IV/ Un ritorno ai “denti”: la soggettività nera

come punto di partenza teologico

V/ Conclusione

3. Prospettive interreligiose

3.1 Margaret Robinson, Il ruolo degli animali

nella spiritualità dei Mi’kmaq

I/ Gli animali nei racconti L’nuwey

II/ Gli animali dell’iconografia L’nuwey

III/ Gli animali nelle spiritualità L’nuwey

IV/ Protezione del territorio

V/ Conclusione 3.2 Itohan M. Idumwonyi, Ekpen-n’owa.

La concettualizzazione della relazione uomo-animale

nella visione del mondo dei popoli del Benin

I/ Introduzione

II/ Aspetti della visione del mondo del Benin

III/ Ekpen: metafora per l’Oba e implicazioni teologiche

IV/ Verso una valutazione teologica di Osa-n’obuuwa

come leone e Oba come ekpen

V/ Conclusione: l’autorità divina dell’Oba

3.3 Magfirah Dahlan, La relazione uomo-animale

e l’etica dell’uso degli animali nell’islam

I/ Argomenti a favore dell’uso degli animali

II/ Argomenti contro l’uso degli animali

III/ Soggettività e relazione uomo-animale

IV/ Conclusione

II. Forum teologico

1. Elsa Tamez – Cristina Ventura –

Diego Irarrázaval, Bibbia e impegno politico:

Pablo Richard (1936-2021)

2. Geraldo Luiz De Mori, La prima Assemblea ecclesiale

dell’America latina e dei Caraibi

III. Rassegna bibliografica internazionale

 

Editoriale

Mentre preparavamo questo fascicolo per la pubblicazione, una curiosa combinazione di notizie sulla pagina web del Süddeutsche Zeitung, il noto quotidiano tedesco, ha attirato la nostra attenzione: a breve distanza di tempo l’uno dall’altro, si trovavano questi due pezzi. Anzitutto un servizio – a dirla tutta, un elogio funebre – sulla morte di un ratto gigante africano, addestrato a scovare le mine antiuomo. Magawa (questo il suo nome), per il lavoro svolto in Cambogia, dove aveva individuato oltre cento mine e altri esplosivi, aveva ricevuto come onorificenza una medaglia d’oro (la “George Cross” degli animali) della People’s Dispensary for Sick Animals britannica, un ente benefico per animali. Il tono di ammirazione dell’articolo, il fatto che il roditore avesse ricevuto una medaglia, l’apparente tristezza con la quale veniva annunciata e compianta la sua scomparsa dalla ong che l’aveva addestrato (facevano notare che era morto in pace), tutto ciò è indice di una comprensione degli animali – o, perlomeno, di Magawa – quali soggetti capaci di relazioni, sentimenti, intenzionalità e coraggio1. Un servizio del giorno precedente raccontava il successo del trapianto di un cuore di maiale in un corpo umano (il paziente è poi morto, nel marzo 2022), celebrandolo come pietra miliare per la medicina dei trapianti e come segno di speranza per tutte le persone in attesa di un donatore: forse, in un prossimo futuro, gli organi (cuore, fegato, reni ecc.) potrebbero essere coltivati negli animali e indi raccolti per essere usati nella cura degli esseri umani2. L’articolo si concentrava sulla celebrazione della conquista scientifica, ma non si soffermava a considerare le implicazioni etiche dell’allevamento animale con l’unico obiettivo dello sviluppo di organi da usare poi per sostituire gli organi umani danneggiati, salvando vite umane a scapito della vita di un animale. In estremo contrasto con il servizio sul topo Magawa, il maiale da cui è stato asportato il cuore rimaneva anonimo, non gli erano attribuiti dei sentimenti, neppure uno spirito di sacrificio per il bene superiore della vita umana – questo non meriterebbe una medaglia? Invece che come un essere, un soggetto, il maiale era visto come un magazzino di pezzi di ricambio: un cuore, un fegato, un rene, tenuti assieme da pelle e muscoli, da utilizzare al bisogno (dell’uomo). Naturalmente, non c’è differenza rispetto al modo in cui gli animali vengono visti nell’allevamento industriale: un insieme di tagli – petto, costata, controfiletto, stinco – prodotti per il nutrimento e il piacere (e spesso, la gola) degli esseri umani, di solito con pochissima considerazione del benessere del soggetto animale. Queste due notizie, accostate l’una all’altra, illustrano il rapporto ambivalente che noi umani abbiamo con gli altri animali, con i quali condividiamo l’esistenza su questo pianeta – un’ambivalenza riflessa sia nelle nostre vite quotidiane sia negli studi sulla fauna. Alcuni animali vengono trattati come membri delle nostre famiglie: in loro troviamo degli amici, viviamo un’esperienza di relazione con loro, riconosciamo in loro intelligenza, gioia, dolore, forse addirittura una dimensione spirituale. Altri animali, invece, vengono considerati poco più che cose, oggetti privi di senso, di cui servirsi per soddisfare i bisogni dell’uomo, al quale viene data la priorità su tutte le altre creature. Può darsi che molti di noi si siano chiesti se i nostri animali domestici abbiano un’anima o uno spirito. E molti potrebbero essersi chiesti, forse con una certa dose di disagio, se anche gli animali che vengono uccisi ogni giorno nel nome del desiderio e del bisogno umani siano dotati di un’anima. Laddove le scienze biologiche e anche la riflessione filosofica hanno riconosciuto la soggettività negli animali e hanno offerto dei modi di pensare le vite animali come piene di significato in se stesse (e non solo rispetto a come esse servono la vita umana), come mostrato da Simone Horstmann e Roberto Marchesini nei rispettivi contributi, le concrete conseguenze etiche e le implicazioni teologiche del pensare gli animali quali soggetti con vite piene di senso sono meno evidenti e spesso rimangono non sufficientemente sviluppate. Parte del problema potrebbe risiedere nel fatto che gli animali radicano e al contempo relativizzano la sensazione umana di essere delle creature eccezionali nel creato. Pur percependo una sorta di parentela con gli animali, gli esseri umani considerano la loro idea di un “aldilà” e la loro capacità d’autoriflessione come qualcosa che li differenzia dagli altri animali. D’altro canto, la capacità degli animali di rispondere e di provare empatia con gli esseri umani genera in noi un senso di meraviglia, che spesso c’invita a riconoscere come anche noi siamo animali e condividiamo tutta la vita nel creato. È chiaro qui lo spettro di reazioni affettive che gli esseri umani sviluppano nei confronti degli animali, dal legame quasi di parentela, alla meraviglia, all’apatia, al disgusto e alla paura. Dato che i rapporti di prossimità o di diversità con gli animali variano in maniera considerevole, potremmo sentirci vicini ai nostri animali domestici e figurarci il rapporto con loro come comunicativo, empatico e di cura reciproca. Ma quanto ci sentiamo vicini alla zanzara che ci ronza attorno alla testa in una afosa notte d’estate, alla iena che si rimpinza di carogne o allo scarafaggio che zampetta per la stanza? È importante prendere sul serio queste gradazioni di somiglianze e differenze percepite, così come le diverse forme degli esseri animali, in modo da evitare una visione riduttiva degli animali stessi e da sviluppare una comprensione sfumata della complessità delle questioni con le quali ci confrontiamo. [...]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026454/concilium---20224.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026454/concilium---20224.htmlTue, 08 Nov 2022 18:04:17 +0100
Rassegna di Teologia n. 3/2022FOCUS

Emanuele Iula SJ, L’arte di indietreggiare. Dal conflitto alla riparazione

Lavoro di riparazione – Mediazione – Perdono – Sentire – Violenza

STUDI

Mario Imperatori SJ, Dimensione cristologico-trinitaria della teologia della storia e corporeita glorificata di Gesu e di Maria

Agape – Corporeità gloriosa – Eterna generazione – Eternità creata – Teologia dell a storia

Massimo Nardello, Una teologia monista e panenteista per un cristianesimo post-teista.  Riflessioni a margine dell’opera

Deus duepuntozero di Paolo Gamberini

Ermeneutica – Modelli teologici – Panenteismo – Teologia del processo – Teologia trinitaria Paolo Gamberini SJ, Risposta a Massimo Nardello

Monism o relativo – Post-teism o – Teism o – Teism o relazionale – Teologia del Process o

Presentiamo un libro

Flavio Bottaro SJ – Riccardo Battocchio – Annamaria Corallo – Paolo Beltrame SJ – Paolo Gamberini SJ, Ripensare la fede nel post-teismo. A proposito di un recente volume di Paolo Gamberini

Recensioni

Libri ricevuti

 

___________________________________________________

FOCUS

Emanuele Iula SJ*

L’arte di indietreggiare

Dal conflitto alla riparazione

L’articolo riferisce i termini principali di un percorso di riparazione. Se l’agire violento può essere visto alla radice di un potenziale conflitto, le conseguenze si fanno sentire da almeno due punti di vista, quello sociale e quello antropologico. Ne segue un processo che, accompagnato da figure terze come i mediatori, aiuta le persone in conflitto a prendere distanza, non tanto l’uno nei confronti dell’altro, ma rispetto alla disposizione provocata dal conflitto. Si conclude riflettendo sulla possibilità del perdono.

In principio c’e una vittima. Il punto di partenza del lavoro di riparazione non e fatto di principi trascendenti e non si fonda su doveri di ragione. Nasce invece dall’ascolto del grido di chi ha subito un torto e chiede che gli venga fatta giustizia. Eppure, parlare di vittima e del lavoro di riparazione successivo implica che una qualche forma di riconoscimento sia gia avvenuta. Se siamo intenzionati a riparare, e perche quel grido e stato ascoltato e ha fatto si che un processo di questo tipo potesse prendere avvio in tal senso. Da un certo punto di vista, poter dire che qualcuno e stato vittima di un atto violento significa che una prima soglia di consapevolezza e stata superata e che qualcosa che va nell’ordine della riparazione vanta già una base su cui potersi poggiare, anche se tutto questo avviene in maniera ancora embrionale.

Obiettivo del lavoro di riparazione consiste nel far si che questo prima della violenza sia seguito da un dopo di pari dignita rispetto a quanto si e perso. Un primo problema consiste nel cogliere cosa ci sia a precedere questa soglia di riconoscimento, prima cioe che il grido della vittima possa essere non solo inteso, ma emesso da chi il torto lo ha subito. Prima del grido c’e vulnerabilita, ma anche paralisi, gelo e silenzio1, sostiene Howard Zehr, uno dei padri fondatori del paradigma della Restorative justice. A ridosso del riconoscimento, ci sono dunque gli effetti della violenza, che traducono la situazione di stallo interiore tipica di chi non puo far altro che osservare la propria vita, ormai incapace di rispecchiarvisi. La riparazione inizia qui, ma non e uguale per tutti. Ci sono vittime capaci di trovare la forza di gridare la propria sofferenza. In altri casi, questa forza non c’e e non si puo far altro che affidarsi alla sensibilita di chi sa riconoscere un grido silenzioso. Il grido non e mai un racconto, ne una razionalizzazione, ma una vera e propria esplosione di rabbia2 che spera di poter essere raccolta da qualcuno capace di farsi prossimo3. Ma questo accade purtroppo solo nel migliore dei casi. Tutt’altro che rara e infatti l’esperienza di chi viene ignorato, i cui bisogni di giustizia vengono disattesi e alla cui voce viene negata la soddisfazione di essere intesa. Questa impossibilita genera violenza, dice ancora Morineau4. Nel suo espandersi, la violenza si cronicizza in conflitto. Ci troviamo qui di fronte a una delle tesi piu celebri e al tempo stesso controverse sul tema della violenza, che consiste nell’attribuirle una fondamentale capacita di riproduzione. Non e possibile, in questa sede, entrare nel merito di una definizione completa e ponderata di cosa sia la violenza5. Se vogliamo […]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026447/rassegna-di-teologia-n-32022.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026447/rassegna-di-teologia-n-32022.htmlThu, 03 Nov 2022 15:33:30 +0100
Asprenas n. 1-2/2022EDITORIALE

Il fascicolo doppio, con il quale si apre il 2022, rappresenta per la nostra Rivista il tentativo di percorrere una strada per certi aspetti nuova, anche se in continuità con la sua lunga attività al servizio della ricerca teologica. Asprenas è nota ai lettori come Rivista di Teologia, primariamente attenta agli sviluppi delle scienze teologiche, ma non per questo meno sensibile al contributo che anche gli altri saperi possono offrire alla riflessione credente, oltre che alla possibilità che tutto quanto appartiene all’uomo e alla sua vicenda storica possa essere letto in prospettiva teologica: sub ratione Dei; di qui, la scelta di dare alla Rivista un taglio che risulti al tempo stesso rigorosamente scientifico ed efficacemente divulgativo, con tutti i rischi (e a volte anche i limiti) che questo ha comportato e che ancora comporta. Intendendo proseguire su questa strada, nello sforzo di rendere le nostre pubblicazioni sempre più qualificate e al tempo stesso accessibili a un pubblico che non sia di soli “addetti ai lavori”, il Consiglio di Redazione propone, a partire da quest’anno (e, almeno inizialmente, in maniera sperimentale), una diversa organizzazione dei testi pubblicati all’interno dei quattro numeri in programma per l’annata, in modo da rendere più omogeneo (quanto meno sul piano dell’affinità disciplinare) il contenuto dei contributi dei singoli fascicoli. Questi, dunque, risulteranno strutturati per ogni annata secondo il seguente ordine: 1) Sacra Scrittura e Teologia; 2) Diritto canonico e Pastorale; 3) Volume monografico; 4) Filosofia e Scienze umane. Tale risistemazione non intende “costringere” i contributi all’interno di una maglia tanto stretta da non lasciare spazio a quei criteri di transdisciplinarietà e interdisciplinarietà ai quali il sapere teologico è stato di recente richiamato da papa Francesco (cf. Veritatis gaudium, proemio, 4c): ciò che ha spinto la Rivista a muoversi in una “nuova” direzione è la convinzione che la ricerca dell’unità del sapere passi non per la confusione indistinta dei diversi saperi, ma per la chiarezza epistemologica e concettuale con cui ciascuno di essi sa mettersi accanto all’altro in un dialogo capace di arricchire ognuno degli interlocutori, nella comune ricerca della Verità. La distribuzione dei contributi secondo il suddetto ordine, dunque, non mortificherà il carattere poliedrico che caratterizza taluni testi, né sacrificherà quei testi che, pur non rientrando in senso stretto in una delle discipline sopra indicate, sulla base di una o più affinità con qualcuna di esse potranno trovare appropriata collocazione in uno dei fascicoli della Rivista. Al tempo stesso, per condividere in maniera più intensa con i nostri lettori l’attività di ricerca della Sezione San Tommaso d’Aquino della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, della quale Asprenas è l’organo scientifico dal 1969, la Rivista intende accogliere ogni anno uno o più contributi di dottorandi o di dottori di ricerca della Sezione, nei cui lavori si esprime in maniera particolarmente significativa la vita dei Seminari, degli Istituti e del Dipartimento di Diritto Canonico. Sono questi, come si diceva, i criteri che hanno orientato il confezionamento del fascicolo doppio con il quale si inaugura il 2022 e che, pur nella variegata diversità dei testi di cui si compone, conferma la grande attenzione che la ricerca teologica della nostra Sezione per la dimensione storica della teologia e per i suoi risvolti pratici e pastorali. Il volume si apre con uno studio di GAETANO CASTELLO, che, partendo dalla lettura di un testo giovanneo sul comandamento nuovo (13,34), intende indagare le implicazioni etiche universali delle parole di Gesù: l’esigenza del messaggio giovanneo, pur in assenza di esortazioni etiche puntuali – come quelle riscontrabili, per esempio, nell’epistolario paolino –, risulta quella di mostrare l’amore nella sua dimensione operativa e fattuale, più che quella di offrire “l’estratto teorico o precettistico di una proposta etica”. Segue un interessante lavoro di TADEUSZ SIEROTOWICZ, che offre, di alcuni aspetti della teologia di Hans Urs von Balthasar, una lettura in prospettiva filosofica, secondo la tradizione di ricerca inaugurata da Larry Laudan: in un’epoca che, sempre più a ragione, è da considerarsi post-cristiana e in un tempo nel quale l’uomo appare occupato con se stesso e con il mondo vivendo come se Dio non esistesse, la riflessione di Balthasar si presenta come un invito a tornare a quel punto focale della storia che “scorre sulla verticale tra il cielo e la terra”. GIOVANNI MAZZILLO propone uno contributo con il quale si intende mettere a fuoco il complesso e sostanziale rapporto che lega la teologia all’esperienza: “scienza della Verità rivelata”, la teologia non può prescindere dall’esperienza, nella misura in cui la rivelazione avviene nella storia degli uomini, essa non solo è inscindibilmente legata all’esperienza, ma da quest’ultima è addirittura guidata. L’esperienza, quindi, può essere considerata non semplicemente come uno dei preamboli della fede, ma come il preambolo dei preamboli che consente alla teologia di giungere alla soglia del mistero e di sconfinare in esso. Lo studio di MICHELE MUNNO prende in esame, dal punto di vista del diritto canonico, gli interventi che diversi vescovi italiani – specie nel Meridione d’Italia – hanno fatto, tra il 2016 e il 2022, allo scopo di regolamentare la materia riguardante i padrini e le madrine del Battesimo e della Confermazione: tali interventi, che dispongono di sostituire, sospendere, abolire i padrini, sono da ritenere come deroghe alla legge universale del Codice di Diritto Canonico e, più precisamente, come leggi particolari di natura territoriale. Proprio in forza della loro territorialità, tali interventi stimolano all’assunzione di una prassi comune, che potrebbe servirsi dell’occasione della consultazione sinodale indetta da papa Francesco. Di grande attualità appare anche l’altro contributo di natura giuridicocanonica, che LUIGI ORTAGLIO dedica al ruolo che la mediazione familiare può avere all’interno del processo di dichiarazione della nullità matrimoniale: l’interesse che diversi Stati mostrano nei confronti della mediazione, infatti, va intesa come un’efficace risorsa volta al recupero di un “deficit di comunicazione responsabilizzante” e può rivelarsi utile al fine del riconoscimento da parte di ciascuna delle parti in conflitto delle esigenze dell’altro. Di taglio teologico-pratico sono, invece, le due note di MATTEO PRODI e di LUIGI FUSCO GIRARD: il primo insiste sull’apporto che, soprattutto alla luce della Veritatis gaudium, la teologia è chiamata a dare alla costruzione di una nuova umanità, che non si lasci ingannare dal falso mito di un progresso, che non tenga in debito conto il miglioramento della qualità di vita dell’uomo; il secondo, invece, è dedicato alla Terza Missione dell’Università e, in particolare, del contributo che il mondo accademico può offrire all’edificazione della “città” nella prospettiva del bene comune. Di carattere teologico-pastorale è, poi, la nota di CARLO BUSIELLO che, sulla scia delle recenti indicazioni magisteriali – con particolare riferimento all’Evangelii gaudium –, individua nella “comunità di comunità” il modello secondo il quale procedere al rinnovamento della parrocchia urbana, perché questa sia in grado di adattarsi e rispondere in maniera più adeguata alle molteplici sfide della vita urbana. Evidenziamo anche, nella sezione Rassegne&Figure, il resoconto dettagliato diGIUSEPPE FALANGA sulla Giornata di Studio che lo scorso 23 febbraio si è tenuta presso la Pontificia Università della Santa Croce, su iniziativa dell’Istituto di Liturgia, per commemorare il ventennale della dipartita di Achille Maria Triacca (1935-2002), un maestro per la teologia liturgica. Mentre ci auguriamo che questo ricco volume possa incontrare il favore dei nostri lettori, cogliamo anche l’occasione per dare il benvenuto, all’interno del Comitato scientifico della Rivista, ai professori Riccardo Burigana (Centro Studi per l’Ecumenismo in Italia) e Massimo Del Pozzo (Pontificia Università della Santa Croce), le cui riconosciute competenze in ambito teologico e il cui impegno nella vita ecclesiale rappresentano un grande stimolo alla serietà e al rigore della ricerca che intendiamo promuovere e trasmettere, ma anche un invito a riflettere sul contributo che la teologia può e deve offrire all’edificazione del Regno, dentro e fuori i confini del corpo ecclesiale.

GIANPIERO TAVOLARO

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026430/asprenas-n-1-22022.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026430/asprenas-n-1-22022.htmlMon, 17 Oct 2022 17:44:38 +0200
Rassegna di Teologia n. 2/2022FOCUS

Carmelo Torcivia, La fondazione teologico-pastorale

della fede popolare

Antropologia – Fede popolare – Fondazione teologico-pastorale

– Inculturazione della fede – Vicinanza di Dio

STUDI

Emanuele Iula SJ, Decostruire le istituzioni.

Dall’etica del rinnovamento all’etica della rigenerazione

Decostruzione – Etica – Generatività – Istituzione – Legami

Simona Segoloni Ruta, Collaborazione fra vescovi o fra

Chiese?

Chiesa particolare – Conferenze episcopali – Episcopato – Relazioni

– Sinodalità

Rocco Pititto, Ludwig Wittgenstein: “uditore della parola”?

Fede – Pensiero religioso – Religiosità – Sacra Scrittura –

Trascendenza

NOTE E DISCUSSIONI

Antonio Lattanzio, Pensare l’identità umana in tempo di

crisi: quali sfide per la teologia pratica?

Confessione della fede – Crisi sanitaria – Identità umana – Teologia

pratica – Transdisciplinarità

Presentiamo un libro

Alessandro Clemenzia, Un recente contributo su Lutero e

l’ontologia

Nicola Salato, Chiesa e spazio pubblico.

In margine a un recente libro di Marcello Neri

Recensioni

 

Carmelo Torcivia*

La fondazione teologico-pastorale

della fede popolare

Il presente articolo introduce a quanto è emerso all’interno del Convegno di studi sulla “Fede popolare”, svolto nella Sezione “San Luigi” della PFTIM dal 25 al 26 febbraio 2022. La fondazione teologico-pastorale della fede popolare è individuata nel processo di inculturazione della fede. I caratteri principali della fede popolare si rintracciano nella centralità del popolo di Dio che rappresenta nelle sue forme culturali il tema della vicinanza tra il fedele e Dio. This article is an introduction to the Conference “Fede popolare” (People Faith) in the PFTIM section “San Luigi” (Saint Louis) which took place on 25-26th February 2022. People faith theological and pastoral basis is identified in the enculturation process of faith. The meaningful features of people faith are traced in the central role of God’s people who represents in its cultural shapes God and believers closeness.

1. L’attuale situazione della fede popolare Quando oggi si esaminano i diversi aspetti della fede popolare1, ci si accorge che si è davanti a un fenomeno complesso nelle sue diverse sfaccettature e ricco di vissuti e di significati. Malgrado infatti le “profezie” sociologiche sulla secolarizzazione degli anni ’60 e ’70 che davano per scontata la fine di questa forma di fede popolare, si deve oggi constatare che essa gode di buona salute, anche se ovviamente risente di tutti i cambiamenti socio-culturali in atto. Questi cambiamenti, infatti, hanno fatto sì che in alcuni casi ci si ritrovi di fronte a forme di fede popolare che sembrano ormai consegnate al folklore. In altri casi hanno creato un evidente contrasto intrapersonale in uomini e donne che da una parte si trovano a seguire convintamente alcune forme devozionali, espressioni tradizionali di visioni teologiche e teologali, e dall’altro lato stanno esistenzialmente dentro alle diverse dinamiche familiari, lavorative e del tempo libero di stampo chiaramente post-moderno2. La presenza della fede popolare è sparsa su tutto il territorio nazionale anche se con diversi esiti. Infatti, se risulta molto diminuita al nord Italia, è invece ben radicata nel sud Italia, dove ancora risulta portatrice sia della memoria dell’identità cultural-religiosa di tanti paesi e città sia di una certa forma di trasmissione della fede. In ordine appunto a questa, occorre rilevare che, dal punto di vista dell’osservazione delle prassi pastorali, si è attuato un passaggio di testimone tra le vecchie generazioni e le nuove. Infatti, per esemplificare, tra i portanti dei fercoli delle statue di Cristo, della Madonna e dei santi si vedono oggi molti giovani, in buona parte figli e nipoti dei vecchi portanti. Sicuramente ciò rientra nella tradizione familiare e tuttavia è opportuno notare che non ci si trova soltanto a un passaggio di ruolo familiare, ma anche di appropriazione delle specifiche devozioni. La cura pastorale a loro rivolta da alcuni presbiteri permette poi lo svolgimento anche di vere e proprie catechesi e di attenzioni spirituali3. La complessità di questa situazione crea una sorta di disagio nell’ambito ecclesiale. E così ci si ritrova a collezionare una serie di critiche, anche trancianti, da parte di presbiteri, religiosi, teologi e operatori pastorali […]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026423/rassegna-di-teologia-n-22022.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026423/rassegna-di-teologia-n-22022.htmlMon, 17 Oct 2022 16:44:47 +0200
Rivista di Pastorale LiturgicaEditoriale

2 S. Currò

Quando un valore sembra deprezzarsi

Studi

4 S. Maffi

Dal cortile all’appartamento

8 B. Ducatel

Domus ecclesiae: liturgia

e ambiente domestico

13 F . Feliziani Kannheiser

Riti domestici

17 F . Meusnier

«Non sanno più fare il segno di croce»

22 I . Seghedoni

Criteri per un’alleanza formativa

27 M. Di Benedetto

Liturgia in famiglia:

libri liturgici familiari?

32 A . Matteo

La fuga dei nonni

36 G . Routhier

L’esperienza canadese

delle Comunità domestiche

Formazione

40 L . Palazzi – L. Balugani

Ars celebrandi: celebrare con cordialità

5. Concordia

45 N . Tosc hi

Una Chiesa, molti doni e ministeri

5. Il ministero dell’accolito

50 L . Galliani

I mestieri della liturgia

5. Il giornalista

54 A . Join-Lamb ert

La Liturgia delle Ore:

preghiera della Chiesa

5. Come? Adattamenti necessari

Asterischi

59 D. Piazzi

Il Lezionario

5. «Narrate quali furono le cose passate...»

64 M. Gallo – G. Tornamb é

Sulle spalle dei giganti

Bernard Botte

 

EDITORIALE

Salvatore Currò

Quando un valore sembra deprezzarsi 

L’importanza della formazione liturgica e della preghiera in famiglia emerge particolarmente in rapporto al processo di conversione spirituale e pastorale che la Chiesa attuale sta vivendo e che, in sintesi, è segnato da due spinte tra loro connesse: quella missionaria e quella sinodale. La spinta missionaria provoca la comunità cristiana a uscire, ad abitare il territorio, a costituirsi in dialogo con tutti, dentro l’orizzonte sociale e mondiale. La spinta sinodale provoca a riconoscere il protagonismo dei singoli, a curare la corresponsabilità, a dare valore ai piccoli contesti e ai movimenti dal basso. Gli eventi recenti – dalla pandemia alla guerra, dai fenomeni migratori ai pericoli di disastri ecologici – ci fanno sentire ormai, volenti o nolenti, sulla stessa barca o nello stesso mare, legati gli uni con gli altri. Come cristiani ci sentiamo sempre più in cammino con tutti; condividiamo le speranze e le angosce di tutti; ogni attività pastorale sperimenta, nel suo piccolo, il riverbero delle problematiche del nostro mondo, di tutta l’umanità. A questo allargamento di orizzonte corrisponde la necessità di un radicamento ancora più concreto e la necessità di ridare vigore ai nostri piccoli contesti vitali, familiari e comunitari. È in tali contesti che ci costruiamo, impariamo a leggere la nostra presenza nel mondo, ci progettiamo, partecipiamo alla costruzione della fraternità universale, esercitiamo la speranza. La sfida, in ottica cristiana, è di farli diventare luoghi di reciprocità e gratuità, di vero cammino insieme; luoghi di discernimento, di preghiera, di una nuova ermeneutica del Vangelo in rapporto alle problematiche di oggi, di sperimentazione di una comunione liturgica nel segno della grazia. In questo contesto la famiglia, con le sue dinamiche, con le sue risorse e anche con le sue fragilità, ritrova la sua forza e la sua missione, nel mondo e anche nella Chiesa. Al di là delle apparenze, c’è una grande voglia di famiglia, pur nelle fatiche e difficoltà, e proprio mentre cresce il senso dell’umanità come una grande famiglia, unita nel bene e nel male. È bene che la comunità ecclesiale riconosca questa voglia di famiglia, sappia restituire spazio e protagonismo alle famiglie; sappia pensarsi di più come famiglia e sappia rinnovarsi e modularsi sulle dinamiche che sono proprie della famiglia. Questo non è affatto scontato; troppo spesso, infatti, la famiglia è guardata più come destinataria che come soggetto della pastorale, più a partire da preoccupazioni morali o dottrinali che di riconoscimento e di accompagnamento. La sfida è a rovesciare la prospettiva e ciò implica davvero una conversione a tutto campo: spirituale e pastorale, dello sguardo e degli atteggiamenti, della qualità delle relazioni e della preghiera, della pratica liturgica e della pratica della carità, dei processi formativi e del modo di fare comunità. A pensarci bene, in questo processo di conversione, famiglia, formazione, preghiera e liturgia costituiscono, nel loro intreccio, uno snodo fondamentale; per tante ragioni, che emergeranno negli interventi che seguono. Accenno qui solo ad alcune di queste ragioni, in ottica pastorale. Che la famiglia sia reale esperienza di Chiesa (chiesa domestica) non è un principio teologico astratto e nemmeno soltanto un ideale; è un fatto concreto, un già e non solo un non ancora, se non altro per il fatto che Dio è all’opera in ogni esperienza familiare, per quanto la sua presenza possa essere riconosciuta e accolta solo parzialmente. Tale fatto va assunto più profondamente nelle dinamiche pastorali, superando clericalismi e unilateralità, spesso giustificati con analisi e giudizi negativi sulla famiglia di oggi. Riconoscere la soggettività della famiglia significa anche, come si è accennato, modulare o sintonizzare le dinamiche della comunità cristiana su quelle familiari. Queste sono fatte di: sensibilità, affetto, concretezza, senso educativo, reciprocità, anche di alti e bassi, di perdono reciproco e di sempre nuovo inizio. La crescita nella fede non ha bisogno di ritrovare tali dinamiche? E non ne hanno bisogno anche la preghiera e la liturgia, che sono dimensioni costitutive dell’esperienza e della crescita cristiana? Per questa via si può sprigionare il senso della liturgia, soprattutto dell’eucaristia, come culmine e sorgente della vita cristiana ed ecclesiale. La pastorale è sfidata a situarsi nel movimento tra famiglia, comunità cristiana e società (suscitando percorsi in un senso e nell’altro); a favorire il cammino dal quotidiano (della famiglia, della famiglia umana) all’eucaristia (nella comunità cristiana), e viceversa. Ciò sarà possibile, senza eccessive forzature, se la pastorale (e anche la catechesi) ripenserà la sua mediazione (e la sua proposta formativa) su un piano meno intellettuale e più sensibile, corporeo, rituale, simbolico. C’è un segreto legame tra ciò che potremmo chiamare la dimensione sacramentale dell’esperienza (la presenza di Dio nel concreto) e l’espressione sacramentale della vita cristiana. In questo senso, la famiglia (l’esperienza più concreta) e la liturgia (l’esperienza più grande della grazia) sono molto più vicine di quello che può sembrare. Una mediazione pastorale, con tonalità concreta e insieme sacramentale, può farlo emergere.

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026416/rivista-di-pastorale-liturgica.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026416/rivista-di-pastorale-liturgica.htmlFri, 14 Oct 2022 16:31:21 +0200
Parole di VitaINDICE

Editoriale

Mara Rescio

DISCEPOLATO E FAMIGLIA IN MARCO

Giulio Michelini

GESÙ E LA LEGGE

Annalisa Guida

DAI FIGLI AI CANI (MC 7,24-30)

Dario Garribba

IN VIAGGIO CON GESÙ

Dionisio Candido

LA FINE DEL TEMPIO

Donatella Scaiola

TRA LA FINE E IL NUOVO INIZIO

Marco Cassuto Morselli

USCIRE DALLA TORÀ?

Alessandro Cortesi

GESÙ CRISTO OLTRE LE FRONTIERE

BIBBIA E SCUOLA

Marco Tibaldi

La frontiera del cambiamento

PER SAPERNE DI PIU

Annalisa Guida

Lingua, stile, espedienti letterari prediletti

RILETTURE

Valeria Poletti

Frontiere e confini

APOSTOLATO BIBLICO

Paolo De Martino

Dall’inizio alla fine

VETRINA BIBLICA

ARTE

Marcello Panzanini

Da un luogo all’altro: Cristo legge

il profeta Isaia nella sinagoga di Nàzaret

 

EDITORIALE

Di un predicatore itinerante come Gesu non sorprende che si sia mosso su un’area relativamente vasta, coincidente grosso modo con la valle del Giordano. Morto Erode, quel territorio si era frammentato e i confini amministrativi non coincidevano con quelli identitari (Dario Garribba). Spostarsi equivaleva il piu delle volte a varcare frontiere. Ora, se nei vangeli il tempo non e mera successione di fatti ma e carico di eventi, anche lo spazio trasuda senso. Cosi, gli itinerari attribuiti a Gesu non si riducono ad essere una somma di punti geografici, ma si trasformano anch’essi in messaggio, comunicazione della bella notizia. La geo-grafia diventa teo-grafia. Pari valenza hanno i confini e il loro attraversamento. Lo si vede bene nell’incontro con la donna sirofenicia narrato all’interno della sezione dei pani, tutta giocata sulle due sponde del mare di Galilea, dove le linee della demarcazione politica combaciano con quelle della configurazione religiosa. Lo sconfinamento territoriale nella regione di Tiro diventa occasione per mettere in contatto diversita e alterita (uomo/donna, galileo/straniera, giudeo/pagana, puro/impuro ecc.) secondo la “Tradizione” irriconciliabili (Annalisa Guida). L’attraversamento del confine, invece, svela la sua natura bifronte: e si barriera (finis), ma anche comunanza (cum); separazione, ma anche contiguita. Di Gesu, dunque, non si fa fatica a evidenziare i gesti e le parole che inducono a valicare ogni linea divisoria: il cerchio famigliare – tracciato dai legami di sangue – viene spezzato e ampliato per includere quanti intendono aderire alla famiglia escatologica di Gesu (Mara Rescio); il muro sacrale del tempio – equiparato a un fico sterile e destinato a scomparire – viene “risacralizzato” nello stile dei profeti dichiarandolo casa di preghiera per tutte le nazioni (Dionisio Candido); l’orizzonte della fine dei tempi – su cui incombe la minaccia del giudizio finale – diventa scadenza incoraggiante e motivante l’annuncio evangelizzatore rivolto a ogni popolo in attesa del Figlio dell’uomo che radunera tutti gli eletti del mon do (Donatella Scaiola). I teologi piu recenti, poi, hanno visto in Gesu l’anticipatore di quanti oggi varcano confini, su cui vigono divieti, portando a fin di bene merci o accompagnando persone in modo illegale, a meta tra il traghettatore e il contrabbandiere (Alessandro Cortesi). Egli sarebbe colui che va oltre, che apre percorsi sempre nuovi, perche la frontiera da linea di demarcazione diventa punto di partenza per ulteriori espansioni. Una simile prospettiva riverbera quella che guida il movimento narrativo di Atti degli apostoli: da Gerusalemme, alla Giudea, alla Samaria, fino ai confini della terra. D’altro canto, c’e pero da chiedersi in che misura la prassi della chiesa primitiva, indirizzata sempre piu esclusivamente alle genti, abbia indotto a proiettare su Gesu la propria propensione a far coincidere il superamento dei confini geografici del mondo giudaico con il superamento dei capisaldi del giudaismo religioso. La piu moderna ricerca sui vangeli, infatti, rileva come si attribuiscano con troppa facilita al rabbi di Nazaret posizioni contrarie alla Legge. Una corretta e pacata collocazione ambientale permette di focalizzare meglio simili posizioni anti-nomiste come riflesso di una prassi innovatrice dei primi cristiani o come risultato di preconcetti anti-ebraici dei cristiani successivi. Secondo alcune ricerche recenti, Marco presenta Gesu non in tensione radicale con il giudaismo, ma come un ebreo osservante; pur coinvolto in numerose controversie con i farisei per le loro interpretazioni espansive, concordava con loro, per esempio, sul fatto che di sabato si potevano compiere guarigioni (Giulio Michelini). Forse per lui non era indispensabile uscire dalla Torà per andare verso le genti (Marco Cassuto Morselli). Insomma, si propone un fascicolo stimolante, che richiede disponibilita ad abbandonare gli abituali schemi mentali, a varcare i confini dell’ovvio e del solito.

Quindi, buona lettura.

Marco Zappella

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026409/parole-di-vita.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026409/parole-di-vita.htmlThu, 13 Oct 2022 17:27:40 +0200
Servizio della Parola - n. 541-542Sguardi in pastorale

8. Del buon uso del Messale/4

Le preghiere eucaristiche (A. Carrara)

I nostri modi di dire

38. Ricorrere ai santi

1. «Ricorrere ai santi» (A. Carrara)

2. I discepoli implorarono Gesù: «Esaudiscila!».

Il ricorso all’intercessione dei santi (F. Manzi)

3. Intercedere: stare davanti a Dio per gli altri (E. Bolis)

Sulla speranza della vita eterna.

Veglia di preghiera

(R. Laurita)

Dalla 30ª domenica ordinaria a Cristo, Re dell’universo

23 ottobre /20 novembre

30ª domenica ordinaria (A. Landi, P. Bignardi, V. Brunello)

31ª domenica ordinaria (A. Landi, C. Cremonesi, V. Brunello)

Tutti i Santi (A. Landi, M. Gallo)

Commemorazione dei fedeli defunti (M. Gallo)

32ª domenica ordinaria (A. Landi, G. Canobbio, M. Della Bianca)

33ª domenica ordinaria (A. Landi, L. Eusebi, M. Della Bianca)

Gesù Cristo, Re dell’universo (A. Landi, D. Mencarelli, M. Della Bianca)

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026393/servizio-della-parola---n-541-542.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026393/servizio-della-parola---n-541-542.htmlThu, 13 Oct 2022 17:18:43 +0200
Studia Patavina 2022/2INDICE

editoriale 203 War, religions and history - La guerra, le religioni e la storia Stefano Didonè focus Riforma sinodale della chiesa cattolica e dialogo ecumenico: una possibile e feconda convergenza 207 Introduzione – Dall’ampiezza e dalla qualità dell’ascolto la portata della Riforma Luca Pertile 213 Luci dall’Oriente. Nota su dialogo cattolico-ortodosso e Sinodo Alex Talarico 225 Una frontiera ecumenica. Per una lettura delle esperienze sinodali nelle chiese della Riforma Riccardo Burigana 243 Dal Sinodo alla sinodalità Giacomo Canobbio 261 Quali potenzialità ecumeniche nel cammino verso il Sinodo del 2023? Un utile confronto tra il Documento di Ravenna e il Documento preparatorio Luca Pertile Prolusione 277 Religioni e fratellanza in Europa, oggi. L’esortazione dell’enciclica Fratelli tutti Miguel Ángel Ayuso Guixot Agorà 297 Studiare il cervello. Intervista a Carlo Arrigo Umiltà Leonardo Paris 309 Scrutare il reale. Intervista a Roberto Battiston Simone Morandini Ricerche 319 Introduzione – La lettura pragmatica della Bibbia in teologia pratica Assunta Steccanella 321 Lectio divina e pragmatica biblica. Per una “conversione ecologica” alla sacra Scrittura Roberto Vignolo 339 Dimensione pragmatica della Bibbia e pastorale Stefano Romanello 353 Racconto di fede e un racconto biblico: una via di ascolto per una centralità della Scrittura in teologia pratica Sara Biscaro temi e discussioni 365 La collocazione dell’Anonimo Commentario al Parmenide nella storia delle idee: la prospettiva gnoseologica come contributo alla questione Zeno Carra recensioni 379 Castiglioni L., Filles et fils de Dieu. Égalité baptismale et differénce sexuelle (G. Osto) 382 Löser W., Elementi per una teologia delle religioni. Sguardi e passi oltre i confini (G. Osto) 385 Bayne T., Filosofia della religione. Una breve introduzione (A. Sartori) 387 Celada Ballanti R., Filosofia del dialogo interreligioso (G. Osto) 390 Rossé G.-Coda P., Il grido d’abbandono. Scrittura, mistica, teologia (M. Ceschia) 393 Balzaretti C., 1-2 Samuele. Nuova versione, introduzione e commento (T. Lorenzin) 396 Carr D. M., Santa resilienza. Le origini traumatiche della Bibbia (T. Lorenzin) 399 Bellusci A.-Burigana R., Storia dell’Eparchia di Lungro. Le comunità albanofone di rito bizantino in Calabria 1439-1919, vol. 1; Storia dell’Eparchia di Lungro. L’Eparchia di Lungro degli italo-albanenesi dell’Italia continentale, vol.2 (A. Talarico) 403 libri ricevuti

 

EDITORIALE

War, religions and history La guerra, le religioni e la storia All’indomani dell’11 settembre 2001 le tesi pubblicate qualche anno prima (1996) da Samuel P. Huntington nel fortunato saggio The Clash of Civilizations and the Remaking of World Order sembravano offrire al grande pubblico un paradigma interpretativo unico – quanto controverso – con cui affrontare il grande trauma collettivo subito dall’Occidente. In quell’operazione culturale era sottinteso che le cause remote dello scontro di civiltà erano imputabili alle religioni e alle rispettive pretese di universalità e di unicità. Come spesso accade, ogni paradigma interpretativo unitario, come il tentativo compiuto da Arnold Toynbee (1889-1975) di inglobare, con metodo comparativo, la storia universale in un’unica direzione, appare inadeguato. Nella Fenomenologia dello Spirito (1807), Hegel afferma che «la storia è il divenire dello Spirito che sa e media se stesso». com’è noto, l’affermazione si colloca nel quadro di un sistema di pensiero che Paul Ricoeur non esita a smascherare come tentazione di rappresentare e di abbracciare il passato, il presente e l’avvenire come un tutto, ovvero una modalità di «totalizzazione stessa del tempo nell’eterno presente»1. L’interpretazione dello Spirito oggettivo come pensiero che si fa azione nelle istituzioni (famiglia, società, stato) e nel dinamismo della storia risulta coerente quanto ancora non del tutto adeguata. E qui emerge il carattere paradossale, e perciò fecondo, di un sistema di pensiero in cui anche la storia risulta soggetta anch’essa alla «astuzia della Ragione», la quale manovra coloro che se ne credono protagonisti. Sotto questo profilo, la lezione di Hegel rimane come una moderna “parabola” filosofica sulla storia, fonte di ispirazione per ogni riflessione che voglia cimentarsi con il tema del senso e del fine ultimo del fluire delle vicende storiche nel loro insieme, ovvero una filosofia della storia aperta alla riflessione sull’eterno, in qualsiasi senso lo si intenda. La lezione di Hegel rimane come una moderna “parabola” filosofica sulla storia, fonte di ispirazione per ogni riflessione che voglia cimentarsi con il tema del senso e del fine ultimo del fluire delle vicende storiche nel loro insieme, ovvero una filosofia della storia aperta alla riflessione sull’eterno, in qualsiasi senso lo si intenda. In questa prospettiva, il 24 febbraio 2022 appare certamente come una data dal valore simbolico. Non perché si colloca all’interno di una visione ancora ingenuamente eurocentrica, quanto per l’imprevedibilità delle possibili ripercussioni economiche e sociali (in particolare migratorie) legate al ritorno di uno scenario novecentesco come l’invasione su vasta scala di un intero paese europeo. Al netto della retorica delle presunte ragioni storico-culturali e pseudoreligiose – se non persino “mistiche” – presentate pubblicamente come giustificazione razionale per legittimare l’iniziativa militare, le conseguenze del ritorno della guerra in suolo europeo non sono al momento prevedibili. L’unico dato certo è che si tratta dell’ultimo conflitto in ordine di tempo rispetto alle 169 guerre già esistenti prima del suo inizio. Anche in questa occasione, la voce del magistero ecclesiastico si distingue per il tratto profetico. Con lungimiranza papa Francesco, primo papa non europeo, nell’enciclica Fratelli tutti (3 ottobre 2020) già tracciava una diagnosi precisa circa gli ostacoli presenti nell’attuale congiuntura storica. Egli vede nella pena di morte e nella guerra due «situazioni estreme» che «in definitiva non fanno che aggiungere nuovi fattori di distruzione nel tessuto della società nazionale e mondiale. Si tratta della guerra e della pena di morte» (n. 255). Ora che la guerra è tornata in territorio europeo è ancora piú evidente che essa non è «un fantasma del passato, ma è diventata una minaccia costante» (n. 256) per le nostre società. La questione non è solo di intensità (“bassa” o “alta”), ma di equilibri mondiali, rispetto ai quali il continente europeo appare drammaticamente privo di visione e soprattutto di un’anima comune. Il sogno dei padri fondatori dell’Europa unita (Adenauer, Schumann, De Gasperi), appare di fatto evaporato dalla Realpolitik che vede nella corsa al riarmo l’unica strada possibile per la sicurezza del territorio europeo. Il sogno dei padri fondatori dell’Europa unita (Adenauer, Schumann, De Gasperi), appare di fatto evaporato dalla Realpolitik che vede nella corsa al riarmo l’unica strada possibile per la sicurezza del territorio europeo. La posizione di radicale condanna della guerra da parte di papa Francesco non riscrive la dottrina cattolica, ma ne prosegue lo sviluppo dell’insegnamento avviato all’inizio del Novecento. Sviluppo certamente recente, se paragonato alla posizione storicamente favorevole alla “guerra giusta”. Agostino sviluppò una criteriologia razionale per la giustificazione della guerra, sistematizzata poi da Tommaso nella quaestio 40 nella Secunda Secundae della Summa (De bello). La prima domanda che si pone Tommaso riguarda la liceità morale della guerra (utrum bellare semper sit peccatum) e prevede che la legittimità di una guerra (aliquod bellum sit iustum) risponda a tre condizioni: l’autorità del principe, una giusta causa (una colpa da parte di coloro contro cui si fa la guerra) e che l’intenzione di chi combatte sia retta, cioè che miri a promuovere il bene e a evitare il male. Successivamente la Seconda scolastica con Francisco de Vitoria allarga la giustificazione della guerra come rimedio estremo quando sono stati esauriti tutti gli altri mezzi per la soluzione del conflitto, quando c’è ragionevole previsione di successo, quando il successo non abbia come conseguenza danni peggiori di quelli per cui la guerra è stata scatenata e, infine, con il divieto assoluto di coinvolgere civili innocenti. L’equilibrio di questa teologia dipende dalla concezione del «principio di proporzionalità». Solo a partire da Benedetto XV (1854-1914) la chiesa cattolica si pronuncia contro il ricorso alle armi in occasione dei conflitti. Per una vera e propria condanna decisa della guerra occorre attendere Giovanni XXIII con l’enciclica Pacem in terris del 1963, in cui il papa proclama l’irrazionalità del ricorso alla guerra come soluzione dei conflitti umani (n. 67) e denuncia la disumanità di ogni guerra. L’enciclica, proprio per la sua indole di razionalità condivisibile a tutti, è rivolta agli uomini di buona volontà in quanto tali e non solo ai cristiani. Questi brevi e fugaci cenni per suggerire l’apprezzamento per l’evoluzione interna al magistero ecclesiastico su un tema altamente sensibile. La posizione di radicale condanna della guerra da parte di papa Francesco non riscrive la dottrina cattolica, ma ne prosegue lo sviluppo dell’insegnamento avviato all’inizio del Novecento. In questo frangente storico in cui l’etica dell’informazione è la prima forma di virtú civile da perseguire per combattere ogni forma di manipolazione della verità, Studia patavina continua il suo percorso, offrendo una riflessione pacata sulla possibile convergenza tra la riforma sinodale della chiesa cattolica e le istanze del dialogo ecumenico. Il Focus dal titolo Riforma sinodale della chiesa cattolica e dialogo ecumenico: una possibile e feconda convergenza si collega idealmente con i precedenti approfondimenti sulla sinodalità nel primo millennio della chiesa (si veda Studia patavina 1/2021 e 2/2021), sulla quale pesano evidentemente le incertezze legate alla guerra e alle presunte ragioni di credibilità per la sua legittimazione nella lotta culturale contro l’Occidente. Ciononostante, come osserva il coordinatore del Focus, Luca Pertile, l’invito all’ascolto, anche di ordine teologico, mantiene la sua validità. «L’ascolto teologico, soprattutto quando riguarda elementi essenziali della vita della Chiesa, non s’improvvisa, ma va pazientemente costruito e affinato, anche perché non è mai disgiunto da un “atteggiamento ecclesiale complessivo” nei confronti di chi ci si propone di accostare e ascoltare». La rubrica Agorà ospita due approfondite interviste legate al tema fede e scienza, proseguendo idealmente il dialogo con il mondo universitario in occasione degli 800 anni dell’Ateneo di Padova (si veda l’editoriale del n. 1|2022). Infine, la sezione Studi e ricerche presenta il lavoro sulla giornata di studio dedicata alla lettura pragmatica della Bibbia nel metodo teologico-pratico, svoltasi nella sede della Facoltà il 28 ottobre 2021. Stefano Didonè direttore

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026386/studia-patavina-20222.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026386/studia-patavina-20222.htmlFri, 23 Sep 2022 17:54:01 +0200
Limpronta delle donnehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849873955/limpronta-delle-donne.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849873955/limpronta-delle-donne.htmlThu, 21 Jul 2022 06:01:32 +0200Professione volontariohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849873153/professione-volontario.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849873153/professione-volontario.htmlThu, 21 Jul 2022 06:01:25 +0200Rivista di Pastorale LiturgicaINDICE

Editoriale

2 F. Dossi – A. Colzani

Quando un valore sembra deprezzarsi

Studi

5 E. Curzel

Sposarsi nella storia

8 P. Mirabella

Come interpretare la crisi?

15 A. Bozzolo

Un “sacramento anomalo”?

20 V. Trapa ni

Esigenze rituali e desideri degli sposi

25 E. Massimi

La musica e il canto

nelle celebrazioni nuziali

31 G. Benatt i

Il sogno di una coppia… speciale

36 W. Ruspi

La preparazione al matrimonio:

corso o percorso?

42 G. Tornambè

Sposarsi in (quasi) tutte le lingue

del mondo

48 M. Baldacc i

“Sposarsi” in tre

Formazione

53 L . Palazzi – L. Balugani

Ars celebrandi: celebrare con cordialità

4. La competenza somatica

58 N . Toschi

Una Chiesa, molti doni e ministeri

4. Il ministero del lettore

63 R . Martinucci

I mestieri della liturgia

4. Il designer

69 A. Join-Lambert

La Liturgia delle Ore:

preghiera della Chiesa

4. Quando?

Asterischi

74 D. Piazzi

Il Lezionario

4. Il primato della Parola

 

EDITORIALE

Francesca Dossi – Alfonso Colzani

Quando un valore

sembra deprezzarsi

Il nonno Angelo era un finissimo artigiano intagliatore, formatosi a una prestigiosa scuola d’arte a inizio ’900. Costruiva mobili di pregio, arricchendoli di intarsi, bronzi e marmi, con tanta meticolosita e precisione. Qualche anno fa, le figlie ormai novantenni dovettero vendere casa e gli amati mobili. Si aspettavano che il dolore per la separazione potesse essere almeno lenito dall’apprezzamento di qualche appassionato compratore e, perche no, da un congruo corrispettivo in denaro. Grande fu la delusione quando, dopo mesi di ricerca di un acquirente – nemmeno i nipoti vollero quei ‘tesori’ – alcuni furono svenduti a prezzi irrisori, altri furono ritirati da una cooperativa sociale che, per di piu, chiese soldi per lo sgombero. Si perdoni il riferimento biografico, ci si e presentato un po’ per analogia: i dati sulla celebrazione del matrimonio cristiano ci hanno suscitato lo sgomento delle zie, in quanto custodiamo tesori di famiglia che pare non interessino piu e questo ci fa soffrire perche per esperienza ben conosciamo il loro valore. La congiuntura odierna ci chiama cosi alla sofferta presa d’atto che per i nostri contemporanei il matrimonio cristiano e un po’ come i mobili in stile: semplicemente non vanno piu, non piacciono e le case sono troppo piccole per contenerli. L’analogia – centrata sulla dimensione affettiva – termina qui. Ci aiuta a capire che, collocato sullo sfondo di questo lutto, il fascicolo si mostra coraggioso nello scegliere di affrontare il tema dello sposarsi, oggi faticoso e negletto, come i contributi di taglio storico e sociologico mostrano. Il tenore della sfida e quasi drammatico, ci dicono. Fortunatamente gli altri interventi, ciascuno con il suo taglio specifico, confortando, ricordando e mettendo a punto architettura, ragioni e bellezza del sacramento e della sua celebrazione, sembrano dire: Venite pure, noi siamo pronti, abbiamo tante cose buone e nutrienti da donare. Si, le comunita sono pronte. O meglio all’interno di esse molte coppie e preti sono dediti alla pastorale familiare e spesso hanno proposte di valore, accompagnano con passione e affetto, si prendono cura e fanno star bene i nubendi, preparano al futuro, lasciano una persistente eredita di ricordi luminosi. Tuttavia, le coppie sempre meno si accostano alle comunita e, da quanto ascoltiamo dai nostri studenti delle scuole superiori, non sembra che il futuro prepari cose migliori. Cosi possono tornare alla memoria le parole di Gesu: Come avvenne nei giorni di Noe, cosi sara nei giorni del Figlio dell’uomo: mangiavano, bevevano, prendevano moglie, prendevano marito, fino al giorno in cui Noe entro nell’arca e venne il diluvio e li fece morire tutti (Lc 17,26-27). Il loro tono apocalittico, che si riferisce a un prendere che e sotto il segno del male, perche allora la malvagita degli uomini era grande sulla terra (Gen 6, 5), ci puo tentare rafforzandoci nella condanna di una generazione persa fra peccati e vizi postmoderni, segno certo dell’avvicinarsi della fine dei tempi. Pensiero desolante e invasivo, che puo farci dimenticare che da allora Dio ha mutato il suo cuore; si legge infatti poco piu sotto: Non sara piu distrutta alcuna carne dalle acque del diluvio, ne il diluvio devastera piu la terra (Gen 9,11): anche questa e una generazione benedetta e il cristianesimo la puo attraversare e fecondare come ha fatto per le centinaia che l’hanno preceduta. Non ci sara un altro diluvio a lavare il male della terra, e questo sia uno sprone ad alzare lo sguardo al fine di cercare un nuovo futuro per i nostri tesori e i nostri giovani. Probabilmente non si trattera tanto di soffermarsi a ri-lucidare l’argenteria di famiglia, piuttosto di adoperarsi per rendere possibile anche per questa generazione l’abitare la casa ecclesiale. E il kairós del cammino sinodale e del riequilibrio dei generi ci offre due poderose occasioni per ristrutturare casa e renderla piu accessibile e funzionale. I due temi sono intrecciati e rappresentano due ambiti nei quali la Chiesa e in grave ritardo nel testimoniare il kérygma evangelico. Anzitutto duole constatare che l’approccio dottrinale e pastorale alla vita sessuale e ancora di fatto ampiamente sbilanciato in un’ottica di interdizione e tabu che allontana da un reale dialogo con le giovani generazioni. L’ascolto sinodale si propone cosi come imperdibile occasione in vista dell’articolazione di una morale familiare che non resti cieca davanti alle nuove costellazioni sociali (convivenze, divorzi, dilazione e rarefazione della responsabilita genitoriale), trovando nuove parole progettuali. Parimenti ci auguriamo che il percorso sinodale operi sulla mentalita e sull’architettura canonica e istituzionale, archiviando un clericalismo che e il pesante lascito dell’assetto sociale patriarcale in cui il cristianesimo si e incarnato storicamente, mantenendo un modello di governo (verticale) che risulta oggi estraneo all’autocomprensione dei piu. La questione non e solo quella di concedere spazi, ruoli e quindi visibilita ai laici e in particolare alle donne, ma di ristabilire il primato dell’equivalenza tra autorita e servizio. Una riforma anzitutto teologicamente dovuta, ma anche imprescindibile se vogliamo avere una chance per essere ascoltati dalle giovani generazioni. Rinnovare l’impianto ministeriale della Chiesa e quindi riattivare la pluralita dei carismi nella loro uguale dignita, promuove l’uscita del laicato dal ruolo passivo e marginale, riconoscendolo anche nei fatti attore centrale dell’azione testimoniale e di evangelizzazione cui e chiamata la Chiesa come popolo di Dio. Poter essere riconosciuti nel valore personale e testimoniale della propria condizione di vita, trovare un ruolo attivo e responsabile nella comunita, partecipare a una progettualita pastorale condivisa, godere di adeguato alimento spirituale per la vita quotidiana: una comunita che offre queste condizioni di pratica si dispone su un piano omogeneo rispetto all’autocomprensione esistenziale dei nostri giovani. Chissa che rimuovere barriere architettoniche, apparentemente remote rispetto al matrimonio sacramentale, non permetta almeno un incuriosito avvicinamento; a quel punto la mistagogia liturgica potra fare appieno la propria parte.

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026379/rivista-di-pastorale-liturgica.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026379/rivista-di-pastorale-liturgica.htmlWed, 20 Jul 2022 16:44:06 +0200
Parole di VitaIL VANGELO SECONDO MARCO

«DIETRO A ME»

Editoriale

Giacomo Violi

CHIAMATI, COSTITUITI E INVIATI

Paolo Mascilongo

LA FORMAZIONE DELLA COMUNITÀ DEI DISCEPOLI IN MC 1,16–8,30

Augusto Barbi

SULLA STRADA VERSO GERUSALEMME

Nicoletta Gatti

STRADA E CROCE: ESSERE DISCEPOLI

Ombretta Pettigiani

UN CIECO CHE VEDE BENISSIMO… IN MEZZO A MOLTI DISCEPOLI

Mirko Montaguti

LA PASQUA DEL DISCEPOLO. FALLIMENTO E PROMESSA

Marco Cassuto Morselli

I MAESTRI E I DISCEPOLI DI YESHÙA

Alessandro Cortesi

SEGUIRE GESÙ. CRISTOLOGIA E SEQUELA

BIBBIA E SCUOLA

Marco Tibaldi

Il vero discepolo

PER SAPERNE DI PIÙ

Paolo Mascilongo

Genere letterario del vangelo e questione sinottica

RILETTURE

Valeria Poletti

I discepoli

APOSTOLATO BIBLICO

Paolo De Martino

La Bibbia, una parola “nuova”

VETRINA BIBLICA

ARTE

Marcello Panzanini

Cristo e i peccatori penitenti di Pieter Paul Rubens

 

Editoriale

Dopo l’annunciatore e il suo annuncio, è il momento dei destinatari. Fin dall’inizio Gesù e il Regno sollecitano reazioni. Ora, essendo l’identità del primo complessa e la realtà del secondo articolata, anche le risposte degli interlocutori si presentano diversificate. I primi credenti in Gesù sono ricorsi a molteplici immagini per esprimere il loro rapporto con lui e con il Regno. Marco si affida alla ruota delle preposizioni per rappresentare le posizioni rispetto a Gesù: ci sono quelli insieme (i familiari: 3,21), quelli che si pongono di fronte (gli avversari: 3,22), altri stanno intorno (la nuova famiglia: 3,34), altri vanno dietro a (1,17), stanno con (3,14) o sono inviati da lui (6,7). Ma Marco vede in due immagini la migliore sintesi del rapporto stabilito con Gesù e da stabilire con il Risorto: discepolo e seguace. Oggi, per assuefazione, la scelta forse non sorprende, eppure nasconde due particolarità. Se considerati con attenzione, i due sostantivi uniti formano un ossimoro: il discepolo sta, ai piedi del maestro; il seguace cammina, dietro o sulle orme del leader. Ciò avviene perché il rabbi di Nàzaret esercita il suo magistero in modo del tutto peculiare: non in una yeshivà ma per strada, in movimento. C’è un’altra particolarità nella scelta terminologica di Marco che non andrebbe scordata: mentre oggi quasi senza badarci si usa ripetutamente il sostantivo astratto «sequela », Marco e gli altri evangelisti invece ricorrono soltanto a forme verbali, cogliendo e valorizzando la dimensione esperienziale e storica di quel tipo di rapporto con Gesù. Ne deriva che Marco elabora e propone percorsi narrativi di sequela, nel senso che lo snodarsi della narrazione forgia modelli di discepoli che seguono Gesù, messia e figlio di Dio, invitando il lettore a sceglierne uno e a ricrearlo. La prima metà del vangelo (1,16–8,30) è dedicata alla formazione del gruppo, nel duplice senso del termine, cioè a crearlo (Giacomo Violi) e ad educarlo ai valori del Regno (Paolo Mascilongo). Con il goffo e insensato tentativo da parte di Pietro di fermare Gesù diretto verso una conclusione sanguinosa e ingloriosa della sua vicenda inizia la focalizzazione sul mistero del Figlio dell’uomo, che dovrà soffrire, morire e risorgere. Discepolato e sequela si incontrano, scontrano e sostanziano sulla strada e con la croce (8,31– 10,45), dove la meta geografica (Gerusalemme) diventa meta teologica (si compiono le Scritture, come illustrano i contributi di Augusto Barbi e Nicoletta Gatti). Significativamente il percorso formativo si conclude con la guarigione del cieco Bartimeo, che pare vederci benissimo (Ombretta Pettigiani): colui che giaceva sul ciglio della strada balza in piedi e si mette dietro al suo guaritore per salire a Gerusalemme, disponibile cioè a coprire quei mille metri di dislivello, immagine di quanto sia impervia la strada verso la croce. A una cecità superata se ne contrappone una pervicace: la nuvola dell’incomprensione, distesa sul racconto fin dall’inizio, da cirro diventa nembo e avvolge non solo gli esterni, ma anche il gruppo più ristretto. Il Maestro muore senza discepoli, il leader senza seguaci. Ma al fallimento degli uni e degli altri sopperisce la promessa del giovane biancovestito: «Vi precede in Galilea» (Mirko Montaguti). La vicenda, sospesa sul piano della narrazione, si apre sul piano della storia. Il rimando al luogo delle origini implica che, se da una parte il fallimento fa parte del percorso discepolare, dall’altra il Risorto rende possibile una relazione rinnovata con lui. Il fatto che la convivenza storica con Gesù da parte dei primi testimoni non li abbia esentati dall’incomprensione e dalla conoscenza parziale implica che la conoscenza di lui non si esaurisce in una dottrina su di lui, ma è parte di un’esperienza di cammino insieme con lui. Sequela e discepolato diventano luoghi della conoscenza e dell’incontro (Alessandro Cortesi) nel testo dell’autore e nel contesto del lettore, chiamato a immedesimarsi creativamente con i personaggi incontrati.

Buona lettura.

Marco Zappella]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026362/parole-di-vita.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026362/parole-di-vita.htmlWed, 20 Jul 2022 16:26:59 +0200
Concilium - 2022/3Indice

Bernardeth Caero Bustillos

Antony John Baptist – Margareta Gruber

Esther Mombo, Editoriale

Abstracts

I. Approcci contestuali alla Bibbia 25

1. L’interpretazione biblica contestuale: una necessità teologica

Peter-Ben Smit – Klaas Spronk

Kirsten van der Ham,

Interpretazione contestuale della Bibbia.

Un’esigenza teologica

Introduzione

I/ Interpretazione contestuale della Bibbia secondo la Scrittura

II/ Interpretazione contestuale della Bibbia nella prospettiva della “tradizione”

III/ Un approccio ecclesiologico

Conclusione

2. L’interpretazione biblica dopo la svolta post-coloniale

2.1. Demetrius K. Williams,

Far parlare il “Libro parlante” in modo antirazziale . 

Introduzione

I/ Formazione identitaria, Bibbia e concettualizzazioni razziali

II/ La tradizionale interpretazione biblica razzista

III/ Verso un’interpretazione biblica antirazziale

Conclusione

2.2. Bernardeth Caero Bustillos, La Bibbia e la teologia india. «Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza» (Gv 10,10)

Introduzione

I/ Ferite storiche

II/ Voci profetiche nella teologia india

III/ «Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza» (Gv 10,10)

Conclusione

2.3. Samuel Kapani, Ermaneutica tribale: un percorso verso un dialogo integrale 

Introduzione

I/ Tribali del nord-est dell’India

II/ L’avvento del cristianesimo

III/ Ermeneutica tribale

1/ Ermeneutica della liberazione; 2/ Ermeneutica del dialogo; 3/ Ermeneutica della prassi sintetica; 4/ Ermeneutica incentrata sul creato o eco-ermeneutica

Conclusione

3. L’interpretazione biblica oggi: contesti pastorali

3.1. Ma. Maricel S. Ibita, Cambiare il mondo trasformando la parola di Dio. Avvicinare le Scritture in termini narrativi, ecologici e orientati al futuro

Introduzione

I/ Approcci alle Scritture narrativi, ecologici e orientati al futuro

1/ Le domande di Megan McKenna; 2/ La caratterizzazione dei personaggi; 3/ Il triangolo ecologico modificato; 4/ La normatività del futuro

II/ Cambiare il mondo, trasformare la parola di Dio

Conclusione

3.2. Christian Hennecke, In principio era il Verbo…

Esperienza e teologia evangelica nel movimento dei Focolari

I/ Impulsi per un paradigma ecclesiale

II/ Il dna dell’ecclesiogenesi nel riflesso della Parola vissuta

III/ Provocazioni: una profezia ecclesiale

IV/ La Parola per eccellenza

V/ La Parola nella parola: una mistica trinitaria

3.3. Fatima Tofighi, Una lettura eticamente responsabile della Bibbia. Una prospettiva musulmana sul velo delle donne in Paolo (1 Cor 11)

Introduzione

I/ Paolo e l’osservanza della legge, visti dall’esterno

II/ L’altro velato

III/ Rileggere il velo

Conclusione

3.4. Angela Standhartinger, «Più che maschio e femmina?». Una prospettiva LGBTIQ sul Nuovo Testamento

Introduzione

I/ Creazione e nuova creazione

II/ Passioni contro natura?

III/ «Ciò che saremo non è stato ancora rivelato» (1 Gv 3,2)

Conclusione

4. Interpretazioni bibliche: sfide e ostacoli

4.1. Norbert Reck, Il grande sconosciuto. Antigiudaismo, antisemitismo e la ricerca su Gesù di Nazaret

Introduzione

I/ L’Antichità: la controversia con Marcione e la gnosi

II/ La Modernità: la riscoperta di Gesù ebreo e la teologia cristiana

1/ Le reazioni dei teologi filo-illuministi; 2/ Le reazioni dei teologi anti-illuministi; 3/ Bilancio

III/ L’ebreo Gesù e il suo “progetto”

4.2. Michael Theobald, La questione dei ministeri. La relazione della chiesa cattolica con la Bibbia

I/ La storia della fondazione del ministero ordinato secondo Lumen gentium

II/ L’origine dei primi ministeri ecclesiali dal punto di vista della critica storica

III/ Gli inizi della chiesa: in partenza verso il futuro

4.3. Paulo Augusto de Souza Nogueira, Leggere l’Apocalisse a partire dalla periferia del mondo

Introduzione

I/ La lettura fondamentalista dell’Apocalisse mostra i segni rivelatori della Modernità

II/ I l linguaggio dell’Apocalisse non è prescrittivo

III/ L’Apocalisse è dualista, ma anche inclusiva

IV/ L’Apocalisse richiede una interpretazione performativa e creativa

V/ Leggere l’Apocalisse in tensione dialettica con le culture della periferia del mondo

II. Forum teologico 149

1. Nikolaos Asproulis, «Un messaggio congiunto per la tutela del creato». Una riflessione ortodossa orientale

2. Grigorios Larentzakis, Un appello comune per il futuro del pianeta. Un commento dalla prospettiva ortodossa

3. Mercedes Laura García Bachmann, Le teologie femministe ed ecofemministe, necessarie per pensare alla cura del creato

Introduzione

I/ Un primo esame generale del messaggio

II/ Lo sguardo femminista ed ecofemminista

Conclusione

4. Kevin Flynn, Fungere da amministratori

e nuova creazione in Cristo. Una prospettiva anglicana

III. Rassegna bibliografica internazionale

 

 

Editoriale

Approcci contestuali alla Bibbia

L’interpretazione della Bibbia è tanto antica quanto la Bibbia stessa. I testi più recenti rimandano a quelli più antichi, interpretandoli in contesti nuovi e dando così loro un nuovo significato. Gli autori del Nuovo Testamento si concepiscono come interpreti delle Scritture a cui si riferiscono. La Bibbia, così intesa, è un unico spazio interpretativo dell’esperienza religiosa dei credenti di Israele e dei primi cristiani. Questo processo continua sia nel giudaismo rabbinico che nel cristianesimo delle origini, e arriva fino alla moderna globalizzazione. I testi biblici sono continuamente aggiornati, man mano che le persone li rileggono dalla prospettiva delle proprie realtà contestuali e dal significato dato a questi contesti. La realtà contestuale concreta che inquadra l’interpretazione di un testo biblico ha un ruolo fondamentale non solo per l’interpretazione pratico-pastorale, ma anche per gli studi teoretici e teologici dei testi biblici. La teoria e la prassi sono strettamente legate fra loro, specialmente quando si tratta di comunicare un messaggio. Un importante contributo alla teoria e alla pratica dell’interpretazione biblica viene, senza dubbio, dal documento della Pontificia commissione biblica L’interpretazione della Bibbia nella chiesa (1993). Questo documento tratta i diversi metodi di interpretazione biblica, compresi alcuni approcci contestuali, come quello liberazionista e quello femminista. Nel tempo, in un mondo globalizzato, l’approccio contestuale alla Bibbia è diventato sempre più importante: il testo biblico viene interpretato a partire dal contesto delle realtà dei lettori, poiché Dio e l’umanità non possono essere pensati separatamente. Partendo da una prospettiva paolina, Rudolf Bultmann scrive: «Ogni affermazione riguardante Dio è contemporaneamente una affermazione riguardante l’uomo, e viceversa»1. Ne consegue che «l’intero processo di interpretazione della Scrittura nella chiesa è anche un processo di vita, in cui l’esegesi ha certamente un ruolo importante, ma è solo una parte tra le altre»2. Il punto di partenza di un approccio contestuale è la ricerca della connessione tra il testo e la realtà di vita del lettore. La Bibbia si lega qui all’esperienza spirituale. Il significato del testo non è ricercato solamente nell’intenzione dell’autore biblico che si trova dietro al testo (esegesi storico-critica), né nell’intenzione che si trova nel testo (studi letterari), ma anche nel lettore che si trova davanti al testo. Questo significa che l’interpretazione non è uno studio passo-dopo-passo di brani biblici, ma piuttosto un dialogo in cui ogni partner della conversazione ha pari rango e spazio: «La crescente pluralità tra gli studi sulla forma finale ha portato a capire che l’interpretazione biblica odierna, nel suo complesso, è descritta in termini di una “tri-lettica” tra autore, testo e lettore, piuttosto che da una dialettica tra sincronia e diacronia»3. Da un punto di vista esegetico, nella diversità di sviluppi, approcci e letture, deve essere tenuta presente la questione dei «limiti dell’interpretazione» (Umberto Eco). Per questo motivo la diversità di interpretazioni bibliche dev’essere accompagnata da un’accurata riflessione ermeneutica. La ricerca interdisciplinare può inoltre aiutare a costruire ponti […]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026355/concilium---20223.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026355/concilium---20223.htmlWed, 20 Jul 2022 15:35:20 +0200
Servizio della Parola - n. 540 - La predicazione marianaLa predicazione mariana

1. Da Lumen gentium a Marialis cultus

1.1 Dio ha operato grandi cose in Maria: la madre di Gesù in Luca di Antonio Landi

1.2 Maria, modello del discepolo di Cettina Militello

1.3 Il rapporto dei credenti con Maria: la devozione mariana di Antonio Escudero

2. La predicazione mariana nelle grandi feste mariane

2.1 Immacolata concezione di Maria di Francesco Sca nziani

2.2 Madre di Dio regina della pace di + Antonio Staglianò

2.3 Annunciazione del Signore di Corrado Maggioni

2.4 Assunzione e devozione mariana di Giac omo Canobbio

3. La predicazione mariana a partire dal Messale e Lezionario mariani

Nei tempi liturgici forti

3.1 Maria figlia eletta della stirpe di Israele

di Rosanna Virgili .

3.2 Santa Maria di Cana

di Roberto Vignolo

3.3 Santa Maria discepola del Signore

di Marinella Perroni .

Nel tempo ordinario

3.4 Maria immagine e madre della chiesa (I) di Gianca rlo Bruni

3.5. Maria Vergine tempio del Signore di Nunzio Capizzi

3.6 Maria vergine sostegno e difesa della nostra fede di Maurizio Aliotta

3.7. Maria regina e madre della misericordia di Simona Segoloni Ruta

3.8. Santa Maria salute degli infermi di Luciano Sandrin

4. La pratica della predicazione e della devozione mariana

4.1. La predicazione in un santuario mariano di Luigi De Candido

4.2 Maria Vergine madre e mediatrice di grazia di Giova nni Rota

4.3. Luci e ombre della devozione mariana oggi di Giac omo Canobbio]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026348/servizio-della-parola---n-540---la-predicazione-mariana.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026348/servizio-della-parola---n-540---la-predicazione-mariana.htmlTue, 19 Jul 2022 16:56:37 +0200
Servizio della Parola - n. 539Sguardi in pastorale

7. Del buon uso del Messale/

La liturgia eucaristica (A. Carrara)

I nostri modi di dire

37. Purificare l’anima

1. «Purificare l’anima» (A. Carrara)

2. Con occhio limpido. Uno sguardo

libero, scevro da bramosia (P. Rota Scalabrini)

3. Lasciare che l’anima venga purificata (M. Torcivia)

Incontro per i membri dei Consigli parrocchiali per gli affari economici

(R. Laurita)

Dalla 23ª alla 29ª domenica del Tempo ordinario

4 settembre /16 ottobre

23ª domenica ordinaria (A. Landi, P. Bignardi, M. Roselli)

24ª domenica ordinaria (A. Landi, A. Montanari, M. Roselli)

25ª domenica ordinaria (A. Landi, M. Aliotta, M. Roselli)

26ª domenica ordinaria (A. Landi, G. Lanzi, G. Tornambé)

27ª domenica ordinaria (A. Landi, L. Felici, G. Tornambé)

28ª domenica ordinaria (A. Landi, D. Mencarelli, A. Andretto)

29ª domenica ordinaria (A. Landi, C. Stercal, D. Fidanza)

 

________________________________________________

7.

Del buon uso del Messale/3

La liturgia eucaristica

di Alberto Carrara

Dopo aver ascoltato la Parola, dopo aver proclamato la fede e pregato per la chiesa e per il mondo, inizia la liturgia eucaristica. Da notare, fin da subito, una sottigliezza espressiva che va precisata. La liturgia eucaristica è il “contenitore” nel quale rientra la preghiera eucaristica, che comincia con il Prefazio. Dunque, la preghiera eucaristica è un momento – seppure importante – della liturgia eucaristica. L’oscillazione delle parole ribadisce, nel suo piccolo, la natura complessa della liturgia eucaristica che, quindi, non può essere ridotta a semplice parola e neppure a semplice preghiera. Questa, anzi, riceve tutto il suo senso più alto proprio dalla sua collocazione nell’insieme della liturgia della messa e, in particolare, della liturgia eucaristica.

1.      La «preparazione dei doni»

Terminata la Liturgia della Parola, i ministri preparano sull’altare il corporale, il purificatoio, il calice, la palla e il Messale, mentre si può eseguire il Canto di offertorio. È bene che i fedeli esprimano la loro partecipazione all’offerta, portando sia il pane e il vino per la celebrazione dell’Eucaristia, sia altri doni per le necessità della Chiesa e dei poveri (MR, 325). Questa la sobria indicazione del Messale. Dalla quale, però, è comunque possibile trarre qualche suggerimento di concreta pratica liturgica. Anzitutto, si dice che sono i ministri che devono preparare, non il celebrante. A riprova che i ruoli della messa sono vari e articolati. Inoltre, si dice che i ministri preparano «sull’altare». Non sarebbe strano se il prete, a questo punto, finita la preghiera dei fedeli, per un istante, si sedesse alla sede, mentre avviene la preparazione e mentre si raccolgono le offerte nell’assemblea. Dovrebbe trattarsi, cioè – se l’espressione va presa sul serio – di vera preparazione e come tale dovrebbe anche apparire. Da qui, alcune semplici indicazioni. Se è a questo punto che «i ministri preparano» ciò che serve per la cena, appare logico che ciò che deve essere preparato adesso non deve già essere preparato prima. Si ripropone, anche in questo passaggio, la funzione simbolica centrale dell’altare, che non funge indistintamente da ambone, sede, tavolo di servizio, “spazio di rifugio” per tutto quello che serve… In particolare, gli oggetti che devono essere preparati a questo punto della liturgia dovrebbero trovarsi, possibilmente, su un tavolo laterale diverso dall’altare, per essere poi spostati sull’altare. Il che permetterebbe di vedere la «preparazione dei doni» come vera preparazione, vera messa in tavola del cibo e della bevanda che servono. In effetti non è – e non può apparire – vera preparazione lo spostare, per pochi centimetri, il calice e il resto da un lato al centro dell’altare. Quando è così, la preparazione è striminzita, poco visibile: si fatica a vederla, appunto, come vera preparazione. La liturgia, il “fare” tipico della liturgia, giova ripeterlo anche a questo punto, o lo si vede e lo si percepisce, o non è. Tutto questo vale anche nel caso di una celebrazione “solitaria” del prete senza ministri. Il prete dovrebbe, lui, spostare le cose dal tavolo laterale all’altare, disporre, preparare. In quel caso il prete è il ministrante di se stesso. Non è il massimo, ma è la verità di quella particolare liturgia e della sua relativa povertà. Non si salva la nobiltà della liturgia semplicemente facendo […]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026331/servizio-della-parola---n-539.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026331/servizio-della-parola---n-539.htmlTue, 19 Jul 2022 16:56:31 +0200
Miscellanea Francescana n. I - II/2022https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026324/miscellanea-francescana-n-i---ii2022.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026324/miscellanea-francescana-n-i---ii2022.htmlFri, 15 Jul 2022 16:53:22 +0200Il testo sacro dei musulmanihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788829010073/il-testo-sacro-dei-musulmani.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788829010073/il-testo-sacro-dei-musulmani.htmlFri, 15 Jul 2022 05:57:30 +0200Storia di una sconfittahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788829017324/storia-di-una-sconfitta.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788829017324/storia-di-una-sconfitta.htmlFri, 15 Jul 2022 05:57:25 +0200Tornare a Itacahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788829015757/tornare-a-itaca.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788829015757/tornare-a-itaca.htmlFri, 15 Jul 2022 05:56:55 +0200Bibbia e Corano, un confrontohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788829015894/bibbia-e-corano-un-confronto.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788829015894/bibbia-e-corano-un-confronto.htmlFri, 15 Jul 2022 05:56:51 +0200Primi libri per leggere il mondohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788893575218/primi-libri-per-leggere-il-mondo.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788893575218/primi-libri-per-leggere-il-mondo.htmlWed, 13 Jul 2022 05:57:24 +0200Come nasce un leaderhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849873689/come-nasce-un-leader.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849873689/come-nasce-un-leader.htmlSat, 09 Jul 2022 05:55:23 +0200Gioco dell'Eroehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539034/gioco-delleroe.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539034/gioco-delleroe.htmlWed, 06 Jul 2022 06:01:45 +0200Gioco dell'Eroehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539027/gioco-delleroe.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539027/gioco-delleroe.htmlWed, 06 Jul 2022 06:01:40 +0200Sabbiahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539058/sabbia.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539058/sabbia.htmlWed, 06 Jul 2022 05:59:31 +0200Sabbiahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539041/sabbia.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539041/sabbia.htmlWed, 06 Jul 2022 05:59:27 +0200Fiabe giapponesihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539072/fiabe-giapponesi.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539072/fiabe-giapponesi.htmlWed, 06 Jul 2022 05:58:58 +0200Fiabe giapponesihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539065/fiabe-giapponesi.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539065/fiabe-giapponesi.htmlWed, 06 Jul 2022 05:58:54 +0200Anna M. Cànopihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788867371587/anna-m-canopi.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788867371587/anna-m-canopi.htmlWed, 06 Jul 2022 05:58:41 +0200Anna M. Cànopihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788867371570/anna-m-canopi.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788867371570/anna-m-canopi.htmlWed, 06 Jul 2022 05:58:38 +0200Il cielo delle Alpi Ogni estate i giornali annunciano la fine dei grandi ghiacciai alpini. Ma com'è cambiato il clima sulle nostre montagne? E soprattutto, come l'uomo ha convissuto con le trasformazioni che hanno attraversato i millenni? La storia del cielo sopra le Alpi in 12 tappe appassionanti.

Cosa pensava ...tzi dell'ambiente in cui viveva e in cui trovò la morte? Da dove nasce l'idea di Annibale di valicare i passi alpini? A quali esseri magici e religiosi si sono da sempre votati i Walser per vivere fra le nevi e i ghiacci del Monte Rosa? Da quali fenomeni atmosferici e climatici si è fatto incantare Leonardo da Vinci di fronte alle Alpi? O, ancora, come hanno osservato, vissuto, studiato, rappresentato il clima alpino tra Sette e Ottocento de Saussure, Napoleone, Turner e Segantini? Come lo hanno raccontato Mario Rigoni Stern e Pierluigi Cappello? Cos'ha significato per i più grandi alpinisti del Novecento, Walter Bonatti e Reinhold Messner? Il cielo delle Alpi vuole ripercorrere e ricostruire il rapporto che l'uomo ha instaurato con il clima delle Alpi nel corso dei secoli attraverso le vicende di alcuni fra i personaggi più noti del passato e del presente. Un percorso lungo il tempo e lo spazio narrato dall'interno, attraverso lo sguardo e le sensazioni di coloro che più di tutti sono entrati nell'immaginario collettivo come i veri conoscitori delle Alpi.

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788858149911/il-cielo-delle-alpi.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788858149911/il-cielo-delle-alpi.htmlWed, 06 Jul 2022 05:57:22 +0200
Il digiuno secondo Santa Ildegardahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788827231807/il-digiuno-secondo-santa-ildegarda.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788827231807/il-digiuno-secondo-santa-ildegarda.htmlWed, 06 Jul 2022 05:55:33 +0200Contemporaneo Classicohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788893575065/contemporaneo-classico.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788893575065/contemporaneo-classico.htmlFri, 01 Jul 2022 06:10:46 +0200Le nuove storie del negozio di bambolehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539010/le-nuove-storie-del-negozio-di-bambole.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539010/le-nuove-storie-del-negozio-di-bambole.htmlThu, 30 Jun 2022 06:07:49 +0200Le nuove storie del negozio di bambolehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539003/le-nuove-storie-del-negozio-di-bambole.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833539003/le-nuove-storie-del-negozio-di-bambole.htmlThu, 30 Jun 2022 06:07:45 +0200Viaggio nell'Antico Egittohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833363943/viaggio-nellantico-egitto.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833363943/viaggio-nellantico-egitto.htmlThu, 30 Jun 2022 06:06:55 +0200Viaggio nell'Antico Egittohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833363936/viaggio-nellantico-egitto.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833363936/viaggio-nellantico-egitto.htmlThu, 30 Jun 2022 06:06:52 +0200Stickeen: La storia di un canehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538990/stickeen-la-storia-di-un-cane.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538990/stickeen-la-storia-di-un-cane.htmlWed, 29 Jun 2022 06:34:26 +0200Stickeen: La storia di un canehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538860/stickeen-la-storia-di-un-cane.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538860/stickeen-la-storia-di-un-cane.htmlWed, 29 Jun 2022 06:34:13 +0200Politica in Italiahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373304/politica-in-italia.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373304/politica-in-italia.htmlSat, 25 Jun 2022 05:55:55 +0200Sette ragioni per amare la filosofiahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373281/sette-ragioni-per-amare-la-filosofia.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373281/sette-ragioni-per-amare-la-filosofia.htmlSat, 25 Jun 2022 05:55:51 +0200Manuale di sopravvivenza ai capricci per genitori esasperatiDALLA MAGGIORE ESPERTA SPAGNOLA, IL METODO PER AFFRONTARE UNO DEI PASSAGGI PIÙ CRITICI DELLA CRESCITAIlManuale di sopravvivenza ai capricci per genitori esasperati è un viaggio per diventare genitori consapevoli e prevenire, accogliere, gestire i momenti di maggiore difficoltà nostra e dei nostri figli. Il primo libro pratico dedicato ai «capricci» più frequenti, per aiutarci a riconoscere se sono «contingenti» o «strutturali» e superarli di conseguenza: tanti esempi quotidiani – i drammi dell’ora della pappa, del bagnetto e della nanna – e un’ampia sezione su come imporre i limiti e i ‘no’ adeguati per uno sviluppo giusto ed equilibrato.

Un libro che insegna a reagire ai capricci con empatia e ascolto, abbandonando l’autoritarismo, controllando la rabbia, accogliendo l’unicità di nostro figlio… e risolvendo le situazioni critiche! Può succedere al supermercato, su un autobus oppure per strada. Vostro figlio, di fronte a decine di persone (e magari qualcuna la conoscete anche), comincia a urlare, si butta a terra, lancia oggetti, cerca di picchiarvi o tenta di ferirsi. È il classico capriccio – o scenata o sfuriata che dir si voglia. Lo sta facendo di proposito? Assolutamente no, eppure i capricci hanno la capacità di tirare fuori il peggio di noi. In realtà nostro figlio sta soffrendo, e l’emozione che prova è così potente da deflagrare all’esterno, incontrollata e travolgente. Ma come comprendere (ed evitare) queste scenate esasperanti? Míriam Tirado, giornalista e consulente genitoriale, ha individuato due tipologie di capricci: quelli evitabili (legati per esempio a stanchezza o fame), che è possibile prevenire, e quelli necessari, espressioni di una sofferenza emotiva che deve sfogarsi (e alla quale noi non dobbiamo sottrarci). L’importante è riconoscere l’arrivo della sfuriata e reagire nel giusto modo. Senza la pretesa di insegnare, ma con semplicità e confidenza, Míriam Tirado affronta il tema dei capricci in modo coinvolgente e innovativo - con esercizi di respirazione e strategie pratiche -, trasformando l’incubo dei genitori in un momento di condivisione e di crescita. Perché comprendere e accettare queste forme di espressione è il primo passo per cambiare il nostro sguardo sul mondo, rinunciando alle posizioni autoritarie e facendo del rispetto, dell’amore e della consapevolezza le chiavi di un’educazione armoniosa ed efficace. 

«Cosa ci impedisce di controllarci nelle situazioni complicate in famiglia? Ci mancano risorse e strumenti. I secoli di maltrattamento infantile ci hanno fornito moltissime risorse per quanto riguarda la manipolazione, la creazione di paura nell’altro, il controllo e il comando, ma pochissimi suggerimenti per la risoluzione dei conflitti in modo rispettoso ed empatico.»Míriam Tirado

 ]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788855058490/manuale-di-sopravvivenza-ai-capricci-per-genitori-esasperati.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788855058490/manuale-di-sopravvivenza-ai-capricci-per-genitori-esasperati.htmlThu, 23 Jun 2022 06:04:19 +0200
Manuale di sopravvivenza ai capricci per genitori esasperatiDALLA MAGGIORE ESPERTA SPAGNOLA, IL METODO PER AFFRONTARE UNO DEI PASSAGGI PIÙ CRITICI DELLA CRESCITAIlManuale di sopravvivenza ai capricci per genitori esasperati è un viaggio per diventare genitori consapevoli e prevenire, accogliere, gestire i momenti di maggiore difficoltà nostra e dei nostri figli. Il primo libro pratico dedicato ai «capricci» più frequenti, per aiutarci a riconoscere se sono «contingenti» o «strutturali» e superarli di conseguenza: tanti esempi quotidiani – i drammi dell’ora della pappa, del bagnetto e della nanna – e un’ampia sezione su come imporre i limiti e i ‘no’ adeguati per uno sviluppo giusto ed equilibrato.

Un libro che insegna a reagire ai capricci con empatia e ascolto, abbandonando l’autoritarismo, controllando la rabbia, accogliendo l’unicità di nostro figlio… e risolvendo le situazioni critiche! Può succedere al supermercato, su un autobus oppure per strada. Vostro figlio, di fronte a decine di persone (e magari qualcuna la conoscete anche), comincia a urlare, si butta a terra, lancia oggetti, cerca di picchiarvi o tenta di ferirsi. È il classico capriccio – o scenata o sfuriata che dir si voglia. Lo sta facendo di proposito? Assolutamente no, eppure i capricci hanno la capacità di tirare fuori il peggio di noi. In realtà nostro figlio sta soffrendo, e l’emozione che prova è così potente da deflagrare all’esterno, incontrollata e travolgente. Ma come comprendere (ed evitare) queste scenate esasperanti? Míriam Tirado, giornalista e consulente genitoriale, ha individuato due tipologie di capricci: quelli evitabili (legati per esempio a stanchezza o fame), che è possibile prevenire, e quelli necessari, espressioni di una sofferenza emotiva che deve sfogarsi (e alla quale noi non dobbiamo sottrarci). L’importante è riconoscere l’arrivo della sfuriata e reagire nel giusto modo. Senza la pretesa di insegnare, ma con semplicità e confidenza, Míriam Tirado affronta il tema dei capricci in modo coinvolgente e innovativo - con esercizi di respirazione e strategie pratiche -, trasformando l’incubo dei genitori in un momento di condivisione e di crescita. Perché comprendere e accettare queste forme di espressione è il primo passo per cambiare il nostro sguardo sul mondo, rinunciando alle posizioni autoritarie e facendo del rispetto, dell’amore e della consapevolezza le chiavi di un’educazione armoniosa ed efficace. 

«Cosa ci impedisce di controllarci nelle situazioni complicate in famiglia? Ci mancano risorse e strumenti. I secoli di maltrattamento infantile ci hanno fornito moltissime risorse per quanto riguarda la manipolazione, la creazione di paura nell’altro, il controllo e il comando, ma pochissimi suggerimenti per la risoluzione dei conflitti in modo rispettoso ed empatico.»Míriam Tirado

 ]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788855058506/manuale-di-sopravvivenza-ai-capricci-per-genitori-esasperati.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788855058506/manuale-di-sopravvivenza-ai-capricci-per-genitori-esasperati.htmlThu, 23 Jun 2022 06:04:17 +0200
Il potere della crisihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788823884564/il-potere-della-crisi.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788823884564/il-potere-della-crisi.htmlThu, 23 Jun 2022 05:55:08 +02006x1https://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788831102780/6x1.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788831102780/6x1.htmlWed, 22 Jun 2022 05:58:52 +0200Manuale di incantesimi per apprendisti educatorihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788831102797/manuale-di-incantesimi-per-apprendisti-educatori.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788831102797/manuale-di-incantesimi-per-apprendisti-educatori.htmlWed, 22 Jun 2022 05:58:49 +0200Famiglie in azionehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788831102803/famiglie-in-azione.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788831102803/famiglie-in-azione.htmlWed, 22 Jun 2022 05:58:42 +0200Lettere I (1916-1933)https://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788831102773/lettere-i-1916-1933.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788831102773/lettere-i-1916-1933.htmlWed, 22 Jun 2022 05:58:39 +0200Punti sul nero ed esce il rossohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538846/punti-sul-nero-ed-esce-il-rosso.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538846/punti-sul-nero-ed-esce-il-rosso.htmlWed, 22 Jun 2022 05:58:17 +0200Punti sul nero ed esce il rossohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538839/punti-sul-nero-ed-esce-il-rosso.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538839/punti-sul-nero-ed-esce-il-rosso.htmlWed, 22 Jun 2022 05:58:13 +0200Giocando con i suoni, imparo a parlarehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835140993/giocando-con-i-suoni-imparo-a-parlare.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835140993/giocando-con-i-suoni-imparo-a-parlare.htmlWed, 22 Jun 2022 05:57:40 +0200Giocando con i suoni, imparo a parlarehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835141006/giocando-con-i-suoni-imparo-a-parlare.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835141006/giocando-con-i-suoni-imparo-a-parlare.htmlWed, 22 Jun 2022 05:57:37 +0200Il problema dell'altrohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835141327/il-problema-dellaltro.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835141327/il-problema-dellaltro.htmlWed, 22 Jun 2022 05:57:34 +0200A casa come va?https://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835141280/a-casa-come-va.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835141280/a-casa-come-va.htmlWed, 22 Jun 2022 05:56:14 +0200Lettere a casahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849871913/lettere-a-casa.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849871913/lettere-a-casa.htmlWed, 22 Jun 2022 05:55:23 +0200Studia Patavina 2022/1INDICE

Editoriale

Theology and University - Teologia e università. La ricorrenza degli 800 anni dell’Università di Padova

Andrea Toniolo

La cifra fondante dell’Università: Universa universis patavina libertas

Daniela Mapelli

focus Libertà di ricerca tra religione e università

Introduzione – Volontà di verità e volontà di potere. Oltre l’alternativa escludente

Leopoldo Sandonà

La teologia nelle università cattoliche tra orizzonte post-ecclesiale e paradigma tecnocratico

Massimo Faggioli

Facoltà teologiche, università e sfide globali: riflessioni

Roberto Tommasi

Logos biblico e logos filosofico. Una storia infinita

Silvano Petrosino

Angelo Gambasin (1926-1990), docente dell’Ateneo di Padova: il ricordo di un’allieva

Liliana Billanovich

Felicità, bene e verità. Intervista ad Antonino Poppi in occasione degli 800 anni dell’Università di Padova

Giulio Osto

Ricerche

La Facoltà teologica del Triveneto agli occhi dei suoi studenti. Risultati di un sondaggio online

Simone Zonato

temi e discussioni

Quale futuro delle chiese d’Occidente? Come re-inventare l’antica chiesa in un contesto sempre piú mondiale?

Gilles Routhier

Paradossale co-esistenza. Etica e sacro in dialogo a partire da Rudolf Otto

Leopoldo Sandonà

Il tema del silenzio nell’esperienza spirituale di Giuseppe Dossetti

Giancarlo Pivato

La fondazione della chiesa nella ecclesiologia di Hans Küng

Antonio Albanese

recensioni

Seewald Michael, Il dogma in divenire. Equilibrio dinamico di continuità e discon¬tinuità (G. Zambon)

Cognato Pietro, Morale autonoma in contesto cristiano. Il “caso serio” della Teologia morale (G. Trentin)

Bozzolo Andrea-Pavan Marco, La sacramentalità della Parola (L. Della Pietra)

Veltri Giuseppe, Il Rinascimento nel pensiero ebraico (M. Grusovin)

Candido Dionisio, Giuditta. Nuova versione, introduzione e commento (T. Lorenzin)

Pitta Antonio, Romans, The Gospel of God (A. Albertin)

segnalazioni

1. FILOSOFIA

Manzato Giuseppe, La coscienza della carità. Tracce di sociologia, filosofia, teologia (E. Riparelli)

2. RELIGIONI

Campanini Massimo, Maometto. L’inviato di Dio (M. Traversino Di Cristo)

Navon Moshe-Söding Thomas, Pregare Dio insieme. Un’interpretazione ebrai¬co-cristiana del Padre nostro (A. Bertazzo)

Catalano Roberto, Fra identità e pluralismo. Diario di un cristiano in dialogo con le religioni dell’India (G. Osto)

3. STORIA DEL CRISTIANESIMO

3.1 Biblico

Landi Antonio, Il Vangelo fino ai confini della terra. Testimonianza e missione negli Atti degli Apostoli (C. Broccardo)

4. TEOLOGIA

Pettinacci Mirko (cur.), Prendersi cura. Ricerche e riflessioni in tempo di fragilità (L. Tonello)

Caria Roberto, Cena a Betania. Una proposta teologico-conviviale per umanizzare ogni crisi sociale (G. Bozza)

Bellocq Arturo, Desiderare e agire. La razionalità pratica alla base della teologia morale (F. Magro)

Halík Tomáš, Pazienza con Dio (G. Osto)

Anelli Francesco, Teologia del popolo. Radici, interpreti, profilo (G. Zambon)

Solari Grégory, John Henry Newman. L’argument de la sainteté. Quatre variations phénoménologiques (A. Ramina)

Maceri Francesco (cur.), Il cristianesimo e l’Europa. Studi su Pavel Florenskij, Romano Guardini e John Henry Newman (A. Ramina)

191 libri ricevuti

--------------------------------------------------------------------

EDITORIALE

Theology and University

Teologia e università. La ricorrenza

degli 800 anni dell’Università di Padova

«In tutti i paesi, le università costituiscono la sede primaria della ricerca scientifica per il progresso delle conoscenze e della società». Il proemio di Veritatis gaudium (= VG 5), l’ultimo testo normativo del magistero sulle uni¬versità e facoltà ecclesiastiche (2018), ribadisce il ruolo della ricerca, svolta però nell’ambiente dell’università. La ricorrenza degli 800 anni dell’Uni¬versità di Padova è occasione propizia per riflettere sul rapporto tra teologia e università, paradossalmente proprio in un contesto, quello italiano, in cui dal 1873 le facoltà teologiche sono fuori dalle università statali, e in cui le otto facoltà teologiche extra Urbem non sono inserite in nessuna università. Il focus di questo numero di Studia patavina è dedicato a questa ricorrenza e alle varie implicazioni.

Nell’indirizzo di saluto (riportato dopo questo editoriale), la nuova ret¬trice dell’Università di Padova, Daniela Mapelli, menziona, come qualifiche proprie dell’Ateneo, due elementi: la «cifra fondante» della patavina libertas, e la collaborazione tra i saperi, per una «decifrazione costante e attenta» del mondo. Vale la pena sostare su questi due elementi.

Libertà e interazione dei saperi sono due condizioni fondamentali della ricerca, ben tematizzate anche da Veritatis gaudium quando parla di «libertà responsabile» e di «una forma “forte” di transdisciplinarità». Il tema della libertà della teologia, o meglio del rapporto intrigante tra teologia e potere, è al centro della riflessione di Massimo Faggioli: «Le sfide contro la liber¬tà del pensare teologico non sono piú soltanto e non piú principalmente quelle che derivano dal controllo ecclesiastico o dal controllo politico.

Libertà e interazione dei saperi sono due condizioni fondamentali della ricerca.

Derivano dalla dislocazione del potere» (p. 30), tra cui domina quello tec¬nocratico, rilevante non solo dal punto di vista economico e politico, ma soprattutto antropologico-sociale. La dissociazione avvertita tra teologia ac¬cademica e chiesa istituzionale ha in America sostanzialmente due ragioni, diametralmente opposte: la reazione anti-liberale cattolica (con fronte co¬mune contro papa Francesco) e la libertà del sapere teologico dalla chiesa istituzionale, in nome di una presunta scientificità. Tale dissociazione ha come conseguenza la perdita, per la teologia, del suo canone intellettuale e quindi la condanna alla sua irrilevanza. Si genera una teologia ideologica, incapace di interpretare i segni dei tempi. I due fronti opposti, che vogliono sottrarsi al “controllo ecclesiastico” (o per reazione o per libertà di pensiero), non sfug¬gono però al controllo di altri poteri, come quello politico ed economico (specie in America dove le università sono finanziate da sponsor privati).

In realtà, l’appartenenza a una tradizione di pensiero, quella cattolica, non rappresenta una privazione della libertà della teologia, ma la sua risorsa, il suo «canone intellettuale» (felice espressione di Faggioli), che in un certo senso la tutela di fronte ad altri poteri. Ovviamente il compito della razio¬nalità credente non è quello di ripetere tale tradizione, ma quello di mostra¬re la sua forza generatrice di senso, mediante un lavoro di aggiornamento o rinnovamento (come ha fatto il Vaticano II). Vengono in mente le parole di Chesterton: «La chiesa cattolica possiede una mappa della mente che sembra la mappa di un labirinto, ma che in realtà è una guida per orientarsi nel labirinto»1.

La finestra sul paesaggio teologico nord-americano evidenzia dinami¬che proprie di quel contesto, ma con forti ripercussioni anche sul nostro mondo, soprattutto quando si parla di libertà dei saperi.

In Europa il destino della teologia accademica sembra diviso in due bloc¬chi: quello mittel-europeo, dove la teologia è dentro le università statali (teologia piú “scientifica”), e quello latino-mediterraneo dove la teologia è fuori dal contesto universitario statale (teologia piú “ecclesiale”). Il primo rischia di essere irrilevante per la realtà pastorale (troppo accademico), il secondo per la realtà culturale (troppo pastorale).

La polarizzazione tra scientificità ed ecclesialità, tra Scilla e Cariddi, è in realtà costitutiva della teologia. La valenza “scientifica” (secondo l’ethos della ragione) della teologia sta nella sua ecclesialità: questo è il suo canone intellettuale, ovvero l’essere, in quanto logos, a servizio della verità che la chiesa custodisce, il vangelo, ben cosciente che tale verità non è una realtà astratta, anteriore o esterna alla storia. Il criterio «prioritario e permanente» della teologia è il kerygma (VG 4) o, meglio, la rivelazione di Dio in Gesú di Nazaret come buona notizia per il mondo, e il suo compito è quello, come ricorda Amoris laetitia, di «approfondire con libertà» le varie questioni dot¬trinali, morali, spirituali e pastorali di quel kerygma. Soprattutto in cambia¬menti epocali. I teologi non sono coloro che navigano solo quando il mare è calmo e piatto, ma anche quando c’è temporale e mare mosso; il buon teologo «ha un pensiero aperto, cioeincompleto, sempre aperto al maius di Dio e della verita, sempre in sviluppo» (VG 3). La fedeltà alla Parola, al di sotto della quale è lo stesso magistero, non significa vivere di rendita ma esplorare, per la storicità costitutiva della fede, le inattese vie di incontro tra kerygma e tutte le culture, anche con coraggio profetico.

La fedeltà alla Parola, al di sotto della quale è lo stesso magistero, non significa vivere di rendita ma esplorare, per la storicità costitutiva della fede, le inattese vie di incontro tra kerygma e tutte le culture, anche con coraggio profetico.

Lo stesso testo biblico ha una costituzione storico-ermeneutica: «la Bibbia domanda giustizia e discussione». Citando Lévinas, Silvano Petrosino mostra l’affinità tra il logos biblico e quello filosofico: la discussione, il con¬fronto, il dialogo come atto della polis, atto politico e di giustizia. Avere un logos, sia biblico oppure filosofico, significa saper rendere ragione di quel logos, nel dibattito pubblico. Il fatto che il Dio biblico abbia privilegiato la parola, si sia definito come “Verbo”, attesta l’esaltazione della parola umana: «la sua incarnazione nelle parole degli uomini non appare piú come il segno di un “adeguamento”, ma come l’evidenza di quella “esaltazione” che […] abilita ogni singolo uomo, a credere nel valore decisivo delle sue parole» (p. 48-49). Ma veniamo al secondo nodo cruciale, l’interazione dei saperi, su cui si sofferma il contributo di Roberto Tommasi.

La teologia ha «la responsabilità di interagire nello spazio pubblico della riflessione» (p. 32), mostrando la risorsa di senso che viene dal suo nucleo […]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026317/studia-patavina-20221.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026317/studia-patavina-20221.htmlTue, 21 Jun 2022 16:57:31 +0200
Massimiliano Kolbe. Il santo di Auschwitz. Testimonianze di coloro che lo hanno conosciutohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788898573493/massimiliano-kolbe-il-santo-di-auschwitz-testimonianze-di-coloro-che-lo-hanno-conosciuto.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788898573493/massimiliano-kolbe-il-santo-di-auschwitz-testimonianze-di-coloro-che-lo-hanno-conosciuto.htmlTue, 21 Jun 2022 15:35:38 +0200P. Putin e putinismo in guerrahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788869737664/p-putin-e-putinismo-in-guerra.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788869737664/p-putin-e-putinismo-in-guerra.htmlTue, 21 Jun 2022 05:56:09 +0200P. Putin e putinismo in guerrahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788869737671/p-putin-e-putinismo-in-guerra.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788869737671/p-putin-e-putinismo-in-guerra.htmlTue, 21 Jun 2022 05:56:05 +0200Traiettorie di sguardihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849871807/traiettorie-di-sguardi.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849871807/traiettorie-di-sguardi.htmlTue, 21 Jun 2022 05:55:38 +0200Parigi 1919https://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849871852/parigi-1919.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849871852/parigi-1919.htmlSat, 18 Jun 2022 05:55:33 +0200Linvincibile estatehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849871678/linvincibile-estate.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849871678/linvincibile-estate.htmlSat, 18 Jun 2022 05:55:30 +0200Frammenti di memoria sparsi sui marciapiedihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849872248/frammenti-di-memoria-sparsi-sui-marciapiedi.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849872248/frammenti-di-memoria-sparsi-sui-marciapiedi.htmlSat, 18 Jun 2022 05:55:26 +0200La reconquistahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373212/la-reconquista.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373212/la-reconquista.htmlWed, 15 Jun 2022 06:02:19 +0200I Santi patronihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373229/i-santi-patroni.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373229/i-santi-patroni.htmlWed, 15 Jun 2022 06:02:16 +0200Figure di apocalissehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373267/figure-di-apocalisse.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373267/figure-di-apocalisse.htmlWed, 15 Jun 2022 06:02:07 +0200Effetto Covidhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373199/effetto-covid.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373199/effetto-covid.htmlWed, 15 Jun 2022 06:02:01 +0200Antiglobalismohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373243/antiglobalismo.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373243/antiglobalismo.htmlWed, 15 Jun 2022 06:01:57 +0200Oceanohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538754/oceano.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538754/oceano.htmlWed, 15 Jun 2022 06:00:22 +0200Oceanohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538747/oceano.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538747/oceano.htmlWed, 15 Jun 2022 06:00:14 +0200Il Codice del Potere (Artha??stra)https://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538792/il-codice-del-potere-arthastra.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538792/il-codice-del-potere-arthastra.htmlWed, 15 Jun 2022 05:58:08 +0200Il Codice del Potere (Artha??stra)https://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538785/il-codice-del-potere-arthastra.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538785/il-codice-del-potere-arthastra.htmlWed, 15 Jun 2022 05:58:05 +0200Felice è colui che non è nientehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538778/felice-e-colui-che-non-e-niente.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538778/felice-e-colui-che-non-e-niente.htmlWed, 15 Jun 2022 05:57:44 +0200Felice è colui che non è nientehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538761/felice-e-colui-che-non-e-niente.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538761/felice-e-colui-che-non-e-niente.htmlWed, 15 Jun 2022 05:57:42 +0200La Turchia di Erdo?anhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373250/la-turchia-di-erdoan.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788815373250/la-turchia-di-erdoan.htmlWed, 15 Jun 2022 05:56:58 +0200Il prezzo della pacehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788854525672/il-prezzo-della-pace.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788854525672/il-prezzo-della-pace.htmlWed, 15 Jun 2022 05:55:51 +0200Il patrimonio culturale di interesse religioso in Italiahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849873467/il-patrimonio-culturale-di-interesse-religioso-in-italia.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788849873467/il-patrimonio-culturale-di-interesse-religioso-in-italia.htmlWed, 15 Jun 2022 05:55:17 +0200Conversazioni intorno al fuocohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538822/conversazioni-intorno-al-fuoco.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538822/conversazioni-intorno-al-fuoco.htmlWed, 15 Jun 2022 05:55:14 +0200Conversazioni intorno al fuocohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538815/conversazioni-intorno-al-fuoco.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788833538815/conversazioni-intorno-al-fuoco.htmlWed, 15 Jun 2022 05:55:10 +0200Rivista di Pastorale Liturgica M. Roselli

Tra pensiero acquisito e strada da fare

Studi

 F. Feliziani Kannheiser

Entrare nella vita con mani e piedi

 E . Prato

I sensi e la fede

 V. Mignozzi

I riti e il vero

 P.C. Rivoltella

Catechesi e liturgia nell’infosfera

 M. Baldacci – A. Peiretti

Educazione e ritualità in età prescolare

 A . Baldi – F. Silipo

Educazione e ritualità nei bambini

 M. Belli

Educazione e ritualità nell’adolescenza

 A . MaRChi – A. seCh

Formazione liturgica con gli adulti

Formazione

 L . Palazzi – L. Balugani

Ars celebrandi: celebrare con cordialità

3. Gratuità

 N . Toschi

Una Chiesa, molti doni e ministeri

3. Il rito di istituzione

 G . Gerv asoni

I mestieri della liturgia

3. Lo psicoterapeuta

 A . Join-Lambert

La Liturgia delle Ore:

preghiera della Chiesa

3. La preghiera di tutti i battezzati

Asterischi

 D . Piazzi

Il Lezionario

3. Dare «voce» alla Parola

 M. Gallo – G. Tornambé

Sulle spalle dei giganti

3. Jean Daniélou

 Segnalazioni

 

 

EDITORIALE

Michele Roselli

Tra pensiero acquisito

e strada da fare

A volte ritornano. Può essere questa l’impressione che si affaccia al pensiero di chi legge il titolo di questo numero della rivista. Con il conseguente rischio di lasciarsi prendere preventivamente da una sensazione di “già visto” su argomenti di cui si è già detto tutto, o molto. Non è la prima volta, in effetti, che si cerca di porre mano alla questione del rapporto tra liturgia e catechesi e non solo su queste pagine. «Che cosa si potrà mai dire di nuovo? ». Si potrebbe rispondere in modo lapidario che l’obiettivo non è dire cose nuove a tutti i costi. Più profondamente, ciò che si vorrebbe fare è disporsi a «imparare a vedere il nuovo » (T. Radcliffe), aprendosi al dono dell’avvenire. È questo ciò che questo numero della rivista si propone: fare il punto della situazione di un dialogo non sempre riuscito o cercato, offrire spunti per interpretare il presente e aprire alcune prospettive. I contributi puntuali e fondati di ciascuno degli autori sono, per questo, molto preziosi. La condivisione di tratti comuni assodati e di direzioni verso cui camminare insieme senza ricominciare ogni volta daccapo può essere un vantaggio, almeno perché può fare uscire da logiche binarie – ribadendo ciò che (speculativamente) catechesi e liturgia sono o non sono, ciò che esse favoriscono o non favoriscono – e può permettere di entrare in logiche di dialogo e alleanza. In questo senso la novità che motiva profondamente l’importanza di un ritorno su un tema tradizionale è il tempo che la Chiesa vive. E questo non è solo nuovo, ma anche inedito. Siamo entrati irreversibilmente in un cambio di epoca che è urgente prendere sul serio. L’esodo dalla cristianità segna una reale frattura con il mondo cristiano che fu e postula una trasfigurazione dei modi con cui la vita cristiana può iscriversi nell’oggi del mondo. La domanda per la liturgia e la catechesi, singolarmente e nella loro relazione reciproca, potrebbe allora essere formulata cosi: in che modo esse prendono seriamente in carico il cambiamento d’epoca nel quale siamo immersi, con tutti i suoi corollari, anche pratici? E come questa diaconia educativa e pratica alla fede le riconfigura e le ricolloca anche nella loro relazione reciproca? È relativamente alla possibilità della vita cristiana oggi che queste due azioni ecclesiali sono invitate a cercare il dialogo e la sinergia. Il contesto pluralista e secolarizzato colloca ciascuna delle due non nell’orizzonte della cura della fede (esistente) – ormai non è più così – ma in quello del servizio alla fede che nasce o che chiede di essere rifatta propria, assunta in modo libero e personale. È questo che le sollecita a ricomprendersi e a ridirsi. In che modo esse possono contribuire, anche praticamente, all’immaginazione di contesti vivibili ed ospitali di cristianesimo, in cui imparare – da bambini ma sempre più anche da giovani e da adulti – a credere e a pregare? In che modo esse possono accompagnare la transizione dal sacrale (di un cristianesimo fatto di una realtà fissa che si impone dall’esterno e a cui conformarsi per assimilazione) al simbolico (di una realtà religiosa di cui appropriarsi in modo personale e per convinzione interiore) 1? Una pedagogia didattica ed un approccio concettuale-razionalistico da soli non bastano più. Occorre liberarsi da un immaginario. Veniamo da un passato nel quale la fede cristiana e la pratica liturgica erano evidenze. In quel contesto, la catechesi era considerata propedeutica alla liturgia, si formava per celebrare. L’insegnamento e la spiegazione sembravano i mezzi migliori per accompagnare la vita credente. Si andava dal 1 Cfr. G. Ferretti, Essere cristiani oggi, Elledici, Torino 2011, 50. capito al celebrato. Ma nel nostro tempo, questo approccio intellettualistico è ancora sufficiente? Invertire i due termini del binomio sembrerebbe promettente, eppure ancora insufficiente. Ciò che radicalmente andrebbe scelto è ragionare nei termini di interazione reciproca, di circolarità, di collegamento perché la vita cristiana è un sistema complesso nel quale tutte le dimensioni – simboliche, corporee, intellettuali – lavorano insieme e contemporaneamente. Sul piano teorico questa consapevolezza pare acquisita: da tempo ci diciamo di evitare contrapposizioni, di superare visioni pregiudiziali e autoreferenziali. Sul piano pratico, però, per inerzia o nostalgia, molto resta ancora da fare. Come dice C. Theobald, «nel nostro contesto l’erosione del mondo simbolico e sacramentale mette in luce carenza pedagogica e pratica». Occorre allora praticare strade nuove, perché i linguaggi, le forme e le categorie della vita cristiana rischiano di apparire privi di senso. E questo vale sia per la catechesi sia per la liturgia. Si tratta di un lavoro teologico, culturale e spirituale che nessuno può fare da solo e che richiede il concerto di un’azione ecclesiale2. Non servono anzitutto grandi prese di posizione teoriche, forse bastano piccoli passi concreti, perché ogni nuovo immaginario si costruisce con «piccoli gesti» (T. Radcliffe).

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026300/rivista-di-pastorale-liturgica.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026300/rivista-di-pastorale-liturgica.htmlTue, 14 Jun 2022 17:57:26 +0200
Parole di VitaEditoriale

Giulio Michelini

LE PRIME PAROLE DI GESÙ: IL PROGRAMMA DEL VANGELO

Francesco Filannino

ESORCISMI E REGNO DI DIO

Giacomo Violi

GUARIGIONI E PRODIGI IN MARCO

Roberto Pasolini

«GUARDATE QUELLO CHE ASCOLTATE»

Stefano Zeni

LE DOMANDE DI GESÙ

Alessandro Pilo

UN FIGLIO DI DAVIDE CHE NON REALIZZA I DESIDERI DEL POPOLO

Marco Cassuto Morselli

VENGA IL TUO REGNO!

Duilio Albarello

I «MIRACOLI» TRA SALUTE E SALVEZZA

BIBBIA E SCUOLA

Marco Tibaldi

Il regno di Dio nelle parabole di Gesù

PER SAPERNE DI PIÙ

Annalisa Guida

Luogo e destinatari

RILETTURE

Valeria Poletti

Arte contemporanea

APOSTOLATO BIBLICO

Paolo De Martino

Come leggere la Bibbia?

LETTORI ISTITUITI

Alberto Dal Maso

Parola, liturgia, vita

ARTE

Marcello Panzanini

La Guarigione dell’emorroissa di Paolo Veronese

 

EDITORIALE

Dopo le prime parole del secondo vangelo con cui l’autore definiva l’identità di Gesù («Cristo, Figlio di Dio») è il momento di mettere a fuoco le prime parole del protagonista: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino». Le prime sono il titolo dell’opera; le seconde la sintesi del suo annuncio. E, come tutte le sintesi, quelle parole colpiscono l’uditore con la loro appuntita stringatezza ma, nel contempo, sollecitano la sua intelligenza a motivo della loro ambivalenza. Fin dall’inizio, infatti, scrittori e teologi hanno indicato nel regno di Dio il nucleo incandescente della predicazione di Gesù. Hanno però anche offerto versioni differenti sulle sue coordinate temporali e le sue modalità realizzative. Su tutto ciò hanno inciso non soltanto le differenti prospettive teologiche e le alterne congiunture storiche, ma soprattutto le ambivalenze riscontrabili proprio nella sintesi attribuita a Gesù: il sostantivo può avere un valore verbale (l’esercizio del potere), ma anche un’accezione geografica (il territorio del monarca) e una personale (i soggetti al dominio); con una forma verbale al perfetto che rende imperfetta ogni definizione: «è vicino», «si è avvicinato», «è giunto» (Giulio Michelini). Questa fluidità semantica pare riflettere la ritrosia di Gesù a definire il contenuto della buona notizia di cui si fa latore: per immediata comprensione da parte dei suoi interlocutori e per rispetto verso quel complemento («di Dio») che specifica a chi quella realtà appartiene. Eccolo, dunque, tracciare linee di approssimazione al mistero, disegnate attraverso esorcismi (Francesco Filannino) e miracoli (Giacomo Violi). Per Gesù segnano il compiersi delle profezie anticotestamentarie; per Marco manifestano l’irrompere del Regno come salvezza di tutto l’uomo e per tutti gli uomini, alla lettera sani e salvi (Duilio Albarello). Perciò in nessun altro vangelo occupano così tanto spazio e lo occupano proprio nella prima parte del percorso narrativo tracciato da Marco. Se esorcismi e miracoli rendono evidente e attivo il Regno, le parabole lo rendono eloquente e provocativo (Roberto Pasolini). L’atto linguistico provoca ciò che evoca: Gesù, mentre annuncia l’arrivo- presenza del Regno mediante il racconto parabolico, tramite lo stesso lo indica presente-in arrivo; dà inizio a una storia che si fa storia. E l’ascoltatore che sta di fronte a questa storia è sollecitato a starle dentro, cioè a lasciarsi coinvolgere e a permetterle di stravolgere le proprie convinzioni e posizioni; a non mettersi fuori presupponendo di essere per diritto dentro la nuova realtà annunciata dal rabbi di Nazaret. Il quale, in Marco più che negli altri sinottici, ricorre all’altro prezioso espediente retorico: la domanda (Stefano Zeni). Il Gesù delineato da Marco è il personaggio che interpella e sollecita, che non si sottrae a esami e interrogatori. Tutto il secondo vangelo è trapuntato da domande che coinvolgono il lettore in un processo di scoperta e di avvicinamento progressivo al mistero del Regno. Nei vangeli non se ne trova una definizione. Da parte sua, Marco costruisce una sorta di mistagogia narrativa. Conduce il lettore lungo un percorso cosparso di indizi; introduce al mistero attraverso segni e parole che s-velano e rivelano al tempo stesso. Come l’identità (storica, teologica e narrativa) di Gesù rimane inafferrabile (si veda il numero precedente), così la definizione dell’oggetto del suo messaggio rimane come abbozzato. Lo svolgimento avviene nell’atto di lettura, comprensione e conversione da parte del lettore/destinatario di ogni luogo e tempo nella misura in cui si impegna a sottrarre il regno di Dio al mondo delle nude idee, per avvicinarlo e scoprirlo nella e tramite la realtà storica e cosmica. Ciò implica la sfida a far realmente derivare la riflessione teologica e la prassi ecclesiale da quel nucleo incandescente così da rendere la pienezza del tempo e la vicinanza del Regno esperienza di gioia e di salvezza per tutti.

Buona lettura.

Marco Zappella

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026294/parole-di-vita.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026294/parole-di-vita.htmlTue, 14 Jun 2022 17:38:17 +0200
Servizio della Parola - n. 538INDICE

Sguardi in pastorale

6. Del buon uso del Messale/2

La liturgia della Parola (A. Carrara)

I nostri modi di dire

36. «Dio ti vede»

1. «Dio ti vede» (A. Carrara)

2. Lo sguardo di Dio (F. Dalla Vecchia)

3. «Dio vede e provvede» (E. Caretti)

Un corpo per pregare.

Un ritiro itinerante per adolescenti e giovani

(R. Laurita)

Dalla 17ª alla 22ª domenica del Tempo ordinario

24 luglio / 28 agosto

17ª domenica ordinaria (A. Landi, E. Bolis, M. Orizio)

18ª domenica ordinaria (A. Landi, G. Canobbio, M. Orizio)

19ª domenica ordinaria (A. Landi, P. Bignardi, M. Orizio)

20ª domenica ordinaria (A. Landi, A. Carrara, S. Toffolon)

Assunzione della Vergine Maria (A. Landi, D. Fidanza)

21ª domenica ordinaria (A. Landi, C. Cremonesi, S. Toffolon)

22ª domenica ordinaria (A. Landi, + G. Ambrosio, S. Toffolon)

 

 

6. Del buon uso del Messale/2

La liturgia della Parola

di Alberto Carrara

«Del buon uso del Messale»: è il senso di questa nota, della precedente e di quelle che verranno. Si tratta di considerazioni che non vengono suggerite da un inconfessato desiderio di sacralizzare il Messale, ma neppure dalla voglia di snobbarlo. In fondo, con una battuta banale, si potrebbe riassumere dicendo che il Messale va “usato bene”: è, appunto, il «buon uso». Ora, il «buon uso» del Messale è segnato da quella che si potrebbe chiamare una «rispettosa distanza». «Rispettosa» perché trattasi del libro ufficiale della liturgia della chiesa. «Distanza» perché l’uso non deve ridursi a semplice pedissequa lettura. Si tratta di mettere in opera un “gioco” intelligente tra il testo e il rito.

1. Il “gioco” corretto fra testo e rito L’immagine del “gioco” è intrigante, se intesa non nel significato sportivo del termine, ma nel suo significato meccanico. Dal dizionario Treccani il «gioco» viene definito: Nelle costruzioni meccaniche, piccolo spazio compreso, in un accoppiamento di elementi, tra le due superfici affacciate (per es., tra perno e cuscinetto, tra stantuffo e parete del cilindro), che può essere predeterminato (g. di lavorazione) oppure conseguente all’usura o a deficiente lubrificazione degli elementi dell’accoppiamento: lasciare un po’ di g. al perno; la leva del cambio ha troppo gioco1. L’immagine è intrigante perché, se applicata alla liturgia, suggerisce che lo stile liturgico funziona se le combinazioni sono insieme sufficientemente precise e passabilmente libere. Non ci si deve incollare (due ingranaggi che si sono incollati non girano più) e non ci si deve allontanare (due ingranaggi troppo distanti non si agganciano, non girano e non fanno girare la macchina). La troppa vicinanza soffoca i movimenti, la troppa distanza li rende scoordinati. Volendo, si può “giocare” – in questo caso, anche nel senso sportivo del termine – sulle suggestioni che ci vengono dalla definizione appena citata. A proposito della «usura». Molta liturgia è vittima di una diffusa usura: troppa liturgia spesso è sinonimo di cattiva liturgia: tutte quelle messe che servono – servivano – a riempire spazi e tempi! E a proposito della «deficiente lubrificazione». Molta liturgia manca di spontaneità e di comunicazione: manca una buona lubrificazione (ciò detto, concediamo facilmente che la liturgia è un conto e un cilindro con il suo stantuffo è un altro. Ma le immagini, è noto, per suggerire molto, finiscono per dire poco).

2. «Si reca all’ambone» Rivolgiamoci, dunque, alla liturgia della Parola. Così recita l’indicazione del Messale: «Il lettore si reca all’ambone e proclama la Prima Lettura. Tutti ascoltano seduti. Al termine della lettura, il lettore acclama: “Parola di Dio”» (MR, 320). In questa semplice rubrica, vi sono diversi elementi interessanti. Intanto, all’ambone ci si reca. Si deve salire o spostarsi. Il Messale, in altri termini, suggerisce che nella liturgia in genere, e nella liturgia della Parola in specie, si deve mettere in atto un certo movimento. È una suggestione particolare, ma molto utile e importante. Le nostre liturgie eucaristiche sono statiche. Ci si muove poco, pochissimo, anzi. Si muovono poco i fedeli. Anzi, non si muovono affatto. È difficile, infatti, che i fedeli si muovano, perché sono numerosi (o, forse, erano numerosi) ma soprattutto perché, confinati come sono nei banchi, li si costringe, per forza di cose, a starsene buoni, lì dove si sono seduti. Al massimo si alzeranno, si siederanno, si inginocchieranno… Poi, finalmente, usciranno per fare la comunione. Anche qui dovremmo dire “uscivano”, perché, per via del covid, sono rimasti per lo più confinati stabilmente nei banchi anche durante la comunione. Al di fuori della processione della comunione, comunque, gli unici movimenti previsti sono quelli per entrare in chiesa e per uscirne. La scarsità di movimenti, però, tocca anche coloro che agiscono sul presbiterio. La situazione si è particolarmente accentuata con la riforma liturgica. È noto il disagio, proprio in rapporto con i movimenti previsti dalla liturgia postconciliare. I vecchi presbitèri delle chiese storiche non offrivano grandi spazi. Non li offrivano semplicemente perché non servivano. Infatti il celebrante, nella messa preconciliare, si muoveva poco. Nel presbiterio dagli spazi ridotti, la riforma liturgica ha collocato la sede, il secondo altare, l’ambone. Dove non ci si muoveva, ci si deve muovere. La riforma conciliare, infatti, ci ha portato a capire che i movimenti sono componenti essenziali del “fare” liturgico, il quale non è solo parola e lettura della Parola, ma anche gesto e quindi anche movimento. La conseguenza inevitabile è che i movimenti diventano, per forza di cose, intralciati perché lo spazio, già ridotto, si è ingolfato con la collocazione dell’altare, della sede e dell’ambone. In questo ambito dai movimenti difficili, il Messale indica il necessario movimento del lettore all’inizio della liturgia della Parola: «si reca all’ambone». Non si tratta di un banale spostamento. Il lettore esce dall’assemblea, lascia la sua eventuale sede sul presbiterio e «si reca», sale all’ambone. Il movimento dettato dal Messale significa collocare il lettore nel suo importante ruolo liturgico. Per cui lo spostamento, il “recarsi”, il salire bisogna che lo si veda, che abbia un minimo di rilevanza. L’indicazione del Messale viene disattesa quando il lettore si limita semplicemente a collocarsi, e spesso già dall’inizio della messa, vicino all’ambone, scegliendo la soluzione più comoda e, quindi, la meno evidente. Anche in questo particolare momento della messa, diventa chiaro che la comodità e l’utilità confliggono dannosamente con la bellezza della liturgia. […]

]]>
https://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026287/servizio-della-parola---n-538.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/2484300026287/servizio-della-parola---n-538.htmlTue, 14 Jun 2022 16:07:54 +0200
Tutte le vite di Spinozahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788858847862/tutte-le-vite-di-spinoza.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788858847862/tutte-le-vite-di-spinoza.htmlTue, 14 Jun 2022 05:55:17 +0200L'ultima primaverahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788818038217/lultima-primavera.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788818038217/lultima-primavera.htmlSat, 11 Jun 2022 05:55:37 +0200Una manciata di fangohttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788818038200/una-manciata-di-fango.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788818038200/una-manciata-di-fango.htmlSat, 11 Jun 2022 05:55:33 +0200Crociatihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788836004393/crociati.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788836004393/crociati.htmlThu, 09 Jun 2022 05:56:07 +0200Il caso Agatha Christiehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788854526068/il-caso-agatha-christie.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788854526068/il-caso-agatha-christie.htmlWed, 08 Jun 2022 05:58:00 +0200La saggezza dei Samuraihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788827232156/la-saggezza-dei-samurai.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788827232156/la-saggezza-dei-samurai.htmlWed, 08 Jun 2022 05:55:15 +0200Come costruire uno scaffale multilingue in biblioteca ragazzihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788893575041/come-costruire-uno-scaffale-multilingue-in-biblioteca-ragazzi.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788893575041/come-costruire-uno-scaffale-multilingue-in-biblioteca-ragazzi.htmlTue, 07 Jun 2022 05:57:15 +0200Il Principehttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788855224000/il-principe.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788855224000/il-principe.htmlThu, 02 Jun 2022 06:01:58 +0200Storia d'Europahttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788855224024/storia-deuropa.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788855224024/storia-deuropa.htmlThu, 02 Jun 2022 06:01:55 +0200Giovani adultihttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835140542/giovani-adulti.htmlhttps://www.libreriadelsanto.it/ebook/9788835140542/giovani-adulti.htmlWed, 01 Jun 2022 06:02:28 +0200