Citazione spirituale

Laudato si. Lettera enciclica sulla cura della casa comune

di

Francesco (Jorge Mario Bergoglio)


Copertina di 'Laudato si. Lettera enciclica sulla cura della casa comune'
Ingrandisci immagine

EAN 9788810113370

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo Laudato si. Lettera enciclica sulla cura della casa comune Autore Editore Edizioni Dehoniane Bologna EAN 9788810113370 Pagine 192 Data giugno 2015 Peso 150 grammi Altezza 18 cm Larghezza 11,7 cm Profondità 1 cm Collana Documenti ecclesiali
Voto medio degli utenti per «Laudato si. Lettera enciclica sulla cura della casa comune»: 5 su 5 (5 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 18 giugno 2015 alle 10:14 ha scritto:

L'Enciclica del Papa per me e due copie in più per le persone che sentono il desiderio di leggerla.......

il 14 luglio 2015 alle 19:10 ha scritto:

Da tempo era annunciata la nuova enciclica di Papa Francesco sull'ecologia: un tema a cui tiene molto, lui che vuole essere un seguace del Poverello d'Assisi nella povertà e nell'amore alla natura. L'ambiente è la casa della vita: custodire la casa nella quale abitiamo è non solo un dovere, ma anche saggezza della vita. Il credente vede nel mondo un dono di Dio, attraverso il quale si prende cura della vita dell'uomo. L'ambiente e tutto il creato ci è affidato e ha bisogno di cure perché, altrimenti, lasciato a sé stesso diventa non abitabile e cessa di essere un giardino. Quindi, necessita la creatività dell'uomo, la quale però deve esercitarsi nel rispetto delle leggi che regolano la natura, in caso contrario non è più abitabile per l'uomo, perché troppo inquinata. Non si tratta per la Chiesa di sacralizzare la natura né di abbracciare teorie che si preoccupano più dell'ambiente che dell'uomo, ma di farsi carico del compito che Dio ha affidato all'uomo di custodire e coltivare la terra, compito di cui dovremo rispondere a Dio stesso. A noi uomini è affidato il compito di conservare abitabile il mondo per coloro che verranno dopo di noi. Compito di persone responsabili è cercare di rendere migliore il mondo per il futuro, quello che lasceremo in eredità ai nostri figli. Penso che sia necessaria un'ecologia umana; senza la quale l'ecologia ambientale manca del suo naturale fondamento. E' necessario adottare stili di vita nuovi, non fondati sull'aumento dei consumi e degli sprechi: basti pensare alla quantità di cibo che scartiamo o alla quantità di rifiuti che non riusciamo a smaltire. La Chiesa si preoccupa non di dare soluzioni tecniche, per le quali non ha competenza, ma di indicare principi di azione e criteri di giudizio in modo da orientare l'agire responsabile degli uomini di buona volontà. Bellissime sono le preghiere finali: per la nostra terra e la preghiera cristiana con il creato.

il 9 agosto 2015 alle 23:13 ha scritto:

Ho letto con tanto interesse questa Enciclica, quasi per un confronto con i testi di Benedetto XVI, la parte iniziale mi ha colpito di più, poi il testo è diventato più tecnico che spirituale e forse a tratti si notavano "più mani" nella redazione.

il 10 novembre 2017 alle 09:29 ha scritto:

ne ho comprato sedici copie da leggere nella mia comunità MASCI perchè è ben rilegato e facile da leggere

il 15 aprile 2018 alle 09:35 ha scritto:

La nostra vita è breve talmente breve che sembra un lampo in confronto alla durata della terra . Da laico è doveroso rispettarla e tramandarla ai posteri almeno come l? Abbiamo trovata . Da credente è peccato dustruggerla perché dono di Dio