Citazione spirituale

Vie della conoscenza di Dio. «La teologia simbolica» dell'Areopagita e i suoi presupposti nella realtà

-

Nuova traduzione integrale e note di Francesca De Vecchi. Con un saggio di Roberta De Monticelli

 
di

Stein Edith


Copertina di 'Vie della conoscenza di Dio. «La teologia simbolica» dell'Areopagita e i suoi presupposti nella realtà'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo Vie della conoscenza di Dio. «La teologia simbolica» dell'Areopagita e i suoi presupposti nella realtà - Nuova traduzione integrale e note di Francesca De Vecchi. Con un saggio di Roberta De Monticelli Autore Traduttore De Vecchi F. Editore Edizioni Dehoniane Bologna EAN 9788810411230 Pagine 152 Data gennaio 2003 Peso 216 grammi Altezza 21 cm Larghezza 14 cm
Voto medio degli utenti per «Vie della conoscenza di Dio. «La teologia simbolica» dell'Areopagita e i suoi presupposti nella realtà»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 12 novembre 2017 alle 11:53 ha scritto:

Questo saggio di Edith Stein sulla teologia dello pseudo-Dionigi è brillantissimo e conferma la capacità ermeneutica di una filosofa, la cui santità scintillò non solo con il martirio ad Auschwitz, ma anche con questo studio su Dionigi, del cui pensiero lei nutrì la sua spiritualità, aldilà del "giallo" o mistero che permane sulla di lui figura storica. Emerge il concetto centrale secondo cui il "primo vero teologo è stato e fu Dio", la cui "Parola" è l'unica imprescindibile, anche se manifestatasi attraverso simboli e allegorie, quali appaiono nel linguaggio biblico. Il saggio finale della commentatrice Roberta De Monticelli, infine, conferma come "Edith Stein, principessa della luce filosofica in fenomenologia, approdò alla verità di Cristo", non rinnegando né l'ebraismo né la luce della ragione, nonostante lo stesso Dionigi affermasse che "Dio è raggio di tenebra". Ma è quella "tenebra luminosa" che è la vera luce...

Dio