Citazione spirituale

In dialogo con i testimoni di Geova

-

Un confronto a partire dalla Bibbia

 
di

Cadei Battista


Copertina di 'In dialogo con i testimoni di Geova'
Ingrandisci immagine

EAN 9788810501405

Disponibile in 4/5 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo In dialogo con i testimoni di Geova - Un confronto a partire dalla Bibbia Autore Editore Edizioni Dehoniane Bologna EAN 9788810501405 Pagine 304 Data ottobre 2019 Peso 368 grammi Altezza 21 cm Larghezza 14 cm Profondità 1,6 cm Collana Ricerche pastorali
Voto medio degli utenti per «In dialogo con i testimoni di Geova»: 5 su 5 (2 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

, angelocarchen@gmail.com il 29 novembre 2019 alle 20:50 ha scritto:

È il miglior libro in vendita in Italia, per quanto attiene al difficile, a volte impossibile, dialogo con i Testimoni di Geova. È un testo che va letto con l'ausilio delle Sacre Scritture, che sono ben indicate dall'autore Don Battista Cadei. Il Sacerdote cristiano cattolico, conosce questa religione da ben 50 anni. Ha già scritto vari libri sulla Società Torre di Guardia. Buona lettura.

il 1 luglio 2020 alle 19:04 ha scritto:

Sembrerebbe proprio la versione aggiornata di “Testimone di Geova mio fratello” dello stesso autore, pubblicato diversi anni fa.
Mantiene lo stesso spirito, con qualche aggiunta in più. C’è da dire che questo autore, Battista Cadei, è uno dei pochissimi ad aver scritto con cognizione di causa, interessato alla conoscenza e non al sensazionalismo banale ed infimo. Questo è lodevole, nonostante il libro in sé non sia scevro da polemiche, ma Don Cadei parte con il piede giusto, gli interessa una descrizione onesta, quasi accademica, e con spirito fraterno come è giusto che sia, quando si cerca di conoscere qualcosa (soprattutto se questo “qualcosa” è fatto di persone, persone con la loro fede e la loro sfera di vita), e giunge alla conclusione corretta che si tratta in ultima analisi di una confessione protestante, seppur con le sue peculiarità, e non cade nelle chiacchiere di chi ne parla, un po’ a vanvera, come se si trattasse di una mafia o di un satanismo, riservandovi solo parole cariche di polemica e talvolta di odio (atteggiamento ben poco cristiano) disinformato. Arrivare alla cognizione, e non al qualunquismo, non al luogo comune.
Quanto fatto da don Battista è importante poiché per parlare di un argomento è necessario prima avere un quadro di base chiaro per comprendere di cosa si parla, altrimenti si partirà da un’idea falsata e mitizzata e di conseguenza le opinioni espresse saranno il riflesso di questa mancanza. E lui lo ha fatto.
Rimane l’amarezza di constatare che don Cadei è praticamente l’unico finora ad averlo fatto seriamente, con l’auspicio che non resti l’unico. Molto bella l’introduzione, è il pensiero che a mio avviso dovrebbe avere chiunque.