Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Citazione spirituale

Perché è santo

di

Oder Slawomir, Gaeta Saverio


Copertina di 'Perché è santo'
Ingrandisci immagine

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione fino al 21/06/2018 [scade tra 15 ore e 15 minuti]
Descrizione
Tipo Libro Titolo Perché è santo Autori Editore Rizzoli EAN 9788817050388 Pagine 196 Data 2011 Peso 178 grammi Dimensioni 12 x 19 cm
Voto medio degli utenti per «Perché è santo»: 4 su 5 (2 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 9 maggio 2011 alle 21:13 ha scritto:

Lo ho acquistato dal giornalaio, troppe le biografie, questi autori mi sembrano i più affidabili.

, giusemira@gmail.com il 23 luglio 2011 alle 16:30 ha scritto:

Col senno di poi: da povero peccatore quale sono, posso dire che Benedetto XVI non è un papa poi così male. L'unanimismo di cui parla un articolo della rivista Rocca del 15 luglio 2011, che si può applicare all'unanimità fuori e dentro la Chiesa secondo il quale Giovanni Paolo II è un santo "per direttissima" (passatemi il termine) o "subito" non regge: perché? Perché Benedetto XVI sta risolvendo una marea da tsunami di problemi, pragmatici (Legionari, pedofilia) e dottrinali (i movimenti? Bene, con juicio). Non sono della schiera di quelli "santo, dubito", che esprimono un massimalismo che non porta da nessuna parte, ma certamente è apprezzabile un papa in primis teologo e poi filosofo (che sa pensare - per poi meglio agire) piuttosto che un papa dei grandi numeri, dei coup de teatre (posto che la forma è importante). La mia scarsa saggezza mi spinge a dire che un papa non si critica, lo si ama, anche avendo una posizione di prossimità con la Chiesa, e Giovanni Paolo II ha "inventato" due cose che lo fanno grande: la GMG e l'incontro ecumenico ed interreligioso di Assisi. Santo, ma dopo di lui, chi? Spero che l'allievo superi il maestro.