Citazione spirituale

«Questo è il mio corpo». L'eucaristia alla luce dell'«Adoro te devote» e dell'«Ave verum»

di

Cantalamessa Raniero


Copertina di '«Questo è il mio corpo». L'eucaristia alla luce dell'«Adoro te devote» e dell'«Ave verum»'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 24/48 ore lavorative
In promozione fino al 21/07/2019 scade tra 11 ore e 6 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo «Questo è il mio corpo». L'eucaristia alla luce dell'«Adoro te devote» e dell'«Ave verum» Autore Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821554513 Pagine 144 Data febbraio 2006 Peso 296 grammi Altezza 21,5 cm Larghezza 14 cm Profondità 1,8 cm Collana Dimensioni dello spirito
Voto medio degli utenti per ««Questo è il mio corpo». L'eucaristia alla luce dell'«Adoro te devote» e dell'«Ave verum»»: 5 su 5 (2 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 29 giugno 2015 alle 10:50 ha scritto:

Il libro contiene un ciclo di meditazioni tenute da padre Raniero Cantalamessa sul tema dell'eucarestia, che muovono da un commento lemmatico degli inni eucaristici "Adoro te devote" e "Ave verum", dei quali viene proposta anche una traduzione italiana che tenta di conservare l'originaria musicalità che essi hanno in lingua latina. Di essi l'Autore non si limita a offrire una traduzione e spiegazione teologica; formula infatti alcune riflessioni utili per meditare sul mistero eucaristico e sul proprio rapporto con l'eucarestia. Libro, a mio avviso, consigliatissimo.

il 15 luglio 2019 alle 13:06 ha scritto:

Troppo spesso assistiamo ad una produzione di canti eucaristici i cui testi sono comprensibili ma un poco scarsi di teologia eucaristica. Riprendere i canti classici a partire dalla teologia sottesa è una via nuova di evangelizzazione da percorrere. La competenza biblico-patristica dell'autore aiuterà il lettore a frequentarla.