Citazione spirituale

Tu sei qui: LibriAttualitàMaledetta mafia

Maledetta mafia

-

Io, donna, testimone di giustizia con Paolo Borsellino

 
di

Aiello Piera, Lucentini Umberto


Copertina di 'Maledetta mafia'
Ingrandisci immagine

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo Maledetta mafia - Io, donna, testimone di giustizia con Paolo Borsellino Autori Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821576928 Pagine 176 Data ottobre 2012 Peso 251 grammi Collana Attualità e storia
Voto medio degli utenti per «Maledetta mafia»: 4 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 6 gennaio 2013 alle 11:42 ha scritto:

Maledetta mafia è un libro che racconta di una vera e propria rivoluzione, messa in atto non con i forconi, ma con il coraggio, la dignità, l’amore per la giustizia e per la legalità. Una rivoluzione femminile, perché realizzata da due Donne (il maiuscolo non è un errore di battitura): Piera Aiello e Rita Atria. Entrambe si sono ribellate alla mafia, in Sicilia, negli anni in cui cosa nostra uccideva gli uomini/donne che si opponevano ad essa.
Piera Aiello sposata con il fratello di Rita, quest’ultima figlia del boss di Partanna, in provincia di Trapani. Piera, dopo l’uccisione del marito, decide di collaborare con la giustizia, per amore della figlia e della legalità: diventa una testimone di giustizia. La prima testimone di giustizia Donna. La cognata Rita seguirà la stessa strada intrapresa da Piera, qualche mese dopo, diventando anch’essa una testimone di giustizia. Una scelta coraggiosa, che la porta ad essere disonorata dalla madre, moglie di un boss, che vede la figlia come una traditrice.
I destini di Piera e Rita si intrecciano con quello di Paolo Borsellino, quest’ultimo per loro non sarà solamente un Procuratore della Repubblica, ma diventerà un punto di riferimento: lo “zio Paolo”. Rita si lega molto a Paolo Borsellino, vede in lui la speranza di un cambiamento. L’omicidio del pm siciliano getta Rita nello sconforto, al punto che, qualche giorno dopo la strage di via D’Amelio, decide di togliersi la vita, lasciandosi cadere dal settimo piano del palazzo dove abitava. Piera continua ancora oggi la sua rivoluzione contro la mafia. Nel libro racconta la sua vita, prima e dopo la scelta di diventare una testimone di giustizia. Un libro che è una manifesto al coraggio e alla dignità. Letta l’ultima pagina, due parole mi rimbombano in testa: MALEDETTA MAFIA.