Citazione spirituale

Maria Lazzari

-

Storia di una deportata antifascista

 
di

Zanella Patrizio

 


Copertina di 'Maria Lazzari'
Ingrandisci immagine

EAN 9788825051025

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Allegati: Leggi un estratto
Tipo Libro Titolo Maria Lazzari - Storia di una deportata antifascista Autore Editore Edizioni Messaggero EAN 9788825051025 Pagine 128 Data gennaio 2020 Collana Fuori collana
Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

Patrizio Zanella




MARIA LAZZARI
(1903-1945)
Storia di una deportata antifascista
«Ci sono esistenze di uomini e donne che, pure in situazioni
inumane, ci hanno lasciato e lasciano testimonianze straordi-
narie per come sono riuscite a salvare ''la sorgente buona nel-
`
l'umano'', senza lasciarsi schiacciare totalmente da cio che
`
la realta esterna distrugge» (ETTY HILLESUM, Diario 1941-1943).




patrizio.zanella@mywifi.it


ISBN 978-88-250-5102-5

Copyright f 2020 by P.P.F.M.C.
MESSAGGERO DI SANT'ANTONIO ' EDITRICE
Basilica del Santo - Via Orto Botanico, 11 - 35123 Padova
www.edizionimessaggero.it
PRESENTAZIONE




Sono tre i punti che ho particolarmente apprezzato in questa
''piccola'' storia scritta con cura e passione da Patrizio Zanella.

`
1. Il primo e l'individualizzazione del personaggio. Scrive
`
giustamente Zanella che Maria Lazzari e stata per decenni solo
un nome, declinato al maschile e sottintendendo il termine ''Isti-
`
tuto''. Dopo la fatica di Zanella, Maria Lazzari e una persona viva
e reale, ben collocata nel suo tempo e nel suo spazio. Ci sono no-
ti i nomi dei suoi familiari, quella curiosa serie onomastica che si
apre con il comunissimo Maria, prosegue con un allora diffuso
`
Amelia, ma poi trova la sua originalita con gli insoliti Omerina
e Parisina. Vediamo la casa di famiglia, abitazione di un comune
tranviere collocata in pieno centro storico di Padova, in via Mar-
sala, a poche decine di metri dal Canton del Gallo (una specie di
`
centro de lu munnu della citta euganea), ma vicina anche a quel
` `
Ghetto che tanta parte avra in questa storia di solidarieta, di per-
secuzione e di sacrificio. Ed ecco comparire, accanto a questa gio-
vinetta di buona famiglia ' che pure sfila addobbata di rosso, ve-
stita a festa dalla mamma, nell'autunno 1919, per festeggiare l'ef-
fimera vittoria elettorale socialista ', la figura dignitosa e dolente
dell'avvocato Umberto Merlin, un antifascista cattolico che paga
`
la sua coerenza con la persecuzione e l'espulsione dalla citta in cui
`
operava come valente professionista. Maria e, come si diceva un
tempo, la sua signorina di studio e ce la immaginiamo, di corsa,
a consegnare carte in Tribunale e in Procura, le stesse carte che il

5
`
giorno prima lei avra ''battuto'' a macchina sotto dettatura dell'av-
vocato, di cui nel 1944 si dichiara ' direi orgogliosamente ' anco-
ra dipendente, quando viene fermata dalla Questura fascista.
E ancora, ecco la storia d'amore con l'avvocato Giulio Pinori:
´
una storia che Zanella fa iniziare, perche no', nello studio Mer-
`
lin, ma che avra, dopo la nascita della piccola Giuliana, una con-
clusione amara, con la separazione definitiva fra i due sposi e il
rientro di Maria a Padova. Quasi ad anticipare un destino amo-
`
roso complicato e difficile che segnera anche la vita di Giuliana,
`
rimasta orfana, poco piu che sedicenne, a causa della deportazio-
ne e della morte della madre. E chi sa, suggerisce la narrazione di
Zanella, se sulla vita dolente di Giuliana e sulla morte tragica di
suo figlio Stefano non abbia inciso anche l'esperienza terribile
che aveva travolto Maria.

`
2. Il secondo punto degno di nota e la ricostruzione di un
antifascismo, insieme politicamente caratterizzato ma anche
`
istintivo, che e presente in molti dei personaggi che operano as-
sieme a Maria e che nel libro di Zanella compaiono. Accennavo
alla grande sfilata socialista del novembre 1919, cui sicuramente
`
partecipa papa Antonio Lazzari, seguito per obbedienza ma an-
che per gioco festoso dalle ragazzine Maria e Parisina, insieme a
`
una folla festante addobbata di rosso. La festa durera poco perche ´
a partire dall'estate 1920 i ceti sociali privilegiati che si sentono
minacciati dal riscatto degli operai e dei contadini, ma anche tut-
`
ta una massa minuta di piccoli borghesi di citta e di campagna
che teme il salto nel buio e trema alle notizie che vengono dalla
Russia, decidono di affidare il ristabilimento dell'ordine alle
squadracce fasciste. Tutte le forme di resistenza e di organizzazio-
ne di operai e contadini, le leghe bianche e le leghe rosse, i pro-

6
fessionisti e gli intellettuali ' medici, avvocati come Merlin,
qualche insegnante ' che avevano deciso di collaborare con i so-
cialisti e i cattolici vengono spazzati via, nel corso di due anni,
dalla marea fascista che sapientemente combina violenza pura e
appello all'ordine e alla tradizione, in questo sostenuta aperta-
mente dalla Monarchia, dagli apparati dello Stato, da una gran
`
parte delle Forze Armate. Cos' alla festa ''rossa'' (ma anche i bian-
chi del Partito Popolare esultavano) del novembre 1919 fara se- `
guito, nel corso di cinque anni, il silenzio forzato e minaccioso
imposto a partire dall'assassinio di Giacomo Matteotti; cui segui-
` `
ra l'instaurazione del regime che costringera tutti gli antifascisti,
grandi e piccoli, al silenzio e, non pochi, all'esilio o alla prigione.
Ebbene: sembra, nel libro di Zanella, che questo antifascismo
italiano e padovano, nelle sue diverse componenti ' politiche,
`
culturali, familiari (la famiglia Lazzari ne e esempio evidente) '
si inabissi e resti invisibile per vent'anni, salvo poi riemergere, co-
me fiume carsico, quando il Fascismo, che si autodefiniva eterno
tanto da considerarsi un'Era, cade rovinosamente con il colpo di
`
Stato del 25 luglio 1943. E un antifascismo che si coagulera, fi- `
nalmente unitario, nella parola d'ordine e nella pratica della lotta
di liberazione per l'indipendenza nazionale e per la costruzione
`
di una Patria democratica. E un antifascismo che abbisogna di
`
una capacita militare di resistenza all'invasione, alla leva obbliga-
`
toria nella repubblica di Salo, alle requisizioni di persone e di co-
se operate da parte di fascisti e nazisti; ma anche di capacita of-`
fensiva, con azioni tipiche della guerriglia, contro gli occupatori
e contro i loro servi repubblichini; azioni militari che al fascismo
e al nazismo debbono procurare dolore, terrore, morte, peraltro
continuamente sollecitate ' con trasmissioni radio e rifornimenti
logistico-militari ' da parte degli Alleati angloamericani.

7
Accanto a questo antifascismo militare e militante, un ruolo
decisivo lo hanno non solo le formazioni di guerriglia che fanno
riferimento alle diverse forze politiche del Comitato di Liberazio-
ne Nazionale, ma anche un antifascismo ''diffuso e disarmato'' '
di cui l'Autore parla ampiamente nella sua opera ' che ha due fi-
`
nalita: il sostegno logistico alle forze armate partigiane e la solida-
`
rieta e la protezione di quanti dai nazifascisti sono braccati e ri-
cercati. In questa resistenza disarmata, senza la quale la resistenza
armata sarebbe stata travolta in pochissimo tempo, ricompaiono
le famiglie, come quella di Maria Lazzari, una famiglia di comu-
`
nisti di citta, e poi le famiglie di amici, vicini di casa, parenti che
hanno i loro cari, amici e congiunti nelle file partigiane e che
quindi, all'occorrenza e correndo gravissimi rischi, provvedono
`
a fornire rifugi, dagli appartamenti abbandonati in citta ai ''busi''
di campagna che nell'inverno 1944-45 ospiteranno migliaia di
renitenti e resistenti; ma anche cibo, medicine, soldi, vestiti per
coprirsi e travestirsi, qualche medicinale per curarsi, qualche
benda per coprire e disinfettare le ferite e non morire di tetano.
`
In seguito questa solidarieta si allarga e ad aiutare e nascondere
provvederanno le famiglie dei compagni di lavoro, di studio, di
gioco e i vicini della borgata o della strada; con le debite eccezio-
´
ni, perche le delazioni fatte ai fascisti o ai tedeschi per invidia, per
denaro, per odio politico o per un mix terribile di tutto cio non `
mancano; la stessa storia della deportazione delle sorelle Lazzari e
`
della morte terribile di Maria ne e una prova.
L'altro filone dell'impegno antifascista non violento ma diffu-
`
so e quello del soccorso ai perseguitati, ai ricercati, ai braccati dai
fascisti e dai nazisti: gli ebrei, gli oppositori politici, i prigionieri
alleati. Parecchie centinaia di questi ultimi, soprattutto soldati
britannici e delle altre Nazioni del Commonwealth, l'8 settem-

8
bre si trovavano internati nei campi di concentramento e di lavo-
ro, soprattutto agricolo, anche in provincia di Padova; e da questi
campi, approfittando del rebalton, erano fuggiti. Al soccorso e al
nascondimento di questi perseguitati si dedicano decine e decine
di famiglie, soprattutto contadine, di robusta e profonda fede
cattolica: in questo guidate e consigliate da decine di parroci, di
cappellani, di religiosi, di suore, di cui giustamente Patrizio Za-
nella fa l'elenco, numeroso e glorioso; convinto l'Autore, come
noi che, senza questa guida e questo consiglio dei pastori, difficil-
mente (e comunque in misura sicuramente minore e con minor
convinzione) le pecorelle avrebbero deciso di condividere, di ri-
schiare, di aprirsi a sconosciuti, a foresti, sempre parlanti altre lin-
`
gue e spesso professanti diverse religioni. E questo l'antifascismo
disarmato e nonviolento, non sempre cosciente, quasi sempre
apolitico o prepolitico, cui Zanella tributa un giusto riconosci-
mento. Un antifascismo ''di base'' che, oggettivamente, si con-
giunge con l'antifascismo aggressivo delle formazioni armate par-
tigiane, con la resistenza disarmata dei seicentomila Internati Mi-
litari Italiani, con l'azione militare degli Alleati e che contribuisce
all'indebolimento, all'isolamento, alla sconfitta del nazifascismo.

3. Un terzo punto che voglio sottolineare, infine, del prege-
`
vole lavoro di Zanella e la sottolineatura continua che egli fa della
` `
malvagita intrinseca del Fascismo, specialmente di quello piu ag-
`
gressivo, violento e disperato, quello di Salo. Basta pensare alla
''sproporzione'' che appare a un lettore, ignaro delle dottrine e
della storia del fascismo, confrontando la ''colpa'' di Maria, della
Parisina e dei tanti altri giustamente ricordati e onorati da Patri-
zio Zanella (su tutti padre Placido Cortese) per avere nascosto
degli ebrei, comunque dei perseguitati, con la ''pena'' loro asse-

9
gnata dalla macchina fascista e nazista: la deportazione e, se non
ce la fai, la morte. Sproporzione solo per commentatori ingenui:
fa bene Patrizio Zanella a citare gli immondi appelli della stampa
fascista repubblichina a estirpare la mala genia ebraica, responsa-
bile dei peggiori misfatti, parassita e traditrice della patria (vedi
l'articolo del quotidiano fascista «Il Veneto» di ottobre 1943, da
Zanella opportunamente riportato); fa bene il nostro storico a ri-
cordare che furono fasciste, anche se rimaste nominativamente
ignote, le mani che appiccarono il fuoco a una delle antiche sina-
`
goghe del Ghetto di Padova. E utile rileggere il testo della depo-
sizione del signor Marcello Levi Minzi, il rappresentante di mo-
`
bili che la famiglia Lazzari ospito, per salvarlo: un documento
prezioso che Zanella ha trovato nelle carte della Questura all'Ar-
chivio di Stato di Padova. Levi Minzi e Maria finirono i loro
`
giorni nei Lager, mentre Parisina pat' deportazione e lavoro for-
zato a Gries di Bolzano. Dalla deposizione di Levi Minzi, un
piazzista rispettabile, un signore maturo, escono una sua man-
`
suetudine e un suo desiderio di ''normalita'' che si giustificano
con l'istinto di conservazione dell'uomo che si sa in pericolo gra-
ve; ma esce anche la spietatezza di un apparato, in questo caso la
`
Questura fascista, che dara seguito al fermo di Levi Minzi, prima
internandolo a Vo' Euganeo, nel campo di concentramento per
ebrei scoperto e studiato da Francesco Selmin, e poi consegnan-
dolo con diligenza alla macchina di morte nazista che lo traspor-
`
tera ad Auschwitz. E ad Auschwitz lo spense.

` ` `
Zanella recupera e da visibilita all'ultima struggente e dignito-
sa lettera di Maria Lazzari gettata dal carro bestiame che la sta
¨ck. `
trasportando da Trieste al Lager di Ravensbru E un testo an-
`
cora aperto alla speranza, ma gia carico di neri presagi. La giova-

10
ne Giuliana non sa dove sia stata trasferita la madre, ma dubita e
teme sulla sua sorte. Il recupero di questo dolore, inferto a esseri
`
gentili e indifesi, in nome di colpe inesistenti, rende piu duro e
severo il nostro giudizio su di un'ideologia e su di un regime,
che ha provocato dolore e morte anche a chi non si opponeva
con le armi al suo strapotere. Il mito autoassolutorio dell'«Italia-
no brava gente» ' quello che vorrebbe depotenziare il Fascismo
`
delle sue responsabilita di dittatura sanguinaria, riducendolo a
un regime da operetta che mandava i suoi oppositori ''in villeg-
giatura'' ' viene qui sottoposto alla dura critica dei fatti e delle
storie reali. Se aggiungiamo che dietro ai settemila deportati ebrei
partiti dall'Italia per andare nei campi di sterminio, dietro ai die-
cimila deportati politici italiani che fecero lo stesso viaggio, ci sta
sempre un regime organizzato, la sua polizia, le sue squadre spe-
ciali, la sua organizzazione statale, chiamata Repubblica Sociale
Italiana; se ricordiamo che gli indirizzi dei 1250 ebrei romani ra-
strellati il 16 ottobre 1943 furono forniti ai nazisti occupatori
`
dall'anagrafe della citta di Roma, che aveva censito gli ebrei ob-
bedendo alle infami Leggi razziali del 1938, allora nessuna atte-
`
nuante, nessun alone di ''bonomia italica'' rende piu accettabile
lo Stato e il Regime fascista.
Per cui, non solo con la forza della ragione e con il monito
della Storia, ma anche con l'empito del cuore e con l'emozione
che Zanella ci ha procurato riproponendoci una storia di dignita, `
`
di dolore e di umanita, siamo rafforzati nella nostra convinzione:
` ` `
mai piu fascismo, mai piu nazismo, mai piu razzismo. Quelli di
allora, quelli di oggi.
MAURIZIO ANGELINI
vicepresidente dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
di Padova

11
INTRODUZIONE




`
Maria Lazzari (1903-1945), una donna ai piu sconosciuta per
non dire ignota. Le ricerche anagrafiche sulla sua famiglia, sulle
tre sorelle (Parisina, Amelia, Omerina) e sull'unica figlia Giulia-
na, avuta dal marito Giulio Pinori, erano sempre approdate a un
vicolo cieco. La sua morte in un campo di concentramento, la se-
parazione dal marito, la dispersione delle sorelle e i parenti in va-
` ´
rie citta italiane... tutto ha contribuito affinche della sua vita ri-
manesse ben poco. Ora ne sappiamo qualcosa di piu. `
Fino al 2013 non si sapeva neppure quale volto avesse. Quan-
do il Comune di Padova nello stesso anno volle inserirla nel
`
«Giardino dei giusti del mondo di Padova», si trovo di fronte al-
l'imprevisto di non poter disporre neppure della fotografia di
Maria Lazzari da mettere nel fascicolo, stampato apposta per
`
l'occasione. Si limito a riportare un breve profilo biografico che
ne riassumeva la testimonianza, ampiamente sufficiente, tuttavia,
per giustificare la scelta, e ben meritevole di stare a fianco di no-
mi come Odoardo Focherini, Dimitar Pesev, Angelo Roncalli
(Giovanni XXIII), scelti quali Giusti 2013 assieme a tante altre
`
persone. Sara un settimanale a pubblicare per la prima volta la
sua fotografia nel 2014, in occasione del Giorno della memoria,
ospitando un articolo dello scrivente uscito con il titolo Questo
giusto ora ha un volto («La Difesa del popolo», n. 3/2014, p. 25).
`
Com'e noto, l'iniziativa avviata da Giuliano Pisani, e sostenu-
ta dal Comune di Padova fin dal 2008, si propone di scovare tut-
te quelle persone che, durante la guerra o in occasioni di vari ge-

13
nocidi, si sono opposte con tutte le loro forze al male con il loro
comportamento e le loro scelte. Il Giardino dei giusti, posto di
fronte a un luogo simbolo come il Tempio dell'Internato ignoto,
volendo ricordare queste figure, pianta una stele e un albero per-
´
che certi nomi, legati a tutti i genocidi del XX secolo non siano
mai dimenticati. «L'idea di piantare un albero, e quindi il concet-
to di generare una vita, riprende quella di aver dato la possibilita `
a un uomo di salvarsi, di poter vivere, di poter testimoniare il be-
ne ricevuto davanti alle successive generazioni» (Giuliano Pisa-
ni). L'albero e la stele dedicati a Maria Lazzari si trovano a No-
venta Padovana lungo la strada che porta al Comune di Stra (Ve-
nezia).
Orgogliosamente l'allora sindaco di Padova Ivo Rossi scrive-
va: «Alcuni di loro hanno molto a che fare con la nostra regione:
`
ai Giusti che gia abbiamo onorato negli anni precedenti si ag-
giungono ora due padovani: Maria Lazzari, che diede la propria
vita per salvare altre vite, e Ferdinando Gardellin, impiegato co-
munale all'anagrafe di Padova, che con grande altruismo rilascia-
` `
va false carte di identita...» 1. A queste persone e stato dato il tito-
´
lo di Giusti perche incarnano il concetto etico di giustizia, sono
modelli esemplari della veglia della coscienza di fronte al male e
all'ingiustizia.
I giusti mostrano che, laddove il male dilaga, resta sempre vi-
`
va la possibilita del bene. Immanuel Kant nello scritto Se il genere
umano sia in costante progresso, dice che «nel genere umano deve
sopravvivere una qualche esperienza che, come avvenimento,
`
mostri una sua disposizione e una sua capacita a essere la causa

COMUNE DI PADOVA, Il Giardino dei giusti del mondo di Padova, Edizione
1

2013, p. 3.


14
del suo progresso verso il meglio». I giusti sono questo segno e
per questo offrono, quantomeno, fondate speranze per il destino
della specie.
´
Ma perche lo siano davvero li si deve conoscere. Chi erano,
´
come e perche hanno scelto di agire in un certo modo. Questa
ricerca su Maria Lazzari ha come obiettivo proprio questo: allar-
gare l'orizzonte conoscitivo della sua vita rispetto a quanto si sa-
peva finora. Gli archivi storici e la documentazione recuperata
ora lo consentono, sebbene sia impossibile restituire con fedelta `
la cifra e il valore di una vita umana.
`
Maria Lazzari (e con lei tanti altri) non e stata una persona
`
dotata di chissa quale particolare coraggio o levatura intellettuale
e morale superiore alla media. Non ha neppure lasciato scrit-
`
ti edificanti o riflessioni politiche per i posteri. E una donna edu-
cata e cresciuta all'interno di una famiglia antifascista che, a un
certo punto della storia, ha agito d'istinto, sentendo che compor-
tarsi in quel modo era giusto e basta, senza preoccuparsi delle
gravi conseguenze a cui stava andando incontro. Ha scelto di ob-
`
bedire semplicemente alla sua coscienza, mossa piu da un senti-
` `
mento di umana solidarieta e da un senso di giustizia piu che da
`
un'ideologia o credo religioso. Era ed e stata una persona norma-
lissima. Motivo sufficiente per conoscerla e riportare alla luce le
ragioni che ne possano giustificare la memoria di quanti avranno
modo di sentire il nome di Maria Lazzari, anche solo come nome
`
dato a una scuola superiore, o molto piu semplicemente se ci ca-
pitasse di percorrere una via a lei dedicata.
Moshe Bejski (1921-2007), magistrato israeliano e superstite
`
della Shoah, e stato l'ideatore e il presidente della Commissione
dei giusti presso il memoriale di Yad Vashem, a Gerusalemme, il
`
primo organismo del Novecento che si e occupato della memoria

15
del bene compiuto durante un genocidio. Ricercava in ogni an-
golo del mondo gli uomini che avevano rischiato la vita per aiu-
tare gli ebrei durante la persecuzione nazista. «Non volevo che
un solo giusto fosse dimenticato da noi ebrei» ripeteva con osses-
sione agli amici. Non era interessato alla purezza e alla perfezione
degli esseri umani, non cercava gli eroi e i superuomini, ma vole-
va ricordare chi aveva tentato, di fronte a un male estremo auto-
rizzato dalla legge, di salvare anche una sola vita, chi era stato ca-
pace di comportarsi semplicemente da uomo. Moshe amava gli
uomini, non cercava i «santi». Sognava che in ogni scuola del
mondo i ragazzi potessero sfogliare un'enciclopedia molto spe-
ciale, in cui leggere i ritratti e le storie di ogni giusto, di ogni uo-
mo andato in soccorso di un perseguitato. La storia di Maria Laz-
zari possiede tutti i requisiti per essere annoverata fra i «giusti
delle nazioni». La memoria del bene da lei compiuto rappresenta
`
una significativa eredita etica per le nuove generazioni, affinche il´
male possa essere combattuto ogni volta che si ripropone nella
storia.

PATRIZIO ZANELLA
nel 75º anniversario della sua morte




16
Capitolo 1
LA FAMIGLIA LAZZARI




Nata a Padova il 24 agosto 1903 e residente con la famiglia in
via Marsala 12 A, Maria era la primogenita di Giuseppina Bertoni
`
e Antonio Lazzari 1. All'anagrafe e registrata con altri due nomi:
Parisia e Amelia, i nomi dei nonni come allora si usava (in questo
caso Parisio). La mamma Giuseppina, casalinga, nata il 1º agosto
1883 a Padova, muore all'ospedale di Padova il 25 febbraio 1949.
`
Il papa Antonio, pure lui padovano, era nato il 21 maggio 1881 e
muore improvvisamente il 6 febbraio del 1949, tre settimane pri-
ma della consorte. Nella vita aveva svolto il lavoro di controllore
`
nei tram. Intimamente convinto della necessita di creare una giu-
stizia sociale nuova, fu uno dei promotori delle prime Casse di
mutuo soccorso operaio della zona, la Camera del Lavoro Tram-
`
vieri. Nel 1921 divento segretario del Soccorso Rosso Patavino.

1 ` `
Il cognome Lazzari e diffuso con alta frequenza in tutta Italia. Alla base e`
` `
il nome di Lazzaro, di tradizione evangelica (e il nome del mendicante della
parabola del ricco epulone e del fratello di Maria e di Marta risuscitato da
` `
Cristo), che risale attraverso l'adattamento latino Lazarus e greco Lazaros, al-
l'aramaico La'zar (da La ''Dio'' e azara ''aiutare''), forma abbreviata corri-
`
spondente all'ebraico El'azar formato da El, cioe Elohim ''Dio'', e 'azar ''aiu-
tare'', con il significato originario, dunque, di ''Dio ha aiutato'', riferito a un
figlio atteso e desiderato. Molte le varianti e derivati: Lazzarotti, Lazzerini,
Lazzarone, Lazzarato, Lazzarelli, Lazzarin, De Lazzari eccetera. In Italia ci so-
no circa 3.785 nuclei familiari di cognome Lazzari. La regione con il maggior
`
numero e la Lombardia con il 32 per cento. Cf. EMILIO DE FELICE, Dizionario
dei cognomi italiani, Mondadori, Milano 1987, pp. 150-151.


17
`
Con l'avvento del fascismo, l'attivita politica pubblica della fami-
`
glia si interruppe, continuando pero in forma privata.
La famiglia, di condizioni agiate, era composta da sei persone:
quattro figli, tutte femmine. La secondogenita Parisina (che con-
`
dividera tutti i rischi della sorella Maria nel far fuggire gli ebrei o
tenerli nascosti in famiglia) era nata l'8 luglio 1905 e muore il 20
gennaio 1987. La terza, Amelia, venne alla luce il 24 maggio
` `
1909 e il 22 gennaio 1935 lascio la citta di Padova per trasferirsi
`
a Viareggio, dove gest' un negozio di stoffe e fiori. Si era sposata
con Enrico Morando. Non ha lasciato eredi. Omerina, la quarto-
genita era nata il 29 settembre 1913 e il 15 gennaio del 1936
`
emigro a Cervignano del Friuli assieme al marito Angelo Scatto-
rin. Da questo nucleo familiare, il 27 dicembre 1933, nacque la
figlia Gina Gloria, Luigi nel '38 e Maurizio l'anno dopo. Lascia-
`
rono la citta di Padova nel 1935.
Parisina nella sua testimonianza scritta ricorda un episodio
della sua infanzia che ci restituisce il clima di famiglia a livello di
orientamento politico. Assieme alla sorella Maria, partecipo con `
molto entusiasmo a una manifestazione in centro a Padova nel
1919 per festeggiare il successo dei socialisti alle elezioni, en-
trambe portavano dei berrettini di velluto rosso fatti con ingegno
dalla mamma. «Sfilarono moltissimi quella sera per via Dante
con le torce accese e cantando felici» tenendosi per mano del pa-
`
pa (allora socialista e, dopo la scissione del '21, comunista).
Le elezioni politiche del novembre 1919, le prime svoltesi con
suffragio universale maschile e sistema proporzionale, furono la
rivelazione, anche a Padova, di un quadro politico profondamen-
te mutato oltre ogni previsione. I cattolici e i socialisti furono i
due partiti di massa che trionfarono su tutti a livello nazionale. I
primi, organizzati nel Partito Popolare, presentatisi con liste

18
autonome, ottennero il 44 per cento. I secondi, organizzati nel
Partito Socialista (anche a Padova prevalevano le tendenze massi-
maliste e rivoluzionarie, in guerra contro tutti i partiti borghesi),
ottennero il 36 per cento. Ma a Padova i rapporti di forza erano
`
diversi. Il Partito Socialista si affermo come primo partito con
una larga maggioranza relativa. Era la domenica del 16 novembre
1919: le prime elezioni a svolgersi in autunno (la Camera era sta-
`
ta sciolta il 1º ottobre). Nessun partito riusc' a presentarsi in tutti
i 54 collegi del Regno d'Italia. Gli unici a presidiare 51 collegi
con un solo simbolo (falce e martello e scudo crociato) furono so-
cialisti e popolari. Il Psi di Nicola Bombacci 2 prese il 32,3 per
cento (156 seggi su 508); il Ppi di Luigi Sturzo il 20,5 per cento
(100 seggi), Liberali e democratici di Vittorio Emanuele Orlando
il 15,9 per cento (96 seggi). Nessun seggio per i Fasci di combat-
timento di Mussolini. L'affluenza fu del 56,6 per cento 3.
`
E quindi molto comprensibile l'euforia in casa Lazzari per
questo successo da parte di Antonio che condivideva tutte le
nuove aspettative connesse all'affermazione del suo partito. Non
`
e difficile provare a immaginare la gioia delle due sorelle appena
adolescenti, Maria e Parisina di 16 e 14 anni. Aggiunge ancora
Parisina: «Mio padre in quegli anni partecipava attivamente alla
`
vita politica e continuo clandestinamente dopo l'avvento del fa-
scismo: nel '21, dopo la scissione di Livorno, aveva aderito al
Partito Comunista ed era diventato segretario del Soccorso Rosso

2
Nicola Bombacci (1879-1945), romagnolo e a suo tempo amico di
`
Mussolini, ma poi diventera comunista e negli anni Trenta si avvicinera al`
regime littorio fino a essere fucilato a Dongo ed esposto a piazzale Loreto, a
Milano, insieme al Duce.
3
Sull'esito del voto padovano cf. ANGELO VENTURA, Padova, Laterza, Ro-
ma-Bari 1989, pp. 309-311.


19
di Padova, la nostra casa era spesso ritrovo di antifascisti e di
compagni» 4.
In una relazione del prefetto Cianciolo al ministero dell'Inter-
`
no, dove viene riassunta la situazione politica padovana a meta de-
gli anni Venti, si legge in data 19 marzo 1926: «Il Partito socialista
comprendente le diverse tendenze, ha ancora basi non trascurabili
in tutta la provincia, ma specialmente nei collegi di Piove di Sac-
co, Monselice e Padova, dove potrebbe, se non altro al fine di af-
fermarsi, presentare qualche candidato. L'unione delle forze socia-
liste popolari in questi collegi potrebbe essere preoccupante» 5. Il
Partito nazionale fascista temeva non poco questa forza.
L'abitazione dei Lazzari divenne presto il centro del Soccorso
`
Rosso della citta. Una sorta di centrale che faceva da tramite per
le tante iniziative a sostegno della classe operaia, tutte le lotte
protese al riconoscimento dei diritti dei lavoratori nelle fabbri-
che, l'aiuto alle famiglie degli antifascisti confinati o carcerati.
`
Parisina precisa inoltre che la sorella Maria inizio ''giovanissima''
`
a collaborare con il padre nell'attivita cospirativa e per questo
venne schedata, assieme al padre, dall'Ufficio Pubblico della
Questura di Padova.
Maria, cresciuta in questo ambiente, dopo le scuole tecniche,
`
verso i sedici anni, trovo lavoro come segretaria presso lo studio
dell'avvocato Umberto Merlin, per contribuire alla vita econo-
mica familiare.


4
`
La testimonianza di Parisina Lazzari e raccolta in ANPI DI PADOVA (a cu-
ra), Donne nella resistenza. Testimonianze di partigiane padovane, Zanocco
Editore, Milano 1981, pp. 84-87, qui p. 84.
5 `
CHIARA SAONARA, Una citta nel regime fascista, Istituto Veneto per la sto-
`
ria della Resistenza e dell'eta contemporanea, Marsilio, Venezia 2011, p. 239.


20
`
Il 7 giugno 1928 si sposo a Padova con l'avvocato Giulio Pi-
`
nori e ando a vivere in Toscana, a Cascina, in provincia di Pisa,
ove rimase fino al 1º luglio dell'anno seguente. Ebbe una figlia di
nome Giuliana, nata ad Arcola il 21 novembre 1928, il suo certi-
ficato di nascita attesta altri due nomi: Maria e Amedea. Il marito
Giulio era nato a Cascina il 7 maggio del 1900. Aveva solo tre
`
anni piu di Maria. Presumibilmente i due si erano conosciuti tra-
mite lo studio dell'avvocato Merlin. La relazione fra i due sembro `
bene avviata. Dal 1º luglio 1929 il domicilio di Maria Lazzari
` `
non e piu a Cascina, ma nel Comune di La Spezia. Sei anni dopo
`
il matrimonio ando a rotoli e i due presero strade diverse. Maria
`
con la figlia Giuliana, il 6 settembre del 1934, ritorno a Padova
ad abitare con la famiglia in via Marsala 12 A. Giulio negli anni
`
seguenti emigro a Pisa, ma tenne sempre i contatti con la fami-
glia e, dopo la deportazione della moglie, la figlia Giuliana visse
con il padre alcuni anni 6. Fra tutte le sorelle, Maria era molto le-
`
gata a Parisina anche per motivi anagrafici. Sara lei la destinataria
dell'unica sua lettera gettata dal carro bestiame che la stava de-
portando in Germania, nel campo di concentramento di Ravens-
¨
bruck.
Delle quattro figlie della famiglia Lazzari, solo Parisina non
contrasse mai matrimonio. Nell'immediato dopoguerra Parisina
`
dedico le sue energie al mondo del lavoro, in particolare quello
dei sindacati, quando erano associazioni di categoria molto nu-
merose e agguerrite che lottavano per il riconoscimento dei dirit-
ti minimi individuali e per la tutela dei lavoratori. Sara Parenzo,

6
In una lettera inviata alle zie, datata 6 settembre 1946, Giuliana Pinori
scrive: «Sono a Siena di malavoglia, che non era mio desiderio tornarci, ma
`
papa ha insistito tanto...». Lettera originale in possesso dell'Autore.


21
che aveva conosciuto Parisina «la ricorda come una donna schiva
e riservata, tendenzialmente triste». Probabilmente la deportazio-
ne e la prigionia in un Lager avevano scosso il suo equilibrio 7. Di
lei ci sono rimaste parecchie foto. Oltre a quelle dove la si vede
impegnata nell'ambito sindacale, una foto giovanile di Parisina
riporta la scritta: «L'agitatrice», segno che fin dagli inizi era molto
motivata e determinata sotto il profilo dell'impegno politico-
sociale. Il nome Parisina, era un omaggio al nonno Parisio.
Quando muore il 20 gennaio 1987 il necrologio evidenzia so-
prattutto le sue caratteristiche dedite all'impegno sindacale e al
suo impegno negli anni di guerra. Questo il testo dell'Associazio-
ne Nazionale ex deportati dai campi nazisti:
La Sezione di Padova annuncia la scomparsa della compagna Pari-
`
sina Lazzari avvenuta nella sua citta dopo una lunga malattia. In-
sieme alla sorella Maria, morta nell'aprile del 1945 nel lager di Ra-
vensbruck, condivise la lotta antifascista, salvando numerose fami-
¨
glie ebree; fu incarcerata prima a Venezia e poi nel famigerato
`
campo di Bolzano. Dopo il ritorno abbraccio la causa dei lavoratori
divenendo per tutta la sua generosa vita una dirigente della Camera
del Lavoro. Diresse per molti anni la Sezione provinciale dell'A-
ned» 8.



7
`
Sara Parenzo, nata nel 1947, laureata in scienze politiche all'universita di
Padova, ha lavorato come ricercatrice a Ca' Foscari, Venezia. Ha scritto la sto-
ria della sua famiglia di ebrei russi, stabilitisi a Padova a causa delle persecu-
zioni, in Il posto delle capre. Una storia familiare, Cierre, Verona 2012. Il giu-
dizio su Parisina lo devo a Mariarosa Davi inviato all'Autore il 28 luglio 2019.
8
Cf. www.associazioni.milano.it/aned. Il testo scritto nel 1987 riporta er-
roneamente la morte di Maria Lazzari avvenuta nel Lager di Ravensbru ¨ck
´ `
poiche cos' allora si riteneva.


22
2
EBREI INTERNATI NEL CAMPO
DI CONCENTRAMENTO DI VO'
E DEPORTATI AD AUSCHWITZ




In questo elenco sono compresi gli ebrei internati nel campo
di Vo' Euganeo il 17 luglio 1944, giorno in cui fu decisa la de-
portazione ad Auschwitz. Sono inclusi anche gli ebrei momenta-
neamente assenti per cure mediche o ricovero ospedaliero (come
Marcello Levi Minzi) 1. Da Padova partirono per la deportazione
67 ebrei. Oltre ai 45 prelevati dal campo di Vo', ne furono cat-
`
turati altri 6 negli ospedali cittadini il 28 e 29 luglio 1944. I piu
anziani erano Salomone Maestro, un ebreo triestino di 77 anni,
`
ed Elsie Rotschild, un'ebrea londinese di 76 anni; i piu giovani
erano i fratellini Jachia, torinesi: Pasqua di 11 anni, Anselmo di
9, Ercole di 8, Ida di 6 e la piccola Sara Gesess padovana di 7,
che finirono tutti subito alla camera a gas in braccio alla madre.
Di questo gruppo di 51 sopravvissero solo tre donne: le padovane
Ester Hammer Sabbadini, la figlia Sylva e la mantovana Bruna
Namias. Altri 14 ebrei catturati a Padova o in provincia finirono
ad Auschwitz per altre vie: 8 deportati da Verona, 3 dal Lager di
`
Bolzano, 2 dal Lager di San Sabba a Trieste, 1 da localita ignota.

1
`
L'elenco e ripreso dal Catalogo Padova. Le leggi razziali. Lo sterminio.
Mostra documentaria, Giardino dei giusti del mondo, Comune di Padova
2009; FRANCESCO SELMIN, Nessun ''Giusto'' per Eva. La shoah a Padova, pp.
129-140; FRANCESCO FELTRIN, La lotta partigiana a Padova e nel suo territorio,
pp. 704-717.


105
1. Ancona Ada, coniugata con Elia Gesess. Nata a Trieste il 3 agosto
1896. Abitante a Padova, via Roma 18. Arrestata a Tirano (SO) il
16 dicembre 1943. Detenuta nel campo di Vo' Vecchio, carcere di
Padova, campo di San Sabba. Deportata da Trieste ad Auschwitz il
31 luglio 1944. Uccisa all'arrivo il 3 agosto 1944.
2. Ancona Irma di Giulio. Nata a Padova il 12 ottobre 1903. Abitante
a Padova, via G. Prati 7. Arrestata a Padova il 4 dicembre 1943 da
agenti di PS. Detenuta nel campo di Vo', carcere di Padova, campo
di San Sabba. Deportata da Trieste ad Auschwitz il 31 luglio 1944.
Uccisa all'arrivo il 3 agosto 1944.
3. Ascoli Emma ved. Zevi. Nata a Ferrara l'11 agosto 1877. Commer-
ciante. Arrestata dai carabinieri a Este il 4 dicembre 1943. Detenuta
nel campo di Vo', carcere di Padova, campo di San Sabba. Deportata
da Trieste ad Auschwitz il 31 luglio 1944. Uccisa all'arrivo il 3 ago-
sto 1944.
4. Bassani Gemma di Filiberto. Nata a Chioggia il 22 marzo 1911. Ar-
restata a Roma il 16 dicembre 1943. Detenuta nel carcere di Roma,
nel campo di Vo' Vecchio, carcere di Padova, campo di San Sabba.
Deportata da Trieste ad Auschwitz il 31 luglio 1944. Uccisa all'arri-
vo il 3 agosto 1944.
5. Behar Galimid Elisa. Nata a Trieste il 21 gennaio 1892. Arrestata a
Vo' Vecchio dal comandante del campo. Detenuta nel campo di
Vo', carcere di Padova, campo di San Sabba. Deportata da Trieste
ad Auschwitz il 31 luglio 1944. Uccisa all'arrivo il 3 agosto 1944.
6. Bindefeld Clara di Sigismondo. Nata a Francoforte (Germania), il 3
`
maggio 1927. Nazionalita polacca. Trasferita dal campo di Ferra-
monti (CS) a Piove di Sacco (PD), poi a Monselice. Arrestata a
Monselice il 10 dicembre 1943. Detenuta nel campo di Vo', carcere
di Padova, campo di San Sabba. Deportata da Trieste ad Auschwitz
il 31 luglio 1944. Uccisa all'arrivo il 3 agosto 1944.
7. Bindefeld Sigismondo fu Wolfgang. Nato a Lipsia il 22 gennaio
`
1893. Nazionalita polacca. Trasferito nel 1941 dal campo di Ferra-
monti (CS) a Piove di Sacco (PD), poi a Monselice. Arrestato a

106
Monselice il 10 dicembre 1943. Detenuto nel campo di Vo', carcere
di Padova, campo di San Sabba. Deportato da Trieste ad Auschwitz
il 31 luglio 1944. Ucciso all'arrivo il 3 agosto 1944.
8. Coen Oscar di Guglielmo. Nato ad Alessandria (Egitto) il 28 luglio
1887. Arrestato a Padova il 19 novembre 1943 da italiani. Detenuto
nel carcere di Padova, campo di Vo'. Deportato da Verona ad Ausch-
witz il 2 agosto 1944. Ucciso all'arrivo il 6 agosto 1944.
9. Coen Sacerdoti Eugenio fu Marco nato a Venezia il 2 marzo 1880.
Arrestato a Camposampiero il 6 maggio 1944. Detenuto nel campo
di Vo', carcere di Padova, campo di San Sabba. Deportato da Trieste
ad Auschwitz il 31 luglio 1944. Ucciso all'arrivo il 3 agosto 1944.
10. Dina Amalia, coniugata con Eugenio Coen Sacerdoti. Nata a Carra-
ra (MS) il 24 dicembre 1875. Abitante a Padova Via San Martino e
Solferino 5. Arrestata a Camposampiero il 6 maggio 1944 da carabi-
nieri. Detenuta nel campo di Vo', carcere di Padova, campo di San
Sabba. Deportata da Trieste ad Auschwitz il 31 luglio 1944. Uccisa
all'arrivo il 3 agosto 1944.
11. D'Italia Giovanna di Emanuele. Nata a Modena il 13 febbraio
1887. Abitante a Padova, via Carducci. Arrestata a Padova il 27 gen-
naio 1944 dall'Ufficio politico della Federazione del PFR. Detenuta
nel campo di Vo', carcere di Padova, campo di San Sabba. Deportata
da Trieste ad Auschwitz il 31 luglio 1944. Uccisa all'arrivo il 3 ago-
sto 1944.
12. Franco Bruno di Michelangelo. Nato a Rovigo il 21 giugno 1897.
Arrestato a Roma l'1 gennaio 1944. Detenuto nel carcere di Roma,
campo di Vo' Vecchio, carcere di Padova, campo di San Sabba. De-
portato da Trieste ad Auschwitz il 31 luglio 1944. Ucciso all'arrivo il
3 agosto 1944.
13. Franco Enzo di Michelangelo. Nato a Rovigo il 12 novembre 1898.
Arrestato a Roma l'1 gennaio 1944. Detenuto nel carcere di Roma,
campo di Vo' Vecchio, carcere di Padova, campo di San Sabba. De-
portato da Trieste ad Auschwitz il 31 luglio 1944. Ucciso all'arrivo il
3 agosto 1944.

107
RINGRAZIAMENTI




`
Nel tempo che e stato necessario per portare a termine questo
`
lavoro, ho contratto molti debiti di gratitudine. E doveroso da
parte mia fare riferimento a quelle persone che hanno facilitato
questo scritto dimostrando pronta collaborazione e vivo interesse
´
affinche la ricerca giungesse al suo esito naturale della pubblica-
zione. All'ingegner Luigi Scattorin (residente a Trieste), nipote
`
di Maria Lazzari, va la piu ampia riconoscenza per aver permesso
generosamente la riproduzione delle fotografie della famiglia
Lazzari e fornito alcuni preziosi documenti. A Mariarosa Davi
un sentito grazie per avermi incoraggiato nella ricerca e aver con-
diviso fin dall'inizio il progetto editoriale. Senza la cortesia e la
`
professionalita del personale che lavora negli archivi e nelle bi-
`
blioteche la ricerca sarebbe stata molto piu lunga e difficile. Un
ringraziamento quindi all'Archivio di Stato di Padova per la ri-
produzione dei documenti; l'Arolser Archives-Imternational
Center on Nazi Persecution (Germania); il Comune di Trieste;
il Comune di Padova e Il Giardino dei giusti del mondo di Pado-
va (in particolare Silvia Riva); l'Anpi di Padova (Maurizio Ange-
lini) e la sezione Anpi di Dolo (Corrado Mion); gli Uffici demo-
grafici dei Comuni di Cascina, La Spezia, Arcola; la basilica del
Santo di Padova (padre Giorgio Laggioni) e Adolfo Zamboni;
l'Istituto Veneziano per la storia della Resistenza e della societa `
contemporanea; l'Istituto tecnico statale commerciale «Maria
`
Lazzari» di Dolo (Venezia), in particolare Laura Benin. E la cora-
`
lita di tutte queste voci che ha reso possibile il testo che avete fra
le mani.

117
INDICE DEI NOMI




Abbondi Paolo, 39 Bassani Gemma, 106
Agostini Carlo, 30, 54 ' Toso Chiara, 81
Albertazzi Giorgio, 90 Beccaria Rolfi Lidia, 61, 73, 73,
Alexander (mareciallo), 54 115
Allegro Alfredo, 28 Behar Galimid Elisa, 106
Ancona Ada, 106 Bejski Moshe, 15, 16
' Giulio, 113 Bellina Luisa, 97, 99, 100, 103,
' Irma, 106 115
Angelini Maurizio, 11 Benetollo Diego, 28
Anpi di Padova, 20, 33, 50, 58, Benin Laura, 117
60, 65, 91, 92, 100, 115, 117 Beolco Angelo (detto Ruzante),
' di Dolo, 117 88, 89; personaggi: Checchina
Anselmi Tina, 100 e Beppo, 88, Betia e Menato,
Antonelli Laura, 90 89
Antonioni Michelangelo, 89 Berti Laura, 90
Apolloni Giovanni, 48 Bertolini Gilmo, 88
Argento Dario, 89 Bertolucci Bernardo, 89
Armellin Antonio, 92 Bertoni Giuseppina, 17, 46, 86
Arslan (professore), 43 Bevilacqua Mario, 39, 49
Artero Domenico, 48, 54 Bigagli Claudio, 90
Ascoli Emma, 105 Bindefeld Clara, 106
' Sigismondo, 106
Badoglio Pietro, 27 Biondi Cornelio, 48
Barbujani Renzo, 26 Blatman Daniel, 76, 115
Bardella Mario, 89 Bolognini Mauro, 89, 90

121
Bombacci Nicola, 19 Davi Mariarosa, 22, 40, 41, 91,
Bommarco Antonio Vitale, 54, 56 115, 117
Bonato (ditta), 53 De Bosio Gianfranco, 89
Borgato Maria e Delfina (sorelle), Decima Franca, 52
52, 53, 57, 99 De Felice Emilio, 17
Bortignon Girolamo, 41 ' Renzo, 28
Bosetti Giulio, 89 De Gasperi Alcide, 24, 26
Brandes Regina e Riccardo, 81 De Sica Vittorio, 89, 90
Bravo Anna, 97, 98 Diena Giorgio, 32, 57, 102
Bruzzone Anna Maria, 73, 115 ' Scimone Wanda, 32, 54
Buffarini Guidi Guido, 30, 36 Dina Amalia, 107
D'Italia Giovanna, 107
Carandina Elisa, 76
Cattani Roberto, 39 Eccher Andrea, 55
Cavaion Franca, 91
Cavalli Italo, 33, 34, 43 Fanfani Amintore, 26
Cazzola Otello, 89 Favero Sebastiano, 92
Cazzullo Aldo, 103 Fellini Federico, 90
Cervi Antonio (Tonino), 89, 90, Feltrin Francesco, 32, 52, 101,
e figlio Stefano, 6, 90 102, 115
' Gino, 89 Ferro Cecca, 89
Cianciolo (prefetto), 20, 42 `
Foa (famiglia), 37
Coen Oscar, 107 Focherini Odoardo, 13
Coen Sacerdoti Eugenio, 107 Foffani Giovanni, 48
Collotti Enzo, 28 Fontanella Valter, 90
Cortese Placido, 9, 40, 48, 51, Fortin Giovanni, 48, 54
53-57, 62, 67, 81, 93, 102 Franceschini Ezio, 32, 57
Crippa Maddalena, 90 Franco Bruno, 107
' Enzo, 107
D'Annunzio Gabriele, 87 Frank Anne, Margot e Otto, 82-
Dalle Fratte Giuseppe, 48 83
Dal Molin Sandro, 34 Frasson Antonio, 43
D'Arcais (ingegnere), 43 Frieder Frida, 108

122
G aiotti De Biase Paola, 102, Javicoli Susanna, 90
103 Josephson Enrichetta, 113
Garbin Renato, 43
Gardellin Ferdinando, 14 Kant Immanuel, 14
Gassman Vittorio, 90 Kapper Eva, 109
Gemelli Giulia, 113 Gustavo, 109
Geremia Lionello, 34, 83 Pietro, 109
Gesess (famiglia), 37, 50
Elia, 105, 108 Lacher Elsa, 65
¨
Sara, 108 Laggioni Giorgio, 56, 117
Gibson Violet, 42 Landini Sirio, 36
Gies Miep, 83 Lapanie Adele, 52, 61
Gios Pierantonio, 27, 31, 48 Lavia Gabriele, 90
Giovanni XXIII, 13 Lazzari (famiglia o sorelle): 8, 13,
19, 21, 32, 34, 40, 41, 58, 61,
Girotto Mariano, 48
70, 92, 93
Globocnick Odilio Lotario, 63 ' Maria (protagonista), passim.
Gobbo Sofia, 92 Familiari:
Goldbacher Alberto, 113 ' Amelia (sorella), 5, 13, 17, 18
Goldoni Carlo, 88; personaggi: ' Antonio (padre), 6, 17, 19,
Argentina e Pantalone, 89 23, 46, 86
Guareschi Giovanni, 89; perso- ' Giuliana (figlia) R Pinori
naggi: Don Camillo e Peppo- Giuliana
ne, 89 ' Giulio (marito) R Pinori
Giulio
Hammer Ester, 108 ' Giuseppina (madre) R Berto-
Lazzaro, 108 ni Giuseppina
Heller Samuele, 108 ' Omerina (sorella), 5, 13, 18,
Himmler Heinrich, 63, 76 60, 85, 86 R Scattorin An-
¨
Hitler Adolf (Fuhrer), 63, 101 gelo (marito)
Hughes Glyn, 82 ' Parisina (sorella), 5, 6, 9, 10,
13, 18-22, 32-34, 37, 41, 50,
Jachia Anselmo, 108 52, 57, 59, 61, 63, 69, 70, 85,
' Ercole, 109 91, 93
' Ida, 109 ' Parisio (nonno), 17, 22
' Pasqua, 109 ' Stefano (figlio di Giuliana), 6


123
Levi Ada, 109 Messori Roncaglia Carlo, 48
' Alvise, 110 Michieli Antonio, 54
' Gustavo, Marco e Mario, 110 Mion Corrado, 117
Levi Minzi Marcello, 10, 38-50, Mirko (spia dei tedeschi), 61, 62
93, 105, 110, 115 `
Moliere (Jean Baptiste Poquelin),
' Augusto, 50, 110 90
' Clotilde (madre), 38, 46 Monicelli Mario, 90
' Giuseppe (padre), 38, 110
Morando Enrico, 18
Locatelli Romeo, 57 Moresco Ida, 111
Lorant Geltrude, 110 Moriani Gianni, 116
Lucetti Gino, 42 Muni Emanuela, 90
Luisari Gino, 33, 34 Mussolini Benito (Duce), 19, 24,
Lustrissimi Germano, 48 25, 27, 28, 42, 62, 63
Muti Ornella, 90
Mestro Salomone, 113
Manfredi Nino, 90 Namias Bruna, 111
Manziana Carlo, 48 Nave Sergio, 70
Marchesi Concetto, 32, 34, 57
Martini (sorelle): 41, 52, 53, 54, Orefice Emma, 111
93, 102 Orlando Vittorio Emanuele, 19
' Carla Liliana, 35, 52-54, 57,
59, 116 Parenzo Giuseppe, 114
' Lidia (in Sabbadini), 52-54, ' Italo, 111
61, 100 ' Sara, 21, 22
' Renata, 52 Parise Goffredo, 90
' Teresa, 52-54, 57 Pasolini Pier Paolo, 90
Masin (fiaschetteria), 43 Paternoster Venanzio, 55
Mattarella Sergio, 56 Peli Santo, 98, 116
Matteotti Giacomo, 7, 23-25 Pella Giuseppe, 26
Mazzucato Delia, 52 Pellizzari Paola, 92
Melli Alfredo, 28 Perini Elisa, 99
Meneghetti Egidio, 37, 57, 65, Pesaro Ada, 111
102 ' Cesare, 114
Merlin Umberto, 5-7, 20-26, 46 Pesev Dimitar, 13

124
Pighin Otello, 57 Seifert Michael, 65
Pinori Giulio, 6, 13, 21, 44, 46, Selmin Francesco, 10, 29, 30, 36,
47, 49, 85, 86 105, 116
' Giuliana (figlia) detta Giuggi, Serafin Rina, 68
6, 11, 13, 21, 70, 71, 85-90, Silvestri Enrico, 27
sposa R Cervi Antonio Sogli Dumas L., 28, 43
Pirandello Luigi, 90 Sordi Alberto, 90
Pisani Giuliano, 13, 14 SS (Schutzstaffeln), 53, 54, 57-
Pucci Pier Vittorio, 68, 116 61, 63-65, 67, 72, 76, 78-80
Stain Otto, 65
Rauschning Hermann, 37 Sturzo Luigi, 19, 24
Riva Silvia, 117 Sullam Gisella
Romani Armando, 51, 53, 54, 81 Supino Teresa, 112
Roncalli Angelo Giuseppe, 13 Svanera Oliviero, 56
Rosi Francesco, 89
Rossetti Maria Teresa, 70 Tessarolo Girolamo, 48
Rossi Ivo, 14 Toderini Nello, 28
' Doria Anna, 70, 97 Toldo Giovanni, 30, 31
Rothschild Elsie, 111 Tollardo Giordano, 54
Rudoi Caterina, 111 Toso Alfio, 81
Ruzante R Beolco Angelo Tottoli Apollonio, 53-55, 116
Traniello Leobaldo, 26
Sabatucci Franco, 83 Turra Leone, 34
Sabbadini Elio, 112
' Sylva, 112 Usigni Guido, 114
Saonara Chiara, 20, 42, 43, 46,
116 Valabrega Evelina, 112
Sarfatti Michele, 28 ' Umberto, 112
Scattorin Angelo (marito di Laz- Vancini Florestano, 90
zari Omerina), 18. Figli: Varischi Carlo, 54
' Gina Gloria e Maurizio, 18 Varotto Antonio, 48
' Luigi, 18, 60, 61, 67, 86, 117 Veldotti Alberto, 40, 41, 49
Schiavinato Lucia, 99 Ventura Angelo, 19, 28, 116
Sega Maria Teresa, 97, 99, 100, Villaggio Paolo, 90
103, 115 Visconti Luchino, 89, 90

125
Vita Margherita, 114 Zanella Patrizio, 5-7, 9-11, 16
Vittorio Emanuele III, 24 ' Romeo, 34

Zambon Milena, 52 Zaniboni Tino, 42
Zamboni Adolfo, 80, 117 Zanin Mario, 48, 54
' Anteo, 42 Zaramella Pietro, 48
Zancan Lanfranco, 57 Zevi Anna, 112




126
INDICE GENERALE




Presentazione (Maurizio Angelini) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

Capitoli
1. La famiglia Lazzari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
2. Segretaria dell'avvocato antifascista Umberto Merlin . . 23
3. La persecuzione degli ebrei a Padova . . . . . . . . . . . . . 27
4. Ebrei nascosti in casa Lazzari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
5. Collaboratrice del gruppo Fra-Ma
e di padre Placido Cortese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
6. L'arresto e la prigionia a Venezia e a Trieste . . . . . . . . 57
7. ¨ck
La deportazione nel lager di Ravensbru . . . . . . . . . . 67
8. La marcia della morte e l'arrivo a Bergen-Belsen . . . . . 75
9. Giuliana, l'unica figlia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
10. Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91

Appendice
1. Le donne nella resistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2. Ebrei internati nel campo di concentramento di Vo'
e deportati ad Auschwitz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105

Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
Ringraziamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
Indice dei nomi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121

127
Finito di stampare nel mese di gennaio 2020
Mediagraf S.p.A. ' Noventa Padovana, Padova

Non ci sono commenti per questo volume.