Citazione spirituale

Come un chicco di grano

-

L'attesa di un figlio le speranze di una madre

 
di

Vittoria Longo


Copertina di 'Come un chicco di grano'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 24/48 ore lavorative
In promozione fino al 24/08/2019 scade tra 11 ore e 56 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo Come un chicco di grano - L'attesa di un figlio le speranze di una madre Autore Editore Paoline Edizioni EAN 9788831545433 Pagine 144 Data gennaio 2015 Peso 264 grammi Altezza 21 cm Larghezza 13,5 cm Profondità 1,3 cm Collana Libroteca/Paoline
Voto medio degli utenti per «Come un chicco di grano»: 5 su 5 (3 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 16 gennaio 2015 alle 09:06 ha scritto:

L'autrice del libro è la mia professoressa, è una persona da stimare..e sicuramente questo libro sarà bello da leggere ma soprattutto darà molte emozioni..

il 16 gennaio 2015 alle 09:32 ha scritto:

Il mio pensiero è che questo libro parli del dono più importante che possa ricevere una donna,un bambino. È un libro speciale che tratta di un dono speciale.

il 3 aprile 2015 alle 18:32 ha scritto:

Il libro che ho appena finito di leggere, anzi ho divorato perché non sono riuscito a smettere fin quando non ho letto l'ultima parola, è una serie di pensieri, anzi è un dialogo ininterrotto col bambino che l'autrice ha portato in grembo per nove mesi e che porta avanti, e ci partecipa, fino al primo anno di vita. E' un colloquio che, come lei stessa dichiara, porterà avanti per tutta la vita. L'emozione, la dolcezza, l'amore infinito, il senso della maternità viene trasmesso al lettore in maniera semplice ed immediata. E' difficile descrivere e far comprendere, e non ci riesco certo io, l'emozione profonda che questa storia bellissima, sempre uguale e sempre diversa, suscita in chi legge. Il colloquio ininterrotto con quello che all'inizio è un embrione, un “grumo di sangue”, e via via un feto sempre più grande fino a diventare un bimbo, già persona, percorre tutte le stagioni dell'anno e, forse , della vita. La mamma gli trasmette e descrive le sensazioni, le gioie, anche le difficoltà, che la gravidanza incontra durante quei nove mesi. Infine la nascita, la vita che si manifesta finalmente col pianto che è il primo segnale di un essere venuto al mondo. Sembra una di quelle immagini del nostro Rinascimento, quei quadri di maternità con negli occhi della mamma la gioia ed il dolore, e sullo sfondo il paesaggio dolce delle nostre colline, con le stagioni temporali. E' infine un inno alla vita, alla grande fortuna che si ha nell'averla e nel trasmetterla, a quello cui ognuno di noi non pensa mai se non nel momento in cui lo sta perdendo, come l'aria di cui non facciamo conto se non quando ci dovesse venire meno. E' un libro che devono leggere le donne perché possano condividere quelle sensazioni così particolari che si provano nell'atto di generare una nuova vita, anche quelle che rinunciano spontaneamente a farlo. Lo dovrebbero leggere soprattutto gli uomini perché comprendano cosa sia quel legame così particolare ed unico che lega un figlio alla mamma. Chi mi conosce si chiederà come mai un libro così sensibile, direi poetico, ha destato il mio interesse. E' presto detto. La profess.ra Longo, l'autrice, è una ricercatrice storico-documentale molto apprezzata, dedita all'ultimo periodo del Regno di Napoli ed ai primi anni del Regno d'Italia, con un occhio particolare al brigantaggio. Al suo attivo ha già due testi fondamentali e numerosi interventi. Quando ho visto che era autrice anche di un volume così particolare, non me l'aspettavo ed ho pensato di approfondire la cosa. E devo dire che il risultato è stato superiore ad ogni aspettativa. Spero che vogliate condividere con me le mie sensazioni ed il mio giudizio.