Citazione spirituale

Stanze della metafisica

-

Heidegger, Löwith, Carlini, Bontadini, Severino

 
di

Leonardo Messinese


Copertina di 'Stanze della metafisica'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione fino al 23/04/2019 scade tra 5 ore e 57 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo Stanze della metafisica - Heidegger, Löwith, Carlini, Bontadini, Severino Autore Editore Morcelliana Edizioni EAN 9788837226183 Pagine 200 Data dicembre 2012 Peso 250 grammi Altezza 21 cm Larghezza 15 cm Profondità 1,5 cm
Voto medio degli utenti per «Stanze della metafisica»: 4 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

, masperi.umberto@yahoo.it il 12 luglio 2014 alle 10:36 ha scritto:

Un libro certamente impegnativo, per chi si “interessa” un po’ di filosofia.Utile per due ragioni,almeno: la competenza dell’autore ( che ha scritto molto sui filosofi presi in considerazione), l’importanza del discorso metafisico ( ed anti-metafisico) nel secolo scorso, ma che andrebbe riproposto anche negli anni che “scorrono”, inesorabilmente, agli inizi del NOSTRO terzo millennio. La mia lettura , devo ammetterlo subito, è stata condizionata dalla convinzione di fondo, che mi porta a non condividere le tesi dei due pensatori tedeschi e,per altro verso, dello spiritualista italiano, come continuo ad essere convinto della improponibilità della posizione severiniana ( al di là delle loro tesi- proposte, rimane il fatto che certe critiche alla metafisica classica ed al pensiero occidentale se questi fossero presentati ‘correttamente‘, e non viziate (le critiche) dalle lenti suoi propri occhi quando li si analizzi,risulterebbero fuori bersaglio). Due mie osservazioni: la scrittura è ‘alquanto’ pesante, a causa di troppe ripetizioni , ed enunciazioni sul modo di procedere dell’autore ( che,ripeto, ha notevole padronanza della materia, ma proprio per questo, al di là dell’origine dei singoli capitoli (alcuni da studi già pubblicati , e ora rivisti) potrebbe offrire al lettore pagine di uno stile più semplice e scorrevole); la proposta finale ( una rilettura della metafisica classica: Dio,creazione,”divenire”, che potrebbe conciliarsi con la critica di Severino contro il nichilismo del divenire) non mi convince ( le due posizioni Bontadini-Severino sono antitetiche REALMENTE. E nonostante la veneranda e terribile capacità di risposta alle critiche mossegli del filosofo bresciano la sua “interpretazione” del divenire va sempre puntualizzata e discussa; a mio modesto avviso non regge: quel ‘non-essere’ dell’ente che diviene è legittimamente criticabile come ‘nulla’ –assoluto ( per Severino), e quindi : il non-essere (dell’ente) identificato con l’essere, in contraddizione con l’assoluta verità dell’essere (parmenideo), la follia dell’Occidente? Atto,eterno, di creazione o apparire-scomparire degli “eterni”?).Se la mia ragione,coscienza, che non è eterna, da cui devo partire ed a cui devo sempre rimanere fedele, non è in grado di ‘vedere’ nell’ atto eterno di Dio creatore (ma solo quoad me) la verità (QUESTA) in modo adeguato, in sé, perché io che ho esperienza (cioè mi è “presente” come mi è “presente la verità dell’essere parmenideo)del non essere mio, nel mio divenire, devo rifiutare la verità, e non la follia-fede, dell’Occidente?