Citazione spirituale

Teologia dell'Antico Testamento [vol_2] / Teologia delle tradizioni profetiche d'israele

di

Rad Gerhard von


Copertina di 'Teologia dell'Antico Testamento [vol_2] / Teologia delle tradizioni profetiche d'israele'

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Tipo Libro Titolo Teologia dell'Antico Testamento [vol_2] / Teologia delle tradizioni profetiche d'israele Autore Traduttore Ronchi F., Torti G. Editore Paideia EAN 9788839401939 Pagine 552 Data 1974 Collana Biblioteca teologica
Voto medio degli utenti per «Teologia dell'Antico Testamento [vol_2] / Teologia delle tradizioni profetiche d'israele»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 2 marzo 2015 alle 12:43 ha scritto:

È necessario riconoscere assieme a Gerhard von Rad che il profetismo costituì nelle sue origini un fenomeno molto complesso e articolato, la pluralità delle designazioni adottate per gli uomini estatici porta a pensare che effettivamente, nella sua fase iniziale il profetismo non nacque come un movimento organizzato ma si organizzò nel suo sviluppo che avvenne intorno al VIII-VII sec., però si ritiene che le ragioni che portano G.v.Rad a pensare che il movimento profetico non fu altro che una rilettura spirituale dell’antica religione yahwista, siano in realtà una conferma storica che sin dall’inizio della storia di Israele Dio suscitò degli uomini, in alcuni momenti precisi, che potessero guidare il popolo. Israele stesso dovette abituarsi a un fenomeno del genere per questo notiamo anche uno sviluppo delle definizioni di qualcosa che inizialmente non si sapeva come definire, inoltre se le prime descrizioni riflettono principalmente gli stati esteriori questo potrebbe essere dovuto al fatto che quando gli israeliti ancora non conoscevano il significato profondo del profetismo si limitavano a leggere ciò che vedevano e cioè uomini che si strappavano le vesti e che potevano sembrare insensati. Infine si noterà che lo sviluppo maturo del profetismo proprio nei sec. VIII-VII ha un senso molto profondo, infatti proprio in questo periodo i profeti furono chiamati da Dio con un compito particolare, preparare Israele alla deportazione e a sopravvivere in un contesto storico, sociologico, culturale e religioso che sarebbe cambiato radicalmente. Dal punto di vista metodologico G.v.Rad ha un metodo molto forte, considera le fonti extrabibliche ed è particolarmente attento ai documenti archeologici, anche a quelli esterni a Israele e analizza le tradizioni profetiche facendo molto affidamento sull’analisi narrativa.