Citazione spirituale

Parlare di ISIS ai bambini

di

Alberto Pellai, Edgar Morin, Riccardo Mazzeo, Marco Montanari

 


Copertina di 'Parlare di ISIS ai bambini'
Ingrandisci immagine

Normalmente disponibile in 15/16 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo Parlare di ISIS ai bambini Autori A cura di Dario Ianes Editore Centro Studi Erickson EAN 9788859011156 Pagine 148 Data marzo 2016
Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

Pellai ' Morin
Mazzeo ' Montanari
QUALI PAROLE PUÒ USARE UN GENITORE PER
SPIEGARE A UN FIGLIO IL FANATISMO RELIGIOSO, PELLAI ' MORIN
GLI ATTENTATI TERRORISTICI, E RIUSCIRE A FARLO
SENTIRE PROTETTO E AL SICURO' MAZZEO ' MONTANARI
A cura di
COME PUÒ UN INSEGNANTE DISCUTERE CON I PROPRI Dario Ianes
ALUNNI DI ISLAM, CORANO, CALIFFATO,
SENZA SEMPLIFICAZIONI NÉ PREGIUDIZI'




PARLARE DI ISIS AI BAMBINI
L'EDUCAZIONE PUÒ ESSERE UN
PARLARE DI

ISIS
ANTIDOTO ALLA VIOLENZA'


Un libro che informa, orienta e fa riflettere:
perché capire e parlarne insieme sono l'unica
possibilità che abbiamo di creare nei nostri ragazzi
anticorpi all'intolleranza.


AI BAMBINI
' 14,50
Pellai ' Morin
Mazzeo ' Montanari
QUALI PAROLE PUÒ USARE UN GENITORE PER
SPIEGARE A UN FIGLIO IL FANATISMO RELIGIOSO, PELLAI ' MORIN
GLI ATTENTATI TERRORISTICI, E RIUSCIRE A FARLO
SENTIRE PROTETTO E AL SICURO' MAZZEO ' MONTANARI
A cura di
COME PUÒ UN INSEGNANTE DISCUTERE CON I PROPRI Dario Ianes
ALUNNI DI ISLAM, CORANO, CALIFFATO,
SENZA SEMPLIFICAZIONI NÉ PREGIUDIZI'




PARLARE DI ISIS AI BAMBINI
L'EDUCAZIONE PUÒ ESSERE UN
PARLARE DI

ISIS
ANTIDOTO ALLA VIOLENZA'


Un libro che informa, orienta e fa riflettere:
perché capire e parlarne insieme sono l'unica
possibilità che abbiamo di creare nei nostri ragazzi
anticorpi all'intolleranza.


AI BAMBINI
' 14,50
Indice




Presentazione di Dario Ianes 7

Prima parte ' Le parole:
come parlarne con chi è nato dopo l'11 settembre 2001
Capitolo primo
L'adulto competente aiuta emotivamente il bambino
(Alberto Pellai) 21

Seconda parte ' Le cose:
di chi e di che cosa si sta parlando
Capitolo secondo
Geografia concettuale dello Stato Islamico
(Marco Montanari) 49

Terza parte ' Il pensiero:
la necessità di riflettere su questi temi
Capitolo terzo
Cercare di comprendere l'ISIS nella complessità
(Edgar Morin e Riccardo Mazzeo) 119
Presentazione
Dario Ianes




I genitori e gli insegnanti dovrebbero parlare ai bambini e ai ragazzi
di ciò che accade nei territori del Califfato e nelle nostre città' Dovrebbero
parlare di terrorismo, stragi, violenze' Certamente, dobbiamo farlo tutti
con forza, empatia e cultura. Per essere vicini emotivamente a un difficile
processo di conoscenza, soprattutto nei bambini e ragazzi. Sciascia esortava
a «illuminare» le cose della Mafia, a non tacere'
I genitori e gli insegnanti dovrebbero parlare anche di ciò che muove
queste violenze'
Certamente, ma spesso non sanno bene quali sono le cause di quello
che accade, non sanno come documentarsi' e non vogliono apparire igno-
ranti, anche se sarebbe invece un ottimo insegnamento mostrarsi adulti che
si attivano in una ricerca razionale, e il più possibile libera da pregiudizi, di
informazioni indipendenti.
Spesso gli adulti sono in imbarazzo di fronte a «guerre di religione»,
perché la religione stessa imbarazza, è vissuta come un tema sensibile, pri-
vato, intimo, e si è ancora più in difficoltà con una religione islamica che
non si capisce bene quanto sia di pace o violenta (chi vorrà approfondire
questo tema nei vari libri commentati più avanti, vi troverà posizioni molto
diverse').
L'adulto occidentale, a eccezione di un 20% di integralisti nostrani di
destra, ha un atteggiamento sostanzialmente mite, non aggressivo e teme
8 Parlare di ISIS ai bambini


di offendere l'altro, di non rispettarne l'identità e in questo modo, forse,
rischia di non capire ciò che accade e di «sottomettersi» (vedi Houellebecq).
Genitori e insegnanti tendono a evitare di parlare di ISIS e terrori-
smo, non sanno come farlo e rischiano di banalizzare le ansie, le paure e
le domande dei loro figli e dei loro alunni' spesso dicono che sono cose
lontane, che non arriveranno mai qui'
Un adulto può avere difficoltà a entrare in empatia con le emozioni
dei bambini per aiutarne la regolazione e la corretta espressione, e in que-
sto caso la difficoltà può essere ancora maggiore, perché non si tratta delle
solite paure'
Un genitore o insegnante potrebbe costruire attraverso azioni edu-
cative degli «anticorpi alla violenza religiosa»' In che modo si potrebbe
fare prevenzione nelle scuole' Con un'educazione alla laicità, ai diritti e
alla legalità'
In questo libro cerchiamo di dare un aiuto psicologico e educativo agli
adulti che vogliono arricchire la loro relazione e responsabilità educativa
anche affrontando temi difficili e tragici. Un doppio aiuto: da un lato,
fortificare le capacità empatiche e affettive, che sviluppano quella «base
sicura» di cui i bambini e ragazzi hanno bisogno e, dall'altro, fortificare
quella dimensione di «adulto che si documenta, studia, riflette, impara per
comprendere il più possibile», un modello di adulto che costruisce pazien-
temente nuove conoscenze, che si confronta con nuovi dubbi, interrogativi
che scuotono certezze e pregiudizi. Un adulto affettivamente competente
che studia incessantemente la realtà.
A questo scopo suggeriamo, nelle righe che seguono, alcuni dei titoli
che ci sembrano più significativi e incisivi nell'ampio repertorio della lette-
ratura nei dintorni del tema ISIS: testi che, affrontando questioni complesse
e delicate da prospettive eterogenee, sono in grado di fornire conoscenze
sfaccettate, dati essenziali e approfondimenti preziosi per qualsiasi adulto
voglia ampliare il proprio orizzonte e saperne di più.
In un percorso ideale che vuole considerare diversi punti di vista,
troverete, nell'ordine: alcuni testi di giornalismo d'inchiesta, perfetti per
documentarsi e aggiornarsi sul contesto storico e l'attualità geopolitica dei
paesi islamici, nonché sulle origini sia del conflitto con l'Occidente che di
quelli interni all'Islam; altri scritti da storici, filosofi e sociologi, con riflessioni
che spaziano dall'antropologia alla filosofia politica all'analisi del discorso
Presentazione 9


retorico; volumi di scrittrici donne che danno voce alla questione femminile
nei paesi arabi e, in ultimo, un libro di taglio narrativo, che usa la potenza
visionaria della letteratura per farci riflettere immaginando.


Qualche libro per cercare di documentarsi, per tentare di capire un po'
di più

1. Garance Le Caisne, La macchina della morte. Siria: oltre il terrore
islamico, Rizzoli, 2016

La storia dell'ex agente del regime di Assad che ha fotografato migliaia
di corpi di dissidenti e ribelli incarcerati, torturati e uccisi. Nel libro si rico-
struisce con estrema cura questa vicenda, attraverso numerose testimonianze
e un'ampia documentazione sulla tragica situazione della Siria, prima op-
pressa dal regime degli Assad e poi travolta dalla guerra civile interna a cui
si sono aggiunte le milizie dell'ISIS. Il volume è anche un'amara denuncia
dell'impotenza delle Nazioni Unite nell'avviare una procedura di condanna
formale del regime di Assad attraverso la Corte Penale Internazionale.

2. Maurizio Molinari, Il Califfato del terrore. Perché lo Stato Islamico
minaccia l'Occidente, Rizzoli, 2015

Il terrorismo che insanguina spesso sia l'Occidente che molte popola-
zioni musulmane non è più l'azione di poche cellule o soltanto di qualche
scheggia impazzita, sfuggita di mano a un Islam moderato e pacifico. Dal
terrorismo residuale si è passati a un terrorismo sistematico organizzato
dentro una complessa strategia espansionistica di un vero e proprio «Stato»
islamico, con tanto di esercito ben organizzato, amministrazione centrale e
locale, corpi di polizia, servizi sociali e politiche economiche redistributive
(servizi, cibo gratis), per costruire consenso anche con la carota e non solo
con la paura della repressione più spietata. Il libro ci spiega cosa è adesso
il Califfato, lo Stato Islamico che espande i suoi confini e il suo dominio
sui territori di diverse nazioni mediorientali, attirando sempre più europei
per combattere nelle proprie fila e sviluppando strategie comunicative ul-
tramoderne nell'obiettivo di creare proselitismo combattente e un'adesione
culturale strisciante nella popolazione musulmana residente in Europa.
10 Parlare di ISIS ai bambini


3. Maurizio Molinari, Jihad. Guerra all' Occidente, Rizzoli, 2015
Un caleidoscopico volume che ci proietta nel delirio di sigle, gruppi
ribelli e terroristici, leader di ogni genere e orientamento che popolano a
migliaia i vari teatri di guerre ad alta e bassa intensità in Medio Oriente e
Africa. Leggendo il libro si comprende, con una certa fatica, data la nume-
rosità e complessità degli attori, quello che succede nei 9000 chilometri tra
Tangeri e Peshawar, dove si scontrano continuamente una galassia fluida di
gruppi, organizzazioni, cellule e tribù, oltre che organizzazioni quasi statuali,
come l'ISIS, o stati veri e propri. Un testo importante per capire anche il
ruolo fondamentale della dimensione tribale, che fornisce un'appartenenza
fortissima, che supera di gran lunga quella dei confini nazionali, spesso
linee immaginarie in deserti di sabbia. Accanto a questo livello «micro»
di analisi e conoscenza, il libro ci fa capire anche lo scontro «macro» tra le
grandi potenze regionali, e anche planetarie, per il controllo di quella parte
(sempre più grande) di mondo e per far prevalere una delle due grandi
rivoluzioni islamiche.

4. Carlo Panella, Il libro nero del Califfato. La guerra di civiltà dello
scisma islamico, Bur, 2015

«Non rendersi conto che qualcuno ti fa la guerra per imporre la
sua 'civiltà' è un errore. Errore ancora più grande è non capire perché ti
vuole annientare. L'Europa ha commesso questi errori nel 1939 e oggi li
ripete.» Un libro ampio e documentato, che passa in rassegna tutti i nodi
della questione mediorientale con le sue conseguenze jihadiste. Le analisi
dell'autore sono un monito deciso a tutti noi, per sforzarsi di capire a fondo
i motivi dell'ascesa del Califfato, motivi profondi di «fede», motivi utopici
di conquista egemonica. L'Occidente ha troppe resistenze culturali e del
«politically correct», oltre che troppi interessi economici ed elettorali, per
affrontare seriamente e in modo inesorabile questo fenomeno drammatico.

5. Francesco Borgonovo, Tagliagole: Jihad Corporation, Bompiani,
2015
Un testo ampio sull'ISIS, analizzato da molte prospettive diverse, sia
da quelle più tradizionalmente legate ai rapporti con la religione islamica
(si sostiene la tesi secondo cui la religione c'entra eccome, con l'ISIS) o ai
Prima parte


Le parole: come
parlarne con chi
è nato dopo l'11
settembre 2001
Capitolo primo

L'adulto competente aiuta
emotivamente il bambino
Alberto Pellai




E ci aiuta la vita, nel pigro scorrere delle sue abitudini, delle sue ritua-
lità, dei suoi gesti. Quelle abitudini, quelle ritualità e quei gesti che per
decine e decine di francesi sono crudelmente e irrimediabilmente finiti ieri
sera. Ma che per tutti gli altri debbono invece continuare. Non per egoi-
smo, o indifferenza o poca sensibilità. Ma perché vivere la nostra vita fino
in fondo è la risposta più forte, la più efficace, la meno indifferente che si
può opporre a questa follia del terrorismo che attraversa le nostre strade.
Marco Follini, Non ci avranno. Dirlo è poco,
ma in fondo è tutto, «Huffington Post», 15 novembre 2015.

«Children see children do» (i bambini vedono, i bambini fanno),
afferma un modo di dire anglosassone divenuto noto in tutto il mondo,
anche grazie a un video molto popolare su Youtube. E questa frase vale
ancora più oggi nel mondo moderno e globale. Un mondo in cui i nostri
figli sono esposti sin dall'età più precoce a un'infinità di stimoli da vedere,
da consumare, da rielaborare nell'accelerazione di un'esistenza in cui tutto
accade nel qui e ora, tutto succede contemporaneamente. A volte ci si sente
così travolti, sopraffatti e in balia di ciò che entra nel nostro percorso, da
fare fatica a ri-costruire i significati e i legami relativi a ciò che viviamo e di
cui siamo protagonisti.
La globalizzazione e la digitalizzazione della nostra esistenza portano il
mondo nelle nostre case, ci permettono di essere aggiornati in tempo reale
22 Parlare di ISIS ai bambini


su ogni evento del pianeta terra. Sappiamo ciò che accade agli antipodi
nello stesso momento in cui le persone lo stanno vivendo. Per poter parlare
realmente con quelle persone, dovremmo viaggiare per più di un giorno con
un aereoplano, affrontare un fuso orario di molte ore, sottoporci alla fatica
di una trasferta impegnativa. Però, basta stare seduti sul divano di casa o
di fronte allo schermo del proprio tablet per vivere gli eventi che accadono
dall'altra parte del mondo, in contemporanea con i diretti protagonisti.
Anche i nostri figli e alunni, vivendo immersi nello stesso flusso infor-
mativo, sono bombardati dalla medesima iperstimolazione di dati, immagini,
eventi. Soprattutto quando sono piccoli, per loro è difficile fare una sintesi
di tutto. Spesso le immagini, i suoni, le parole che escono dagli schermi
usati dai loro genitori rappresentano una sorta di sottofondo audiovisivo,
un rumore d'ambiente nel quale portano avanti il palinsesto della loro esi-
stenza. Siamo sempre più consapevoli che ciascuno di noi si trova a vivere
una vita dalla natura «multitasking», caratteristica che, per proprietà transi-
tiva, è diventata un aspetto che contraddistingue la quotidianità dei nostri
piccoli. Si mangia tenendo il televisore acceso in sottofondo, rispondendo
a messaggi e telefonate che arrivano sui cellulari, si verifica una notizia sul
proprio tablet e intanto si parla, si mangia, si vive. Ma le cose cambiano
drasticamente quando le notizie che arrivano nel cuore della casa hanno a
che fare con lo stragismo terroristico, con i grandi cataclismi, con quelle
tragedie che accadono all'improvviso e coinvolgono nello stesso momento
la vita e il destino di moltissime persone.


Vivere allarmati

Da alcuni anni il terrorismo di matrice islamica è entrato nella vita di
noi tutti, come un dato di cui tenere conto nella quotidianità di chi non
avrebbe mai pensato di avervi a che fare. Le notizie che in tempo reale si sono
succedute negli anni relative ad attentati, minacce, ultimatum, esecuzioni di
ostaggi riprese con videocamera e poi diffuse sui media internazionali sono
all'ordine del giorno e hanno indotto in ciascuno di noi la percezione di
un pericolo reale legato a variabili non facilmente controllabili. Per questo
genere di minacce e di paure, il cittadino comune si deve affidare all'azio-
ne delle forze dell'ordine e dei servizi segreti, all'intervento coordinato e
L'adulto competente aiuta emotivamente il bambino 23


collaborativo delle polizie internazionali affinché, con strategie concertate,
garantiscano la sicurezza nella quotidianità della nostra vita.
La forza di certe immagini, l'impatto emotivo di alcune notizie relative
a fatti particolarmente cruenti rimangono però eventi che per molte persone
sono di impossibile accettazione e, più in generale, per tutti noi connotati da
una tale capacità di sconvolgere il nostro equilibrio emotivo e psicologico,
da lasciarci dentro un senso di orrore e sgomento senza fine.
Cosa succede ai nostri figli o ai nostri alunni quando i fatti, come
quelli degli attentati di Parigi nel novembre 2015, irrompono con subi-
tanea irruenza nelle nostre case' Quale impatto hanno le immagini dei
telegiornali che raccontano la morte seminata per opera di uomini che, in
virtù di un'ideologia religiosa, di un integralismo fanatico senza scrupoli,
minacciano il senso di sicurezza di ciascuno di noi, colpendo il cuore della
nostra vita sociale'


Quando nella pace della famiglia irrompe la sensazione di pericolo

Immaginate la scena di una famiglia qualsiasi che sta assistendo a un
programma televisivo del fine settimana. Sono tutti seduti sul divano. Le
mura della loro casa li isolano dal mondo esterno, tengono fuori dalla porta
il freddo, gli estranei, l'imprevedibile. Lì, seduti accucciati l'uno all'altro,
a guardare insieme un cartone animato, oppure un film divertente o uno
spettacolo musicale, si respira un buon «sapore di famiglia e di casa». Tutto
sembra in equilibrio. Tutto va bene. Poi, le trasmissioni si interrompono
all'improvviso. Compare una sigla concitata, una scritta che dice «breaking
news», un giornalista che con voce semi-alterata annuncia che in una grande
città del mondo è successo qualcosa di terribile. Qualcosa che ha prodotto
un ingente numero di morti e feriti.
Le notizie arrivano in modo frammentato e drammatico. Le prime im-
magini riempiono gli schermi senza un testo specifico che le sappia spiegare.
È tutto così istantaneo, sta avvenendo tutto in tempo «così reale» che si può
solo entrare nel flusso di quella narrazione giornalistica. La si guarda da uno
schermo, ma in parte è un po' come starci dentro. Perché l'identificazione
con le vittime, con le persone spaventate riprese dalle videocamere, con chi
sta rilasciando dichiarazioni tra le lacrime e con il volto terrorizzato avviene in
24 Parlare di ISIS ai bambini


modo spontaneo. I bambini seduti sul divano vedono le facce spaventate delle
persone riprese dalle videocamere. Ma vedono anche i volti allarmati dei propri
familiari che ascoltano in silenzio, commentano ad alta voce e si trovano in
balia di sensazioni ed emozioni che rimandano a un senso di allarme e paura.
Il mondo che sembrava chiuso fuori dalla porta di casa, improvvisa-
mente, vi ha fatto un ingresso irruento. È penetrato nelle maglie della trama
realizzata con la sensazione di protezione e sicurezza che aveva dominato le
relazioni familiari fino a un minuto prima. Ora tutto è cambiato. Nell'aria
si respira paura. Gli adulti sono spaventati e, nella prospettiva emotiva di
un bambino, un adulto spaventato diventa anche un adulto spaventante.
Questo è forse il primo messaggio che gli adulti devono comprendere, se
vogliono aiutare i bambini a non rimanere travolti da emozioni intense e
negative in occasione di eventi così acuti e imprevisti, connotati da un alto
tasso di drammaticità, violenza, morte: gli adulti hanno il compito di co-
municare ai più piccoli che loro sanno tenere il comando della situazione,
che di fronte a un'emergenza sono in grado di regolarsi «emotivamente» e
contenere l'ansia e la paura. Insomma, gli adulti devono saper essere i capitani
di una nave in tempesta e, grazie alla loro fermezza e autorevolezza, possono
comunicare al bambino che lui si può fidare di loro e, di conseguenza, può
affidarsi alla loro capacità di far fronte a ogni imprevisto e difficoltà. Si è
bambini proprio perché non si è capaci di regolare il proprio stato emotivo
e si ha bisogno di qualcuno che contenga e canalizzi la nostra attivazione e
impulsività in una direzione che ci permetta di non sentirci disperati e in
balia degli eventi.
Forse, in queste pagine, vale la pena provare a spiegare, in modo
semplice e facilmente comprensibile da tutti, che cosa succede nel nostro
cervello quando notizie e immagini ad alto impatto emotivo fanno irruzione
nella nostra vita e, in particolare, nel mondo del bambino. Mi riferisco a
notizie che hanno a che fare con eventi sconvolgenti connotati da morte e
sofferenza per le persone che vi sono coinvolte.


Le emozioni attivate dalla comunicazione mediatica di un evento tragico

Ogni stimolo esterno deve essere riconosciuto, validato, elaborato
all'interno della nostra mente attraverso un processo di integrazione tra
L'adulto competente aiuta emotivamente il bambino 29


suo stato di attivazione emotiva, senza negargli nulla, ma fornendogli codici
affettivi e di interpretazione dei fenomeni che lo vedono protagonista, tali
da permettergli di avere speranza e fiducia.


Mantenere la calma
Mantenere la calma quando tutto ci porterebbe a fare l'esatto contrario,
ovvero arrabbiarci, allarmarci, spaventarci, non è facile. Ma se siamo adulti
e di fianco a noi c'è un minore, non dobbiamo mai dimenticarci che questo
per noi diventa un dovere. E per lui un diritto. Come si fa a mantenere la
calma' Se si è persone con buona capacità di autoregolazione emotiva,
questo ci risulterà già abbastanza naturale. Avere un'espressione calma
significa lavorare su tre aspetti fondamentali:
1. il tono di voce, che deve essere sempre regolato ed evitare un eccesso
di intensità emotiva nel modo con cui parliamo agli altri (evitare di avere
una voce spezzata dal pianto, affranta, indebolita);
2. la postura del corpo, che deve rimanere aperta, rilassata e accogliente.
Appena ci accorgiamo che il nostro corpo si tende, sentiamo una contrattu-
ra in un distretto corporeo ed è bene che, chiudendo gli occhi, respirando
profondamente, visualizziamo nella nostra mente quella specifica zona e,
sfruttando il controllo che ci viene fornito dai nostri respiri regolari, piano
piano sciogliamo lo stato di tensione muscolare;
3. l'espressione del volto: è il nostro viso, insieme alle sue infinite micro-
modificazioni involontarie, che dà informazioni sullo stato emotivo da cui
veniamo «abitati» in alcuni momenti. Quindi è importante chiedersi: qual
è l'emozione che il mio volto comunica agli altri in questo momento'
Diventare consapevoli delle emozioni che mostriamo agli altri ci permette
di avere un maggiore autocontrollo e di poter «dare il meglio di noi», soprat-
tutto nell'ambito di relazioni con un minore che va protetto e sostenuto.



L'integrazione tra i due emisferi nel nostro cervello

Spesso invece, noi adulti, con le nostre reazioni emotive, precipitiamo
i bambini in «gorghi» invischianti e trasferiamo su di loro emozioni che non
siamo in grado di risolvere ed elaborare dentro di noi. È fondamentale in
questo senso comprendere anche come il cervello integri le informazioni
30 Parlare di ISIS ai bambini


verbali e le narrazioni esplicite (ovvero ciò che viene comunicato attraverso
le parole) con le informazioni e le narrazioni implicite (ovvero tutto ciò
che parola non è, ma che accompagna le parole, come espressioni del viso,
stati emotivi, linguaggio corporeo, tono della voce, velocità o lentezza
dell'eloquio). L'integrazione tra elementi formali ed espliciti (le parole) con
quelli informali e impliciti (tutto il resto) avviene in seguito alle modalità
integrative tra i due emisferi (destro e sinistro) che compongono il nostro
cervello e che sono collegati attraverso una struttura composta da fibre
nervose, chiamata corpo calloso. Emisfero destro e sinistro sanno lavorare
in modo autonomo, percepiscono e decodificano elementi esterni in modo
differente, ma la nostra esperienza mentale, derivante dalla percezione di
uno stimolo esterno, è il risultato dell'integrazione che essi ne operano. Un
dato proveniente dall'ambiente, infatti, attiva contemporaneamente aree
cerebrali che lavorano in modo sintono e sincrono al contempo, producendo
un'esperienza mentale che per il soggetto è la sintesi automatica dei processi
che si verificano nella zona destra e in quella sinistra del cervello.
Ogni emisfero ha la sua specializzazione e il suo modo unico di gestire
l'informazione che va a elaborare. L'emisfero sinistro si affida alla parte testuale
dello stimolo, ne analizza e decodifica le parole implicate e si concentra su ciò
che viene detto. L'emisfero destro è invece più focalizzato sull'elaborazione dei
dati di contesto, ovvero gli elementi di sfondo, i toni e le atmosfere. Quando
si è bambini spesso l'emisfero destro è quello che fornisce i riferimenti più
importanti per comprendere e analizzare ciò che sta succedendo. Sin dalla
nascita, infatti, il bambino affida la sua percezione del mondo non alle parole
che gli vengono dette ma allo stile, al modo con cui gli adulti si relazionano
con lui, interagiscono e si prendono cura dei suoi bisogni. Ecco, perciò, che
a un bambino spaventato per un rumore improvviso che lo ha svegliato di
notte, risulta molto più tranquillizzante un adulto che lo guarda in silenzio
negli occhi e gli sorride, rispetto a uno che, stando in un'altra stanza, gli spiega
che è caduta una mensola carica di libri e che perciò non si deve preoccupare
di tutto il rumore che ha sentito. Se quest'ultima spiegazione può essere di
aiuto per un preadolescente che in tempi veloci può decodificare il significato
di ciò che gli diciamo, e regolare la costruzione dei significati a livello intrap-
sichico facendo leva sulle sue competenze cognitive, lo stesso non vale per un
bambino piccolo che, non potendo ricorrere al pensiero astratto, necessita
invece di una porta di accesso «emotiva» fornitagli dall'adulto per placare in
L'adulto competente aiuta emotivamente il bambino 31


fretta il suo stato di sregolazione. E, in questo senso, un adulto calmo che
lo guarda negli occhi sorridendo gli restituisce in un tempo istantaneo la
percezione che il mondo fuori è un posto sicuro, anche se il forte rumore
che lo ha svegliato improvvisamente ha messo in crisi, in modo impulsivo
ed estemporaneo, tale convinzione profonda.


Tranquillizzare, senza negare l'emozione
Un adulto che vuole tranquillizzare un bambino deve sentire di poter con-
quistare uno stato di tranquillità sufficiente per sé, in primo luogo. È impor-
tante che egli senta che non sta fingendo di essere tranquillo, bensì che
proponga al bambino uno stato di «sé» in cui, seppur in condizioni faticose,
ha comunque raggiunto un buon livello di autoregolazione e autocontrollo.
Se ci siamo sentiti molto impauriti, quell'emozione sarà certamente stata
evidente sul nostro viso. Allora, dopo aver ripreso il controllo di noi stessi,
sarà necessario dire a un bambino: «La mamma si è proprio spaventata.
Ma ora è tornata ad avere il controllo della situazione. Vieni qui, bambino
mio, e abbracciamoci forte, così la paura scappa via e io e te insieme ci
sentiamo più forti». Naturalmente, più autocontrollo manteniamo e meno il
nostro volto si troverà in balia di espressioni e modificazioni dei propri tratti
tali da impaurire un bambino.
A volte può esserci utile, quando siamo in balia di un'attivazione emotiva
molto forte, sostare per un po' di tempo davanti a uno specchio e osser-
vare l'immagine del nostro volto che ne viene riflessa. Partendo da quello
che vediamo possiamo, dentro di noi, provare a cambiare il nostro vissuto
emotivo attraverso un dialogo interiore che ci tranquillizzi e ci aiuti a tornare
nella situazione di calma e di controllo di noi stessi.




L'adulto competente sa come guidare il bambino nella comprensione
emotiva di un'esperienza avversa

Conoscere la diversità di funzionamento e decodifica dei due emisferi
cerebrali è di grande importanza per un adulto, perché se davvero vorrà in-
tervenire su un bambino preoccupato e spaventato, la sua priorità educativa
non sarà tanto quella di spiegargli le cose ' almeno in fase acuta ' ma
Seconda parte


Le cose: di chi
e di che cosa
si sta parlando
Capitolo secondo

Geografia concettuale
dello Stato Islamico
Marco Montanari




Introduzione

Proporre una geografia concettuale dello Stato Islamico e della bar-
barie medievale che sconvolge vaste comunità in Medio e Vicino Oriente,
in Africa settentrionale, nel Sahel e nel Corno d'Africa potrebbe apparire
impresa quasi disperata.
L'apparizione dello Stato Islamico è, allo stesso tempo, legata alla re-
ligione, e slegata da essa. Legata alle condizioni economiche e sociali delle
popolazioni coinvolte, e slegata da esse. Legata ai frutti amari del colonia-
lismo, e slegata da essi.
Sebbene gli avvenimenti che riguardano lo Stato Islamico siano com-
plessi, frammentari e confusi, e sebbene nessuno al mondo possieda una
visione completa di ogni dettaglio di ciò che accade, è tuttavia possibile
azzardare una spiegazione ragionevolmente utile e credibile di ciò che sta
succedendo vicino a noi.
Nel farlo, si cercherà di tracciare, un passo alla volta, una geografia
concettuale che renda il percorso interpretativo il meno accidentato possibile.
Si ricorrerà a semplificazioni e a generalizzazioni per le quali è opportuno
scusarsi in anticipo. Si cercherà di proposito, inoltre, di limitare l'approfon-
50 Parlare di ISIS ai bambini


dimento dei dettagli allo stretto necessario. L'ambizione è di offrire un'in-
terpretazione che sia, contemporaneamente, la più «asciutta» possibile, e la
più utile. Per tale ragione, le note a piè di pagina sono stampate in colori
diversi: in blu, quelle che andrebbero comunque lette, e in rosso, quelle
che possono essere lette soprattutto da coloro che vogliono trovare riferi-
menti più completi. Ogni approfondimento dei molti temi che verranno
solo accennati, comunque, resterà a carico dei lettori che, se lo vorranno,
potranno arricchire l'interpretazione offerta nella direzione preferita. Ciò
premesso, non è stato risparmiato alcuno sforzo per garantire la qualità e
l'utilità del lavoro che vi accingete a leggere.


Parte I. Genealogia dello Stato Islamico

Quando non si hanno nobili natali, ma si è riusciti nella vita, si ricorre
al mito. Romolo, fondatore di Roma, invece che figlio di nn fratricida,
diventa figlio di una principessa vergine discendente di Enea, e del dio
Marte in persona, allattato col gemello dalla lupa e cresciuto dal buon
pastore Faustolo. Anche il fratricidio viene abbellito, diventando un nobile
sacrificio compiuto per difendere i sacri confini della futura Città Eterna.
Non diversamente, lo Stato Islamico e il suo leader Abu Bakr al-Baghdadi,
una volta assurti agli onori della storia, o quantomeno della cronaca, sono
ricorsi al mito. E, come ogni mito che si rispetti, hanno avvolto le proprie
biografie in un alone di mistero e di indeterminatezza. È certo che lo Stato
Islamico abbia le proprie origini in una organizzazione terroristica «affiliata ad
al-Qaeda» e operante nell'Iraq devastato dall'invasione statunitense, lo «Stato
Islamico in Iraq» (ISI). È altrettanto certo che, nel 2013, tale organizzazione
abbia iniziato a operare anche in Siria, utilizzando il tristemente noto acronimo
ISIS1 (Stato Islamico in Iraq e in Siria). L'anno successivo, il 29 giugno 2014,
ha poi assunto il nome attuale, Stato Islamico, in concomitanza con la procla-
mazione del Califfato. Lo stesso giorno anche al-Baghdadi ha cambiato nome,
diventando il Califfo Ibrahim, che in italiano suona come Califfo Abramo.

1 Il nome arabo ad-Dawlah al-Isl'miyah f' 'l-'Ir'q wa-sh-Sh'm può essere tradotto anche
come «Stato Islamico in Iraq e nel Levante» (ISIL); tale organizzazione, poi, è anche
conosciuta come «Daesh», acronimo arabo equivalente a ISIS/ISIL.
Geografia concettuale dello Stato Islamico 51


Al-Baghdadi, a sua volta, ha una biografia poco chiara e costellata
da voci di ogni genere. Il suo vero nome, per cominciare, è Ibrahim Awad
Ibrahim al-Badri. È certo, o quasi, che sia nato in Iraq, probabilmente nel
1971. Si ritiene abbia fatto studi di diritto islamico, anche se il livello di tali
studi è controverso. È senz'altro certo che sia stato arrestato dagli occupanti
statunitensi nel febbraio 2004 e rilasciato nel dicembre dello stesso anno,
benché altre versioni pongano il periodo di detenzione tra il 2005 e il 2009.
È assai meno certo, invece, che sia suo il volto che si vede alle spalle dell'ex
candidato presidenziale statunitense McCain, in una fotografia scattata nel
maggio 2013 in occasione di una visita del senatore repubblicano nelle aree
della Siria cadute sotto il controllo dei gruppi islamici anti-Assad. O che
sia lui uno degli interlocutori fotografati allo stesso tavolo di McCain nella
medesima circostanza (la foto circola in rete ed è facilmente reperibile).
Attualmente, lo Stato Islamico controlla direttamente l'Iraq centro-
occidentale, con centro a Mosul, e gran parte della Siria orientale e centrale,
con centro a Raqqa. Dopo l'avvio della campagna di bombardamenti anti-
ISIS a guida statunitense, lo Stato Islamico aveva curiosamente triplicato la
propria presenza in Siria, in quello che potremmo definire il primo esempio
di situazionismo militare della storia.2 Gli Stati Uniti avevano inoltre fatto
sapere che l'eliminazione dello Stato Islamico avrebbe richiesto «anni, almeno
tre». Cioè appena un anno di meno di quanto occorso a Stalin per sconfig-
gere Hitler... Poi è arrivato Putin, e sono arrivati i suoi cacciabombardieri
e, come si suol dire, la musica è improvvisamente cambiata per il Califfato,
rendendo la sua fine una prospettiva molto più concreta.
Organizzazioni affiliate allo Stato Islamico a vario titolo, tra cui la
nigeriana Boko Haram,3 operano anche in Afghanistan, Yemen, Libia,
Nigeria, Niger, Ciad e Camerun.
Siamo dunque alle prese con un'organizzazione terroristica che si è fatta
stato e quindi Califfato, e con un presunto studioso del diritto islamico fattosi
capo terrorista, quindi capo di stato, quindi Califfo. Il tutto in pochi anni.

2 Il situazionismo è un movimento politico-artistico nato nel 1957 e dissoltosi nel 1972, il
cui esponente di punta è stato il filosofo francese Guy Debord (1931-1994). La principale
caratteristica del movimento è stata la creazione di «situazioni» spiazzanti, apertamente
ispirate al dadaismo e al surrealismo, intese come critiche radicali all'ordine costituito.
3 Che significa nientemeno «L'educazione occidentale è proibita».
52 Parlare di ISIS ai bambini


Aree controllate dallo Stato Islamico e affiliati in Libia, Iraq e Siria




Aree controllate dallo Stato Islamico e affiliati in Afghanistan
Geografia concettuale dello Stato Islamico 53


Aree controllate dallo Stato Islamico e affiliati in Nigeria




Parafrasando John Lennon,4 al-Baghdadi potrebbe oggi vantarsi, a buon
diritto, di essere più famoso di Osama bin Laden. Le schiere dei suoi fan non
sono numerose come quelle dei Beatles, ma sono infinitamente più pericolose:
diverse migliaia di stranieri, tra cui molti europei, oltre a migliaia di iracheni e
siriani pronti a eseguire alcuni degli ordini più mostruosi che si siano mai visti.
Appunto, «che si siano mai visti»: l'assurdo prestigio dello Stato Isla-
mico, fondato in larga misura sui filmati splatter5 realizzati da professionisti
della guerra psicologica e diffusi in modo capillare sul web, è pura apparenza.
La guerra è quasi sempre orripilante e stomachevole. Nessuno stato, però,
aveva pensato di filmare i propri crimini allo scopo di vantarsene di fronte
al mondo. Questa impudenza è il risultato di una raffinatissima macchina


4 Nel 1966 il cantante dichiarò che i Beatles erano ormai più famosi di Gesù.
5 Lo splatter è un genere cinematografico basato sull'uso di scene di violenza esplicite sino
al grottesco.
76 Parlare di ISIS ai bambini


Parte II. Breve storia dell'Islam

Nel 568 d.c. il re longobardo Alboino (560-572) decise di invadere
l'Italia, dando vita a un regno che si sarebbe spartito la nostra penisola con i
bizantini nei successivi duecento anni. Contemporaneamente alla calata dei
longobardi in Italia, nasceva alla Mecca, nella penisola arabica, Maometto,
figlio di una prestigiosa famiglia di mercanti.
Presto orfano di entrambi i genitori e con il patrimonio familiare ridotto
al lumicino, venne allevato dallo zio paterno, Abu Talib, che lo portò con sé
nei viaggi d'affari in Siria e Yemen. Lo zio, ammirato dalle capacità del nipote,
gli suggerì di offrirsi come agente di commercio alla ricca vedova Khadija.
Anche Khadija apprezzò l'abilità del mercante Maometto, soprannominato
«l'Affidabile», e gli si offrì in sposa nel 595. Maometto, a 27 anni, aveva
dunque riguadagnato e persino migliorato la posizione sociale perduta in
tenera età a causa della morte prematura dei genitori.
La tranquilla vita borghese di Maometto s'interruppe però nel 605,
quando ebbe la fortuna di trovarsi nel posto giusto, al momento giusto. Alla
Mecca erano diffusi gli hanif, ossia i credenti nella religione monoteistica di
Abramo. Lo stesso Maometto era un hanif. In pratica, gli hanif si consideravano
i seguaci più diretti di Abramo, senza le innovazioni successive che avevano dato
vita, da quella medesima radice, all'ebraismo e al cristianesimo. Si potrebbe
anche sostenere, tuttavia, che gli hanif fossero, tra gli eredi di Abramo, i meno
evoluti da un punto di vista teologico. Secondo gli hanif, il primo tempio
dedicato all'unico dio sarebbe stato costruito in epoca remota proprio alla
Mecca, e sarebbe quindi stato spazzato via dal diluvio universale. Un pezzo
di tale edificio, tuttavia, si sarebbe salvato, e sarebbe stato posto all'interno
di un nuovo tempio da Abramo stesso e da suo figlio Ismaele. Tale pezzo è la
celebre pietra nera,32 e l'edificio che la contiene33 è l'altrettanto celebre Kaaba,


32 Non essendo possibile compiere alcuna indagine scientifica sulla pietra nera, la sua reale
natura resta oggetto di ipotesi; la credenza musulmana secondo la quale sarebbe discesa
dal cielo per volere divino potrebbe trovare una giustificazione scientifica nelle teorie che
la descrivono come un meteorite, o più precisamente una impattite, ossia una formazione
rocciosa artificiale creata, appunto, dal calore dell'impatto di un meteorite.
33 La pietra è in realtà incastonata nel muro esterno, e può quindi essere vista e toccata dai
fedeli.
Geografia concettuale dello Stato Islamico 77


la costruzione cubica attorno alla quale schiere compatte di musulmani girano
per sette volte durante i rituali del pellegrinaggio alla Mecca.

La pietra nera in una incisione Kaaba
dell'Ottocento




Nel 605, la pietra nera era stata rimossa per consentire lavori di restauro,
e i maggiorenti della città non si accordavano su chi dovesse avere l'onore di
ricollocarla. Decisero pertanto che la questione sarebbe stata risolta «dal primo
che passava». Che, per sua somma fortuna, fu Maometto. Il quale chiese un
panno, vi depose la pietra nera, e invitò ognuno dai maggiorenti a sollevarlo
da un lembo, cosicché tutti avrebbero trasportato la pietra verso la Kaaba.

L'episodio della pietra nera, dal manoscritto
J'mi' al-Taw'r'kh di Rash'd al-D'n
illustrato a Tabriz, Persia, c. 1315
Terza parte


Il pensiero:
la necessità
di riflettere
su questi temi
Capitolo terzo

Cercare di comprendere l'ISIS
nella complessità
Edgar Morin e Riccardo Mazzeo




Ati e Koa non capivano. Si guardavano con stupore, quasi
con paura, e si rendevano conto che scoprire il mondo significava
entrare nella complessità e accorgersi che l'universo era un buco
nero da cui scaturivano il mistero, il pericolo e la morte, che in
realtà era solo la complessità a esistere, che il mondo apparente e la
semplicità erano solo travestimenti assunti da essa. Comprendere
sarebbe dunque stato impossibile, la complessità avrebbe sempre
saputo trovare la semplificazione più attraente per impedirlo.1



Riccardo Mazzeo:

La complessità del fenomeno
Lei, Edgar Morin, è il filosofo della complessità per antonomasia, colui
che ha dimostrato al di là di ogni ragionevole dubbio come i tentativi di
semplificare l'immagine del mondo in cui viviamo non solo siano inadeguati
ma rischino anche di indurci in errori grossolani di valutazione. Questo vale
per qualunque analisi seria del mondo in generale, ma soprattutto per un


Boualem Sansal, 2084: La fin du monde, Paris, Gallimard, 2015, p. 171.
1
120 Parlare di ISIS ai bambini


fenomeno sfaccettato e contraddittorio come l'ISIS. Per spiegarlo ai nostri
figli o alunni, quindi, pur dovendo prestare attenzione alle parole che usiamo
affinché non risultino incomprensibili o troppo difficili, è imprescindibile
delinearlo nella sua grande complessità, magari cominciando a sgombrare
il campo dalle banalizzazioni che ascoltiamo quotidianamente non solo
dai profani ma anche da buona parte dei media, e precisando alcuni punti
basilari.

Gli attentatori sono giovani nichilisti
Olivier Roy, un professore che insegna all'Istituto universitario europeo
di Fiesole, legge l'adesione all'ISIS dei combattenti del Califfato come una
rivolta nichilistica di alcuni francesi o immigrati di seconda generazione
o convertiti, giovani che non si riconoscono nell'Islam dei loro genitori:
si esprimono in perfetto francese, bevono, fumano hashish, fanno sesso
con le coetanee e spesso trascorrono brevi periodi in prigione per piccoli
reati' basta scorrere le biografie degli attentatori del 2015. Olivier Roy
parla in proposito non già di una radicalizzazione dell'Islam bensì di una
islamizzazione del radicalismo: giovani in rivolta che, una volta in carcere, si
convertono all'Islam salafita, un Islam «puro», rigoroso e massimalista, che
ripudia sia l'Islam troppo temperato dei genitori sia la cultura occidentale
molle e corrotta.
A me viene in mente lo smarrimento di tanti nichilisti della lette-
ratura, e innanzitutto del dostoevskijano Raskolnikov di Delitto e castigo,
che in una voragine di senso uccide due donne e che ritrova un significato
nella dolcissima prostituta Sonja e nella Siberia dove sconterà «sette anni,
solo sette anni», imprigionato nel corpo e finalmente liberato nello spirito.
O il protagonista di uno dei cinque racconti del libro di Jean-Paul Sartre
Le Mur,2 che ha bisogno di salire in cima a un edificio per compensare la
propria inadeguatezza nei confronti delle donne e del mondo con la vista
dei passanti ridotti dalla distanza a formichine vagolanti. E non posso non
pensare all'erosione di senso alla base dei disturbi della contemporaneità di


Jean-Paul Sartre, Le Mur, Paris, Gallimard, 1939, trad. it. Il muro, Torino, Einaudi, ET
2

Scrittori, 2005.
Cercare di comprendere l'ISIS nella complessità 121


cui parla Massimo Recalcati a partire da L'uomo senza inconscio:3 la resistenza
all'addomesticamento da parte dei familiari ritenuti indegni o inadeguati
delle anoressiche, che trasformano il proprio corpo in una fortezza raggelata
irta di spigoli vivi; gli attacchi di panico, le depressioni, le altalenanti bulimie
e soprattutto i passaggi all'atto, la violenza parossistica come contravveleno,
regolarmente, a un vuoto di senso insostenibile.
L'identificazione dei terroristi islamici con i nichilisti è uno dei pochi
aspetti su cui concordo con il recentemente scomparso André Glucksmann,
che nel libro scritto dopo l'assalto alle Torri Gemelle, Dostoevskij a
Manhattan,4 aveva colto la dimensione disperata dell'affermazione «uccido,
dunque sono». In quest'era fulminea e (per ciò stesso) svuotata di senso
il Todestrieb, l'istinto di morte freudiano, ha una presa infinitamente più
poderosa rispetto al tempo in cui le azioni non si ispiravano ai videogame
ed erano supportate da un pensiero. Le stragi che periodicamente vengono
perpetrate negli Stati Uniti dal corto circuito improvviso di adolescenti
impazziti, il passaggio all'atto che sovente si scatena dopo un periodo di
forte depressione, sono il correlativo oggettivo di fiammate che giocoforza
sono tanto più probabili nelle cinture di umiliazione delle periferie urbane
che talvolta partoriscono altre cinture imbottite di tritolo.


Edgar Morin:

Cerchiamo di comprendere
Prima di tutto, dobbiamo cercare di comprendere le condizioni spe-
cificamente locali che hanno spinto alcuni giovani al fanatismo del jihad.
Prestiamo attenzione alle condizioni di vita nelle banlieues dove si
concentrano popolazioni di origine musulmana: si tratta di condizioni di
una crescente ghettizzazione. Vi si formano bande di adolescenti che, come
del resto tutti gli adolescenti, amano trasgredire. Queste bande diventano

3
Massimo Recalcati, L'uomo senza inconscio. Figure della nuova clinica psicoanalitica, Milano,
Raffaello Cortina, 2010.
4
André Glucksmann, Dostoïevski à Manhattan, Paris, Robert Laffont, 2002, trad. it. Do-
stoevskij a Manhattan, Todi-Siena, Liberal Libri, 2002.
122 Parlare di ISIS ai bambini


gang quando le famiglie si frantumano sotto la frusta della disoccupazione.
In una cospicua fetta di adolescenti, le gang vivono di furti e di traffico di
droga e sprofondano nella delinquenza. D'altro canto, è quel che succede
nelle favelas brasiliane o nelle bidonvilles colombiane.
In Francia, però, c'è una differenza rispetto a questi paesi in cui la de-
linquenza è di origine locale. In Francia, infatti, spesso i delinquenti sono di
ascendenza immigrata. I controlli polizieschi nei confronti degli immigrati
sono brutali, e le conseguenze spiacevoli, le irregolarità, gli abusi perpetrati
nei loro confronti inducono i giovani a combattere la polizia lanciando
pietre o incendiando automobili.
Un circolo vizioso alimenta il rifiuto e l'aggressività nei loro confronti,
il che favorisce il ripiego ghettizzante e la chiusura sulle solidarietà originarie.
Tutto ciò fortifica il loop causale in cui le ostilità si alimentano vicendevol-
mente, costituendo altrettante barriere all'integrazione. Una piccola parte
degli adolescenti scivola nella delinquenza, mentre gli altri trovano lavoro,
protezione, amicizia, amore che li salvano. Ma tutti subiscono e soffrono
il rifiuto.
Coloro che vengono rifiutati rifiutano a loro volta coloro che li mettono
al bando. Una parte di questi giovani non si sentono francesi, ma privati
di qualunque patria. Alcuni di essi, divenuti delinquenti, incontrano in
prigione dei mentori che inculcano loro l'Islam in una versione fanatica.
La prigione, notoriamente scuola di crimine, diviene per alcuni scuola di
salvezza. Se non si può essere un vero francese, si può almeno diventare un
buon musulmano, e questa diventa per certuni la via della redenzione e della
verità. Al tempo stesso, questa via può diventare quella della lotta per il bene
che può spingere fino al martirio, che è a sua volta la via per il paradiso.
Per i giovani di origine magrebina, il peso della colonizzazione subita
dai loro progenitori non è venuto meno. L'acquisizione dell'indipendenza è
stata fondamentale per elevare i colonizzati al livello dei loro colonizzatori.
Ma tutto questo vale nel Maghreb e non in Francia, dove l'immigrato e i
suoi discendenti sono innanzitutto non algerini, marocchini o tunisini bensì
arabi o musulmani. Oltretutto, tutti gli arabo-musulmani risentono dei due
pesi e due misure che subiscono non soltanto gli individui in Francia, per
trovare casa o lavoro, ma anche le nazioni arabo-musulmane nel mondo. La
tragedia israelo-palestinese mostra loro che il mondo occidentale privilegia
Israele colonizzatore alla Palestina colonizzata. Questa tragedia, del resto, è
Cercare di comprendere l'ISIS nella complessità 123


penetrata in Francia con gli attentati contro le sinagoghe, le profanazioni
delle moschee, le profanazioni di tombe ebree e musulmane, gli insulti an-
tiebraici e antiarabi. Ma se Israele viene lodato per la sua democrazia, non
viene affatto biasimato per il suo colonialismo.
Una grande maggioranza di arabo-musulmani soffrono delle umiliazio-
ni subite dal mondo arabo. Vedono nelle guerre americane in Afghanistan
e in Iraq interventi imperialisti contro nazioni arabe. Coloro che sono stati
accesi dal fanatismo ruminano un odio cocente nei confronti degli occi-
dentali, dei cristiani e degli ebrei.
Gli attentati dell'11 settembre 2001 mostrano ai fanatici che è possi-
bile lottare contro il «Grande Satana», che anima gli eterni crociati, mentre
dal canto loro gli Stati Uniti e l'Occidente si proclamano l'asse del bene
che dichiara guerra all'asse del male. L'Occidente denuncia con orrore il
terrorismo cieco che uccide civili, donne e bambini, senza curarsi del fatto
che, nel mondo arabo-musulmano, si denunciano con orrore i bombarda-
menti ciechi che uccidono civili, donne e bambini, colpiti da droni o resi
altrimenti «danni collaterali».
L'idea del jiahd, del martirio, penetra in alcuni spiriti giovanili talvolta
dopo una serie di erranze e fallimenti. Kahled Kelkal5 (1995) e Mohamed
Merah6 (2012) hanno oscillato, come altri giovani di origine marocchina
nati in Francia da genitori immigrati, fra integrazione, delinquenza e
jiahdismo. È soprattutto dopo le guerre civili seguite alla primavera araba,
in origine pacifica, in Iraq, Siria e Yemen, che nascono in questi paesi
jiahdisti che, in Siria e in Iraq, lottano per fondare un Califfato retto dalla
sharia più rigida. Così come la Guerra di Spagna aveva attirato rivoluzionari
e democratici che erano accorsi da molti paesi per combattere insieme ai
repubblicani, al-Qaeda e l'ISIS in Medio Oriente attirano giovani intrisi di
fanatismo dai paesi occidentali essi stessi, anche dalla Francia. L'intervento
militare francese induce al-Qaeda e l'ISIS a trapiantare la loro guerra in
Francia, e i giovani francesi musulmani che si infiammano tornano in Francia
per portare avanti il jihad e compiere il martirio. È così che la guerra del
Medio Oriente è entrata in Francia il 7 gennaio 2015, con l'attentato alla
redazione di «Charlie Hebdo».

Autore di un attentato perpetrato a Parigi nel 2005, che causò 8 morti e 250 feriti.
5

Responsabile di svariati attentati e dell'uccisione di poliziotti nel 2012.
6

Non ci sono commenti per questo volume.