Citazione spirituale

Discorsi a tavola

di

Martin Lutero


Copertina di 'Discorsi a tavola'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione fino al 21/07/2019 scade tra 18 ore e 43 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo Discorsi a tavola Autore A cura di Beata Ravasi , Fulvio Ferrario Editore Claudiana EAN 9788868980931 Pagine 120 Data luglio 2017 Altezza 20 cm Larghezza 12 cm Collana Piccola collana moderna
Voto medio degli utenti per «Discorsi a tavola»: 4 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 7 agosto 2018 alle 18:53 ha scritto:

Una breve raccolta di alcune delle vivaci conversazioni informali alla tavola di Martin Lutero e sua moglie, Katharina von Bora, con colleghi, collaboratori e allievi del Riformatore su temi quali la teologia, l?attualità politica, l?accademia e la vita quotidiana. Non di rado ne emerge un Lutero «fuori onda», diretto, a tratti violento e persino volgare, in ogni caso molto umano, che ne integra e arricchisce l?immagine complessiva.
«La tavola di Lutero doveva essere un luogo interessante: vi si incontravano alcuni dei suoi più stretti collaboratori ? da Filippo Melantone a Johannes Bugenhagen e Justus Jonas ? oltre agli studenti che vivevano nella sua casa. Dopo la morte del Riformatore, oltre alle discussioni e, in particolare, alle affermazioni di Lutero, i Discorsi a Tavola vennero a includere ampliamenti, collegamenti con dichiarazioni nate in altri contesti e catalogazioni per argomento, fino a occupare sei volumi dell?edizione critica della sua opera. Note per la loro vivacità e la capacità di restituire, talvolta in termini molto netti, aspetti quotidiani, personali e di pensiero del grande teologo, queste conversazioni costituiscono un testo di notevole interesse che, se non può costituire la fonte esclusiva né principale per la conoscenza del Riformatore, è di indubbio arricchimento per il lettore».