Citazione spirituale

Il posto dell'uomo nella natura

di

Teilhard de Chardin Pierre


Copertina di 'Il posto dell'uomo nella natura'
Ingrandisci immagine

EAN 9788816370142

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione fino al 15/12/2019 scade tra 1 giorno e 6 ore
Descrizione
Tipo Libro Titolo Il posto dell'uomo nella natura Autore Editore Jaca Book EAN 9788816370142 Pagine 160 Data aprile 2011 Collana Biblioteca permanente
Voto medio degli utenti per «Il posto dell'uomo nella natura»: 3 su 5 (2 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 9 agosto 2011 alle 18:15 ha scritto:

Ci troviamo di fronte al discorso impegnativo del problema dell’evoluzione nei suoi vari livelli ( origine della materia, della vita,dell’uomo). La specifica competenza che Teilhard ebbe nel settore della geologia e della paleontologia ( suoi sviluppi nella prima metà del ‘900) ci stimola ad una continua riflessione anche se il suo ‘linguaggio’, secondo chi scrive, può creare difficoltà e perplessità in chi ha una preparazione di base non per competenza specifica, ma attraverso la divulgazione scientifica delle conoscenze di questi ultimi decenni. Il punto più problematico rimane la trattazione ‘antropologica’ che oggi coinvolge sempre più le scienze umane (psicologia,sociologia,filosofia,religione per limitarci ad un cenno): ad esse oggi siamo ‘portati’ e 'sensibili'. Così il discorso sull’evoluzione apre l’esigenza di maggior attenzione ( problema che rimane solo accennato nelle pagine del Nostro) ai rapporti “uomo-ambiente”. Questa lettura ci trasmette ,ugualmente, una lezione particolare : recupero di una continua,rimarcata, attenzione che l’uomo di scienza di oggi talora avverte poco ( dato che gli stupendi progressi richiedono una sempre più esplicita specializzazione) sul ‘soggetto’ al quale va rapportata la conoscenza (scientifica), … essendo ogni discorso sempre aperto sulla specificità,irriducibile, dell’io-soggetto che è datore di senso,apertura esistenziale, realtà mai ‘oggettivabile’ come il dato scientifico. Io,medico ( tanto per fare dei semplici esempi) studio la malattia, ma “ciò che esiste” non posso dimenticarlo è l’’uomo’ ammalato;… economista studio la crisi, economica, ma non posso dimenticare che ad esistere sono soggetti economici ( persone … “ in crisi o meno”);… giornalista, pubblicista, studio i mezzi di comunicazione, ma ad esistere non è forse ancor più ‘questo uomo d’oggi’ che comunica?; ecc,ecc.
Teilhard, teologo-scienziato, anche se in modo personale e con stile caratteristico, ha sempre questa dimensione, nelle sue diverse opere,in vari contesti; chi lo segue viene aiutato ad avvicinarsi al mistero ‘essere-uomo ‘, in continua evoluzione ( in ambito filosofico è lo “spirito” , vita che si fa, non ‘cosa’ che si dà).

, guadagni.frido@gmail.com il 26 maggio 2013 alle 01:32 ha scritto:

...In ambito filosofico è lo "spirito", vita che si fa, non "cosa" che si da.
Alla fine "non il Regno di Dio con l'Uomo soltanto, ma "MISTERO D'AMORE", anche il regno dell'Uomo con Dio".
L'evoluzione è l'evoluzione dell'Universo, della Vita, dell'Uomo, non di Dio. Cristo è Uomo- è Dio.
Che senso ha la creazione, se non è Cristificazione.