Citazione spirituale

Breviarium romanum (rist. anast. 1568)


Copertina di 'Breviarium romanum (rist. anast. 1568)'
Ingrandisci immagine

EAN 9788820928681

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione fino al 14/11/2019 scade tra 21 ore e 29 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo Breviarium romanum (rist. anast. 1568) A cura di Manlio Sodi, Achille M. Triacca Editore Libreria Editrice Vaticana EAN 9788820928681 Pagine 1076 Data gennaio 1999 Peso 1570 grammi Dimensioni 17 x 24 cm Collana Monumenta liturgica Concilii Tridentinum
Voto medio degli utenti per «Breviarium romanum (rist. anast. 1568)»: 3 su 5 (3 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 19 gennaio 2012 alle 11:18 ha scritto:

si ristampa solo per incassare soldi, ben sapendo che detto breviario non verrà usato - il nuovo messale, già pubblicato in latino, da anni, non si riesce a tradurlo. Come se fosse un incunabulo o un papiro egiziano - quanti latinisti non sono in grado di tradurre il latino ecclesiastico - la traduzione si potrebbe affidare agli studenti del classico - Misteri della Cei e Congrazione per il Culto

il 24 marzo 2018 alle 22:56 ha scritto:

This beautiful reprint edition is an essentiall tool for understanding the evolution of the Divine Office. I had been trying to get this book from other sources for a long time. Thank you, Libreria del Santo!

il 2 settembre 2019 alle 22:37 ha scritto:

Questa ristampa è in generale correttamente adoperata, e permette (non unico volume, ciò che è da ringraziare) la consultazione della prima editio tipica del breviario romano così com'è uscito dalla riforma di Pio V. L'utilizzo di numeri in margine, l'appendice e la breve introduzione storica ne rendono alquanto più facile la consultazione a scopo scientifico. È nonostante da rimproverare la mancanza dell'uso dei due colori lungo tutta l'opera, tranne per il calendario. Questo particolare, non spiegato nell'introduzione, potrebbe essere dovuto alla stampa originale; se deciso dai curatori della presente edizione, non sarebbe stato certo una scelta felice. Comunque la consultazione (e l'eventuale utilizzo nella preghiera, per chi lo voglia), del breviario non ne viene eccessivamente messa in difficoltà.