Citazione spirituale

Il Dio Unitrino nel pensiero di Tommaso d'Aquino. Dal Commento alle sentenze al Compendio di teologia

di

Ferri Riccardo


Copertina di 'Il Dio Unitrino nel pensiero di Tommaso d'Aquino. Dal Commento alle sentenze al Compendio di teologia' Ingrandisci immagine

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione fino al 31/07/2019
Descrizione
Tipo Libro Titolo Il Dio Unitrino nel pensiero di Tommaso d'Aquino. Dal Commento alle sentenze al Compendio di teologia Autore Editore Città Nuova EAN 9788831133272 Pagine 208 Data aprile 2010 Peso 230 grammi Altezza 20 cm Larghezza 13 cm Collana Teologia. Contributi di teologia
Voto medio degli utenti per «Il Dio Unitrino nel pensiero di Tommaso d'Aquino. Dal Commento alle sentenze al Compendio di teologia»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 15 luglio 2010 alle 10:26 ha scritto:

La questione che viene più intensamente affrontata o che da me è più fortemente avvertita nel saggio del prof. Riccardo Ferri riguarda il rapporto fede-ragione,che è ricomposto,rivisitato e revisionato gradualmente attraverso l'analisi della stretta connessione di Unità e Trinità di Dio quale risulta dalla lettura di alcuni testi di Tommaso (e specialmente il "Compendium theologiae" e la "Summa contra Gentiles") preparatori della "Summa Theologiae",ma non meno significativi.
In tale contesto appare interessante stabilire quanto spazio spetti alla razionalità e quanto alla mera credenza rivelativa,e l'Autore scopre che in Tommaso la verità,contro qualsiasi posizione averroistica,è una sola e che non esistono altre procedure concettuali per acquisirla diverse da quelle prettamente razionali.Insomma,come si dimostra con argomenti razionali l'esistenza del Dio uno e unico,così si dimostra con argomenti logici l'esistenza del Dio trino,ricadente anch'essa nell'area della pura argomentazione razionale.Peccato che Tommaso non accetti la cosiddetta prova ontologica,che invece si sarebbe potuta inserire opportunamente in questo ragionamento e coprire compiutamente un più largo spazio di razionalità,giacché quella proposta da Anselmo non decade per nulla in un approccio fideistico.Hegel ne aveva compreso il valore!
Tommaso razionalizza definitivamente la Trinità e il prof. Ferri ne coglie puntualmente tutto il significato,che è appunto quello di allargare l'orizzonte della ragione di fronte ad un evento fondamentale per la salvezza dell'uomo,anche se non può escludere il riferimento ad una forma conseguente di neoplatonismo emanazionista e partecipativo a proposito della compresenza e della sussistenza delle Tre Persone. In conclusione un lavoro ottimo e molto efficacemente articolato e condotto.