Citazione spirituale

Rompere gli ormeggi

-

Perché nessuno al Sud sia senza speranza

 
di

Nogaro Raffaele, Martirani Giuliana, Tanzarella Sergio


Copertina di 'Rompere gli ormeggi'
Ingrandisci immagine

EAN 9788861242449

Disponibile dopo il 17/08 causa chiusura estiva ferragostana di editori e distributori
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo Rompere gli ormeggi - Perché nessuno al Sud sia senza speranza Autori Editore Il Pozzo di Giacobbe EAN 9788861242449 Pagine 88 Data novembre 2010 Peso 120 grammi Altezza 17 cm Larghezza 12 cm Profondità 0,9 cm Collana Oasi
Voto medio degli utenti per «Rompere gli ormeggi»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 21 gennaio 2011 alle 03:11 ha scritto:

Alla luce del documento dei vescovi italiani "Per un paese solidale. Chiesa italiana e mezzogiorno" (Febbraio 2010) due comunità religiose - Suore Orsoline e Padri Sacramentini - si sono interrogate sul senso della propria presenza a Caserta in una delle province più difficili del Sud dell'Italia tra camorra criminale e politica, con un inquinamento ambientale sistemico forse irreversibile. Hanno accompagnato la loro riflessione il vescovo Raffaele Nogaro, Giuliana Martirani dell'università "Federico II" e Sergio Tanzella della Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale. Ne è scaturita la speranza che la Chiesa rompa gli ormeggi che la trattengono sotto protezione nei porti del potere affrontando senza paura il mare aperto della vita dove l'orizzonte unisce la terra con il cielo e condividendo la condizione della gente comune.
Acque certo più pericolose di quelle stagnanti della diplomazia, dei privilegi, degli onori e dove perfino ai naufraghi in cerca di vita e di speranza è vietato l'accesso. Rompere gli ormeggi a Sud aiuterà forse le Chiese del Nord a distinguere i nuovi idoli leghisti ispirati a una religione civile solo illusoriamente cristiana, ma fondata sui principi della discriminazione, dell'egoismo e della persecuzione degli esseri umani.
Rompere gli ormeggi quindi per porsi sulla scia del giudice Livatino, di don Diana, di don Puglisi: i nuovi martiri di un Sud libero ed esemplare.

http://www.ilsegretodelre.com/1/chi_cerca_trova_1827826.html