Citazione spirituale

Francesco e l'infinitamente piccolo

di

Bobin Christian


Copertina di 'Francesco e l'infinitamente piccolo'
Ingrandisci immagine

Esaurito
Tipo Libro Titolo Francesco e l'infinitamente piccolo Autore Traduttore Troisi Spagnoli G. Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821528385 Pagine 112 Data 2002 Peso 146 grammi Altezza 21 cm Larghezza 13,5 cm Profondità 1 cm Collana Il pozzo. Prima serie
Voto medio degli utenti per «Francesco e l'infinitamente piccolo»: 5 su 5 (3 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 25 gennaio 2010 alle 22:22 ha scritto:

Un'altro strumento di comprensione, semplice, chiaro e diretto, si beve tutto d'un fiato.

, giusemira@gmail.com il 27 luglio 2017 alle 20:02 ha scritto:

L'autore di questo romanzo ispirato da Francesco d'Assisi, sorpassa il Francesco di Hermann Hesse e di Chesterton. Si può definire il più bel romanzo a sfondo religioso del Novecento, a mio avviso. Arrivato all'ennesima ristampa (uscì nell'ormai lontano 1992), è imprescindibile leggerlo prima di accostarsi meno romanticamente alla figura del Santo d'Assisi con testi di taglio storico e/o filologico. L'inizio del romanzo è inedito ed inaspettato: Bobin prende a prestito il racconto biblico di Tobia, accompagnato da un angelo e da un cane prima di un viaggio. Questo cane “vagabondo e festoso” è Francesco. Anche Gregorio di Nazianzo associa il cane alla libertà di espressione (parresian), si confronti al proposito ciò che scrive Kristof K. P. Vanhoutte alle pagine 92-93 della rivista “Frate Francesco”, n° 1, dell'Aprile 2017.
Il racconto dell'autore che fa della mamma è commovente e ricco di particolari – il romanzo è un monumento alla maternità di Pica e alla maternità in generale - , la quale lascia andare il proprio figlio che si affratella al prossimo e al cosmo, rinunciando alla paternità di un padre terreno per affidarsi ad un Dio che è Padre a cui lanciare spensierato soldi di guadagni di stoffe. “Il resto [...] apparentemente finisce il sabato 3 ottobre 1226” con l'incontro di frate Francesco con sorella morte. Libro emozionante e letterariamente scritto benissimo (traduzione dal francese di Giovanna Troisi Spagnoli).

il 20 febbraio 2019 alle 21:29 ha scritto:

La vita di San Francesco d'Assisi in compagnia di Dio, che l'autore definisce "infinitamente piccolo"; il Santo per conformarsi a quello che definisce il suo unico Padre si spoglia pian piano di ogni cosa e soprattutto di se stesso.