Citazione spirituale

Francesco e l'infinitamente piccolo

di

Bobin Christian


Copertina di 'Francesco e l'infinitamente piccolo'
Ingrandisci immagine

EAN 9788821528385

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Tipo Libro Titolo Francesco e l'infinitamente piccolo Autore Traduttore Troisi Spagnoli G. Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821528385 Pagine 112 Data 2002 Peso 144 grammi Altezza 21 cm Larghezza 13,5 cm Profondità 1 cm Collana Il pozzo. Prima serie
Voto medio degli utenti per «Francesco e l'infinitamente piccolo»: 5 su 5 (5 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 25 gennaio 2010 alle 22:22 ha scritto:

Un'altro strumento di comprensione, semplice, chiaro e diretto, si beve tutto d'un fiato.

, giusemira@gmail.com il 27 luglio 2017 alle 20:02 ha scritto:

L'autore di questo romanzo ispirato da Francesco d'Assisi, sorpassa il Francesco di Hermann Hesse e di Chesterton. Si può definire il più bel romanzo a sfondo religioso del Novecento, a mio avviso. Arrivato all'ennesima ristampa (uscì nell'ormai lontano 1992), è imprescindibile leggerlo prima di accostarsi meno romanticamente alla figura del Santo d'Assisi con testi di taglio storico e/o filologico. L'inizio del romanzo è inedito ed inaspettato: Bobin prende a prestito il racconto biblico di Tobia, accompagnato da un angelo e da un cane prima di un viaggio. Questo cane “vagabondo e festoso” è Francesco. Anche Gregorio di Nazianzo associa il cane alla libertà di espressione (parresian), si confronti al proposito ciò che scrive Kristof K. P. Vanhoutte alle pagine 92-93 della rivista “Frate Francesco”, n° 1, dell'Aprile 2017.
Il racconto dell'autore che fa della mamma è commovente e ricco di particolari – il romanzo è un monumento alla maternità di Pica e alla maternità in generale - , la quale lascia andare il proprio figlio che si affratella al prossimo e al cosmo, rinunciando alla paternità di un padre terreno per affidarsi ad un Dio che è Padre a cui lanciare spensierato soldi di guadagni di stoffe. “Il resto [...] apparentemente finisce il sabato 3 ottobre 1226” con l'incontro di frate Francesco con sorella morte. Libro emozionante e letterariamente scritto benissimo (traduzione dal francese di Giovanna Troisi Spagnoli).

il 20 febbraio 2019 alle 21:29 ha scritto:

La vita di San Francesco d'Assisi in compagnia di Dio, che l'autore definisce "infinitamente piccolo"; il Santo per conformarsi a quello che definisce il suo unico Padre si spoglia pian piano di ogni cosa e soprattutto di se stesso.

il 12 dicembre 2019 alle 09:01 ha scritto:

Un libro meraviglioso , che racconta la figura di san Francesco, amante della semplicità, amante dell'Amore, che è grande perché per noi si fa infinitamente piccolo. bellissimo il raccontare della donna di Bobin.

il 12 giugno 2020 alle 12:23 ha scritto:

Testo di piccole dimensioni, ma di grande interesse. Le riflessioni dell'autore ineriscono una biografia del Santo di Assisi, ma del tutto "sui generis". Ritroviamo, così, allegorie ed immagini di eccelsa fattura. Partendo dalla vita di San Francesco e dal suo rifiuto del padre naturale e dei suoi beni terreni, con l'abbraccio a tutto il creato, si delinea un affresco di rara intensità e bellezza, in cui pare di rivivere le atmosfere dell'epoca e le inquietudini di un giovane alla ricerca della sua strada, che troverà nell'umiltà e nella semplicità. Da leggere.