Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Citazione spirituale

Nuova Guida alla Bibbia

di

Ravasi Gianfranco


Copertina di 'Nuova Guida alla Bibbia'
Ingrandisci immagine

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Descrizione
Tipo Libro Titolo Nuova Guida alla Bibbia Autore A cura di Serafini Filippo Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821552304 Pagine 704 Data novembre 2008 Peso 1622 grammi Altezza 25 cm Larghezza 18 cm Profondità 3,7 cm Collana Guida alla Bibbia
Voto medio degli utenti per «Nuova Guida alla Bibbia»: 5 su 5 (3 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

, masperi.umberto@yahoo.it il 8 settembre 2012 alle 22:00 ha scritto:

Un’ “opera” che merita di essere segnalata e commentata ( visto tale assenza su questa pagina nei “commenti dei lettori”), commentata anche da chi non è un esperto in esegesi, ma che ha semplicemente la “passione-pallino” per la Bibbia.
*** Certamente la Sacra Scrittura va letta direttamente, senza tralasciare nemmeno uno iota: letta ,possibilmente, OGNI giorno ( come ci insegnano i validi insegnanti di lingue straniere per l’apprendimento della lingua che si vuole “ conoscere”: TUTTI i giorni, poco alla volta, così diventa “realtà” familiare e, quasi senza accorgersi, dopo alcuni mesi, si sono assimilati gli elementi di base, e ci si muove come pesce nell’acqua o uccello nell’aria). Ma qui non è la “parola” dell’uomo (che “crea” cultura-civiltà, che “umanizza” la realtà-ambiente che ci circonda); qui è la PAROLA, la PAROLA di Dio che,creatrice dell’essere-del reale-dell’uomo (fiat, “sia fatto” … “facciamo l’uomo …”) , ci dona la salvezza, ci ri-crea; la PAROLA che un giorno si fece carne ( o logos sarx egheneto).

*** Il noto biblista, oggi cardinale, G.Ravasi,sempre lodevole per le sue iniziative editoriali ( perchè lasciarle cadere nel vuoto?) ci offre ancora un gioiello che, in quattro anni (2008-2012), non sono ancora riuscito a portare a termine con la lettura ( anche se non lontano). Il prezzo non è alla portata di tutti, ma vale realmente il prezioso “dono” che lo studioso offre ( anche con la collaborazione di altri specialisti: vedi i numerosi “approfondimenti”, 105 con la “Nuova Gerusalemme di p.674). Ogni libro biblico viene presentato con una breve, ma essenziale ,“Introduzione”( la capacità di sintesi: rem tene …) ; segue un “riassunto” (con affiancate alcune illustrazioni ) che evidenzia i temi, i passaggi cruciali, la terminologia talora un po’ distante dalla nostra cultura o mentalità (quanto avrebbe da imparare un … Odifreddi con le sue sparate!, ma ne circolano non pochi).

*** L’INTRODUZIONE iniziale di tutta la “guida” è davvero di aiuto ( intra-ducere, sottolineando quel “intra”) a livello esegetico-teologico,ecclesiale-storico e … culturale: “La Bibbia e le sue origini”, pp. 9-26 ;“La Bibbia nella vita della Chiesa”,pp.27-33 ; poi,come se non bastasse, al termine troverete un’altra perla: i “Sussidi”, pp 675-700 ( quale ricchezza in sole 25 pagine!).

**** Mi devo avviare al termine per non essere troppo lungo: una annotazione da ‘esperto’ ( qui sì: il ricordo dei miei anni di insegnamento liceale, di Storia e Filosofia). La didattica degli ultimi decenni ha opportunamente sostenuto l’importanza ( ma non siamo tutti “liceali” nello studio della Bibbia?) dell’apparato iconografico ( ad es. nei manuali di storia e, nessuno si scandalizzi, di filosofia: confesso che, pur abituato alla lettura diretta dei loro testi dalle opere, anche in lingua originale, trovavo importante avere un ritratto – per i più recenti:fotografico – di tutti i filosofi : fissando quel volto, quegli occhi, quanto da imparare; se non ci credete fatene la prova, anche se già con Socrate veniva sottolineato questo, cfr. Simposio, 215° ss, … in buona compagnia). A parte questa divagazione, … il richiamo sull’apparato iconografico, nella nostra “guida”, significa
1)SIA l’utilizzo del COLORE,2) SIA il ricorso ad OPERE d’ARTE ( prevalentemente la “pittura”,affreschi, ecc) del passato ( la grandezza del M.E. con la Biblia pauperum sui portali delle cattedrali o sui muri all’interno di esse: siamo stati preceduti! … allora si aveva una sensibilità estetica ( il bello e buono, kalòs kai agathòs dei greci antichi, fondamento della nostra civiltà occidentale), anche se noi moderni, osservando con occhio critico quelle “icone”, possiamo aggiungere al medioevale o all’antico greco la gadameriana Wirkungsgeschichte, storia degli effetti ,così importante sul piano ermeneutico),3) SIA la scelta della FOTOGRAFIA ( a caso,veramente, un es.:osservate attentamente la foto a p.245, il “Monte delle Tentazioni nel deserto di Giuda nei pressi di Gerico”, e poi ri-leggete e meditate l’episodio che gli evangelisti ci hanno trasmesso sulle tentazioni di Gesù, all’inizio del suo “ministero”, annuncio del Regno di Dio). Quel prof. di filosofia di sopra ( di allora) ,che sta scrivendo ora, al termine della sua giornata, quanto ebbe ad insistere sui due processi di ANALISI e SINTESI: quando ci accostiamo al testo,letterale,biblico ( che mai riusciremo ad approfondire adeguatamente=analisi, ma adesso almeno col valido aiuto di quei sussidi) proviamo ( l’ “esperimento” in quanto tale è sempre significativo) a tenere sottocchio le due pagini iniziali (pp.4-5) che, con l’uso dei colori ( scelti non a caso) di cui dicevo sopra, ci offrono la “sintesi” dei libri di cui è composta la Bibbia ( “ ta biblia”, la “grande biblioteca” di 73 volumi , cfr. p.9).

il 1 novembre 2014 alle 01:19 ha scritto:

Di questo libro apprezzo moltissimo le schede tematiche, a firma di illustri autori di commentari e libri esegetici. Molto belle e particolareggiate le cartine e le mappe storiche, che aiutano il lettore ad entrare nel mondo della Scrittura, contestualizzando nello spazio e nel tempo gli eventi della storia della salvezza. Molto interessante anche il rapporto con l'arte, l'iconografia, da sempre curato nei commenti del cardinal Ravasi, perché la Bibbia non è solo parola di Dio, ma anche parola dell'uomo. Le esigenze di sintesi hanno costretto purtroppo l'autore ad essere, talvolta, fin troppo conciso nel riassumere alcuni capitoli della Scrittura, ma da una Guida non si può pretendere di più.

il 23 giugno 2018 alle 13:00 ha scritto:

Fatta molto bene. Facendo una lettura comparata tra la Bibbia e questo libro si completa la lettura della Bibbia con delle spiegazioni e degli approfondimenti veramente interessanti. La consiglio sia al lettore esperto sia a chi è a una delle prime letture e vuole aprofondire le sue conoscienze