Citazione spirituale

Il giardiniere di Tibhirine

di

Lassausse Jean-Marie, Henning Christophe


Copertina di 'Il giardiniere di Tibhirine'
Ingrandisci immagine

EAN 9788821570728

Fuori catalogo
Disponibile anche come Prezzo
Libro usato da 6,50 €
1 pezzo in stato usato come nuovo 13,00 €6,50 €
Descrizione
Allegati: Anteprima
Tipo Libro Titolo Il giardiniere di Tibhirine Autori Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821570728 Pagine 120 Data marzo 2011 Peso 196 grammi Altezza 21 cm Larghezza 13,5 cm Profondità 1,3 cm Collana Il pozzo. Seconda serie
Voto medio degli utenti per «Il giardiniere di Tibhirine»: 4 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

, gmagura@alice.it il 24 febbraio 2012 alle 14:34 ha scritto:

Il film "Uomini di Dio" che racconta per immagini la drammatica storia dei monaci di Tibhirine, vittime nel 1996 di un gruppo di estremisti islamici, si conclude, in maniera opportuna, non mostrando l'eccidio, ma con una lunga sequenza che mostra i monaci salire faticosamente nella neve, scortati dai loro carnefici, e quell'ascesa, nella luce ovattata della neve che fiocca lentamente, trasfigura il dramma imminente, in un cammino di ascesi, come quello di nostro Signore Gesù Cristo verso il Calvario. Il film ci ha mostrato come quei monaci non fossero affatto degli eroi, e non erano votati al sacrificio e al martirio, erano "martiri", questo sì, nel senso di testimoni della fede, servi fedeli della parola debole in un paese ostile in cui la Parola che testimoniavano era per forza minoritaria. Allora il loro servire si manifestava nella quotidianità, pregando il Signore nei tempi previsti dalla regola monastica e servendo fraternamente il prossimo, rappresentato dai vicini islamici, lavorando insieme la terra, curando e assistendo i malati. Per non venire meno a questo impegno quotidiano, umile e semplice, pienamente evangelico, alla fine invece di defilarsi e fuggire, come avrebbero potuto, sono rimasti, andando incontro a un martirio non cercato né voluto, che tuttavia ha amplificato, malgrado loro, il loro semplice messaggio d'amore per il prossimo, di servizio gratuito per l'altro, chiunque esso sia, e a qualsiasi fede appartenga. Ecco, chi si è fermato a quella scena finale del film, può avere la sensazione che qualcosa si sia irrimediabilmente inceppato e interrotto. Allora, per vincere la tentazione della rassegnazione, bisogna leggere il testamento spirituale di Padre Cherghé, pure opportunamente contenuto in questo libro, che da solo vale più di mille discorsi sull'ecumenismo, perché intriso di una testimonianza vera, vissuta pienamente giorno per giorno e suggellata con la propria vita; e bisogna leggere di questo sacerdote, Jean-Marie Lassausse, esperto agrario e con alle spalle molte esperienze missionarie, che si è assunto il compito, dopo qualche anno di silenzio, di riannodare i rapporti fra il monastero e la popolazione locale di fede islamica, lì dove si erano tragicamente interrotti. Questo libro è così un seme di speranza che può far comprendere come Dio, attraverso i suoi figli, non si stanca mai di seminare, e come anche dalle esperienze più terribili si possa far rifiorire l'amore e la speranza. In questo caso, la metafora della fioritura, cessa di essere metafora e diviene realtà perché il narratore del libro, sacerdote / contadino, fa proprio rifiorire il giardino del monastero che era rimasto incolto dopo la dipartita dei monaci, e insieme a questa fioritura, che non può fare da solo, ma deve avvalersi del lavoro manuale di collaboratori locali, rifioriscono anche i rapporti umani, che la violenza aveva brutalmente interrotto, vincendo le barriere della lingua, della cultura e della fede diversa, nello spirito di quello che è il contenuto autentico del messaggio lasciato dai monaci di Tibhirine.

Usato come nuovo:

Libro in condizioni pari al nuovo.

Privo di segni d`usura e di qualunque tipo di danno o vizio.

Trattasi, nella maggior parte dei casi, di libri acquistati da privati o biblioteche pubbliche o private in condizioni pari al nuovo, che vengono ceduti poiché costituiscono doppioni.


Usato in buone condizioni:

Libro in buone condizioni generali, del tutto fruibile.

Rispetto ad un libro "come nuovo" presenta però segni di usura che possono essere di vario genere.

I piu frequenti: sottolineato, copertina usurata, pagine ingiallite, orecchie d`asino.

Per ciascun libro sono precisamente indicati i segni di usura che presenta.