Citazione spirituale

Sbarchi in Calabria. Storie di migranti, storie di vita.

di

Gabriele F. Bentoglio


Copertina di 'Sbarchi in Calabria. Storie di migranti, storie di vita.'
Ingrandisci immagine

EAN 9788862449243

Disponibile in 24/48 ore lavorative
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo Sbarchi in Calabria. Storie di migranti, storie di vita. Autore Editore Tau Editrice EAN 9788862449243 Pagine 156 Data ottobre 2020 Peso 206 grammi Altezza 21 cm Larghezza 14 cm
Voto medio degli utenti per «Sbarchi in Calabria. Storie di migranti, storie di vita.»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 3 febbraio 2021 alle 19:00 ha scritto:

Papa Francesco ha scritto la prefazione a questo interessante, oltre che utile, libro di p. Gabriele F. Bentoglio. Nelle parole del pontefice troviamo una utile chiave di letture delle esperienze di emigrazione che in esso sono riportate: «Nei racconti dei giovani migranti e nell’esperienza degli operatori, che si sono fatti compagni del loro cammino, contempliamo il terreno quotidiano su cui è germogliata la capacità di dialogo -inter-culturale e interreligioso- come realtà di base su cui fondare un modello educativo capace di trasformare la coabitazione nel medesimo territorio in luogo di convialità, di mutuo scambio e solidarietà» (pp. 155-156). Il Progetto “Artefici del nostro futuro sulle orme del Beato Giovanni Battista Scalabrini” implementato in Calabria ha offerto una importante possibilità di riscatto per numerosi migranti che ad esso si sono affidati. Il volume di p. Bentoglio dovrebbe essere letto con attenzione, per poterne trarre un grande insegnamento. Questa affermazione trova facile riscontro nelle parole del card. Paolin che lo ha prefato: «L’annuncio del Vangelo esige che si rompa ogni complicità con atteggiamenti e comportamenti di xenofobia e di razzismo, per lasciare posto alla costruzione di una fraternità universale. La presenza dei migranti, dunque, è un prezioso segno dei tempi, che sveglia le coscienze e chiede che nessuno sia considerato come un fenomeno fastidioso, una minaccia inopportuna, un numero sulle tabelle statistiche.» (pp. 14-15).