Citazione spirituale

La volontà di Dio e il potere della ragione. - Introduzione al pensiero di Giovanni Duns Scoto ebook

di

Orlando Todisco OFMConv

(articolo pubblicato in «Miscellanea Francescana nn. I-II/2011», gennaio-giugno 2011, volume 111, numero I-II)


Copertina di 'La volontà di Dio e il potere della ragione.'
Ingrandisci immagine

Disponibilità immediata
Descrizione
Tipo e-book Titolo La volontà di Dio e il potere della ragione. - Introduzione al pensiero di Giovanni Duns Scoto Autore Orlando Todisco OFMConv Editore Miscellanea Francescana Data gennaio-giugno 2011 Formati PDF (Watermark DRM), ePub (Watermark DRM)

Non lo puoi rendere ai sensi dell'art. 59 , comma 1, lett. o) del Codice del Consumo. La Legge infatti NON prevede il diritto di recesso sui prodotti digitali, acquistati e scaricati via internet.

Questo e-book è protetto con "Social DRM" o "watermark"
In ogni pagina del file che acquisti (sia nell'ePub che nel PDF) stampiamo il tuo nome e cognome, la tua e-mail e la data di acquisto (es.: Mario Rossi - mario.rossi@email.it - 15/12/2010), per evitare una diffusione illegale del prodotto. Al contrario di altre pratiche di protezione dei contenuti più aggressive, potrai utilizzare il libro dove e quando vuoi, senza dipendere da alcuna piattaforma proprietaria e senza essere limitato nel numero di installazioni del file. Anche la stampa del libro è permessa senza restrizioni, ovviamente restano sempre validi i vincoli legali, cioè non è possibile stampare copie del libro per altre persone o inviare il file ad altri.

Comprando un libro digitale (e-book) su LibreriadelSanto.it hai molti vantaggi:

  • Aggiornamenti gratuiti. Se l'editore ci fornisce aggiornamenti per il libro acquistato ti verrà segnalato e potrai scaricare la nuova versione gratuitamente;
  • Se perdi il file puoi sempre riscaricarlo dalla tua area utente; LibreriadelSanto.it conserverà per te i tuoi e-book.
  • Dopo aver acquistato l'e-book sarà possibile scaricarlo, in qualsiasi momento, nel formato preferito. I formati disponibili sono indicati nella scheda prodotto di ogni e-book. Pagherai una volta soltanto ma avrai accesso a tutti i formati disponibili;
  • Per proteggere i prodotti digitali e i legittimi diritti di autori vengono utilizzati dei sistemi di protezione, riportati alla voce formati; per avere maggiori informazioni sui sistemi di protezione andare nella pagina di assistenza per gli ebook
  • Utilizzando un lettore di libri digitali, potrai avere con te migliaia di libri portandoti appresso solo 300 grammi di peso (questo il peso medio di un e-reader);
  • Ricevi i prodotti digitali entro qualche minuto dal pagamento, senza dover più aspettare neppure un giorno. Risparmi tutte le spese di spedizione.
  • Se non disponi della carta di credito, puoi pagare con gli altri metodi di pagamento accettati (ad eccezione del contrassegno). In questo caso, però, il download dei file non potrà essere fatto immediatamente dopo l'acquisto, ma soltanto dopo aver inviato la prova del pagamento.
  • Puoi leggere i file ePub anche sul tuo PC, scaricando Adobe Digital Editions
    Adobe Digital Editions

Per ulteriori informazioni vai sulla pagina di assistenza per gli ebook.

Voto medio degli utenti per «La volontà di Dio e il potere della ragione.»: 4 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 21 agosto 2011 alle 11:33 ha scritto:

L’articolo di padre Todisco è veramente molto bello, impegnativo e strutturato: per questo sollecita una lettura attenta, non superficiale e affrettata. La ricchezza di contenuti apre la strada a innumerevoli piste di riflessione che non è possibile esaurire nello spazio limitato di un commento…
Mi limito perciò solo a qualche considerazione su alcuni punti che più mi hanno colpito.


«È quest’apertura del finito all’Infinito il metro del nostro essere, rispetto a cui il tema della grazia, e dunque ciò che viene in maniera radicalmente gratuito da Dio, appare “naturale”, vale a dire rispondente alla nostra effettiva potenzialità. La teologia è l’inno alla grandezza dell’uomo, e questa riposta nella capacità non di fare ma di ricevere» (Pag. 52-53)

Approfondendo il pensiero di Scoto ci si imbatte nel discorso del “volontarismo”: è un termine effettivamente poco felice, non scevro da ambiguità. Trovo che l’ampio e articolato approfondimento di padre Todisco aiuti a riconciliarsi con questa parola e con quanto essa veicola. Se tutto accade non principalmente in virtù della sapienza di Dio, ma della sua volontà, allora Dio appare come un Dio capriccioso, despota che opera senza un criterio “buono”, adeguato all’uomo. Non è così! In realtà attraverso questa volontà – è importante dire proprio “attraverso”, e non “malgrado” – si realizza il dono “gratuito di Dio”, e si manifesta il suo amore. Così, ciò che appare naturale – come dice Todisco – è “rispondente alla nostra effettiva potenzialità”.
Più avanti, infatti, nel V paragrafo dell’articolo - a pag. 68 per l’esattezza -, si legge: «Essendo suprema, questa libertà non lascia spazio a interrogativi morali, se ciò che è creato possa dirsi giusto o se buono, ma non ottimo, essendo tutto segno della sua libertà, insindacata, perché suprema76. E cos’è tale libertà se non un altro nome della trascendenza divina e, da un altro punto di vista, un altro nome dell’amore divino?


«L’io non è originario. L’io è derivato, frutto dell’atto creativo e dunque di un gesto di libertà, che ha preso forma nel tempo, assimilando valori e principi, con cui si è solidificato».

Questa affermazione è molto bella ed è estremamente importante. Può essere una valida risposta all’affermazione – tanto rivoluzionaria quanto destabilizzante – di Cartesio: “cogito ergo sum”. La constatazione – così apparentemente semplice – che l’”io non è originario”, e che quindi c’è qualcosa che precede l’”io”, c’è una “datità” evidente che non può essere negata, porta necessariamente alla conclusione che l’”io” esiste solo in virtù di un “atto creativo”.Quindi “io sono”, “penso” in quanto “sono dato” da qualcuno o qualcosa che mi precede.


«Il possibile è tale, anche se Dio non esistesse» (Pag.63)

E’ interessante questa affermazione, nella sua incisività. Non a caso, parlando delle “prove dell’esistenza di Dio”, Scoto rigetta la prova ontologica di Anselmo, affermando che non ha valore probativo, ma solo persuasivo; e quella aristotelica (quella sviluppata da Averroé) del moto primo, perché è impossibile identificare il moto primo con Dio. Scoto fa piuttosto affidamento alla prova della causalità: se nel mondo vi è qualcosa di producibile non può prodursi da sé o venire dal nulla. L’affermazione in oggetto – “il possibile è tale anche se Dio non esistesse” – si pone in fondo, o almeno così mi pare – quale radicalizzazione estrema della prova della causalità.

Estremamente ricca e avvincente la riflessione finale di padre Todisco che sintetizza abilmente in una sola parola: libertà. Infati: «L’epilogo è il potenziamento della libertà creativa, che implica il privilegiamento del soggetto e la connessione tra libertà e azione in un contesto di effettiva novità, fuori del cerchio del dominio, destinato prima o poi a esprimersi nella relazione verticale di comando-obbedienza» (Pag.75).
Mi ha colpito molto la parte conclusiva – di cui ho voluto riportarne solo una frase significativa –. Per me che sono consacrata – e felice di essere tale! – è bello poter riflettere sul voto di obbedienza in termini di libertà. Forse sto andando “oltre” il discorso di Scoto e di padre Todisco, ma mi piace fare una attualizzazione delle affermazioni contenute nell’articolo; tanto più che sia Scoto che padre Todisco sono religiosi e quindi soggetti al vincolo dell’obbedienza – per quanto, credo almeno, vissuto con modalità e percorsi molto differenti …. -. Io penso che troppo spesso si parla di “obbedienza” – sia come voto che come vincolo per ogni battezzato al Magistero della Chiesa, ad esempio – in termini negativi, come un pesante fardello che ci viene addossato da personaggi loschi e cattivi – i Superiori, il Papa ecc.ecc. -. In realtà, l’esperienza dell’obbedienza – se vissuta nella sua integrità antropologica e cristologica – è un’esperienza di autentica libertà e quindi di piena realizzazione della persona, oltre che del cristiano. Qui il discorso si fa molto lungo ed esula probabilmente dal contesto, ma posso garantire che è così.