Citazione spirituale

Tu sei qui: LibriAttualitàAvarizia

Avarizia

-

Le carte che svelano ricchezza, scandali e segreti della Chiesa di Francesco

 
di

Emiliano Fittipaldi


Previous
Copertina di 'Avarizia'
Next Ingrandisci immagine

EAN 9788807172984

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione fino al 14/11/2019 scade tra 21 ore e 11 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo Avarizia - Le carte che svelano ricchezza, scandali e segreti della Chiesa di Francesco Autore Editore Feltrinelli EAN 9788807172984 Pagine 231 Data novembre 2015 Collana Serie bianca
Voto medio degli utenti per «Avarizia»: 1 su 5 (2 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 4 novembre 2015 alle 15:56 ha scritto:

Il Vaticano sta procedendo senza incertezze sulla strada della trasparenza e della buona amministrazione: è quanto ha affermato il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, in risposta alla pubblicazione di due libri che, attingendo a documenti riservati, vorrebbero dimostrare il contrario.

il 5 novembre 2015 alle 15:21 ha scritto:

"Ho l'impressione - aggiunge monsignor Galantino - che qualcuno stia perdendo la calma per questo rinnovamento e si sfoghi appropriandosi di documenti riservati e scrivendo libri". "Mi piacerebbe dire all'ineffabile Fittipaldi e all'ineffabile, per due volte, Nuzzi - confida al Sir - è possibile conoscere le cifre delle vostre grandi operazioni editoriali? Io, al posto loro, poco poco mi vergognerei a fare le pulci agli altri in maniera ideologica, senza guardare a se stessi". "Meno male - conclude Galantino - che alcuni giornali seri stanno mostrando tutte le contraddizioni di operazioni di questo genere. Di fondo, ripeto, c'è il fatto che ad alcuni da' fastidio che ci sia una Chiesa Cattolica che, in questo momento, parla in modo più chiaro rispetto al passato, chiamando le cose con il loro nome". (AGI) .