Citazione spirituale

Fammi sapere perché... Il tema del dolore. Lectio divina sul libro di Giobbe

di

Canopi Anna M.


Copertina di 'Fammi sapere perché... Il tema del dolore. Lectio divina sul libro di Giobbe'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione fino al 20/10/2019 scade tra 2 ore e 7 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo Fammi sapere perché... Il tema del dolore. Lectio divina sul libro di Giobbe Autore Editore Edizioni Dehoniane Bologna EAN 9788810510612 Pagine 112 Data maggio 2008 Peso 168 grammi Altezza 21 cm Larghezza 14 cm Profondità 0,8 cm Collana Itinerari
Voto medio degli utenti per «Fammi sapere perché... Il tema del dolore. Lectio divina sul libro di Giobbe»: 5 su 5 (2 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 28 luglio 2012 alle 11:09 ha scritto:

Sto leggendo con grande curiosità questo libro per conoscere l'interpretazione che da una grande persona come Madre Canopi sul tema del dolore.
La struttura a mio parere è molto bella e utile in quanto sembra proprio una lectio, la parte di testo e l'interpretazione. Credo di poter dire che lo consiglierei a tutti coloro che hanno subito un grande dolore per riuscire a comprenderne il perchè tramite la parola di Dio.

, mariagloria.campi@virgilio.it il 9 luglio 2016 alle 11:47 ha scritto:

Davvero molto interessante questa Lectio Divina sul libro di Giobbe. Anna Maria Canopi ci accompagna con competenza e calore attraverso due itinerari: l'uno, quello di una comprensione precisa del libro di Giobbe, che può apparire ostico, ad una prima lettura; l'altro quello di una visione accorata ed esistenziale del dolore, del dolore di ogni uomo e di ogni tempo. Ritengo molto importante sottolineare la libertà con la quale l'autrice attraversa, con il grido di Giobbe, la disperazione del dolore umano che non trova una ragione del suo esistere. Ci libera dal senso di colpa per le domande, anche violente, che rivolgiamo a Dio: è grazie ad esse, se restiamo in ascolto, che possiamo incontrarLo così come Egli si volge a noi e nel Suo Amore ci cerca