Citazione spirituale

I catari e il graal. Il mistero di una grande leggenda e l'eresia albigese

di

Michel Roquebert


Copertina di 'I catari e il graal. Il mistero di una grande leggenda e l'eresia albigese'
Ingrandisci immagine

EAN 9788821560453

Disponibile in 24/48 ore lavorative
In promozione fino al 11/11/2019 scade tra 8 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo I catari e il graal. Il mistero di una grande leggenda e l'eresia albigese Autore Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821560453 Pagine 262 Data novembre 2007 Peso 488 grammi Altezza 22 cm Larghezza 15 cm Profondità 2,6 cm Collana Vie della storia
Voto medio degli utenti per «I catari e il graal. Il mistero di una grande leggenda e l'eresia albigese»: 2 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 23 settembre 2010 alle 15:55 ha scritto:

Ho acquistato il libro di M.Roquebert dopo aver letto il titolo nella bibliografia di un altro testo sul Graal, poiche' volevo approfondire la conoscenza sulle vicende dei Catari che apparivano correlate allo sviluppo di una specie di "caccia al tesoro" che nella mia fantasia iniziava dalla distruzione del Tempio di Gerusalemme e terminava ai giorni nostri con la dinastia Merovingia passando attraverso le vicende deL Priorato di Sion, i Templari, la Massoneria e molti altri fatti storici e leggendari. Ora, riconosco che il libro e' molto ben scritto, preciso, e straordinariamente approfondito per quanto riguarda la narrazione dei romanzi di Perceval di Chrétien de Troyes, del Parzival di Wolfram von Eschenbach, di altri testi della saga dei cavalieri della Tavola Rotonda e di tutto cio' che li divide e li separa riguardo a contenuti, relazioni storiche,filologiche e geografiche, ma devo ammettere di essere deluso dal poco spazio che l'autore riserva alle vicende della comunita' catara.Su 238 pagine dell'edizione San Paolo si puo' infatti dire che dedica solo le ultime 40-50 ai "puri d'Occitania". Con cio' sono contento della lettura ma le mie aspettative andavano in un'altra direzione,forse sono io che ho sbagliato nello scelgliere il testo, o forse e' l'autore che semplicemente ha sbagliato a scegliere il titolo alla sua opera. Grazie per lo spazio concessomi