Citazione spirituale

Risorsa umana

-

L'economia della pietra scartata

 
di

Francesco Gesualdi


Copertina di 'Risorsa umana'
Ingrandisci immagine

EAN 9788821595219

Disponibile in 24/48 ore lavorative
In promozione fino al 11/12/2019 scade tra 19 ore e 32 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo Risorsa umana - L'economia della pietra scartata Autore Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821595219 Pagine 208 Data maggio 2015 Peso 232 grammi Altezza 21 cm Larghezza 13,5 cm Profondità 1,3 cm Collana Problemi sociali d'oggi
Voto medio degli utenti per «Risorsa umana»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 24 giugno 2015 alle 11:24 ha scritto:

Amo moltissimo il mondo in cui vivo: la bellezza non è stata ancora soffocata dalla mediocrità: dalla dimensione economica che riduce tutto - bambini, donne, uomini - a merce; dal tentativo di monetizzare tutto, dalle relazioni interpersonali, ai sentimenti, alla spiritualità; dall'uso indiscriminato, suicida delle risorse ambientali. La bellezza la trovo in una poesia di Pavese, in un brano di musica medioevale, nell'aria limpida delle nostre montagne; negli infiniti silenzi delle Alpi Giulie; negli struggenti tramonti invernali sul mare a Duino...... Per cambiare il grigiore della mediocrità, mefitico veleno che sta intossicando l'umanità (il "Nulla" de "La storia infinita" di MIchael Ende), di chi vuole ridurre tutto alla dimensione economica, mercificando sogni e sentimenti, riducendo la ricchezza della nostra diversità nei rassicuranti e controllabili limiti dei pensieri unici, delle lingue uniche, dei modelli antropologici unici, bisognerebbe, come ricordato più volte da don Ciotti, avere la forza di gridare che la speranza non muore per soffocamento, che altri stili di vita sono possibili, rispettosi della dignità di ogni e ciascun uomo, del creato, della diversità di ogni persona, comunità o popolo, nelle loro espressioni culturali e sociali. Ma farlo non è facile: bisogna comprendere quali siano le alternative praticabili, i futuri possibili e, su queste utopie concretamente attuabili, generare reti di relazioni, sviluppare forme di comunicazione efficace, implementare strategie per persuadere (come voleva Michelstaedter) gli uomini a non rassegnarsi alla predominante, pervasiva non-cultura del pensiero unico economico, ma che un mondo diverso è possibile. E come possa essere possibile questo "altro" mondo, ce lo racconta - tra gli altri - con efficacia Francesco Gesualdi (uno dei ragazzi di don Milani), nel suo ultimo libro "Risorsa umana. L'economia della pietra scartata", ed. SanPaolo, dove ci ricorda che "l'economia capitalista ha messo a repentaglio la sopravvivenza del pianeta e condannato miliardi di individui a una vita disumana, persone classificate come poveri assoluti, e nessuno sa quanti siano esattamente. Inutili come consumatori e come lavoratori, non si sente il bisogno di contarli: «Sono solo avanzi, scarti, di cui sbarazzarsi»". Un'analisi impietosa, limpida, senza schermature, per esortarci a cambiare i nostri stili di vita, osando ancora di sognare, di desiderare un mondo migliore, di esperire la speranza. L'autore propone peraltro alcuni percorsi molto concreti per generare un'economia a misura di uomo, abbandonando gli attuali paradigmi che riducono l'uomo ad uno schiavo dell'economia. Un bel libro, da leggere avidamente!