Citazione spirituale

Le sette parole di Gesù in croce

-

Meditazione e preghiera

 
di

Anna Maria Cànopi


Copertina di 'Le sette parole di Gesù in croce'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 24/48 ore lavorative
In promozione fino al 24/03/2019 scade tra 1 giorno e 1 ora
Descrizione
Tipo Libro Titolo Le sette parole di Gesù in croce - Meditazione e preghiera Autore Editore Paoline Edizioni EAN 9788831535526 Pagine 40 Data gennaio 2009 Peso 49 grammi Altezza 19 cm Larghezza 10,5 cm Profondità 0,2 cm Collana Nel tuo nome
Voto medio degli utenti per «Le sette parole di Gesù in croce»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

, gmagura@alice.it il 12 aprile 2012 alle 09:34 ha scritto:

Al culmine della Settimana Santa ben si addice la lettura di questo breve e intensissimo testo poiché le sette parole di Gesù in Croce sono un compendio del Vangelo e del mistero dell'Incarnazione. Veramente dire "leggere" è limitativo perché si tratta di un testo per la contemplazione e la preghiera articolato appunto, per ciascuna Parola, secondo un ritmo ternario: brano evangelico, meditazione, preghiera. Alla fine si rimane arricchiti con la sensazione di una maggiore comprensione del mistero di Cristo. Dico "sensazione" perché comprendere l'infinità del mistero è per noi impossibile: "Le Mie vie non sono le vostre vie", tuttavia queste parole sono come un seme che si pianta nel nostro cuore e suscita in noi una risposta di gratitudine e amore. "Perdona loro perché non sanno quello che fanno" è preghiera altissima e in sovrappiù anche giustificazione per un umanità che non sa riconoscere Dio, velato, nella propria vita. "Oggi sarai con me nel paradiso" è la promessa, rivolta all'anonimo ladrone, che riguarda noi tutti, nella misura in cui accettiamo i limiti della nostra vita, e le sofferenze che ne derivano, e ne facciamo atto d'offerta a Dio. "Madre, ecco tuo figlio, figlio, ecco tua madre" è, dopo l'istituzione dell'eucaristia nell'ultima cena, la fondazione della Chiesa in Cristo e il suo affidamento, nella persona dell'apostolo, a Maria Santissima. "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?" è il grido umanissimo di Dio, che fattosi uomo, prova fino all'estremo l'angoscia della carnalità, il tremore di fronte alla morte, e in questo si fa fratello dell'uomo sofferente, per essergli accanto con infinito amore. "Ho sete" è l'espressione della sete materiale dell'uomo agonizzante e la sete spirituale di Dio che si offre e desidera essere amato interpellando ciascuno di noi: "Mi ami tu?", "Tu chi dici che io sia?". "Tutto è compiuto" è l'espressione della realizzazione, nell'offerta di sé, del desiderio di Gesù di fare la volontà del Padre che è amore e misericordia. Infine "Nelle Tue mani consegno il mio spirito" è l'affidamento filiale al Padre, nel completo abbandono, confidando solo in Lui che ha il potere di sollevare dalla morte: Gesù trema e grida, umanamente elevando a Dio la preghiera straziante e angosciosa di tutta l'umanità sofferente attraverso la storia, ma l'esito finale non è la disperazione ma un fiducioso abbandono in Dio.