Citazione spirituale

Prenditi cura della tua anima

-

Una ecologia interiore

 
di

Jean-Guilhem Xerri

 


Copertina di 'Prenditi cura della tua anima'
Ingrandisci immagine

EAN 9788839922007

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo Prenditi cura della tua anima - Una ecologia interiore Autore Editore Queriniana Edizioni EAN 9788839922007 Pagine 256 Data novembre 2020 Collana ntroduzioni e trattati
Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

Jean-Guilhem Xerri




PRENDITI CURA
DELLA TUA ANIMA

Una ecologia interiore




Editrice Queriniana
Indice




Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

1. Essere un umano: stiamo ancora cercando . . . . . . . . . . . . . . 9
L'uomo antico11
Un animale razionale 11
La terapia, tra cura dell'essere e servizio dell'Essere 13
L'uomo classico16
Una cosa pensante unita a un corpo macchina 16
Gli psicotropi, attivi sulla nostra interiorità 19
L'uomo moderno20
Un soggetto assoggettato 20
L'approccio terapeutico, il risveglio dei determinismi 22
Le terapie analitiche 23
L'approccio sistemico 24
L'uomo neuronale26
Un vivente come gli altri 26
I problemi posti da una stretta biologizzazione dell'uomo 28
Il neuro-essenzialismo 28
L'abolizione delle frontiere 30
Le terapie cognitive e comportamentali 44
Intermezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  48

2. Un umano la cui interiorità soffre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Una visione dell'uomo ha delle conseguenze concrete!51
Interpretazioni sociali che si evolvono  52
Una grande varietà di approcci psicoterapeutici  54
250 Prenditi cura della tua anima


Un'elaborazione dell'uomo a due componenti,
corpo e psiche 55
Disturbi d'espressione somatica, d'origine somatica 56
Disturbi d'espressione somatica, d'origine psicologica
(disturbi psicosomatici) 56
Disturbi di espressione psicologica, di origine psichica 57
Disturbi d'espressione psicologica, d'origine somatica 57
Una visione parziale dell'uomo può avere per lui
aspetti patogeni58
Una società stanca 58
Una società dell'iperconsumismo  58
Una società del movimentismo  62
Una società depressiva 66
Disturbi dell'anima, multiformi spesso non classificabili 67
Disturbi ansio-depressivi 67
Le sofferenze sul lavoro 68
Le dipendenze  71
L'obesità73
Le violenze 73
Il consumo di psicotropi  74
L'esplosione delle richieste di presa in carico «psico» 75
Le sofferenze non classificabili  75
I limiti dei modelli antropologici dominanti 76
Un uomo ferito, che ignora il suo essere profondo77
Intermezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84

3. Non si è umano: lo si diventa oppure no . . . . . . . . . . . . . . . 87
I Padri del deserto, sacri maestri di saggezza
per il giorno d'oggi88
Il deserto come luogo di crescita umana e spirituale 88
Un laboratorio di vita interiore per tutti  91
L'umano, questo essere in 3D che è incompiuto94
Un essere che ha bisogno di una seconda nascita  94
Un'umanità chiamata a nascere in noi 94
La vita spirituale, sorgente della nostra metamorfosi 97
Un uomo completo vive in 3D  100
Una struttura a tre dimensioni 101
Una modalità 3D ben articolata 104
Sfide da non ignorare  111
Indice 251


Il modello psicoanalitico è compatibile,
almeno a una condizione 111
La visione neuro-essenzialista è appassionante,
ma incompleta  112
L'approccio buddhista è opportuno, ma da ampliare 113
Un'antropologia non è una confessione di fede  115
Fisiologia e fisiopatologia dell'anima115
Principi globali  115
Una fisiologia della conformità alla Natura 116
Una fisiopatologia dell'uso improprio 118
Fisiologia e fisiopatologia del polo logico (intelligenza) 120
Fisiologia e fisiopatologia del polo epitimico (desiderio) 125
Fisiologia e fisiopatologia del polo timico (forza) 128
Fisiologia e fisiopatologia dell'immaginazione  130
Fisiologia e fisiopatologia della memoria 132
Intermezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135

4. Dalle malattie dell'anima alla pace interiore . . . . . . . . . . . . . 137
Nosologia delle malattie dell'anima  139
Un'eziopatogenesi dei pensieri  139
Otto malattie noopsichiche fondamentali  144
Clinica dei principali disturbi dell'anima147
L'avidità  148
Avidità alimentare  148
Avidità sessuale  151
Avidità materiale  155
La vanità 157
L'acedìa  163
Il narcisismo  166
Aspetti profilattici e terapeutici
delle malattie noopsichiche167
La custodia del cuore  169
Una giusta misura del quotidiano  173
L'ospitalità  174
La preghiera  176
La preghiera continua  176
La contemplazione della morte  180
L'umiltà e la sua concretizzazione  182
Intermezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
252 Prenditi cura della tua anima


5. Un patrimonio spirituale di cui riappropriarsi oggi . . . . . . . 189
Riconoscere le nostre malattie noopsichiche 190
Le avidità, malattie endemiche della profusione
e dell'incitamento  192
Le nostre piccole e grandi dipendenze  192
L'erotizzazione della nostra società
e delle nostre relazioni  196
Il nostro materialismo e il nostro iperconsumismo 199
La vanità narcisistica, malattia metastatica
del mondo dell'immagine  202
L'acedìa, malattia della cupa e futile vacuità 206
Vivere maggiormente sotto l'influsso dello spirito  209
Decidere di vivere in 3D  210
Dare alle scienze, il loro posto, tutto il loro posto,
nient'altro che il loro posto  211
Accettare l'infinito in noi  214
Sviluppare uno stile di vita più sobrio 217
Identificare i perturbatori dell'interiorità  217
Fare la scelta della sobrietà  221
Tutto è collegato  222
Imparare a dire di no, per dire meglio sì  225
Tornare in se stessi attraverso pratiche meditative 226
L'hold-up attenzionale 227
Riprendiamo il controllo della nostra attenzione 228
Le pratiche meditative, l'arte dell'attenzione  231
Intermezzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239

Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241

Bibliografia complementare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247

Non ci sono commenti per questo volume.