Citazione spirituale

Natale - Lectio brevis

di

Orsatti Mauro, Monastero della Visitazione di Salò

 


Copertina di 'Natale - Lectio brevis'
Ingrandisci immagine

Disponibilità immediata
In promozione fino al 23/08/2019 scade tra 6 ore e 29 minuti
Descrizione
Allegati: Anteprima
Tipo Libro Titolo Natale - Lectio brevis Autori Editore Queriniana Edizioni EAN 9788839932129 Pagine 96 Data gennaio 2013 Peso 120 grammi Altezza 19 cm Larghezza 11,5 cm Collana Lectio brevis
Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

Mauro Orsatti
Monastero della Visitazione di Salò




Natale
Lectio brevis




Editrice Queriniana
NATALE DEL SIGNORE




Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande
luce (Is 9,1).
Perché un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio
(Is 9,5).



MEDITATIO

La luce assume particolare valore in questo tempo
invernale quando, almeno alla nostra latitudine, le ore di
luminosità sono più limitate. Nello sfavillio del Natale bril-
la un bagliore che si distingue dagli altri. Non ha colore,
non è prodotto dall'elettricità, non abbaglia. Più che per
gli occhi, è per il cuore. È dato a noi e a tutti gli uomini;
non si compra né si vende; aiuta non tanto a sapere dove
siamo, quanto piuttosto a scoprire chi siamo. È il Dio fatto
uomo a diventare luce, illuminando la notte della storia e
riscaldando il cuore dell'umanità. Una volta acceso, non
si spegne più, se non lo rifiutiamo. Se non lo lasciamo
brillare, cesserà di essere fonte di vita, condannando gli
6 Tempo di Natale


esseri umani a restare al buio, senza orientamento, e a
raffreddarsi sempre più.
Non c'è cristiano, per quanto indifferente e lontano dal-
la vita ecclesiale, che non abbia sentito parlare della nascita
di Gesù a Betlemme e dei pastori che accorrono, sollecitati
da un annuncio angelico, a rendergli omaggio. I fatti sono
noti, resi incandescenti anche da un facile sentimento. Sia
dunque benvenuto anche il sentimento, parte integrante
della persona, a condizione che entri in relazione con la
storia e con la teologia.
È opinione comune che a Natale ci si senta un po' più
buoni. Accogliamo con riserva questo pensiero: non basta
una data, segnata dal calendario, a rompere il circuito di
morte creato dall'odio e dall'ostilità! Il bambino che nasce
porta il nome di «Principe della pace», perché possiede
in modo stabile e duraturo quell'armonia, che è pronto a
donare. Se in lui sta la fonte della pace, chiediamola in do-
no, per noi e per tutti. La pace non sarà allora una sterile
spruzzatina di mieloso entusiasmo passeggero, ma il dono
che l'Emmanuele, il «Dio con noi», affida alla laboriosità
delle nostre mani, alla fantasia della nostra intelligenza e al
calore del nostro cuore.
Il richiamo ai fatti serve a contestualizzare l'evento stu-
pendo che stiamo celebrando, liberandolo dalle strettoie di
una semplice manifestazione esteriore, per inserirlo, senti-
mento compreso, nella grande visione storico-teologica di
un Dio, che si fa uomo perché l'uomo possa diventare Dio.
Qui sta la grandezza del Natale che, mentre ci apre alla
Pasqua, fa scaturire sentimenti di gratitudine e di ricono-
scenza, verso Dio prima di tutto, e poi verso gli uomini di
buona volontà, che sono disposti ad accendere un lume di
speranza per un mondo migliore.
Natale del Signore 7


PER LA LETTURA SPIRITUALE

Non c'erano né preti né teologi alla grotta di Betlemme.
Eppure tutta la teologia cristiana ha origine in quel miraco-
lo dei miracoli: Dio si è fatto uomo.
Theologia sacra: la sua origine è in quel genuflettere
adorante dinanzi al mistero del Figlio di Dio nella stalla.
'Dio manifestato nella carne', l'uomo-Dio Gesù Cristo:
questo è il mistero santo che la teologia è chiamata a pro-
teggere e custodire.
La cristologia della chiesa antica è realmente nata nella
grotta di Betlemme, e sul suo volto segnato dagli anni c'è
lo splendore del Natale. A chi impara a conoscerla essa
conquista ancor oggi il cuore.
È stato fondamentale per i padri professare che Dio, il
Figlio, ha assunto la natura umana, e non una data perso-
na. Che significa questo' Significa che Dio si è fatto uomo
assumendo la natura umana, non un singolo uomo. Tale
distinzione era necessaria per salvaguardare il carattere
universale del miracolo di Natale.
Dio nella nascita di Gesù Cristo ha assunto l'umanità
e non semplicemente un individuo. Questa assunzione
avvenne però '  ed è questo il miracolo dell'incarnazio-
ne  ' corporalmente. Il corpo di Gesù Cristo è la nostra
carne. Egli porta la nostra carne. Ecco perché dove è Gesù
Cristo, là siamo noi, che lo sappiamo o no; è così in virtù
dell'incarnazione: ciò che accade a Gesù accade a noi. È
veramente la povera carne di tutti noi, è realmente il nostro
sangue che giace in quella mangiatoia. È la nostra carne
che egli santifica e purifica con la sua obbedienza e con la
sua sofferenza. Egli ha assunto la natura umana perché fos-
simo in eterno presso di lui. Dove è il corpo di Gesù Cristo,
là siamo anche noi; anzi, noi siamo il suo corpo. Per questo
la testimonianza di Natale narra a tutti gli uomini: «Voi
siete stati assunti, Dio non vi ha disprezzati, egli porta nel
8 Tempo di Natale


suo corpo la carne e il sangue di voi tutti. Volgete lo sguar-
do alla mangiatoia! Nel corpo di quel bimbo, nel Figlio di
Dio fattosi carne, è la vostra carne, è tutta la vostra miseria,
la vostra angoscia, la vostra tentazione, anzi tutto il vostro
peccato che è portato, perdonato, santificato».
Se tu ti lamenti: «Non c'è salvezza per la mia natura,
per tutto il mio essere, sono perduto per sempre», la buona
notizia del Natale ti risponde: «La tua natura, tutto il tuo es-
sere sono stati assunti: Gesù li porta; è così che è diventato
il tuo Salvatore». Divinità e umanità, natura umana e natura
divina si incontrano e si uniscono solamente nella persona
del Figlio di Dio, in Gesù Cristo. Unicamente nella persona
di Gesù Cristo e attraverso di essa divinità e umanità sono
unite l'una all'altra, «senza confusione, immutabili, indivi-
se, inseparabili», come il Credo calcedonese ha enunciato
con estremo paradosso e al tempo stesso con reverenziale
salvaguardia del mistero della persona del Mediatore (D.
Bonhoeffer, Memoria e fedeltà, Qiqajon, Magnano 1995,
64-69, passim).

Non ci sono commenti per questo volume.