Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Citazione spirituale

L' ultima battaglia

-

La vittoria di Gesù sul demonio

 
di

Fanzaga Livio


Previous
Copertina di 'L' ultima battaglia'
Next Ingrandisci immagine

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione fino al 20/02/2019 [scade tra 3 ore e 14 minuti]
Descrizione
Allegati: Presentazione
Tipo Libro Titolo L' ultima battaglia - La vittoria di Gesù sul demonio Autore Editore Piemme EAN 9788856646528 Pagine 266 Data marzo 2015 Collana Religione / Saggistica
Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

L'ULTIMA
BATTAGLIA




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 1 23/02/15 10:30
P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 2 23/02/15 10:30
PADRE LIVIO




L'ULTIMA
BATTAGLIA
La vittoria di Gesù sul demonio




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 3 23/02/15 10:30
ISBN 978-88-566-4652-8

I Edizione 2015

© 2015 - EDIZIONI PIEMME Spa
www.edizpiemme.it

Anno 2015-2016-2017 - Edizione 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 4 23/02/15 10:30
Presentazione




La presenza del demonio attraversa l'intera Sacra Scrittu-
ra, dall'inizio alla 'ne. La storia dell'umanità incomincia
con la sua vittoria, che lo incorona «principe di questo
mondo» e termina con la sua scon'tta de'nitiva, quando
sarà eternamente rinchiuso nello «stagno di fuoco e di
zolfo». Siamo di fronte a una battaglia senza 'ne, che vede
l'angelo ribelle, con le sue schiere, contestare il mirabile
piano di Dio a favore dell'umanità, cercando di trascinare
l'uomo sulla via della rovina e della perdizione eterna.
L'epicentro di questa battaglia è testimoniato dal van-
gelo, quando Gesù annuncia il Regno di Dio e lo realizza
distruggendo le opere del demonio, con le quali inquina
i cuori e distrugge la vita umana. Gesù è 'il forte' che
scaccia l'usurpatore e lo costringe a cedere la preda. La
vittoria di Gesù sull'impero delle tenebre è totale e de'-
nitiva. Grazie alla croce l'umanità è stata salvata e liberata.
Cristo risorto è 'il Signore', il Re del cielo e della terra» e
il suo Regno di pace e di amore non avrà 'ne.
Tuttavia al 'mistero di iniquità' è stato concesso di agi-
re 'no alla 'ne del mondo, perché la Chiesa possa conti-
nuare la battaglia di Gesù Cristo e rivivere, di generazione
in generazione, la sua lotta e la sua vittoria. Oggi più che
mai, quando satana, «sciolto dalle catene», manifesta la

PRESENTAZIONE 5




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 5 23/02/15 10:30
sua potenza, è per i cristiani il tempo della battaglia e della
resistenza, rimanendo decisi e forti nella fede.
Questo libro passa in rassegna la 'madre di tutte le
guerre', quella fra l'Onnipotente e il suo avversario, il
quale, nonostante il suo orgoglio smisurato e la sua ma-
lizia ingannatrice, porta il marchio della scon'tta e della
condanna eterna. È fondamentale scoprire la presenza del
serpente antico nella vita e nella storia degli uomini, per-
ché la sua arte di nascondersi è insuperabile.
Mai prima, come oggi, quando anche nella Chiesa non
mancano quelli che negano la sua esistenza, il demonio è
sul punto si sostituirsi a Dio e di chiedere per sé l'adora-
zione di un mondo immerso nella tenebra della menzogna
e della morte. La lunga presenza in mezzo a noi di colei
che, per divina disposizione, gli schiaccia la testa, è il se-
gno che viviamo tempi inediti di lotta e di tribolazione,
che porteranno a una nuova umiliazione di satana e della
sua volontà di rivincita.




6 PRESENTAZIONE




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 6 23/02/15 10:30
1

L'ILLUSIONE
DI CANCELLARE IL DIAVOLO




Un'amnesia inquietante

La modernità ha pensato di rottamare il diavolo e di
relegarlo nel magazzino della storia, insieme ai miti di
un mondo ormai superato dai lumi della ragione. In po-
chi decenni il principe di questo mondo è stato liquida-
to come una malattia dell'anima, come un condensato
di paure ancestrali delle quali liberarsi de'nitivamente.
Senza il diavolo e senza l'inferno la vita sarebbe un'altra
cosa. Più libera, più sorridente, più facile da affrontare
Come ha potuto l'umanità vivere così a lungo sotto una
cappa di piombo che le toglieva il respiro' Povere streghe
bruciate per i loro connubi col viscido serpente! Questa
voglia di uscire da una palude brulicante di serpi è palpa-
bile. Se Cristo ha vinto il diavolo, perché tirarlo in ballo'
Non è forse stato vinto una volta per tutte' Il bando al
principe di questo mondo è stato dato congiuntamente
da razionalisti e da teologi, insofferenti per una presenza
così ingombrante.
Tuttavia la messa al bando del diavolo non è facile.
Non lo è soprattutto per la teologia che deve scontrarsi
con la sua presenza in ogni ambito della sua indagine.
La 'gura inquietante dell'avversario attraversa l'intera

1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO 7




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 7 23/02/15 10:30
Sacra Scrittura, dall'inizio alla 'ne. L'operazione di tra-
sformare l'angelo ribelle in un vacuo simbolo del male
rischia di demolire l'intero edi'cio della fede. La lucidità
con cui Gesù smaschera satana, il piglio deciso con cui lo
affronta, la lotta che intraprende per strappargli la pre-
da sono al centro della sua missione messianica. Teologi,
biblisti, predicatori hanno fatto carte false per rendere
evanescente la 'gura del diavolo. Le pagine del vange-
lo sono state sistematicamente manomesse. Il realismo
degli evangelisti è stato irriso e bollato di creduloneria.
Credere nell'esistenza del diavolo è velocemente divenu-
to un sinonimo di ottusità mentale. Relegato nell'ambito
della religione popolare, satana è stato tolto dagli scaffali
della teologia dotta. Se l'avrà avuta a male' O forse si è
rallegrato nella certezza che presto sarebbe tornato alla
ribalta'
Eppure una delle più nobili intelligenze del nostro tem-
po aveva messo in guardia da una svolta troppo disinvol-
ta per essere seria. Romano Guardini, nella sua vita su
Gesù, scrive: «Per Gesù non esiste soltanto la possibilità
del male, che è nella libertà umana; neppure soltanto l'in-
clinazione al male, che proviene dalla colpa dell'individuo
e dei progenitori, ma una potenza personale, che vuole
sistematicamente il male... Vuole il male in se stesso. Vi è
qualcuno che è espressamente schierato contro Dio, che
vuole strappare il mondo dalle mani di Dio, schiantare lo
stesso Dio. Siccome però Dio è il bene, il programma può
avverarsi soltanto in senso di voler ridurre il mondo allo
stato di sterminio e di ribellione a Dio. Satana non è un
principio, non è potenza primordiale, ma è creatura cor-
rotta, caduta nella rivolta, che presume di erigere contro
Dio un desolato regno di inganno e di confusione» (Ro-
mano Guardini, Il Signore, Vita e Pensiero).
Che cosa resta del Nuovo Testamento se il principe di
questo mondo viene trasformato in una 'gura mitologica'

8 1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 8 23/02/15 10:30
Contro chi Cristo avrebbe lottato' Da chi ci avrebbe libe-
rato' A chi avrebbe pagato il prezzo del riscatto' Lo stesso
interrogativo riguarda l'intera storia della Chiesa, dove la
lotta della Donna vestita di sole contro il dragone infer-
nale e quella dei santi contro i diavoli si susseguono senza
concedere tregua, come le onde di un mare perennemente
in burrasca. Contro chi scenderebbe in campo la Vergine
potente contro il male' Contro i fantasmi di menti arretra-
te bisognose di 'corsi di rieducazione'' Le lotte epiche di
giganti della santità contro le potenze avverse erano forse
fenomeni da baraccone' La presenza del demonio nella
storia della salvezza e nell'esperienza di vita delle persone è
troppo corposa per essere con'nata a fenomeno marginale
o venire cancellata.
La moderna messa al bando del diavolo andrebbe esa-
minata nelle sue motivazioni profonde. Sarebbe davvero
una battaglia culturale per liberare il popolo ignorante
da credenze ancestrali, incompatibili col progresso delle
conoscenze' Sarebbe un'esigenza di puri'cazione della
fede da forme di superstizioni divenute inaccettabili' In
de'nitiva sarebbe una battaglia necessaria per il progres-
so e la crescita morale e spirituale dell'umanità' A questo
riguardo un po' di umiltà sarebbe d'obbligo, visto che
menti eccelse in tutti i campi del sapere e delle arti non
hanno avuto dif'coltà a fare i conti con la presenza di sa-
tana. Questa furia demitizzante, che in campo teologico
riduce tutto a simbolo, persino i miracoli e la persona di
Gesù, è un progresso della fede o la sua dissoluzione'
La risposta è una sola. Siamo in presenza del dilagare
dell'incredulità, anche in chi dovrebbe testimoniare la
fede, che ha relegato satana nel novero delle 'gure mi-
tologiche.
A ben guardare, più che a una millantata operazione
di progresso culturale, ci troviamo di fronte a una scelta
di comodo. Fa comodo negare l'esistenza di satana, ma

1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO 9




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 9 23/02/15 10:30
soprattutto quella dell'inferno. L'uomo è un insupera-
bile ingannatore di se stesso. La prospettiva inquietante
dell'inferno gli rovina la sua visione della vita. Come sa-
rebbe possibile godersi la vita, mettendo da parte i co-
mandamenti, doveri e impegni, fatiche e responsabilità,
se alla 'ne si rischia la perdizione eterna' La conversio-
ne è troppo faticosa, meglio dunque un colpo di spugna
sull'aldilà. L'eliminazione del diavolo è propedeutica a
quella dell'inferno. Se non c'è il diavolo non c'è neppu-
re l'inferno. È curioso come tale arbitraria impostazione,
senza nessun fondamento dottrinale, espressione di di-
scutibili desideri, possa trovare spazio nell'edi'cio della
fede cristiana impostata sull'annuncio della conversione e
sull'appello alla decisione.
Infatti se non c'è l'inferno o se l'inferno è vuoto, come
si suole affermare con una battuta senza senso, allora sa-
rebbe indifferente se l'uomo scegliesse la via del bene o
quella del male, dal momento che l'esito 'nale sarebbe in
ogni caso la salvezza eterna. Che senso dunque avrebbe
affermare che l'uomo è libero di accogliere e ri'utare Dio,
amare o odiare il prossimo' Non solo la fede farebbe nau-
fragio, ma anche la stessa impostazione della vita cristiana,
fondata sulla libertà di decisione dell'uomo di fronte a
Dio. Eliminare satana e l'inferno non è un'operazione di
maquillage in omaggio alle esigenze della modernità, ma
un colpo inferto alla divina rivelazione in un suo punto
nevralgico.
Alla 'ne l'esito non può che essere fallimentare. Infatti
la lotta contro il principe di questo mondo è all'ordine del
giorno nelle Sacre Scritture, nel Magistero e nella Liturgia
della Chiesa e soprattutto nella vita dei credenti. L'attua-
le abbassamento di guardia, causato dalla presunzione e
dalla super'cialità, ha però favorito l'espandersi delle te-
nebre della menzogna e della morte.

10 1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 10 23/02/15 10:30
L'ora dell'impero delle tenebre

«Questa è la vostra ora, è l'impero delle tenebre» (Lc
22, 53). La passione è l'ora di Dio e di satana nel mede-
simo tempo. È il momento culminante dell'attacco delle
porte dell'inferno all'opera divina della redenzione. Sata-
na sta per essere scacciato da questo mondo, ma non lo sa.
Teme la presenza di Gesù che scuote le fondamenta del
suo dominio sul mondo ma, nella sua superbia, è certo di
eliminarlo. Fin dal momento in cui in cielo è risuonato
l'annuncio di pace agli uomini di buona volontà, il regno
del male è in allerta e scatena la sua violenza distruttrice.
Erode è lo strumento col quale i bambini di Betlemme
vengono annientati. L'infame tiranno teme per il suo re-
gno, ma il serpente antico ha buona memoria e ricorda la
profezia che preannuncia la sua scon'tta: «Io porrò ini-
micizia fra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe:
questa ti schiaccerà la testa» (Gn 3, 15). Da allora l'angelo
ribelle estende il suo in'usso sulla storia umana, avvol-
gendola nelle tenebre dell'idolatria e del peccato. Il suo
non può essere un dominio assoluto, perché l'Altissimo si
è riservato per sé il sacrario di ogni uomo, dove risuona la
sua voce che invita al bene e proibisce il male. La vittoria
dell'Eden non può essere de'nitiva e l'astuta serpe lo sa.
Ma nel frattempo si erge come re su un'umanità allo sban-
do e pretende l'adorazione degli schiavi al loro padrone.
Più ancora di Erode è satana a temere per il suo regno,
che ha consolidato lungo il corso dei secoli. Le profezie
lo inquietano, le attese del popolo di Israele lo tengono in
allerta, l'apparizione di Gesù di Nazaret sul palcoscenico
della storia lo mette in agitazione. Che sia lui il profeta da
affrontare, l'avversario da abbattere' Satana lo sospetta
e la sua inquietudine cresce quando Giovanni il Batti-
sta lo proclama «l'Agnello di Dio che toglie i peccati del
mondo» (Gv 1, 29). Perciò lo affronta nel deserto con le

1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO 11




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 11 23/02/15 10:30
armi raf'natissime della seduzione, nel vano tentativo di
sviarlo. La forza interiore di Gesù lo sgomenta. È il primo
uomo che resiste alle sue lusinghe senza vacillare. La rab-
bia lo rode e come «un leone ruggente» (1 Pt 5, 8) studia
il momento favorevole dell'assalto. L'attacco 'nale, quello
che nei disegni dell'inferno deve mettere 'ne al pericolo,
è il momento della passione. È l'ora dell'impero delle te-
nebre. Tutto è stato preparato nei minimi particolari: il
tradimento, i processi farsa, i referendum popolari. Ma
nel momento in cui l'astuta serpe ingoia golosamente il
boccone, rimane lei stessa avvelenata. L'ora delle tenebre
è stata in realtà l'ora di Dio. Non il principe di questo
mondo, ma Gesù è il Signore.
La vittoria di Cristo sul demonio non ha messo 'ne
alla sua azione nel mondo. Dobbiamo forse pensare che
si tratti di una vittoria dimezzata o della 'ne di una bat-
taglia ma non della guerra' L'ora delle tenebre è scaduta
una volte per tutte o ha la possibilità di ripresentarsi' La
risposta a questi interrogativi è fondamentale per il com-
battimento cristiano. Non si può affermare che la vittoria
di Cristo non sia de'nitiva e completa perché, se così fos-
se, la redenzione non sarebbe compiuta e l'umanità non
sarebbe ancora salvata. Nel medesimo tempo non si può
sostenere che satana è stato vinto una volta per tutte e che
di lui non si deve neppure parlare. La Sacra Scrittura e
il Magistero della Chiesa ci insegnano che «il mistero di
iniquità» (2 Ts 2, 7) è attivo 'no alla 'ne dei tempi. Solo
allora il diavolo sarà gettato «nello stagno di fuoco e di
zolfo» dove sarà tormentato «giorno e notte per i secoli
dei secoli» (Ap 20, 10). Nel disegno di Dio la vittoria di
Cristo sul demonio deve prolungarsi 'no al giorno del
giudizio 'nale della vita della Chiesa e dei singoli cristiani.
Nessuna fase della storia della Chiesa, come nessun mo-
mento della vita dell'uomo, sono immuni dalla tentazione
ed esenti dalla lotta per la salvezza.

12 1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 12 23/02/15 10:30
Per divina permissione l'impero delle tenebre è più
che mai attivo. Satana, umiliato da Cristo, medita la rivin-
cita. Il suo delirio di onnipotenza lo acceca e gli fa dimen-
ticare che è una creatura dai poteri limitati. Il drago «è
pieno di grande furore, sapendo che gli resta poco tem-
po» (Ap 12, 12). Si avventa sulla Donna che ha partorito il
'glio maschio (cfr. Ap 12, 13), le vomita contro un 'ume
d'acqua per travolgerla (cfr. Ap 12, 15) e dichiara la guerra
contro di lei e contro «quelli che osservano i comandamenti
di Dio e sono in possesso della testimonianza di Gesù»
(Ap 12, 17). L'impero delle tenebre non si dà mai per vinto.
È sempre in azione per acquisire adepti che ingrossino le
sue 'le. Ogni anima conquistata è una scon'tta del cielo e
un trionfo dell'inferno. Se in cielo si fa festa per ogni pec-
catore pentito, all'inferno si fa baldoria per ogni peccatore
impenitente. La battaglia infuria lungo tutto il corso della
storia e in palio ci sono le anime immortali. Satana ha tutto
l'interesse di restare silente e di addormentare i credenti
nella falsa pace. Si dà da fare per mimetizzare la sua presen-
za e lascia intendere che la sua ora è scaduta.
Il tentatore non sarebbe così attivo se i suoi sforzi non
fossero fruttiferi. La Madonna nelle sue più recenti ap-
parizioni ci avverte che «molti vanno all'inferno». È lo
stesso ammonimento che Cristo ci rivolge mettendoci in
guardia che «larga è la porta e spaziosa è la via che con-
duce alla perdizione e molti sono quelli che entrano per
essa» (Mt 7, 14). Ma è la stessa tenacia irriducibile con cui
satana dà la caccia alle anime a farci comprendere che il
bottino è tutt'altro che simbolico. Satana sogna la rivincita
e alla 'ne si illuderà di aver raggiunto lo scopo. «Quando
i mille anni saranno compiuti, satana verrà liberato dal
suo carcere e uscirà per sedurre le nazioni ai quattro ven-
ti della terra, Gog e Magog, per adunarli per la guerra;
il loro numero sarà come la sabbia del mare. Marciaro-
no su tutta la super'cie della terra e cinsero di assedio

1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO 13




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 13 23/02/15 10:30
l'accampamento dei santi e la città diletta. Ma un fuoco
scese dal cielo e li divorò» (Ap 20, 7-9). Gli attacchi e i
successi dell'inferno non sono affatto ricordi del passato,
ma esperienza attuale di vita e di storia. L'uomo dispone
delle armi della battaglia e della possibilità della vittoria,
ma è libero di usarle o meno. Satana non ha perso la sua
fame di anime e la sua formidabile capacità di seduzione.
Quanto satana sia forte e quanto esteso sia il suo in'us-
so sul mondo dipende dalle libere scelte degli uomini. La
debolezza della Chiesa aumenta la forza del demonio. La
fortezza della Chiesa al contrario lo indebolisce. «Il miste-
ro di iniquità è già in atto, ma è necessario che sia tolto di
mezzo chi 'nora lo trattiene» (Ts 2, 7). Il diavolo cerca di
indebolire in tutti i modi la Chiesa, attaccandola dal di den-
tro con l'incredulità, l'immoralità e l'indisciplina, al 'ne di
togliere di mezzo ciò che gli impedisce di riappropriarsi
del mondo. Satana sa che ci sarà ancora una «sua ora» (cfr.
Ts 2, 6), l'ora dell'attacco 'nale alla Chiesa, come ha avuto
a disposizione l'ora dell'attacco a Cristo (cfr. Lc 22, 53). La
sogna e la prepara, ma non la conosce. Oggi sa di essere
forte, come mai prima nella bimillenaria storia della Chie-
sa. La Vergine potente contro il male è scesa in campo per
combatterlo. Le sue apparizioni risvegliano le anime dal
loro sonno stanco e preparano la Chiesa a sostenere la furia
del drago sciolto dalle catene. Come l'ora dell'impero delle
tenebre e l'ora di Cristo sono coincise, così l'ora di Maria
e l'attacco del drago alla Chiesa coincidono. Nel tempo in
cui 'gli intelligenti' avevano decretato la sua scomparsa,
l'astuta serpe ha preparato la sua rivincita.


I segni della presenza del diavolo

L'esistenza e la natura del diavolo sono conoscibili per
rivelazione divina. La Parola di Dio ci ha svelato la pre-

14 1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 14 23/02/15 10:30
senza dello spirito del male nella vita delle persone e nel
mondo. È soprattutto la venuta di Cristo, la luce vera, che
ha costretto satana a uscire dalla tenebra dove operava
indisturbato. Tuttavia i segni della sua presenza e della
sua nefasta attività sono visibili a occhio nudo. Solo gli
accecati non li vedono. Chi ha la luce della fede va oltre
i fenomeni e risale dagli effetti alla causa. Satana opera
per distruggere l'opera di Dio nei cuori e nella società. Se
Dio è creatore, il demonio è distruttore. Se Dio è verità,
il demonio è menzogna. Se Dio è amore, il demonio è
odio. Guardando un campo, qualsiasi persona che abbia
l'occhio sgombro da pregiudizi, sa distinguere il grano
dalla zizzania. La presenza del diavolo non è un'evidenza,
trattandosi di una entità spirituale che non cade sotto i
sensi. Gli effetti della sua attività gli uomini li possono
però constatare dentro di loro e intorno a loro. Satana lo
senti a 'or di pelle. Il suo 'ato ti intossica. Il suo fetore
provoca la nausea. È una serpe silente che si in'la dove
nessuno sospetta. È un'ombra che ti segue ovunque tu
vada. È un cancro che si estende a tua insaputa 'no alla
metastasi. È sempre presente, ma inafferrabile e sfuggente
come un fantasma. Tu non lo vedi, ma lui ti guarda, bef-
fardo e ostile, invidioso e bramoso. Gli uomini sono la sua
preda. Li desidera e li cerca. Li attira e li seduce e poi li
distrugge. Gesù lo ha smascherato e lo ha mostrato nella
sua orrida mistura di odio e violenza. Quelli che credo-
no non si lasciano ingannare. Ma quelli che non credono
sono le vittime predestinate.
La presenza dell'impero del male nel mondo di oggi
non ha bisogno di molte dimostrazioni. È tale che si può
affermare con l'Apocalisse che «satana è stato liberato dal
suo carcere» (cfr. Ap 20,7). Nei paesi di antica cristianità
la fede è ri'utata, la croce disprezzata, la Chiesa perse-
guitata, Cristo ri'utato. La salvezza è cercata nel potere
dell'uomo, che si è messo al posto di Dio e si ritiene il

1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO 15




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 15 23/02/15 10:30
padrone del mondo. Il denaro è l'idolo a cui gli uomini
bruciano l'incenso, offrendo la carne dei deboli in sacri-
'cio. Il potere 'nanziario, onnipotente, onnipresente, in-
differente è l'ipoteca di satana sul mondo: «Nessun servo
può servire a due padroni: o odierà l'uno e amerà l'altro,
oppure si affezionerà all'uno e disprezzerà l'altro. Non
potete servire a Dio e a mammona» (Lc 16, 13). L'Occi-
dente cristiano ha consumato l'apostasia e l'ha esportata
'no agli estremi con'ni della terra. La città costruita dagli
uomini è divenuta la Babilonia globale, la grande prosti-
tuta che, avendo abbandonato Dio, consuma con satana
il suo adulterio: «Allora uno dei sette angeli che hanno
le sette coppe mi si avvicinò e parlò con me: 'Vieni, ti
farò vedere la condanna della grande prostituta che siede
presso le grandi acque. Con lei si sono prostituiti i re del-
la terra e gli abitanti della terra si sono inebriati del vino
della sua prostituzione'. L'angelo mi trasportò in spirito
nel deserto. Là vidi una donna seduta sopra una bestia
scarlatta, coperta di nomi blasfemi, con sette teste e dieci
corna. La donna era ammantata di porpora e di scarlatto,
adorna d'oro, di pietre preziose e di perle, teneva in mano
una coppa d'oro, colma degli abomini e delle immondez-
ze della sua prostituzione. Sulla fronte aveva scritto un
nome misterioso: Babilonia la grande, la madre delle pro-
stitute e degli abomini della terra» (Ap 17, 1-5). La rap-
presentazione del potere di satana non potrebbe essere
più impressionante e si estende a tutte le manifestazioni
di impostura anticristica che si avvicendano lungo il corso
della storia. La società globale che adora mammona «è di-
venuta un covo di demoni, carcere di ogni spirito immon-
do, carcere di ogni uccello impuro e aborrito e carcere di
ogni bestia immonda e aborrita. Perché tutte le nazioni
hanno bevuto del vino della sua sfrenata prostituzione, i
re della terra si sono prostituiti con essa e i mercanti della
terra si sono arricchiti del suo lusso sfrenato» (Ap 18, 2-3).

16 1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 16 23/02/15 10:30
Satana, sciolto dalle catene, tenta di riprendersi il mon-
do, estende la sua in'uenza, costruisce il regno dell'anti-
cristo, pretende totale sottomissione. La terra che adora la
bestia diventa una propaggine dell'inferno. Il giardino di
Dio è ridotto a una palude maleodorante, dove sguazzano
viscide serpi. Poveri mortali abbagliati dall'ingannatore,
che affondano senza speranza, 'nché non sia cancellata
ogni traccia, ignorato ogni sospiro, dissolta ogni illusione.
L'Eden, dove Dio passeggiava con Adamo, trasformato
dall'antico omicida in una macelleria sempre aperta, im-
pietosa e sprezzante. Il drago mai sazio addenta, stritola,
divora, e vomita carne umana, creature di Dio, immagini
della sua gloria. Dio dà la vita, satana la toglie. Dio illumi-
na, satana acceca. L'uomo, abbagliato dalla falsa luce, non
vede il baratro dove sta precipitando. Tutto è pronto per
il rogo 'nale del pianeta, dove il Verbo si è fatto carne e
ha posto la sua tenda in mezzo agli uomini. Le macerie da
bruciare sono a portata di mano, come i ceppi accanto al
camino. Li ha preparati accuratamente: l'uomo ridotto ad
animale, la famiglia distrutta, la vita maledetta, la speranza
sepolta. «Signori, l'inferno è servito» sogghigna la bestia.
«Ma Cristo non ci aveva forse liberato dal maligno'» si
chiede il cristiano, incerto e frastornato. Sei stato liberato
dalle fauci del drago, ma non sei stato esentato dal com-
battimento. Al contrario, ti ha messo in guardia dalla sua
rivincita: «Quando lo spirito immondo esce dall'uomo, si
aggira per luoghi aridi in cerca di riposo e non trovando-
ne, dice: 'Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito'.
Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende con
sé altri sette spiriti peggiori di lui ed essi entrano e vi al-
loggiano e la condizione 'nale di quell'uomo diventa peg-
giore della prima» (Lc 11, 24-26). Satana non sopporta la
scon'tta. La vittoria di Cristo l'ha reso ancora più furioso.
La distruzione della Chiesa e la rovina delle anime è in
cima ai suoi pensieri. Non si dà pace per quelle parole

1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO 17




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 17 23/02/15 10:30
profetiche: «Tu sei Pietro e su questa pietra costruirò la
mia Chiesa e le porte dell'inferno non prevarranno contro
di essa» (Mt 16,18). L'attacco alla Chiesa è sempre all'or-
dine del giorno del potere delle tenebre. Non è forse vero
che la Babilonia moderna è «ebbra del sangue dei santi e
del sangue dei martiri di Gesù'» (Ap 17, 6).
La serpe menzognera e mortifera, che si è insinuata nel
paradiso terrestre, non trova certo dif'coltà a penetrare
nella Chiesa. Che cosa sono «il fumo di satana» o «la mon-
danità spirituale» se non il segno che la bestia è entrata
nel tempio e tenta di salire sull'altare' Non lo aveva forse
profetizzato la beata Caterina Emmerich' Mentre prepara
la persecuzione globale, il principe di questo mondo impre-
gna la Chiesa di veleno, al 'ne di indebolirla, per renderla
acquiescente e insigni'cante. Il progetto è di ampia portata.
Satana non ha problemi di tempo come noi uomini. I suoi
attacchi maturano lungo il corso dei secoli. Quando la Ver-
gine potente contro il male è scesa in campo con l'arma,
apparentemente debole, di una medaglia che preannuncia
la vittoria dell'Immacolata, era già scoccata l'ora dell'imma-
ne battaglia. L'inferno ha mobilitato tutte le sue schiere per
imporre il proprio dominio. Quanti di coloro che hanno
conosciuto la fede e ricevuto il sigillo della salvezza sono
passati dall'altra parte' Quanti tradimenti ha dovuto patire
la Chiesa' Come Cristo lungo la via del Calvario avanza an-
simando fra gli scherni e i colpi del mondo. L'inferno rialza
la testa. Satana pregusta la vittoria. Sogna di spargere il sale
sulle rovine di San Pietro. È solo l'eterna illusione.


L'ora di Maria

Satana vuole dare a intendere di avere in mano il mon-
do. Gon'arsi come un pallone è sempre stato il suo pun-
to debole. Fa rumore per attirare l'attenzione. Ostenta la

18 1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 18 23/02/15 10:30
forza per intimorire. Si presenta onnipotente per far desi-
stere dalla lotta. Gli piace recitare la parte del padrone del
mondo, come se tutto fosse nelle sue mani. Vorrebbe esse-
re dio al posto di Dio e, non essendo possibile, si sforza di
recitarne la parte. Porta Gesù su un monte altissimo e gli
mostra tutti i regni del mondo dicendogli: «Tutte queste
cose io ti darò se, prostrandoti, mi adorerai» (Mt 4, 9).
Gesù, nella sua umiltà lo lascia fare e lo lascia dire. Poteva
atterrirlo con un semplice sguardo. Eppure si lascia pren-
dere e trasportare senza opporre resistenza. Il demonio
avrà pensato: 'Eccolo qui nelle mie mani. Ne faccio quel-
lo che voglio'. Povero illuso. L'umiltà di Dio lo confonde
e lo acceca. Offre ciò che non è suo. Vende quello che non
gli appartiene. Pretende ciò che non gli è dovuto. È un
millantatore di professione. Oggi più che mai ostenta le
penne come un pavone, per persuaderci che comanda lui.
In effetti le apparenze sono dalla sua parte. Ciò che nel
mondo si chiama «potere» è tutto sotto il suo controllo.
Dio è stato sfrattato dalle stanze dei bottoni. La storia si
ripete: Erode nel palazzo e l'Onnipotente in una grotta,
rifugio di animali. Satana è pronto a mettere se stesso al
posto di Dio. Riuscirà nella folle impresa' Lui ne è sicuro,
abbagliato dalla sua forza. La sua superbia gli impedisce
di ricordare l'antica lezione, quando pensava che la pietra
posta davanti al sepolcro avesse chiuso la partita.
Gesù ha messo in fuga il principe di questo mondo con
la sua onnipotenza, cacciandolo mentre annunciava il Re-
gno di Dio, ma lo ha vinto con la sua umiltà. L'arma della
vittoria è stata la croce. L'apparente debolezza di Dio ha
scon'tto la falsa forza dell'impero delle tenebre. Questa
sarà la regola 'no alla 'ne dei tempi: l'umiltà contro la
superbia, la povertà contro la ricchezza, il silenzio contro
il frastuono, l'amore contro l'odio. Colei che incarna il
metodo di Dio è Maria, a cui Gesù, dall'alto della croce ha
af'dato la Chiesa. Da quel momento la lotta è fra il drago

1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO 19




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 19 23/02/15 10:30
e la Donna vestita di sole: «Essa partorì un 'glio maschio,
destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro,
e il 'glio fu subito rapito verso Dio e verso il suo trono. La
Donna invece fuggì nel deserto, ove Dio le aveva prepara-
to un rifugio perché vi fosse nutrita per milleduecentoses-
santa giorni» (Ap 12, 5-6). Chi è questa Donna, alla quale
il drago non concede tregua' Questa donna è la Chiesa,
che cammina attraverso il deserto della storia verso la terra
promessa. La precede Maria che la protegge e la sostiene
nei pericoli e nelle fatiche, respingendo gli attacchi della
bestia mai doma che cerca di divorarla. Tocca a Maria
guidare la Chiesa nella battaglia che durerà 'no al ritorno
del Figlio come giudice del mondo. È l'umile fanciulla di
Nazaret l'interprete dei metodi di Dio nella lotta contro
il diavolo. È lei la condottiera che prepara i combattenti,
studia le strategie e fornisce le armi. Satana ha parole di
scherno, come quelle del gigante Golia contro il piccolo
Davide. L'esito della battaglia non comparirà sui titoli dei
giornali di questo mondo, ma è già stato scritto nelle cro-
nache di Dio: «Davide cacciò la mano nella bisaccia, ne
trasse una pietra, la lanciò con la 'onda e colpì il Filisteo
in fronte. La pietra si in'sse nella fronte di lui che cadde
con la faccia a terra» (1 Sam 17, 49).
Le rivoluzioni di satana sono roboanti e si abbattono
sulla storia umana come tifoni che seminano distruzione
e morte. Da tempo ha preparato l'attacco al cuore del cri-
stianesimo, cercando di sradicarlo dal continente che lo
ha accolto, facendolo proprio e diffondendolo nel mon-
do. Il diavolo ha scalato le mura della fortezza cristiana,
ha scardinato le porte e si è seduto laddove si esercita il
potere. Non vi è poltrona che conta dove l'astuta serpe
non riesca a piazzare qualcuno dei suoi. La 'nanza, la po-
litica, la cultura, la scienza, la tecnica, i mass media sono
sotto il suo in'usso. La Chiesa, una volta regina, è stata
ridotta a donna di servizio, mal sopportata e umiliata. La

20 1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 20 23/02/15 10:30
Vergine potente contro il male si è forse lasciata intimidi-
re' «Alla Donna furono date le due ali della grande aqui-
la, per volare nel deserto verso il rifugio preparato da lei
per esservi nutrita per un tempo, due tempi e la metà di
un tempo, lontano dal serpente» (Ap 12, 14). L'umile Ma-
ria non combatte sul terreno prediletto dal drago. Non gli
contende i palazzi del potere. Organizza la sua resistenza
nei luoghi che il mondo ignora e mobilita le persone che
il mondo disprezza.
In previsione dell'inverno della fede e del dilagare
dell'apostasia la Madonna ha moltiplicato le sue appa-
rizioni, creando una rete di santuari e di cappelle, dove
accoglie i suoi 'gli, li forti'ca nella fede e li ricolma di
grazie. Per quanto il drago si sforzi di distruggere ogni
segno della sua presenza, la Madre lascia ovunque il pro-
fumo del suo passaggio. Nel silenzio e nel nascondimento
prepara il suo esercito alla battaglia. I suoi prediletti sono
quelli che il mondo ha messo ai margini. Li chiama sotto
il suo manto e prende dimora nel loro cuore. Mette nelle
loro mani armi semplici e micidiali. Il drago come potreb-
be sospettare che sarà la corona del rosario a legarlo e a
renderlo impotente' Il metodo di Dio è sempre lo stesso,
ma satana è accecato dal suo orgoglio: «Dio ha scelto ciò
che nel mondo è stolto, per confondere i sapienti, Dio ha
scelto ciò che nel mondo è debole, per confondere i forti,
Dio ha scelto ciò che nel mondo è ignobile e disprezzato
e ciò che è nulla, per ridurre a nulla le cose che sono»
(1 Cor 1, 27). La Madre di Dio ha preparato la sua con-
troffensiva, ma il demonio la sottovaluta. Ormai crede di
avere in mano il mondo e di aver messo la Chiesa all'an-
golo. Sa che le battaglie su questa terra sono combattute
dagli uomini, la maggioranza dei quali sono sotto il suo
controllo. Come potrebbe sfuggirgli la vittoria' Queste
erano le sue considerazioni anche in quella notte oscura
del Getsemani. Eppure sappiamo come è andata a 'nire.

1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO 21




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 21 23/02/15 10:30
Solo guardando alla storia nella luce della fede ci si ren-
de conto di ciò che veramente accade. Per confortare i
suo 'gli nello scatenamento dell'impero delle tenebre, la
Madonna ha illuminato il futuro con le sue profezie. Ha
anticipato le sue vittorie, coinvolgendo i suoi 'gli nella
loro realizzazione. L'egemonia anticristica del comunismo
è stata rivelata prima ancora che iniziasse. La profezia del-
la sua caduta si è realizzata senza che nessuno lo preve-
desse. In pochi decenni l'Occidente cristiano è divenuto
il luogo della devastazione e della profanazione, mentre
dove le orde dei senza Dio avevano imperversato, la fede
conosce una nuova primavera. Il superbo vede i suoi piani
inaspettatamente sconvolti. Basteranno la bestia che sale
dal mare e quella che sale dalla terra (cfr. Ap 13) ad assi-
curargli la vittoria' Si illude ancora una volta.




22 1. L'ILLUSIONE DI CANCELLARE IL DIAVOLO




P.LIVIO-L'ultima battaglia.indd 22 23/02/15 10:30

Voto medio degli utenti per «L' ultima battaglia»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 11 maggio 2015 alle 11:35 ha scritto:

E' semplicemente fantastico: è un testo che dovrebbe essere adottato dalle parrocchie, per la buona catechesi. Pietro Agnese.