Citazione spirituale

San Gabriele Arcangelo

-

Il secondo dei Sette Santi Spiriti Assistenti

 
di

Carmine Alvino


Previous
Copertina di 'San Gabriele Arcangelo'
Next Ingrandisci immagine

EAN 9788861386570

Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione fino al 31/01/2020 scade tra 5 giorni
Descrizione
Tipo Libro Titolo San Gabriele Arcangelo - Il secondo dei Sette Santi Spiriti Assistenti Autore Editore Edizioni Segno EAN 9788861386570 Data marzo 2013 Collana Angeli
Voto medio degli utenti per «San Gabriele Arcangelo»: 3 su 5 (2 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 1 febbraio 2019 alle 11:42 ha scritto:

Mi sarei aspettata di più da questo testo dedicato al messaggero per eccellenza. Il suo ruolo comunicativo è poco esaltato nel testo e la sua missione nel mondo di oggi è poco esaltata. Il volume però scorre con faciltà.

, sieteangelesprincipes@gmail.com il 17 luglio 2019 alle 11:41 ha scritto:

Il testo in questione ha come unico scopo quello di provare l'appartenenza di San Gabriele al consesso dei Sette Arcangeli (Tb 12,14 - Ap 1,4 - Ap 8,2 - Dn 10,13) , facendo riferimento a documentazioni afferenti a fonti, catechistico-dottrinarie e mistico-profetiche e ad autori che ciò dissero e proclamarono.

A seguito della totale sussunzione nelle fonti angelologiche cattoliche dell'opera "De Coelesti Hierarchia" dello pseudo - Dionigi, il grande Arcangelo Gabriele non è più un angelo di alto livello, ma un Arcangelo del secondo Coro della terza Gerarchia più infima dei Cieli, mentre il gruppo dei Sette Arcangeli, nonostante la menzione scritturistica, risulta essere un'analogia sacra della totalità degli spiriti celesti.

Scopo del libro è allora individuare questo errore gravissimo, di stampo esegetico-liturgico che produce rilevanti riflessi in quanto a messaggio veicolato (che da epifanico diviene ipofanico) e a dignità del messo, ritenuto dall'angelologia classica cattolica, angelo di infimo livello, nonostante l'evangelico "ego sum Gabriel, qui asto ante deum".

L'errore produce un riflesso pure sulla Mariologia ufficiale e dunque sulla dignità della Vergine, che sarebbe stata visitata da un semplice angelo e non da un Principe dei Cieli, circostanza che va a cozzare con la sua asserita dignità di Madre e Regina e che ha aperto alle moderne contestazioni sul ruolo e sulle funzioni della Deipara.
Spero di aver chiarito la posizione di questo scritto.
L'autore: Avv. Carmine Alvino