Citazione spirituale

Le seduzioni moderne del demonio. Filosofie, religioni, tecniche e medicine alternative orientali e non...

di

Cesare Ghinelli


Copertina di 'Le seduzioni moderne del demonio. Filosofie, religioni, tecniche e medicine alternative orientali e non...'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione fino al 15/10/2019 scade tra 7 ore e 43 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo Le seduzioni moderne del demonio. Filosofie, religioni, tecniche e medicine alternative orientali e non... Autore Editore Fede & Cultura EAN 9788864092614 Pagine 96 Data dicembre 2013 Collana Saggistica
Voto medio degli utenti per «Le seduzioni moderne del demonio. Filosofie, religioni, tecniche e medicine alternative orientali e non...»: 4 su 5 (3 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

, paolo.bellavite@univr.it il 7 dicembre 2014 alle 18:39 ha scritto:

L’omeopatia fa parte del mondo della medicina alternativa solo per ragioni storiche, economiche e politiche, vale a dire perché l'accademia ha espulso ciò che non capiva e che disturbava. Essa non ha nulla a che fare con le altre tecniche orientali, men che meno con la pranoterapia, la riflessologia e l’iridologia. Il fatto che il fondatore Hahnemann fosse massone e (forse) non cristiano o che qualche raro esaltato la usi impropriamente non giustifica l'esclusione di una terapeutica che può fare molto bene al corpo e alla mente. Tanti scienziati sono stati massoni e non cristiani, eppure hanno fatto delle scoperte utili e interessanti. La teoria omeopatica non è caratterizzata da una "marcata ostilità verso la medicina ortodossa", casomai è vero il contrario. L'unica cosa che viene contestata dalla teoria omeopatica (con molte ragioni) è l'eccessivo ricorso all'approccio allopatico, ai farmaci soppressivi dei sintomi piuttosto che realmente curativi, ma questo è un problema di farmacologia e di scienza, non ha nulla a che fare con l'occultismo. Possiamo anche ammettere che il movimento New Age (ormai mi pare alquanto spento) possa avere come obiettivo sradicare il cristianesimo, ma questo non c'entra con l'omeopatia. Non si può confondere la vaga “energia cosmica” o il relativismo morale e ontologico con l'utilizzo di rimedi naturali diluiti e studiati ormai in numerose università nel mondo. la teoria omeopatica, che conosco molto bene, parla di "energia vitale" come "omeodinamica" e non tocca affatto la metafisica. Conosco moltissimi medici omeopati (ripeto medici) i quali tutt'altro fanno che "far trionfare tutte le teorie dell’esoterismo, del panteismo, della reincarnazione, dei “poteri” e delle “energie” e inculcando l’idea infernale ecc..." Molti sono cristiani praticanti, come me. Un libro come questo, confondendo inappropriatamente i piani religioso e medico-scientifico, non fa un servizio alla verità, né alla medicina, né alla scienza. Mi sono deciso a scrivere perché mi spiace che i cattolici siano sviati dalle sette ma anche da chi fa di ogni erba un fascio e vede il diavolo dappertutto. Nel mondo c'è più Dio che diavolo, e anche nella scienza.

il 15 febbraio 2016 alle 02:19 ha scritto:

Neghiamo la storia? La chimica discende dall'Alchimia, la Sofhia le dice niente???? ..omeopatia: Per curare una semplice bronchite date farmaci che contengono klebsiella pneumonie a bambini di 8 anni e a madri ignoranti del fatto che non esiste nessun antibiotico che possa debbellare un simile batterio...immunità???... Mi faccia il piacere! Chi é massone lo rimane per sempre...altro che scienza separata dalla magia!!! L'Illuminismo le ricorda nulla?...a dimenticavo Noi cristiani vediamo il diavolo ovunque! ....

il 4 aprile 2016 alle 18:05 ha scritto:

Libro eccezionale! Tratta il tema con semplicità e chiarezza. Immediato nel linguaggio e nel contenuto. Un aiuto validissimo per aiutare quanti consapevolmente o meno cadono nella rete! Per un lavoro così non si può che dire un grazie sincero all'autore!