Citazione spirituale

La frusta e la carezza poetiche

di

Giuseppe Agnello


Copertina di 'La frusta e la carezza poetiche'
Ingrandisci immagine

EAN 9788864094298

Normalmente disponibile in 10/11 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo La frusta e la carezza poetiche Autore Editore Fede & Cultura EAN 9788864094298 Pagine 336 Data gennaio 2016 Collana Poetica
Voto medio degli utenti per «La frusta e la carezza poetiche»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 3 giugno 2016 alle 23:10 ha scritto:

Apre la corposa sílloge un piccolo trattato di Poetica, che si conclude con un’interessante riscrittura del Credo, con applicazione cultural-letteraria. Quindi poesie, poesie e poesie, per un totale di 329 pagine di versi satirici, allegri, bonarî, ma anche severi e pieni di fuoco, sui malcostumi, sulle mode e sulla politica, che portano il significativo titolo de “La frusta e la carezza poetiche”. Il libro è intriso della visione e degli occhî che dà la fede, che è sempre capace di produrre cultura.

Unisce erudizione e semplicità, citazioni dotte e proverbî siciliani, fatti occasionali ad eventi di rilevanza mondiale, è dedicato «A voi, gióvani pieni di poesia nell’ànima, perché nessún inganno ve la porti via», e mette in pratica una riforma ortografica che prevede un’accentazione visibile delle parole, molto simile a quella degli Spagnoli. Tutto per fermare in rima e con la sapienza dell’arte poetica verità e sentimenti che fanno umano l’uomo. Le ultime poesie, infine, si aprono alla vita che ci attende oltre questa vita, proponendoci a pagina 320 I PIOLI PEL PARADISO, cioè Dieci scalini per salire con l’aiuto di Dio al grande Incontro.

Anche se Marziale e altri autori del mondo classico sono stati certamente modelli per i suoi epigrammi, la luce abbondante che percorre tutte le poesie di padre Agnello è quella di Gesú Cristo, il Signore che ha accarezzato i bambini, pianto per gli amici, è morto per tutti, ma ha anche usato la frusta per «gridare la verità, certo senza toccare i corpi, ma penetrando nella materia e rivoltandola».