Citazione spirituale

Amare e insegnare ad amare

-

La formazione dell'affettività nei candidati al sacerdozio

 
 


Copertina di 'Amare e insegnare ad amare'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 1/2 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Allegati: Leggi un estratto
Tipo Libro Titolo Amare e insegnare ad amare - La formazione dell'affettività nei candidati al sacerdozio A cura di Francisco J. Insa Gómez Editore Edusc EAN 9788883337765 Pagine 188 Data ottobre 2018
Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

ntificia Università della Santa Croce




AMARE
E INSEGNARE AD AMARE

La formazione dell'affettività
nei candidati al sacerdozio


a cura di
Francisco Javier Insa Gómez




EDUSC
Prima edizione 2018




Gra'ca di copertina
Liliana Agostinelli

Impaginazione
Gianluca Pignalberi (in L TEX 2' )
A




c Copyright 2018 ' ESC s.r.l.
Via Sabotino, 2/A ' 00195 Roma
Tel. (39) 06 45493637
info@edusc.it
www.edizionisantacroce.it


ISBN 978-88-8333-776-5
Perché abbiamo bisogno di sacerdoti' Abbiamo bisogno
di loro semplicemente perché abbiamo bisogno di Dio. [. . .]
[Giovanni Paolo II] riconobbe essere suo compito di
sacerdote insegnare agli uomini ad amare; amare l'amore
e insegnare loro ad amare. Perché è veramente così: noi
dobbiamo imparare ad amare. L'amore non consiste solo
nel primo momento di trasporto. L'amore consiste proprio
nella pazienza del reciproco accettarsi e perciò, del reciproco
avvicinarsi sempre più profondo. Consiste nella fedeltà del
sopportarsi, consiste nel camminare insieme. L'amore, come
il vangelo, non è acqua zuccherata, non è comodo, ma è
una grande s'da, e dunque puri'cazione, trasformazione
e guarigione della nostra vita che ci conduce a ciò che è
grande.
Insegnare e imparare l'amore. Questo è l'autentico
compito di chi parla con Dio. E questo è ciò di cui più
abbiamo bisogno, perché, se non diventiamo capaci di
amare nel modo giusto, ci allontaniamo da Dio e da noi
stessi, e la vita diviene buia e inutile.


J. Ratzinger, Insegnare e imparare l'amore di Dio (omelia
pronunciata nel XL anniversario dell'Ordinazione sacerdotale
di mons. Franz Niegel, 1994), in J. Ratzinger/Benedetto XVI,
Insegnare e imparare l'amore di Dio, Edizioni Cantagalli, Siena 2016,
254.256-257.




5
INDICE



Presentazione. L'affettività umana e la castità cristiana
Francisco Javier Insa Gómez
1. Una nuova relazione con Dio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2. L'affettività umana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
3. La formazione dell'affettività nei candidati al sacerdozio 18
4. Contenuto del libro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21


I. La virtù cristiana della castità:
questioni teologiche e antropologiche
Aspetti teologici della castità cristiana:
lasciar crescere la fede, la speranza e la carità
S.E.R. Mons. José María Yanguas
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
2. Gesù Cristo al centro della fede e della vita cristiana . . . . 30
3. Carità e castità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
4. Fede e castità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
5. Speranza e castità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
6. Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52


La formazione nella fortezza e nella temperanza
Julio Diéguez
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
2. Alcune idee sulla formazione alla castità . . . . . . . . . . . . . . . . 55
a) Formare l'inclinazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
b) Formare è integrare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57


7
indice


c)È una virtù . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
i. Un'affermazione lieta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
ii. Può sempre crescere. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
iii. Una risposta alle perplessità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
d) Creare un mondo, un clima interiore . . . . . . . . . . . . . . 61
3. I mezzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
a) Mezzi personali diretti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
i. Clima di amore di Dio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
ii. Direzione spirituale. Sincerità . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
iii. Custodire la memoria, l'immaginazione, gli occhi . 65
iv. La fortezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
b) Mezzi personali indiretti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
c) Mezzi istituzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
4. Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69


Voler essere amato.
L'avventura di educare e godere dell'amore
Paul O'Callaghan
1. Amare ed essere amato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
2. Alcune dif'coltà. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
3. La chiave dell'amore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
4. Una dinamica di grati'cazione differita . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
5. Educare per godersi l'avventura dell'amore . . . . . . . . . . . . . 76



II. La prospettiva psicologica
Personalità, nevrosi e burnout
Wenceslao Vial
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
2. Disturbi di personalità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
3. Ansia e depressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
a) Ansia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
b) Depressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92

8
indice


4. Malattie del dono di sé e sindrome da burnout . . . . . . . . . . . . 94
5. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96


Dipendenza affettiva e perfezionismo:
una proposta a partire dalla teoria dell'attaccamento
Francisco Javier Insa Gómez
1. Introduzione: il sintomo nevrotico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2. L'origine dell'insicurezza secondo la psicologia evolutiva:
l'attaccamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
a) La teoria dell'attaccamento di John Bowlby . . . . . . . . 99
b) L'attaccamento dall'infanzia all'età adulta . . . . . . . . . 101
3. La personalità dipendente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
a) Aspetti generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
b) Alcuni orientamenti per i formatori. . . . . . . . . . . . . . . . 107
4. La personalità ossessivo-perfezionista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
a) Aspetti generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
b) Alcuni orientamenti per i formatori. . . . . . . . . . . . . . . . 112
5. Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115


'Quando potremo finalmente tornare
al nostro vero lavoro''
Essere sacerdoti di fronte allo scandalo degli abusi
Hans Zollner, S.J.
1. Alcune situazioni attuali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
2. Qualcosa è accaduto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
3. Quattro ambiti di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
a) Ambito 1: Attenzione per le vittime. . . . . . . . . . . . . . . . 119
b) Ambito 2: Apertura e trasparenza . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
c) Ambito 3: Impegno per la prevenzione . . . . . . . . . . . . 120
d) Ambito 4: Prassi di formazione e di aggiornamento 121
4. Ri'essioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122




9
indice


Trattamento integrale della condotta sessuale fuori
controllo
Carlos Chiclana Actis
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
2. Dare un nome a ciò che sta succedendo . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
3. Quali fattori possono aver in'uenzato l'origine
e lo sviluppo di questi comportamenti'. . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
4. Relazione di questi comportamenti con patologie mentali
e problemi psicologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
5. Come occuparsi di persone con queste dif'coltà'. . . . . . . . 139
6. Bibliogra'a complementare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
Allegato 1: Questionario di dipendenza sessuale attraverso internet
(Internet Sex Screening Test). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
Allegato 2: Domande indirizzate all'esplorazione esplicita
del comportamento sessuale che possono aiutare a capire se la
persona ha bisogno più di un aiuto professionale che di una
guida spirituale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148


III. Lo sviluppo di una vera fraternità e
paternità cristiana
Il valore dell'amicizia nella vita celibataria
Maurizio P. Faggioni, ofm
1. La maturità affettiva del presbitero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
2. Caratteri dell'amicizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
3. Amicizia e fraternità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
4. Le amicizie particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
5. L'amicizia con laici e l'amicizia con donne. . . . . . . . . . . . . . . 171
6. Conclusione: l'esempio di Gesù . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175




10
indice


La paternità cristiana, frutto maturo di una vita casta
S.E.R. Mons. Massimo Camisasca
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
2. La maturità affettiva di Gesù . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
3. Dalla maturità affettiva, la paternità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
a) Maturità affettiva verso di sé. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
b) Chiamati a essere padri nella Chiesa . . . . . . . . . . . . . . . 183
4. Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188




11
PRESENTAZIONE. L'AFFETTIVITÀ
UMANA E LA CASTITÀ CRISTIANA

Francisco Javier Insa Gómez*




1. Una nuova relazione con Dio

«Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta
la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente e
il prossimo tuo come te stesso» (Lc 10,27). Nella sua risposta al
dottore della Legge, Gesù fa riferimento a due testi del Pentateuco
(cfr. Dt 6,5; Lv 19,18) per riassumere ciò che l'uomo deve fare per
raggiungere la vita eterna: amare Dio e amare i suoi simili.
I racconti di Matteo e Marco (cfr. Mt 22,37-39; Mc 12,30-31)
sono leggermente diversi dal racconto di Luca: in essi si chiede al
Signore quale sia il primo comandamento della Legge. La risposta
però è ugualmente valida, perché un amore radicale, completo,
soddisfa pienamente tutto ciò che Dio chiede all'uomo e nello
stesso tempo apre la strada per godere di Lui per tutta l'eternità.
La relazione con Dio acquista allora un senso che, sebbene
non sia del tutto originale, contrasta con altre proposte del giu-
daismo e delle religioni pagane. In esse spesso si mette l'accento
sull'adorazione, la sottomissione, l'obbedienza. . . Viene sottolinea-
ta l'assoluta trascendenza di Dio, davanti a cui la creatura umana
non può fare altro che chinarsi e riconoscere la sua pochezza.
Il cristiano in realtà è chiamato ad entrare in un'amorosa
relazione con Dio, rivelato da Cristo come Padre, Figlio e Spirito

* Segretario del Centro di Formazione Sacerdotale e Professore incaricato di

Bioetica presso la Ponti'cia Università della Santa Croce (Roma).


13
francisco javier insa gómez


Santo. Anzi, il suo rapporto con la Trinità ha un carattere speci'co:
è una partecipazione alla relazione che ha lo stesso Gesù Cristo. In
effetti, il battesimo rende l'uomo 'glio nel Figlio, e più si identi'ca
con Gesù, più profonda sarà la sua conoscenza e il suo vincolo di
amore con il Padre e con lo Spirito Santo, 'no ad avere un rapporto
'a tu per tu' con ciascuna delle tre Persone divine.
Ma è possibile superare l'abisso che esiste tra Dio e la creatura'
No, da un punto di vista puramente umano. Dio però concede
gratuitamente all'uomo la virtù infusa della carità, con la quale
colma quella distanza. L'uomo viene così rinnovato dall'interno,
senza cessare di essere un uomo, perché la grazia non distrugge la
natura, ma la perfeziona1 .
Questo amore permea l'intera vita dell'uomo, ciascuna delle
sue azioni, in modo che possano trasformarsi in un culto amoroso
a Dio, in un dialogo continuo con la Trinità.
A questo punto ci potremmo fare una domanda audace: può
Dio pretendere che io lo ami, e che lo faccia in un modo così
radicale' Sì, per due ragioni.
La prima è che «Egli ci ha amati per primo» (1 Gv 4,19), ci
primerea, usando il neologismo coniato da Papa Francesco2 . Tocca
a noi semplicemente rispondere, e in modo incompleto, all'amore
con cui Dio ci ha anticipato creandoci, dandoci una famiglia, delle
capacità, dei talenti. . . e disponendo per noi una dimora che ci
attende in cielo (cfr. Gv 14,2-3).
La seconda ragione è che solo in quell'amore di Dio l'uomo
può trovare la piena soddisfazione dei suoi desideri più intimi:
«ci hai fatti per te, Signore, e il nostro cuore è inquieto 'nché non
riposa in te»3 .
Dio non è quindi un tiranno che, non soddisfatto della nostra
sottomissione, ci costringe ad amarlo, ma è un Padre che ci ama, si

1
Cfr. Tommaso d'Aquino, Commenti ai libri di Boezio De Trinitate, q. 2, art. 3.
2
Il verbo ha più o meno il signi'cato di 'anticiparsi'. Cfr., tra tanti esempi,
Francesco, esortazione apostolica Evangelii Gaudium, 24 novembre 2013, n. 24.
3 Agostino, Le confessioni, 1, 1, 1.



14
presentazione. l'affettività umana e la castità cristiana


prende cura di noi, veglia su di ogni persona ed è l'unico in grado
di soddisfare pienamente il nostro bisogno di amare e di essere
amati. Il duplice comandamento dell'amore non è un imperativo
imposto dall'esterno, ma l'enunciazione di ciò che rende felice
l'uomo.


2. L'affettività umana

Ogni persona è chiamata ad amare Dio, e deve farlo in un
modo che sia al contempo divino ' attraverso la virtù teologale
della carità ' e umano. All'interno di questa dimensione umana si
trova l'affettività: l'insieme di emozioni, affetti, sentimenti e pas-
sioni che sono radicate nell'uomo, e che Dio chiede radicalmente
per sé. Dobbiamo amare Dio con tutto ciò: «non abbiamo un cuore
per amare Dio, e un altro cuore per amare le creature: il nostro
povero cuore, di carne, ama con un affetto umano che, se è unito
all'amore di Cristo, è anche soprannaturale»4 . Le emozioni umane
sono volute da Dio e sono incluse nella soddisfazione divina con
cui si conclude il primo racconto della creazione: «Dio vide quanto
aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona» (Gn 1,31).
La nostra affettività ci fa sentire a nostro agio in tante circostan-
ze piacevoli della vita: un momento di conversazione in famiglia
o con gli amici, un buon pranzo, la contemplazione di un'opera
d'arte, l'esecuzione di un lavoro che ci emoziona, la coscienza che
vale la pena lo sforzo per ottenere la ricompensa, un tempo di
riposo. . . Tutte queste circostanze sono accompagnate da un certo
piacere, che può essere 'sico (il godimento del cibo) o intellettuale
(il piacere di ascoltare la musica). Il problema viene quando queste
soddisfazioni entrano in con'itto tra di loro.
Subito dopo il racconto della creazione, il libro della Genesi
ci parla del peccato, aggiungendo che, come conseguenza, l'uomo
nota un disordine nelle sue passioni. Un chiaro esempio è che

4 J. Escrivá de Balaguer, Amici di Dio, Ares, Milano 1982, n. 229.


15
francisco javier insa gómez


Adamo sperimenta per la prima volta la vergogna, per'no davanti
allo stesso Dio (cfr. Gn 3,10): si rende conto che il suo corpo nudo
può essere visto con occhi maliziosi, cioè in un modo che non rispetti
la sua dignità, come un semplice oggetto con cui soddisfare la
concupiscenza.
Non è che le passioni siano diventate cattive, ma sono diventate
disordinate: hanno perso la loro gerarchia, ognuna tende alla sua
soddisfazione senza tenere conto delle altre o del bene globale
dell'uomo. Quest'ultimo può obnubilarsi e perdere di vista il suo
'ne, che non ha mai smesso di essere il godimento di Dio per tutta
l'eternità.
Si entra così in una battaglia interiore tra beni parziali diversi
genialmente espressa da san Paolo: «c'è in me il desiderio del bene,
ma non la capacità di attuarlo; infatti io non compio il bene che
voglio, ma il male che non voglio» (Rm 7,18-19). L'Apostolo sente
in sé una tale tensione che grida: «Sono uno sventurato! Chi mi
libererà da questo corpo votato alla morte'» (Rm 17,24). La risposta
ricevuta dal Signore in un altro momento è anche una spinta per
la nostra 'ducia: «Ti basta la mia grazia; la mia potenza infatti si
manifesta pienamente nella debolezza» (2 Cor 12,9).
Di solito la nostra vita non presenterà un tono così drammati-
co, ma l'ascetismo cristiano consiste nel ricostruire l'ordine rotto dal
peccato. Il termine ascesi è di origine pagana, usato sia in ambito
civile che religioso per indicare lo sforzo dell'anima ad aprirsi
e accedere alla saggezza5 . Anche molti 'loso' pagani, come gli
stoici, promuovevano l'ascesi, ma in loro essa aveva fondamental-
mente due funzioni: ottenere il controllo assoluto sulle passioni, e
raggiungere l'apatheia che anestetizza gli affetti (sia piacevoli che
spiacevoli), perché essi possono ostacolare l'autocontrollo e portare
alla frustrazione quando non sono soddisfatti. Gli stoici dicevano:
'meglio non amare, per non soffrire'.


5 Cf. J. Gribomont, Ascesis, in A. Di Berardino (ed.), Encyclopedia of Ancient

Christianity, Vol. 1, InterVarsity Press Academic, Downers Grove (IL) 2014, 253.


16
presentazione. l'affettività umana e la castità cristiana


La pratica della virtù cristiana può avere qualche punto in
comune con queste dottrine, ma le differenze sono maggiori. In
primo luogo, l'uomo non deve annullare i suoi affetti; al contrario,
il desiderio del cristiano è quello di farne dono a Dio, di amare
Dio «con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua
forza e con tutta la tua mente» (Lc 10,27). Ma nessuno può dare ciò
che non ha, e questo implica la necessità di possedere interamente
se stessi per donarsi completamente al servizio di Dio.
È questo amore che i 'loso' pagani non sono riusciti a scoprire,
un amore che è capace di colmare completamente tutti i bisogni del
cuore umano. La semplice continenza degli stoici, la vita onesta,
può assomigliare esteriormente alla castità, ma le manca l'anima,
che è l'amore, e quindi non è in grado di dare soddisfazione. Dio,
al contrario, non delude mai.
Raggiungere l'ordine nelle emozioni, negli affetti, nelle sensa-
zioni e nelle passioni è l'oggetto della virtù della castità, che lungo
questo libro è intesa, come abbiamo fatto 'nora, in maniera molto
più ampia della mera padronanza dell'istinto sessuale.
Il ruolo della formazione dell'affettività sarà quello aiutare
l'intelligenza e la volontà ad ottenere quest'ordine, questo dominio,
questo sapere ciò che è buono, voler raggiungerlo, e porre i mezzi
adeguati ad ottenerlo.
È vero che un ordine perfetto non potrà mai essere pienamente
raggiunto in questa vita, dove saremo sempre soggetti alla concu-
piscenza. La crescita in questa virtù è piuttosto un processo in cui
si può sempre crescere, e ha un carattere eminentemente positivo:
possedersi per donare se stessi, agire secondo la propria dignità e
la propria vocazione, rispettare la persona ' sé stesso e gli altri '
nella sua unità di anima e corpo.
Sarebbe quindi non soltanto semplicistico, ma falso, ridurre la
formazione dell'affettività a un semplice controllo o repressione
di certe tendenze umane. Quest'orientamento non renderebbe le
persone virtuose e capaci di amare con tutto il loro cuore, ma diven-
terebbero, al contrario, persone continenti, che forse si comportano


17
francisco javier insa gómez


esternamente come il casto, ma con l'importante differenza che
mancherebbero dell'anima: l'amore come origine e come 'ne delle
loro azioni.
Quest'impostazione può sembrare a prima vista troppo astrat-
ta e lontana dalle lotte e dalle dif'coltà che si riscontrano nella vita
quotidiana per vivere la castità. Ma se ci si ri'ette, si può giungere
alla conclusione che questa visione ampia è necessaria per integrare
la dimensione sessuale all'interno di tutta la persona umana. La
virtù della castità, secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica,
esprime proprio quest'integrazione6 .
Comunque, è anche vero che una tale visione ha bisogno di
un complemento, o piuttosto di una esplicitazione da un punto di
vista più materiale e concreto. La castità è anche amare Dio con
il corpo, saper scoprire l'immagine di Dio che c'è in esso ' non
soltanto nell'anima ' e riconoscerlo come il tempio di Dio dove
abita lo Spirito Santo (cfr. 1 Cor 3,16). Il corpo quindi gode di una
grande dignità e va considerato come qualcosa di sacro. Pertanto,
il primo comandamento che il Signore propone ai suoi discepoli
può essere allargato: amare Dio tuo con tutto il cuore, con tutta
l'anima. . . e con tutto il corpo.


3. La formazione dell'affettività nei candidati al
sacerdozio

Ciò che abbiamo detto 'nora è applicabile a tutte le persone
' anche ai non cristiani ' qualunque siano le loro circostanze vitali:
giovani o adulti, singoli o sposati, laici o sacerdoti.
Tuttavia, la vocazione sacerdotale aggiunge alcune caratteri-
stiche peculiari. La più evidente è, almeno nella Chiesa latina, il
celibato: il sacerdote è chiamato ' ha ricevuto come dono che fa
parte della sua vocazione ' a vivere la sua affettività rinunciando
al matrimonio. Non solo rinunciando all'esercizio della funzione

6 Cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 2337.


18
presentazione. l'affettività umana e la castità cristiana


sessuale, ma anche a condividere un progetto di vita con una
donna che lo accompagni anche affettivamente.
Il celibato per il Regno dei Cieli (cfr. Mt 19,12) non signi'ca
rinunciare alla propria condizione sessuale o cercare di estinguere
le passioni e le emozioni in questo campo. Al contrario, richiede-
rà l'integrazione ' per continuare ad usare il termine impiegato
nel Catechismo ' di tutte quelle reazioni all'interno del proprio
progetto di vita, della propria vocazione.
La terza edizione della Ratio Fundamentalis Institutionis Sa-
cerdotalis ha ribadito la necessità di una corretta formazione dei
candidati al sacerdozio in questo ambito: «In campo psicologico [la
formazione] si occupa della costituzione di una personalità stabile,
caratterizzata dall'equilibrio affettivo, dal dominio di sé e da una
sessualità ben integrata»7 .
Questi tre punti serviranno da guida per discernere se il can-
didato al sacerdozio ' o a entrare in seminario ' ha raggiunto la
«suf'ciente maturità»8 che il Codice di Diritto Canonico considera
come condizione necessaria per accedere agli ordini sacri. Il di-
scernimento sarà basato sia sull'osservazione del comportamento
esterno del candidato da parte dei formatori, sia sulla 'duciosa
apertura del seminarista nelle conversazioni con i formatori.
La visione del celibato sacerdotale che emerge dalla Ratio è
eminentemente positiva, giacché è visto non come un peso o un
tributo pagato a Dio, ma come un dono di sé che il sacerdote fa
a Dio, e soprattutto come un dono che egli riceve da Lui e che
gli permette di amare Cristo con un cuore indiviso, di dedicarsi
più liberamente al servizio a Dio e agli uomini, e di poter essere

7 Congregazione per il Clero, Il dono della vocazione presbiterale. Ratio Fun-
damentalis Institutionis Sacerdotalis, 8 dicembre 2016, Libreria Editrice Vaticana,
Città del Vaticano 2016, n. 94. Per uno studio più approfondito sulla dimensione
umana della formazione nella nuova Ratio, cfr. F.J. Insa Gómez, L'uomo, il disce-
polo, il pastore. La formazione umana nella terza edizione della Ratio Fundamentalis
Institutionis Sacerdotalis, «Annales Theologici» 32 (2018) 11-44; le pagine 24-32
fanno riferimento alla formazione dell'affettività.
8 Codice di Diritto Canonico, c. 1031, §1.



19
francisco javier insa gómez


disponibile a ricevere da Cristo una più ampia paternità. Visto
in questo modo, il celibato non solo non pregiudica il corretto
sviluppo dell'uomo, ma «sviluppa la maturità della persona, ren-
dendola capace di vivere la realtà del proprio corpo e della propria
affettività nella logica del dono»9 .
La mancanza di un'adeguata integrazione, invece, rendereb-
be sconsigliabile procedere all'ordinazione: «sarebbe gravemente
imprudente ammettere al sacramento dell'Ordine un seminarista
che non abbia maturato una serena e libera affettività, fedele nella
castità celibataria, attraverso l'esercizio delle virtù umane e sacer-
dotali, intese come apertura all'azione della grazia e non come
mera impostazione volontaristica della continenza»10 .
Solo coloro che possiedono un'affettività ben integrata, vale a
dire, che vivono con naturalezza e secondo la morale cristiana la
loro condizione maschile con tutto ciò che comporta (attrazione
per il sesso femminile, curiosità, passioni che a volte si svegliano
con più intensità, etc.) saranno in grado di assumere gli impegni
del celibato. Detto in altro modo: chi ha raggiunto la padronanza
di sé, senza lasciarsi travolgere dalle passioni, può donare a Dio
l'esercizio della propria sessualità, mentre dif'cilmente sarà in
grado di farlo chi non ha acquisito tale dominio.
Si cerca così il bene dello stesso candidato ' e dunque del
futuro sacerdote ', perché una decisione precipitata lo porterebbe
ad assumere degli impegni che nelle sue attuali condizioni psichi-
che ed emotive potrebbe non essere in grado di vivere, cosa che
potrebbe rendere la sua donazione irragionevolmente onerosa e
che potrebbe mettere in pericolo la sua fedeltà al carisma ricevuto.
D'altra parte, il bene dei fedeli richiede che i pastori non solo
abbiano una solida formazione dottrinale, ma anche un'adeguata
maturità interiore11 .


9 Congregazione per il Clero, Il dono della vocazione presbiterale, n. 110.
10 Ibidem.
11 Cfr. ibidem, n. 41.


20
presentazione. l'affettività umana e la castità cristiana


Anche se nel prosieguo di questo libro saranno sviluppati con
maggior dettaglio, ci sembra opportuno elencare brevemente i
mezzi che la Ratio segnala per la formazione dell'affettività e per
promuovere la progressiva maturità umana dei candidati al sacer-
dozio. Il documento mette in risalto l'accompagnamento personale
da parte dei formatori12 , la direzione spirituale ' considerata «uno
strumento privilegiato per la crescita integrale della persona»13 '
la vita di preghiera e la grazia ricevuta nei sacramenti. In'ne, in
alcuni casi viene segnalato che sarà consigliabile il ricorso a spe-
cialisti in salute mentale14 , un argomento che sarà trattato anche
in queste pagine.


4. Contenuto del libro

Tra il 5 e il 9 febbraio 2018, si è svolta presso la Ponti'cia
Università della Santa Croce (Roma) la V Settimana di Studio
per Formatori di Seminari, con il titolo 'Insegnare e imparare
ad amare. L'affettività umana e la castità cristiana'. Quasi cento
sacerdoti provenienti da 17 paesi si sono riuniti nella Città Eterna
per ri'ettere su questo aspetto della formazione dei candidati al
sacerdozio da vari punti di vista (teologico, 'loso'co, pastorale e
psicologico).
Sia nelle relazioni che nel dialogo tra i partecipanti sono emer-
se idee e approcci utili per presentare la virtù della castità in
maniera agevole, gioiosa, integrativa, signi'cativa, paterna e apo-
stolicamente ef'cace nella vita del candidato al sacerdozio e del
futuro sacerdote, e per estensione, anche dei giovani che cercano
aiuto per condurre una vita autenticamente cristiana.
Questo libro raccoglie alcune delle conferenze che si sono
tenute in quell'occasione, e vuole essere uno strumento perché i
vari protagonisti della direzione dei seminari possano aiutare i
12 Cfr. ibidem, nn. 44-49.
13 Ibidem, n. 107.
14 Cfr. ibidem, n. 63.


21
francisco javier insa gómez


candidati ad amare Dio con un cuore più puro e, a partire della
propria esperienza, insegnare alle persone che cercheranno la loro
guida spirituale a crescere in questo amore.
Gli interventi sono stati raggruppati in tre parti che costitui-
scono la spina dorsale del libro: una prima teologico-'loso'ca,
una seconda psicologica, e una terza che possiamo chiamare esi-
stenziale, che mostra il frutto di una vita casta nel dono di sé agli
altri.


La virtù cristiana della castità: questioni teologiche e antropologiche

La prima sezione presenta i fondamenti teologici e antropolo-
gici della castità, intesa come virtù necessaria per la crescita nella
vita di relazione con Dio, per lo sviluppo armonioso della persona-
lità e per raggiungere un sano rapporto con gli altri uomini. Sarà
vista pertanto come una virtù gioiosa, positiva e sempre aperta
alla crescita.
Il libro comincia con la ri'essione di S.E.R. Mons. José María
Yanguas (Vescovo di Cuenca, Spagna) sul rapporto tra la castità e
le tre virtù teologali. Inizia la sua discussione a partire dalla nuova
vita in Cristo che il cristiano inizia con il battesimo: un nuovo
modo di essere che implica un nuovo modo di agire. Da qui la
necessità di una vita morale che gli permetta di comportarsi come
un altro Cristo. La castità, senza essere la più importante delle
virtù, è necessaria per lasciarsi trascinare dall'amore di Dio, perché
l'intelligenza si apra alla luce della fede e perché l'uomo ponga la
sua speranza nei beni spirituali.
Julio Diéguez (Professore di Teologia Morale presso la Ponti'-
cia Università della Santa Croce) presenta la castità dal punto di
vista della virtù cardinale della temperanza. Seguendo quest'im-
postazione, la formazione non dovrebbe concentrarsi sull'evitare
determinate azioni o nell'adeguare il comportamento a delle nor-
me; si tratta piuttosto di educare la stessa inclinazione, in modo


22
presentazione. l'affettività umana e la castità cristiana


che si arrivi a sperimentare una connaturalità, anche affettiva, con
il bene. Il capitolo si conclude sviluppando i mezzi che possono
aiutare a crescere in questa virtù, divisi in quelli che corrispondo-
no al soggetto stesso e in quelli che possono essere offerti dalla
struttura del seminario.
In'ne, Paul O'Callaghan (Professore di Antropologia Teolo-
gica presso la Ponti'cia Università della Santa Croce) sottolinea
la necessità di ogni persona di sapersi amata come condizione
per poter amare. Per facilitare una donazione agli altri ef'cace,
sacri'cata, perseverante e generosa, propone una dinamica di grati'-
cazione differita, che consiste nel rispettare i tempi dell'amore, senza
cercare l'immediata soddisfazione dei desideri e delle esigenze.
Sviluppa la sua tesi in sei punti pratici che possono essere utilizzati
nella formazione dei seminaristi.


La prospettiva psicologica

Le scienze umane, e in particolare la medicina e la psicologia,
possono essere molto utili per il lavoro di formazione. Queste
discipline ci aiutano a capire sia il normale funzionamento della
psiche umana, sia le cause e il trattamento delle varie malattie
mentali, nonché le misure che possono essere adottate nel lavoro
di formazione per promuovere lo sviluppo sano della personalità,
che è la migliore prevenzione contro queste patologie. D'altra parte,
ci offrono strumenti per il discernimento vocazionale di coloro che
considerano una possibile chiamata al sacerdozio.
Questa sezione inizia con il capitolo di Wenceslao Vial (Profes-
sore di Psicologia e Vita Spirituale presso la Ponti'cia Università
della Santa Croce e Medico), che fa un breve percorso attraverso
la psicopatologia, soffermandosi su alcuni quadri che si possono
trovare più frequentemente tra i seminaristi: disturbi della perso-
nalità, disturbi affettivi e sindrome da burnout. Nella sua presenta-




23
francisco javier insa gómez


zione evidenzia alcuni segni che possono servire da campanello
d'allarme e aiutare alla diagnosi precoce.
Francisco Insa (Professore di Bioetica presso la Ponti'cia Uni-
versità della Santa Croce e Psichiatra) studia due tipi speci'ci di
personalità: quella dipendente e quella ossessivo-perfezionista. Per
le sue ri'essioni parte dalla teoria dell'attaccamento, sviluppata dallo
psicologo americano John Bowlby, che fornisce una base per capire
l'origine di questi tratti di personalità anormali, e offre una guida
pratica che può essere utile nel lavoro di formazione dei candidati
che presentano queste caratteristiche.
I tristi casi di abuso sui minori da parte di alcuni sacerdoti
sono affrontati da P. Hans Zollner (Preside dell'Istituto di Psico-
logia e Presidente del Centro di Protezione dei Minori presso la
Ponti'cia Università Gregoriana), che sottolinea che la tutela dei
minori non è uno scomodo compito dovuto a questi deplorevoli
eventi, ma fa parte della missione stessa della Chiesa. Con la sua
vasta esperienza, evidenzia quattro aree di lavoro in questo campo:
attenzione per le vittime, un atteggiamento di apertura e traspa-
renza, impegno per la prevenzione e una prassi di formazione e
aggiornamento.
A partire dalla sua esperienza professionale, Carlos Chiclana
(Psichiatra e Professore di Psicopatologia presso l'Università San
Pablo CEU di Madrid) presenta alcuni criteri clinici per identi'care
che un individuo ha perso il controllo sul proprio comportamento
sessuale (soprattutto, ma non esclusivamente, attraverso l'uso di
pornogra'a on line), perché questo è diventato patologico. Dopo
aver rilevato alcuni fattori predisponenti, evidenzia le condizio-
ni che dovrebbero indurre il formatore a capire che è necessario
ricorrere a un professionista della salute mentale. In'ne, aggiun-
ge alcuni suggerimenti pratici per aiutare le persone con questi
problemi.




24
presentazione. l'affettività umana e la castità cristiana


Lo sviluppo di una vera fraternità e paternità cristiana

Il libro si conclude descrivendo il frutto della maturità affettiva:
la capacità di darsi agli altri, sia vivendo un'arricchente amicizia
con una varietà di persone, specie tramite la fraternità con gli altri
seminaristi ' e poi con i sacerdoti ', sia nel lavoro pastorale che
verrà svolto dopo l'ordinazione.
Il celibato sacerdotale, come evidenziato da P. Maurizio Faggio-
ni (Professore di Teologia Morale Sistematica presso l'Accademia
Alfonsiana e Medico Endocrinologo), implica un modo particolare
di vivere l'affettività, ma il prete non perde per il fatto dell'or-
dinazione la necessità di stabilire relazioni profonde dove poter
condividere la propria intimità. L'amicizia viene indicata come un
luogo privilegiato per soddisfare questo bisogno, sia attraverso la
fraternità con coloro che condividono la stessa vocazione, sia nel
rapportarsi con uomini e donne di tutte le condizioni. Sviluppa il
concetto di amicizia spirituale, che è quell'affetto veramente solido
e profondo che aiuta gli amici a rispondere sempre meglio alla
propria chiamata.
In'ne, S.E.R. Mons. Massimo Camisasca (Vescovo di Reggio
Emilia-Guastalla) mette in relazione la castità del cristiano con la
chiamata a identi'carsi con Gesù Cristo, in particolare nella sua
relazione d'amore con il Padre e nel suo sguardo amorevole verso
gli uomini. Questo stile di vita facilita lo sviluppo di una maturità
umana e permette al sacerdote di esercitare la paternità spirituale
con i suoi fedeli, generando Gesù Cristo nei cuori e nelle vite degli
uomini.


Ci auguriamo che questo libro possa essere uno strumento uti-
le ai diversi protagonisti della direzione dei seminari per aiutare i
canditati ad amare Dio e gli altri con un cuore più puro. Così, dalla
propria esperienza, i sacerdoti potranno insegnare alle persone che
cercheranno la loro guida spirituale a crescere in questo amore.


25
francisco javier insa gómez


Per concludere la presentazione, vorrei ringraziare tante per-
sone che hanno reso possibile la felice realizzazione di questo
libro. In primo luogo, il resto dei membri del Comitato Direttivo
del Centro di Formazione Sacerdotale della Ponti'cia Università
della Santa Croce, i Revv. Proff. Paul O'Callaghan, Manuel Belda
e Miguel de Salis. La disponibilità dell'Uf'cio Pubblicazioni del-
l'Università è sempre stata di grande aiuto, soprattutto nella fase
di revisione dei testi. In'ne, ringrazio il dott. Claudio Tagliapietra
per la sua collaborazione nella revisione e nel miglioramento dello
stile di alcuni dei capitoli.




26

Non ci sono commenti per questo volume.