Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Citazione spirituale

Citazione di spiritualità del giorno

Essere affezionati alle proprie abitudini limitanti ripetendo sempre gli stessi gesti, pensieri e parole ci impedisce di reagire con equilibrio alle novità.

Salvo Noè

Ricevila anche tu
Inserisci qui sotto la tua mail per ricevere ogni giorno una citazione di spiritualità:

Hai un sito o un blog? Vuoi far vedere ogni giorno ai tuoi utenti una frase di spiritualità diversa dando loro motivo di tornare quotidianamente a farti visita? Scopri come! CLICCA QUI.


Citazioni spirituali dei giorni passati

lunedì 3 maggio 2010

(san Filippo, san Giacomo)


Il mondo è la casa della divina Provvidenza: meno io mi occupo di me e più se ne occupa Dio.

San Giuseppe Benedetto Cottolengo -

domenica 2 maggio 2010

(sant'Atanasio)


Quando non si dà valore alla vocazione al celibato, non se ne dà neppure alla vocazione al matrimonio.

Max Thurian -

sabato 1 maggio 2010

(san Riccardo Pampuri, san Giuseppe)


Considerando i modelli che oggi vengono proposti dai mezzi di comunicazione, possiamo aspettarci una gioventù seria, onesta, laboriosa, affascinata da grandi ideali?

- Anonimo -

venerdì 30 aprile 2010

(san Pio V)


Il problema che non mi lascia mai tranquillo è quello di saper chi sia il Cristo.

Dietrich Bonhoeffer -

giovedì 29 aprile 2010

(santa Caterina da Siena)


Se Dio esiste, non ho diritto di vivere come mi pare; se esistono i poveri, non ho diritto di vivere come mi pare.

Primo Mazzolari -

mercoledì 28 aprile 2010

(san Luigi Maria Grignion da Montfort, san Pietro Chanel)


Dio non esclude nessuno. Non esistono davanti a lui figli privilegiati e figli dimenticati: in Dio c’è posto per tutti.

- Anonimo -

martedì 27 aprile 2010

(Nostra Signora di Montserrat)


La vera grandezza dei discepoli di Gesù è farsi piccoli e ultimi in questo mondo, dando tutto se stessi come ha fatto il Maestro.

- Anonimo -

lunedì 26 aprile 2010

(sant'Anacleto)


Dio reagisce al nostro peccato aumentando il suo amore.

- Anonimo -

domenica 25 aprile 2010

(san Marco Evangelista)


[G. Bornkamm] ritiene che sia una specificità del genere letterario dei vangeli, che essi predichino per mezzo di una storia e che essi predichino nel mentre raccontano una storia.

Walter Kasper -

sabato 24 aprile 2010

(san Fedele di Sigmaringa)


L’uomo porta spesso a Dio solo un pesante fardello di infedeltà come l’Israele antico: “Tutti i capi di Giuda, e i sacerdoti e il popolo moltiplicarono le loro infedeltà” (2Cr 36,14). Ma a questa miseria che è radice di desolazione e di ingiustizie e che genera un mondo squilibrato e assurdo Dio risponde con il perdono perché l’ultima parola di Dio non è la morte ma la vita.

- Anonimo -