Citazione spirituale

Un mese di pace e di perdono

di

Francesco (Jorge Mario Bergoglio)


Copertina di 'Un mese di pace e di perdono'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 24/48 ore lavorative
In promozione fino al 15/10/2019 scade tra 42 minuti
Descrizione
Tipo Libro Titolo Un mese di pace e di perdono Autore Editore San Paolo Edizioni EAN 9788821599743 Pagine 96 Data gennaio 2017 Peso 72 grammi Altezza 18 cm Larghezza 11 cm Profondità 0,8 cm Collana Nuovi fermenti
Voto medio degli utenti per «Un mese di pace e di perdono»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 26 febbraio 2018 alle 20:49 ha scritto:

Libro davvero ben fatto perché il curatore ha attinto dalle udienze, dagli Angelus e dai discorsi che il Papa ha fatto sul tema del perdono. Nel primo capitolo il curatore ha cercato di prendere ciò che il Papa ha detto sul perdono dell'uomo inteso come perdono tra gli uomini e perdono di Dio agli uomini. L'essere pronti a perdonare è davvero difficile. Gesù ci chiede di credere che il perdono è la porta che conduce alla riconciliazione. Il Papa ci ha detto che nel comandare a noi di perdonare i nostri fratelli Gesù ci chiede di fare qualcosa di totalmente radicale, ma ci dona anche la grazia per farlo. Quanto, da una prospettiva umana, sembra impossibile, impercorribile e perfino talvolta ripugnante, Gesù lo rende possibile e fruttuoso attraverso la potenza della sua croce. Molto interessanti sono le “malattie spirituali” che il Papa elenca nel suo discorso alla Curia Romana il 22 dicembre 2014. Il secondo capitolo è dedicato al perdono di Dio. Molto belle e veritiere sono le parole del Papa che affermano che Dio non si stanca mai di perdonare ma siamo noi che ci stanchiamo di chiedere perdono. Ogni volta che siamo perdonati il nostro cuore rinasce, viene rigenerato. Gli ultimi due capitoli riportano le fonti a cui il Papa si è ispirato per parlare del perdono e sono Ignazio di Loyola, Bernardo di Chiaravalle, Teresa di Lisieux e san Francesco d'Assisi e le preghiere del tempo del perdono, con la preghiera composta dal Papa per il Giubileo straordinario della Misericordia.