Citazione spirituale

Storia ecclesiastica [vol_1]

di

Eusebio di Cesarea


Copertina di 'Storia ecclesiastica [vol_1]'
Ingrandisci immagine

Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
In promozione fino al 18/07/2019 scade tra 20 ore e 56 minuti
Tipo Libro Titolo Storia ecclesiastica [vol_1] Autore A cura di Franzo Migliore Traduttore Borzì S., Migliore F. Editore Città Nuova EAN 9788831131582 Pagine 328 Data gennaio 2001 Peso 394 grammi Dimensioni 12 x 20 cm Collana Testi patristici
Voto medio degli utenti per «Storia ecclesiastica [vol_1]»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

, masperi.umberto@yahoo.it il 16 giugno 2012 alle 12:08 ha scritto:

Chi ha avuto la fortuna ( durante gli anni di “formazione”,frequentando l’università … secondo i propri interessi) di diventare “amico” e di dialogare con gli antichi pensatori,l’opera di Eusebio non è un semplice ricordo, quando ci si imbatteva con citazioni tratte dai suoi libri come fonte. Un senso di gratitudine ALLORA perché , per alcuni di quegli antichi,valeva il detto: non omnis moriar. Gratitudine che OGGI,nel lontano ricordo, ho tradotto nell’impegno di una lettura, di getto, della sua famosa opera, disponibile ,finalmente, in traduzione italiana e di facile reperimento ( quanto è diverso l’ “oggi” da quei miei tempi, quando si desiderava tanto,invano, di poter avere tra le mani, le preziose opere !).
Solo un cenno sul “sentimento” che si prova dopo aver chiuso l’ultima pagina: da “studioso” ( con assoluta modestia) a credente sempre più convinto; la storia dei primi secoli del Cristianesimo ( ma è forte la percezione: “delle prime comunità cristiane”),scandita da citazioni e testimonianze sulla PAROLA che si incarna nella debolezza della nostra natura (umanità), nel secondo mistero delle sanguinose persecuzioni dei “testimoni”, il cui sangue fu seme per tutti noi ( anche se non ci pensiamo più).
E la riflessione finale: dall’esaltazione della figura di Costantino alla nostra doverosa (sì) critica anche sulle conseguenze negative, nei secoli che seguirono, sulla realtà del “luogo di salvezza” che è la CHIESA, che siano anche noi.