Citazione spirituale

La cospirazione

di

Iannaccone Mario A.


Copertina di 'La cospirazione'
Ingrandisci immagine

EAN 9788871985756

Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
In promozione
Descrizione
Tipo Libro Titolo La cospirazione Autore Editore SugarCo EAN 9788871985756 Data giugno 2009
Voto medio degli utenti per «La cospirazione»: 5 su 5 (2 commenti)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelSanto.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al pi¨ recente (in basso).

, dariocorsini@supereva.it il 8 luglio 2009 alle 12:32 ha scritto:

penso che questo romanzo vÓ letto due volte, la prima per assaporare un vero romazo ottocentesco, la seconda per approfondire gli intrecci storici .
bello, si legge tutto di un fiato!

, pagani.mt@libero.it il 1 marzo 2010 alle 18:16 ha scritto:

Romanzo a dir poco strepitoso per l'intreccio, il linguaggio e l'impegno che richiede al lettore. Leggevo recentemente un articolo di Ferruccio Parazzoli sostenere che i romanzi belli e grandi sono quelli che creano continui trabocchetti al lettore. Ecco, Ŕ il caso di questo "La cospirazione" che spiazza continuamente, e tende trabocchetti in continuazione, costringendo a riflettere sui meccanismi generatori del romanzo. Il passaggio fra prima e terza persona Ŕ proprio uno di questi meccanismi generatori di meraviglia. Eppure, nonostante i tanti temi "pesanti" che il romanzo affronta, l'ho trovato divertentissimo, ironico; stupendamente snob e aristocratico forse ma senza disdegnare i meccanismi del romanzo popolare. E cosý si fa leggere anche sotto all'ombrellone.
Moltissimi gli episodi che compongono la storia del protagonista e ironicissimo il modo con cui viene organizzato la gran parte di questi incontri. Ricordo a memoria gli incontri con Manzoni, Leopardi, Marx, Tommaseo, Verdi, Bellini e a tanti altri episodi, comunque bene amalgamati nella trama principale. Penso anche all'episodio con Baudelaire che mi pare ricalchi un autentico e famoso episodio dello spiritualismo nero della Parigi romantica. Penso anche alla divertentissima (ma letterariamente acuta) ipotesi sull'origine brianzola del Frankenstein!
I personaggi sono in apparenza molti, come scrive il recensore qua sopra, ma la storia si segue facilmente visto che i narratori-personaggi sono soltanto due e legano e cementano ogni evento. L'ispirazione fondamentale del romanzo Ŕ cristiana, e si notano molte stoccate a veri personaggi del cattolicesimo contemporaneo. Non voglio togliere al futuro lettore il piacere di riconoscerli.
Al di lÓ di tutto, Mario Iannaccone ha scritto un romanzo di alta levatura e dimostra di essere non giÓ una promessa ma un talento del presente. SarÓ apprezzato da un pubblico pi¨ vasto di quello un po' carbonaro di quello che oggi dimostra di leggerlo e capirlo? Boh. I trabocchetti danno fastidio a molti lettori, oggi abituati a trame semplici e a un linguaggio giornalistico. Invece il linguaggio della Cospirazione Ŕ ricchissimo, demodÚ volutamente, stupendamente aristocratico, arcaizzante, pieno di fascino. Dopo aver letto "La solitudine dei numeri primi" e un Faletti che nemmeno voglio nominare non posso che dire bellissimo. Massimo dei voti. La letteratura italiana esiste ancora!!