Citazione spirituale

Citazione di spiritualità del giorno

Ogni impiego, anche quello che non provoca l'invidia degli altri. Può comunque trovare un senso. Non importa di quale lavoro si tratti, l'essenziale è che non si abbia la sensazione di perdere la propria vita per poter guadagnarsi da vivere.

Michel Niezborala Anne Lamy

Ricevila anche tu
Inserisci qui sotto la tua mail per ricevere ogni giorno una citazione di spiritualità:


Citazioni spirituali dei giorni passati

giovedì 25 giugno 2020

Tratta da "Il risveglio dell'umano", giugno 2020, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli


Sempre ci sarà qualcosa che appare come un ostacolo alla realizzazione della nostra vita, mentre è - vertiginosamente, drammaticamente - il luogo in cui si gioca il compimento della vita, il proprio rapporto col Mistero.

-  Julian Carron -

mercoledì 24 giugno 2020

Tratta da "Cambiamo!", giugno 2020, Solferino


Il buon seme seminato nel buon campo cresce insieme alla zizzania, seminata di notte dal nemico (cfr. Mt 13,25). Imparare a riconoscerla è parte della nostra vita spirituale.

- Papa Francesco -

martedì 23 giugno 2020

Tratta da "Dì loro che le amo", giugno 2020, Libreria Editrice Fiorentina


Leggere il Vangelo e sentire la verità della sua Parola. Non perdere mai il contatto con Gesù, Persona viva. È questa concretezza che assicura la solidità della vita cristiana. La dottrina può sembrare anche più grande, più mirabile, ma è molto più bello e grande amare un essere vivo, Dio fatto uomo, che perdersi in astratte teorie. Tutta la vita religiosa si compendia qui: nel seguirLo. […] Vivere di questa sola ansia, di questo solo amore.

-  Divo Barsotti -

lunedì 22 giugno 2020

Tratta da "Il Vangelo della Chiesa", giugno 2020, San Paolo Edizioni


In forza di questo amore appassionato a Cristo, da cui è stato afferrato nell'ora della sua vocazione sulla via di Damasco, Paolo vuole scomparire perché sia Cristo a mostrarsi in piena luce [...] È l'umiltà che per intercessione di Paolo possiamo chiedere a Dio come condizione per metterci in gioco fino in fondo nel servizio alla causa del Vangelo.

-  Bruno Forte -

domenica 21 giugno 2020

Tratta da "Rimettersi in gioco con la Bellezza", giugno 2020, San Lorenzo


L'attività sensibile, afferrata dalla bellezza che suscita piacere, se non è controllata dalle facoltà superiori dell'anima, può diventare, per l'uomo, tentatrice e "alleata" della concupiscenza.

-  Luca Raspi -

sabato 20 giugno 2020

Tratta da "Più che un sentimento", giugno 2020, Queriniana Edizioni


Dio, il cui amore genera in noi il coraggio, non si stacca dal nostro fianco nemmeno quando il terreno sotto i nostri piedi inizia a vacillare o la nave su cui viaggiamo affonda.

-  Eckhard Nagel, Katrin Göring-Eckardt -

venerdì 19 giugno 2020

Tratta da "Dì loro che le amo", giugno 2020, Libreria Editrice Fiorentina


La vera nostra testimonianza al Cristianesimo è far sentire la sua bellezza, la sua grandezza. «Seguimi», dice Gesù. Questa è l'unica legge. Non dobbiamo far tante cose, ma seguirLo, e per questo bisogna che Gesù divenga un essere vivo, reale, non astratto, evanescente. Non moralismo e concezione dottrinale, ma vita, passione d'amore.

-  Divo Barsotti -

giovedì 18 giugno 2020

Tratta da "Altri cento giorni con Gesù", giugno 2020, Tau Editrice


Quando la religione cede il passo all'ideologia , e diventa disumana, allora l'uomo si è allontanato da Dio. E non Dio dall'uomo. Perché Dio ci ama. Sempre. Incondizionatamente. E il suo amore è a prescindere, per il solo fatto che tutti noi siamo figli suoi.

-  Alessandro Ginatta -

mercoledì 17 giugno 2020

Tratta da "La santità della gente comune", giugno 2020, Gribaudi


Si ama quando la volontà si sottomette, ma anche quando essa vuole con tutte le forze come il migliore dei beni, come il solo bene di cui abbia desiderio, la cosa che in questo minuto Dio le dà da fare, da godere o da patire.

-  Madeleine Delbrel -

martedì 16 giugno 2020

Tratta da "Dì loro che le amo", giugno 2020, Libreria Editrice Fiorentina


Le vite di un san Francesco, di un Carlo de Foucauld sono vite da pazzi, ma pazzia questa più grande e più bella di qualunque saggezza. Pazzia che il mondo non può comprendere, come non comprende il Vangelo, ma che ammira e dalla quale si sente attratto invincibilmente. Il mondo non può giudicare i veri cristiani, perché non li comprende; sono essi che giudicano il mondo.

-  Divo Barsotti -